Tag: trentino

SKIROLL MONDIALE IN VAL DI FIEMME. LA NAZIONALE AZZURRA SI FA IN TRE

SKIROLL MONDIALE IN VAL DI FIEMME. LA NAZIONALE AZZURRA SI FA IN TRE

Gruppo | www.newspower.it

Il Mondiale della Val di Fiemme è l’obiettivo stagionale degli skirollisti
L’atteso appuntamento iridato torna in Trentino dal 12 al 15 settembre
E la nazionale italiana si fa in tre con squadra A, Sprint e Giovani
Dellagiacoma guida il gruppo del DT azzurro Emanuele Sbabo

L’appuntamento con il Campionato del Mondo di Skiroll del prossimo settembre in Val di Fiemme è già entrato a gamba tesa nelle agende di tutti i migliori interpreti della disciplina, con la località trentina che si prepara ad essere protagonista indiscussa dell’affollato calendario 2024.
Dal 12 al 15 settembre in Val di Fiemme saranno messi in palio non solo i prestigiosi titoli mondiali, ma saranno stilate anche le classifiche finali della Coppa del Mondo 2024 in quella che diventerà una doppia festa per atleti, addetti ai lavori e tifosi, all’insegna delle splendenti medaglie iridate e dei trofei di Coppa.
In campo azzurro l’adrenalina per l’avvio della stagione di Skiroll cresce sempre di più, dato che la nazionale italiana è una delle più blasonate all’interno del panorama internazionale e con l’ufficializzazione da parte della FISI delle squadre per la prossima stagione è stato dato un ulteriore incentivo all’entusiasmo nell’ambiente. Per l’intensa estate 2024 sono 22 gli atleti inseriti in tre diverse formazioni: squadra A, squadra Giovani e squadra Sprint. Se le prime due, come facilmente immaginabile, raggruppano gli atleti Élite e Giovani, la terza rappresenta una novità per la nazionale tricolore e nasce dall’assegnazione della Coppa Sprint che viene conferita all’interno del circuito di Coppa del Mondo, alla quale la FISI ha scelto di dedicare una relativa sezione in organico.
Tommaso Dellagiacoma, Giovanni Lorenzetti, Riccardo Lorenzo Masiero e Matteo Tanel e ancora Maria Eugenia Boccardi, Stefania Corradini, Elisa Segafredo ed Elisa Sordello: sono loro i “magnifici otto” della Squadra A, ai quali si aggiungono gli Sprinter Emanuele Becchis, detentore della Coppa Sprint, Michele Valerio e Alba Mortagna. A nutrire la compagine della Squadra Giovani sono invece Carlo Cantaloni, Francesco Chiaradia, Stefano Epis, Davide Piccinini e Tommaso Tozzi con le colleghe Chiara Agostinetto, Vanessa Cagnati, Camilla Crippa, Anna Maria Ghiddi, Maria Invernizzi e Anna Morandini.
Guida della spedizione azzurra al Mondiale in Val di Fiemme sarà Tommaso Dellagiacoma, il fiemmese che proprio nella passata stagione ha trionfato in Coppa del Mondo conquistando il trofeo più ambito, festeggiato fra le piste di Ziano di Fiemme e le rampe dell’iconica Alpe Cermis. La direzione tecnica del team verde-bianco-rosso è stata invece affidata a Emanuele Sbabo che sarà affiancato da uno staff di esperti e tecnici.
La nazionale azzurra sarà impegnata in Coppa del Mondo dal 17 al 21 luglio con la tappa di Madona (Lettonia) e prima di arrivare in Val di Fiemme per la metà di settembre farà il suo passaggio anche da Schuchinsk, dal 14 al 18 agosto (Kazakistan). Senza dimenticare la stagione di Coppa Italia Nextpro che occuperà gli atleti da giugno a ottobre.
Mass Start TL, Individual Sprint, Team Sprint e l’immancabile Mass Start-Uphill del Cermis: dal 12 al 15 settembre in Val di Fiemme non mancheranno le occasioni per tifare gli azzurri e godersi un grande spettacolo sportivo, allestito grazie all’expertise del comitato Nordic Ski Val di Fiemme.

Info: www.fiemmeworldcup.com

IN SELLA SUI 4 PASSI DI CYCLING CRAFT CON TANTE DISCESE ARDITE E RISALITE

IN SELLA SUI 4 PASSI DI CYCLING CRAFT CON TANTE DISCESE ARDITE E RISALITE

Maria Elena Palmisano | www.newspower.it

La Marcialonga Cycling Craft si pedala il 26 maggio da Predazzo
127 km per un finale inedito a Castelir e 80 km intensi con arrivo a Predazzo
L’agonismo si fonde con l’ambiente nelle Valli di Fiemme e Fassa
Già più di 1000 gli iscritti e non mancano le stelle, da Palmisano a Dutto

