Tag: trentino

MARCIALONGA E MONTURA A BRACCETTO. CON LE AMMINISTRAZIONI DI FIEMME E FASSA

MARCIALONGA E MONTURA A BRACCETTO. CON LE AMMINISTRAZIONI DI FIEMME E FASSA

Incontro al Montura Store Fiemme di Tesero con i sindaci dei comuni di Fiemme e Fassa
Il comitato organizzatore ribadisce l’importanza della collaborazione delle amministrazioni comunali
Marcialonga è un’eccellenza del territorio che va oltre lo sport – 47.a edizione il 26 gennaio
Il successo del 2019 è il punto di partenza per l’edizione 2020

Nella cornice del Montura Store di Tesero il comitato organizzatore di Marcialonga ha colto l’occasione, lunedì 4 novembre, per raccontare il successo dell’edizione 2019 della ski-marathon trentina, con l’aiuto di qualche numero, ai sindaci del territorio delle Valli di Fiemme e Fassa. “Una riflessione sul successo del 2019 da cui prendere spunto per il 2020”, nelle parole di Davide Stoffie, CEO di Marcialonga. Diciannove gli ospiti presenti: i sindaci Maria Bosin (Predazzo), Elena Ceschini (Tesero), Marco Larger (Castello Molina di Fiemme), Paolo Dantone (vice-sindaco di Canazei), Fabio Vanzetta (Ziano di Fiemme), Andrea Varesco (Carano), Silvano Welponer (Cavalese), Giuseppe Zorzi (Panchià), i rappresentanti delle amministrazioni comunali e presidenti dei comitati locali Giancarlo Ramus (Moena), Matteo Zanon (Soraga), Marco Dellantonio (Canazei), Paolo Boninsegna (Predazzo), Sergio Doliana (Tesero), Daniele Weber (Castello Molina di Fiemme), Nicolino Bonelli (Carano), Alberto Goss (Varena), i direttori delle APT Andrea Weiss (Fassa) e Giancarlo Cescatti (Fiemme) e infine il presidente della Comunità della Valle di Fiemme Giovanni Zanon. Presente anche Valeria Manzinello, referente sport e marketing dell’Ufficio Comunicazione di Montura. Il Montura Store, poi, si è rivelato la location perfetta per celebrare il nuovo accordo di