La prossima edizione della Marcialonga Cycling Craft sarà la 16.a per l’amato contest sulle due ruote, il più recente fra i grandi eventi targati Marcialonga.
Il prossimo 26 maggio farà il suo debutto all’interno della manifestazione ciclistica uno spettacolare arrivo in salita: i concorrenti impegnati nel tracciato granfondo, dopo l’ascesa dei passi dolomitici Costalunga, Pampeago, San Pellegrino e Valles, dovranno tenere qualche energia di scorta per poter affrontare l’ultima asperità di giornata. In discesa da passo Valles infatti, dopo il transito da Paneveggio e poco prima di raggiungere l’abitato di Bellamonte, il percorso svolterà a destra per puntare in direzione dei 1550 metri d’altitudine della linea d’arrivo in località Castelir. Nell’ultimo chilometro e mezzo saranno 150 i metri di dislivello da superare a una pendenza media del 9,2%, con la salita che negli strappi più duri raggiunge picchi del 13,1%. Un tratto relativamente breve e pedalabile, ma che dopo le fatiche di giornata potrebbe rivelarsi decisivo. Con un finale così dinamico lo spettacolo è assicurato e un attacco prima dell’arrivo potrebbe cambiare le carte in tavola per il podio, con la gara che grazie a questa variazione porta a 127 i suoi chilometri e a 4050 i metri di dislivello.
Oltre al frizzante percorso granfondo Marcialonga Cycling Craft proporrà anche il tradizionale tracciato mediofondo che in 80 km porta a scalare i passi Costalunga e Pampeago, per un totale di 2448 metri di dislivello. Da segnalare anche che l’ultimo tratto del percorso mediofondo che condurrà all’arrivo in centro a Predazzo seguirà la stessa strada della partenza, ma in senso opposto, e porterà quindi i concorrenti in piazza SS. Apostoli.
Che si scelga l’uno o l’altro percorso, alla Marcialonga Cycling Craft le emozioni sono garantite e ciascun partecipante potrà decidere quale distanza affrontare in corso d’opera. Nella fase di iscrizione non è infatti richiesto di specificare in quale si intende cimentarsi, lasciando libero sfogo alle intenzioni di ogni ciclista che può decidere durante la gara se fermarsi a Predazzo o continuare verso il San Pellegrino, il Valles e Castelir.
Gli iscritti alla nuova edizione di Marcialonga Cycling Craft hanno già abbondantemente superato “quota 1000” e nella gremita lista partenti della 16.a edizione compaiono i nomi di tanti grandi interpreti. Al femminile saranno fra le più attese Maria Elena Palmisano e Roberta Bussone, la prima e la seconda classificata della passata stagione sulla distanza granfondo che rinnoveranno il loro duello, mentre nel “medio” le più accreditate per la vittoria potrebbero essere Luisa Isonni, Lisa De Cesare e Nicole D’Agostin che avevano occupato in quest’ordine le posizioni sul podio nel 2023, e Annalisa Prato che trionfò nella distanza breve del 2022. Parata di big anche in campo maschile dove rispondono presente i primi tre classificati nel granfondo del 2023: Manuel Senni, Patrick Facchini e Federico Nicolini. Occhio anche al talento di Pietro Dutto, che potrebbe inserirsi a gamba tesa nella sfida per le posizioni che contano, lui che la “Cycling Craft” l’ha già vinta nel 2022 proprio ai danni di Senni. Anche Marco Provera (vincitore del mediofondo 2023), Andrea Bais (2° nel mediofondo 2022) e Thomas Coradazzi (3° nel granfondo 2022) andranno osservati da vicino.
Con una griglia di partenza così la voglia di iscriversi alla Marcialonga Cycling Craft cresce sempre di più, senza tralasciare che ad attendere tutti i partecipanti c’è un ricco pacco gara contenente la “Cool Mesh Superlight Sleeveless” by Craft, l’iconica canotta in tessuto mesh tecnico nella sgargiante colorazione rossa simbolo dell’evento. Le iscrizioni sono aperte e c’è tempo fino a domenica 19 maggio per approfittare del prezzo vantaggioso fissato a quota 43 €.

Info: www.marcialonga.it

MYTHOS 2024: BLACK, RED E GREEN. ALPINE GRAVEL IL TRIS è SERVITO

MYTHOS 2024: BLACK, RED E GREEN. ALPINE GRAVEL IL TRIS è SERVITO

Gruppo | www.newspower.it

La Mythos Alpine Gravel apre le danze del Mythos Week Festival
Il 1° settembre si pedala immersi nella natura della Valle di Primiero
La terza edizione propone tre percorsi inediti per soddisfare ogni esigenza
Ci sarà anche la Mythos Knodel Fest per rendere la giornata ancor più speciale

Sarà un inizio settembre piacevolmente ‘trafficato’ quello della Valle di Primiero, con la località trentina coinvolta dalla prima edizione del “Mythos Week Festival”, manifestazione promossa dall’esperta società Pedali di Marca nel segno delle due ruote e che combinerà la Mythos Alpine Gravel del 1° settembre con la Mythos Primiero Dolomiti del 7 settembre. Un “Week Festival” nel segno del Mythos…
Che il Gravel non fosse una moda passeggera, ma una specialità ciclistica destinata a crescere sempre di più, agli organizzatori della “Mythos” è stato chiaro fin da subito ed ecco che dopo le prime due edizioni di successo sono pronti a rilanciare per la terza volta la “Mythos Alpine Gravel”. La proposta del tradizionale appuntamento è uno spettacolo indiscusso, capace di appassionare tanti bikers, gravellisti e non solo. Qui la regola di base è davvero semplice: si può partecipare con qualsiasi tipo di bicicletta, dai puri mezzi da Gravel alla mountain bike, sia essa muscolare o elettrica, e perfino con la bici da corsa se provvista di coperture adeguate. Le cose più importanti da “scordare” e da lasciare a casa sono invece lo stress e la rincorsa al tempo. La Mythos Alpine Gravel è una non competitiva con partenza “alla francese”, in cui sono banditi fretta e agonismo in favore di una manifestazione che ha come obiettivo l’evasione dalla routine quotidiana e la scoperta di un territorio incontaminato e suggestivo costellato di panorami mozzafiato, in totale aderenza con i valori del Gravel.
Il “tris è servito”, terza edizione, tre tracciati percorribili da affrontare rigorosamente senza roadbook e segnaletica, per un’esperienza più immersiva e allo stesso tempo meno impattante sull’ambiente. Green, Red e Black: tre colori diversi a indicare altrettanti percorsi che si differenziano per lunghezza e dislivello, completamente nuovi rispetto alle edizioni precedenti, con località di partenza e arrivo inedite e spettacolari. La partenza è per tutti da Fiera di Primiero direttamente ai piedi delle Pale di San Martino, mentre la zona d’arrivo sarà allestita nel caratteristico borgo di Imer nel cuore del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino. Dal Green “Via Nova” da 34,4 km (con 630 metri di dislivello) fino al Black “Calaita” da 73,7 km (con 2080 metri di dislivello) passando per il Red “Vanoi” da 61,4 km (con 1610 metri di dislivello), la Mythos Alpine Gravel offre il percorso ideale a soddisfare le esigenze di tutti.
E dopo essersi immersi nella bellezza senza tempo delle Dolomiti Patrimonio UNESCO fra sterrato, asfalto e lastrico, i bikers della Mythos Alpine Gravel potranno reintegrare le energie alla “Mythos Knodel Fest”. Sarà infatti la Festa del Canederlo di Imer ad accogliere tutti i partecipanti e deliziare i loro palati con i prodotti tipici del territorio, in un clima di festa e spensieratezza.
Le iscrizioni alla 3.a edizione della Mythos Alpine Gravel sono aperte alla tariffa speciale di 30 €, quota che comprende il ricco pacco gara, il frontalino di partecipazione da apporre sul manubrio, il servizio docce, la medaglia celebrativa dell’evento, il buono per la Mythos Knodel Fest e gli inconfondibili ristori lungo il percorso.
L’invito del comitato organizzatore capitanato da Massimo Panighel è quello di aderire e saltare in sella alla propria bicicletta per godersi una splendida giornata di sport in un contesto ambientale senza paragoni e a forte trazione turistica, che anche grazie agli eventi come il “Mythos Week Festival” fa della promozione della pratica sportiva e della sostenibilità ambientale il suo mantra.
Importante ricordare anche l’appuntamento con la “Mythos Primiero Dolomiti” di sabato 7 settembre e la “Junior Kids Race” di domenica 8.

Info: www.alpinegravel.com

100 KM DEI FORTI E… DEI BIKE HOTEL. ALPE CIMBRA MAESTRA DI ACCOGLIENZA

100 KM DEI FORTI E… DEI BIKE HOTEL. ALPE CIMBRA MAESTRA DI ACCOGLIENZA

Gruppo | www.newspower.it

La 28.a edizione della spettacolare gara di MTB l’8 e il 9 giugno
Le strutture convenzionate della zona si preparano alla massa di bikers
Amatori e atleti Élite apprezzano gli ottimi servizi dei Bike Hotel
Le iscrizioni continuano a ritmo sostenuto, tariffa bloccata fino a fine mese

La nuova edizione della 100 Km dei Forti animerà le giornate dell’8 e del 9 giugno con il suo ricco calendario di eventi sull’Alpe Cimbra.
Sabato 8 scenderanno in pista i bikers impegnati nella Nosellari Bike (33,7 km e 966 mt di dislivello), che oltre a toccare alcuni dei luoghi più caratteristici della zona rappresenta anche la prima frazione della combinata “1000Grobbe Bike Challenge”, l’apprezzata sfida che unisce la Nosellari Bike del sabato e la 100 Km dei Forti sulla distanza Classic della domenica. Non solo, nella prima giornata di gara ci sarà la possibilità anche per i partecipanti all’escursione guidata in collaborazione con Scie di Passione di percorrere parzialmente il tracciato della 100 Km in handbike e tandem, per una manifestazione sempre più aperta e inclusiva. Domenica 9 la partenza dal Parco Palù di Lavarone della 28.a 100 Km dei Forti con i percorsi Marathon (94,86 km e 2330 mt di dislivello) e Classic (52,39 km e 1190 mt di dislivello) oltre alla pedalata escursionistica, la non competitiva che ricalca il tracciato Classic. Nella zona d’arrivo in località Lavarone Gionghi si svolgeranno il pasta party e l’atteso momento delle premiazioni, mentre la verifica delle tessere e la consegna dei pacchi gara ai partecipanti sarà attiva a partire da venerdì 7 giugno.
L’Alpe Cimbra è un territorio a forte trazione turistica, caratterizzato da una altrettanto forte passione per il mondo delle due ruote e in particolare di quelle grasse. Su tutta l’area sono numerose le strutture ricettive che si presentano al pubblico come “Bike Hotel”: alberghi che non si limitano a offrire i servizi più classici, ma che integrano le loro proposte mettendo a disposizione dei propri ospiti le bike room, piccole officine e depositi custoditi, in modo da poter rendere il soggiorno dei vacanzieri sui pedali ancor più speciale. In occasione della 100 Km dei Forti non si contano le strutture della zona che propongono offerte speciali ai bikers in gara e sono gli stessi Claudia Peretti, Andrea Righettini, Davide Foccoli e ancora Marzio Deho, Pietro Dutto e Chiara Burato a cogliere la palla al balzo e soggiornare nelle strutture convenzionate. Che si tratti di alcuni degli atleti élite più promettenti della griglia di partenza o dei numerosi amatori iscritti, quel che è certo è che in Alpe Cimbra tutti i bikers possono trovare la struttura che fa per loro e rendere la loro esperienza alla 100 Km dei Forti ancor più indimenticabile.
Le iscrizioni alla 28.a edizione della 100 Km dei Forti sono aperte e la tariffa è bloccata fino a fine mese: 45 € per le prove Marathon e Classic della 100 Km dei Forti, 40 € per la Nosellari Bike e 55 € per la combinata 1000Grobbe Bike Challenge (Nosellari Bike + 100 Km dei Forti Classic). I lavori di allestimento della manifestazione, curati nel dettaglio dallo Sci Club Millegrobbe, procedono a pieno ritmo con il sostegno di Dao Conad, Forst, Cassa Rurale Vallagarina, Van Loon, Trentingrana, ITAS, Samudra Wellness, Pittarello e Morato.
Alla 100 Km dei Forti i chilometri sono “solo” 100, ma le emozioni sono molte, molte di più!

Info: www.100kmdeiforti.it

16.a MARCIALONGA CYCLING CRAFT. IL LUNGO IMPENNA A CASTELIR

16.a MARCIALONGA CYCLING CRAFT. IL LUNGO IMPENNA A CASTELIR

Gruppo | www.newspower.it

Domenica 26 maggio le mille emozioni della Marcialonga Cycling Craft
Il traguardo del percorso granfondo (127 km) “trasloca” all’altezza di Castelir
Il mediofondo con Costalunga e Pampeago (80 km) parte e arriva a Predazzo
Dal CO: si tratta della soluzione migliore per il regolare svolgimento della gara

Lascia o raddoppia? Beh, la prima opzione è semplicemente troppo distante dai valori di Marcialonga ed ecco che, per la 16.a edizione di una delle gare ciclistiche su strada più amate e spettacolari del panorama granfondistico italiano, il comitato organizzatore della Marcialonga Cycling Craft raddoppia.
Nello specifico, il 26 maggio saranno gli arrivi dei due percorsi di gara a raddoppiare o per meglio dire a “sdoppiarsi”: se la linea del traguardo del tracciato mediofondo sarà come da tradizione in centro a Predazzo, quella del granfondo verrà tracciata in località Castelir. Dopo aver scalato i Passi dolomitici Costalunga, Pampeago, San Pellegrino e Valles, infatti, i ciclisti impegnati nella variante più lunga della “Cycling Craft” affronteranno una svolta a destra poco prima dell’abitato di Bellamonte per raggiungere l’arrivo all’altezza degli impianti di risalita di Castelir. Un cambiamento insolito ma senza dubbio spettacolare, frutto della necessità di rendere accessibile il seggio elettorale di Predazzo, con il borgo fiemmese che nella giornata di domenica 26 maggio sarà interessato dalle elezioni comunali. Altimetria alla mano, il percorso mediofondo rimarrà invariato (80 km) mentre il granfondo rinuncerà a 6 km di discesa per guadagnare 150 mt di dislivello positivo in più (per un totale di 4050 metri): l’ultimo chilometro sarà infatti in salita e renderà ancora più speciale la lotta per la vittoria della Marcialonga Cycling Craft.
La modifica alla fase finale di uno dei due tracciati non preoccupa l’esperto staff di Marcialonga, dove il direttore generale Davide Stoffie rassicura: “il leggero spostamento di uno degli arrivi rappresenta la soluzione migliore per la nostra gara che, di comune accordo con le autorità locali, ha trovato una valida alternativa per la sua realizzazione senza intaccare il regolare svolgimento tanto della manifestazione quanto delle elezioni”. Da sottolineare in modo particolare come, nel gestire questo cambiamento, la Marcialonga Cycling Craft non sia mai stata messa in discussione. “Il nostro ringraziamento fin da ora al Comune di Predazzo che ha sempre creduto nell’evento e ha lavorato intensamente per la sua realizzazione, con un grazie che si estende anche al prezioso contributo delle forze dell’ordine locali che collaboreranno in modo fondamentale per garantire lo svolgimento della gara in sicurezza” conclude Stoffie.
Ormai imperdibile appuntamento di inizio estate per numerosi appassionati e cicloamatori, Marcialonga Cycling Craft è una manifestazione che va oltre la sfida sulle due ruote e, oltre a portare più di 1500 atlete e atleti in zona in un periodo di bassa stagione, anche per il 2024 conferma gli apprezzati eventi di contorno: dalla “Minicycling”, la non competitiva che attende i ciclisti più giovani (fino ai 12 anni) in centro a Predazzo sabato 25 maggio, all’Expo Village con gli stand di sponsor e aziende del settore, allestito per l’occasione durante tutto il weekend.
La stagione ciclistica su strada di agonisti e amatori è ormai entrata nel vivo, con la Marcialonga Cycling Craft che è pronta a riconfermarsi tappa simbolo dei principali circuiti italiani fra Alé Challenge, Nalini Road Series e Cycling Italia. Non resta che saltare in sella e farsi trasportare dalle mille emozioni targate Marcialonga.

Info: www.marcialonga.it

VAL DI FIEMME PATRIA DELLO SKIROLL. A FINE ESTATE I CAMPIONATI DEL MONDO

VAL DI FIEMME PATRIA DELLO SKIROLL. A FINE ESTATE I CAMPIONATI DEL MONDO

Gruppo | www.newspower.it

A Ziano di Fiemme si disputano i Campionati del Mondo di Skiroll 2024
Dal 12 al 15 settembre le gare che assegnano il titolo iridato
Alpe Cermis pronta a fare la storia anche dello “sci di fondo estivo”
Pietro De Godenz, a capo del CO: “orgogliosi di questo grande evento”

La Val di Fiemme non è di certo nuova ai grandi eventi dello sport ai massimi livelli, con l’accogliente località trentina che non accenna a fermarsi e se da un lato si prepara ai futuri eventi del circo bianco fra Tour de Ski, Coppa del Mondo e Giochi Invernali Olimpici e Paralimpici, dall’altro pensa anche all’estate e ai Campionati del Mondo di Skiroll che il prossimo settembre animeranno Ziano e l’intera vallata.
Sono in programma dal 12 al 15 settembre i FIS Rollerski World Championships 2024, niente meno che la massima rassegna internazionale per i praticanti dello “sci di fondo estivo” che torna in Trentino dopo le edizioni del 2015 e del 2021.
Si comincia giovedì 12 con la Mass Start in tecnica libera da 10 o 15 km a seconda della categoria (Junior o Senior), e si prosegue venerdì 13 con l’adrenalinica prova Sprint TL da 200 metri. Sabato 14 la versione Team Sprint in tecnica libera (con un numero variabile di giri del circuito in base alla categoria), mentre domenica 15 sarà il turno della Mass Start-Uphill in tecnica classica con la “Cermis Final Climb” a regalare spettacolo. Che sia sulle nevi della pista Olimpia III o sulle rampe asfaltate della variante estiva, l’Alpe Cermis non fa sconti e si prepara a essere ancora una volta giudice severo delle performance dei migliori interpreti dello Skiroll, con la gara del Cermis che tanto in inverno quanto in estate è una delle più attese e amate da addetti ai lavori e tifosi.
Con il Mondiale fiemmese si chiuderà una ricca stagione per gli skirollisti che saranno impegnati in Coppa del Mondo nella tappa lettone di Madona (17-18-20-21 luglio) e in quella kazaka di Schuchinsk (14-15-17-18 agosto) prima di approdare a Ziano di Fiemme, dove la terza e ultima tappa in calendario coinciderà con la rassegna iridata. Proprio in Val di Fiemme, infatti, al termine del lungo weekend di settembre, sull’Alpe Cermis si assegneranno anche i trofei di Coppa del Mondo.
In casa Nordic Ski Val di Fiemme l’entusiasmo è già alle stelle: “siamo davvero orgogliosi di poter organizzare questo grande evento, che ci permette di celebrare il talento degli skirollisti azzurri oltre a riconfermare Ziano e la Val di Fiemme come punti di riferimento per questa disciplina sportiva” afferma il presidente del comitato organizzatore Pietro De Godenz, che ha tutte le ragioni per provare orgoglio con la Nazionale Italiana che primeggia a livello internazionale e Ziano di Fiemme che dopo Coppe del Mondo, Pre-mondiali e Mondiali si è ampiamente guadagnata il titolo di “capitale dello Skiroll”.

Info: www.fiemmeworldcup.com

MYTHOS WEEK FESTIVAL 2024. A SETTEMBRE SI PEDALA IN PRIMIERO

MYTHOS WEEK FESTIVAL 2024. A SETTEMBRE SI PEDALA IN PRIMIERO

Gruppo | www.newspower.it

Mythos Week Festival: una settimana di emozioni in sella alla MTB e non solo
L’evento clou è la “Mythos” di sabato 7 con i percorsi Marathon, Classic e Short
In programma anche tante sorprese musicali e la Junior Kids Race per i più piccoli
Tutto lo staff al lavoro per offrire tante novità agli appassionati delle ruote grasse

Se c’è un suggerimento che il dinamico comitato organizzatore della Mythos Primiero Dolomiti può dare fin da ora è quello di non prendere impegni nella prima settimana di settembre. In vista dell’edizione 2024 “Pedali di Marca” si prepara a lanciare il “Mythos Week Festival” in Valle di Primiero, in Trentino.
Gli appuntamenti del Mythos Week Festival prenderanno il via domenica 1 settembre con la Mythos Alpine Gravel, quando sarà l’evento sulla ‘ghiaia’ ad aprire le danze di una lunga serie di iniziative che accompagneranno appassionati e bikers fino alla manifestazione più attesa e più amata della rassegna: la Mythos Primiero Dolomiti di sabato 7 settembre. I tre percorsi gravel sono in fase di tracciatura e dopo una bella pedalata i partecipanti potranno rifocillarsi alla Festa del Canederlo di Imèr. Degustare i prodotti tipici del territorio sarà la ricompensa perfetta una volta terminato lo sforzo in sella e unirà in un connubio speciale le tradizioni enogastronomiche locali e lo sport.
Durante il resto della settimana sarà possibile provare il tracciato della Mythos Primiero Dolomiti per prepararsi al meglio all’evento clou: sabato 7 settembre scatterà puntuale la nuova edizione della spettacolare gara MTB che riproporrà i suoi consolidati percorsi. Il più temibile e scenografico è quello Marathon da 82,1 km, ma non sono certo da meno il Classic da 56,3 km e lo Short da 42,8 km. Un trittico di tracciati grazie ai quali la gara primierotta è molto partecipata, con una varietà di dislivelli e chilometraggi che la rendono adatta a tutte le esigenze dei bikers.
E non finisce qui, perché le sorprese in serbo sono ancora molte: per il weekend della “Mythos” sono attese a Fiera di Primiero due delle tribute band più famose e di successo del panorama italiano che con le loro sensazionali performance faranno ballare e cantare curiosi e appassionati venerdì 6 e sabato 7 settembre. È ancora presto per svelare i dettagli dei gruppi musicali che si esibiranno, ma… meglio cominciare a scaldare la voce.
Importante ricordare anche l’appuntamento con la “Mythos Junior Kids Race” di domenica 8 settembre che farà calare il sipario su un’edizione che si annuncia memorabile. La gimkana-gioco targata “Mythos” sarà aperta a tutti i piccoli bikers (da 0 a 12 anni) che nel Parco Vallombrosa di Fiera di Primiero potranno pedalare lungo un percorso interamente dedicato a loro, senza pressione agonistica e con tanta voglia di divertirsi in sella!
Le iscrizioni alla Mythos Primiero Dolomiti avanzano spedite e il loro prezzo rimarrà fisso fino all’estate (65 € fino al 18 agosto), con il comitato organizzatore che porta avanti l’allestimento della manifestazione sostenuto dai suoi sponsor ed estende a tutti l’invito a partecipare!

Info: www.mythosprimiero.com

VAL DI FIEMME E TOUR DE SKI. BINOMIO PERFETTO DEL FONDO

VAL DI FIEMME E TOUR DE SKI. BINOMIO PERFETTO DEL FONDO

Gruppo | www.newspower.it

Val di Fiemme regina del fondo che conta con l’immancabile Tour de Ski
Per la stagione 2024/2025 torna la Sprint e c’è anche la gara Skiathlon
Immancabile la Final Climb con l’Alpe Cermis ancora una volta giudice severo
Pietro De Godenz: sarà una stagione movimentata e spettacolare per la Val di Fiemme

La Val di Fiemme e il Tour de Ski sono ormai un’accoppiata consolidata, un binomio perfetto all’interno del panorama del circo bianco e dello sci di fondo che conta, ed ecco che per la 19.a volta in 19 anni la rinomata località trentina si prepara ad essere tappa simbolo dell’altrettanto blasonata rassegna invernale.
Il Tour de Ski 2024/2025 prenderà il via da Dobbiaco con quattro intense giornate di gara a cavallo del nuovo anno: per prima la Sprint in tecnica libera di sabato 28 dicembre che precederà la Mass Start da 15 km in tecnica classica di domenica 29. Ultima gara dell’anno solare sarà la 20 km Interval in skating mentre a dare il benvenuto al 2025 sarà la prova a inseguimento da 15 km in tecnica classica.
E dopo la grande apertura targata “Toblach” la carovana di fondiste e fondisti più forti al mondo si sposterà in territorio trentino per le ultime e decisive tre tappe. In Val di Fiemme si scierà nel fine settimana dal 3 al 5 gennaio: primo su tutti il gradito ritorno della prova Sprint che, in tecnica classica, potrebbe movimentare e non poco le posizioni in classifica. Seguirà la 20 km Skiathlon di sabato 4 gennaio, banco di prova ideale per le nuove piste che un anno dopo ospiteranno gli eventi dei Giochi Invernali di Milano Cortina 2026.
E che Tour de Ski sarebbe senza Final Climb? La mitica scalata all’Alpe Cermis è un autentico simbolo del circo bianco e la sua presenza non verrà messa in dubbio nemmeno nella stagione 2024/2025. La 10 km in tecnica libera di domenica 5 gennaio stabilirà vincitori e vinti del Tour de Ski e saranno proprio la Pista Olimpia III del Cermis e le sue rampe che si spingono quasi al 30% di pendenza a decretare i nuovi padroni del Tour, oltre a regalare un impareggiabile spettacolo sportivo ad addetti ai lavori e appassionati.
L’evento più atteso e prestigioso dell’intera stagione dello sci di fondo mondiale è in preparazione e Pietro De Godenz, presidente del comitato organizzatore Nordic Ski Fiemme, non può che esserne entusiasta: “La Val di Fiemme rimane l’unica località ad aver ospitato tutte le edizioni del Tour de Ski, ma soprattutto ha sempre proposto la finale della grande sfida di Coppa del Mondo. Saranno tre giornate importanti, inquadrate nelle gare preolimpiche, un test notevole per il nostro staff e i nostri insostituibili volontari”. Senza contare che la prossima stagione sarà alquanto impegnativa per lo staff di De Godenz, come ricordato dallo stesso presidente: “a gennaio saremo impegnati anche con le gare di Coppa del Mondo di Combinata Nordica e di Salto, mentre a febbraio ospiteremo le gare di Para Nordic World Cup, in vista delle Paralimpiadi di fondo e di biathlon”. Non per ultimo, De Godenz sottolinea come: “i rapporti con la FIS sono sempre ottimi e questo ci consente di portare in Trentino grandi eventi dai risvolti importanti soprattutto in campo televisivo, con un forte ritorno mediatico sia per la Val di Fiemme che per il Trentino intero. Senza dimenticare il fondamentale supporto delle amministrazioni pubbliche, Provincia di Trento in primis, APT e le municipalità della Val di Fiemme”.
La nuova stagione invernale dell’élite del fondo mondiale si annuncia a dir poco spettacolare e la Val di Fiemme si farà trovare pronta.

Info: www.fiemmeworldcup.com

CAMPIONATO ITALIANO ASSOLUTO MTB A PERGINE. I TRACCIATI XCO ED E-MTB PRENDONO FORMA

CAMPIONATO ITALIANO ASSOLUTO MTB A PERGINE. I TRACCIATI XCO ED E-MTB PRENDONO FORMA

www.newspower.it

Lavori in corso a Pergine: prendono forma i tracciati per il Campionato Italiano
Le gare dal 19 al 21 luglio si prospettano infuocate
Per l’E-MTB occhio alla ‘Traversa Fruet’, per l’XCO decisive ‘S. Pietro’ e ‘Tana del lupo’
Entusiasmo nella sezione MTB della Polisportiva Oltrefersina guidata da Paolo Alverà

Un bel triangolo rosso a sfondo giallo sul quale spicca la sagoma di un operaio che lavora su un cumulo di materiale: ecco che il cartello che convenzionalmente indica “lavori in corso” si adatta perfettamente al momento che sta attraversando Pergine Valsugana in vista della prossima edizione del Campionato Italiano Assoluto MTB. Qui sono già iniziati e procedono a pieno ritmo i lavori per la realizzazione dei tracciati per le ruote grasse, in vista dell’appuntamento nazionale che coinvolgerà la località trentina dal 19 al 21 luglio.
Le gare tricolori animeranno il terzo weekend di luglio, quello che precede le attese sfide dei Giochi Olimpici di Parigi 2024 (28-29 luglio), e riguarderanno le specialità della mountain bike elettrica (E-MTB) e del cross country (XCO).
Andando con ordine, i primi a scendere in pista saranno gli e-bikers che lotteranno per il titolo italiano di E-MTB (tutte le categorie) nel tardo pomeriggio di venerdì 19. Il circuito da affrontare sarà lungo 3,7 km e presenterà 202 metri di dislivello a ogni tornata. Dando un’occhiata ad altimetria e mappatura del percorso, si può comprendere che ogni passaggio potrebbe rivelarsi decisivo: dalla salita iniziale che conduce a un interessante saliscendi fino al ‘Dosso del Castello’, all’iconico attraversamento del Bike Park di Pergine, senza tralasciare la ‘Traversa Fruet’, chiamata così in onore del talento e idolo di casa Martino Fruet che proprio a Pergine sarà al via del suo ultimo Campionato Italiano in carriera. La traversa andrà affrontata dopo la discesa del ‘Bosco del cervo’ e precederà il tratto finale della ‘Tana del lupo’ e delle ‘Gobbe del cammello’ che conducono poi all’arrivo al Parco Tre Castagni.
Saranno 4 i chilometri del circuito della prova di Cross Country Olimpico, che interesserà le categorie UCI (Élite, Under23 e Junior) nella giornata di sabato 20 e quelle Master per domenica 21. Nel percorso XCO uno dei tratti più impegnativi sarà quello subito dopo la partenza dal Parco Tre Castagni, con la temibile ‘Salita San Pietro’ che metterà alla prova la tenacia dei bikers fin dai primi metri. Seguiranno i segmenti del ‘dosso’ e del ‘posteggio’ del Castello di Pergine che condurranno allo stesso intreccio del Bike Park affrontato dagli e-bikers. La discesa del ‘Bosco del cervo’ darà il via alla seconda metà del circuito e concederà un breve attimo di respiro solo a coloro che sapranno interpretarla al meglio. Il successivo passaggio dalla ‘Tana del lupo’ potrebbe rivelarsi invece davvero decisivo con l’importante strappo (che non viene affrontato con le E-bike) che anticiperà la zona ‘Maso San Pietro’ e le ‘Gobbe del cammello’.
In entrambi i percorsi non mancheranno l’adrenalina e il divertimento, con un saliscendi continuo che obbligherà atlete e atleti ad una grande performance in sella e regalerà tanto spettacolo agli addetti ai lavori e al pubblico. Occhi puntati sui delicati settori del Bike Park perginese, dove la corsa si intreccia in un fitto groviglio di cambi di direzione, e soprattutto sulla capacità dei protagonisti di condurre il mezzo e gestire le proprie energie nel migliore dei modi.
Tanto l’entusiasmo in casa Polisportiva Oltrefersina, dove la sezione MTB guidata da Paolo Alverà segue da vicino l’allestimento della tre giorni di gare in buona compagnia dei partner Comune di Pergine, Cassa Rurale Alta Valsugana, Cassa Centrale delle Casse Rurali Trentine, ApT Valsugana, Comunità Alta Valsugana e Bersntol, Dao-Conad e Cicli Olympia.
Il Campionato Italiano Assoluto di Pergine Valsugana sarà un evento importante per il movimento azzurro delle ruote grasse, con tanti titoli italiani in palio e un ricco programma di contorno che sarà proposto dal comitato per l’occasione. Non per ultimo, sul nuovo sito della sezione MTB della Polisportiva Oltrefersina (www.mtboltrefersina.it) saranno aggiornate periodicamente le informazioni riguardanti sia la gara che le strutture ricettive presso le quali alloggiare nel lungo weekend di luglio in Valsugana.

Info: www.mtboltrefersina.it

IL POKER DELLA PRIMIERO MARATHON. LA NONA EDIZIONE CORRE VELOCE

IL POKER DELLA PRIMIERO MARATHON. LA NONA EDIZIONE CORRE VELOCE

Tiziana Scorzato | www.newspower.it

La Primiero Dolomiti Marathon è in programma sabato 6 luglio
9.a edizione di una gara unica, inserita fra le 5 migliori Maratone d’Italia
L’US Primiero cala il poker; 4 percorsi diversi con arrivo a Fiera di Primiero
Tiziana Scorzato dopo tre piazze d’onore va a caccia di una vittoria

Scorre veloce il conto alla rovescia per la nona edizione della Primiero Dolomiti Marathon, in programma quest’anno per sabato 6 luglio in Valle di Primiero.
Si sa che la corsa è lo sport più popolare di tutti e il fatto che il numero degli appassionati sia in costante crescita da anni lo conferma: migliaia le corse e gli eventi organizzati in tutto il mondo, dove si contano più di 800 maratone dislocate nei vari continenti. Da quelle cittadine a quelle di beneficenza, e ancora quelle in notturna, quelle polari e perfino desertiche. Sono praticamente infinite le opzioni fra cui scegliere e c’è una maratona per ogni genere di podista, ma ce n’è una che mette davvero tutti d’accordo perché con la sua spettacolarità è un esempio unico nel panorama nazionale e non solo: la Primiero Dolomiti Marathon.
Per le sue caratteristiche uniche che riguardano in particolare lo splendido percorso e il pittoresco contesto naturale in cui è ambientata, la Primiero Dolomiti Marathon è stata inserita nella top5 delle Maratone migliori d’Italia per il 2024 da Runnea, il primo comparatore sociale di prodotti per sportivi amanti della corsa. “Panorami spettacolari, sfide altimetriche e un’esperienza indimenticabile nel cuore delle Dolomiti” ecco quello che non manca alla Primiero Dolomiti Marathon, che si ripropone ai runners calando un poker di percorsi di lunghezze differenti.
Se la “regina” della Primiero Dolomiti Marathon è la distanza sui 42 km da Villa Welsperg, in Val Canali, a Fiera di Primiero con i suoi oltre 1200 metri di dislivello positivo, alla manifestazione del prossimo 6 luglio ci sono anche tre “principesse”. Si tratta delle altre tre gare proposte, quella con il tracciato da 26 km (partenza da San Martino di Castrozza), quella da 16 km (partenza da Zortea in Valle del Vanoi) e quella da 6,5 km che per la sua semplicità è adatta davvero a tutti e viene definita anche “Family Trail”. Tutti i percorsi si concludono sulla linea del traguardo di Fiera di Primiero e regalano ognuno emozioni diverse, accomunate dagli spettacolari panorami e del territorio al cospetto delle Pale di San Martino e delle Vette Feltrine, niente meno che le Dolomiti Patrimonio UNESCO.
A soli due mesi di distanza dalla Primiero Dolomiti Marathon, procedono a ritmo sostenuto le iscrizioni: l’ultimo nome ad aggiungersi alla lista è quello di una vera affezionata alla gara primierotta, Tiziana Scorzato. L’atleta classe 1971 milita nel team Vicenza Marathon e vanta “personal best” comodamente al di sotto delle 3 ore nella maratona (2h56’19” per la precisione, siglato due stagioni fa a Torino) e al di sotto dei 90 minuti nella mezza maratona (1h22’22”, lo scorso anno a Padova). Nell’ultimo triennio ha preso parte alla Primiero Dolomiti Marathon cimentandosi nella 26 km e conquistando tre piazze d’onore: nel 2024 ci riproverà, andando a caccia di una vittoria che sembra davvero farsi desiderare. Tempo per unirsi a Scorzato e agli altri concorrenti ce n’è ancora: le iscrizioni della nona edizione della Primiero Dolomiti Marathon sono aperte al prezzo, fisso fino a fine mese, di 47 € per la Marathon, 42 € per la 26 km, 35 € per la 16 km e 15 € per il Family Trail.
L’US Primiero porta avanti con entusiasmo l’allestimento della manifestazione, con la collaborazione dell’ApT San Martino di Castrozza-Passo Rolle-Primiero e Vanoi, del Comune di Primiero San Martino di Castrozza, oltre al supporto della Regione Trentino Alto Adige, Provincia Autonoma di Trento, i Comuni, la Comunità di Primiero e gli sponsor.

Info: www.primierodolomitimarathon.it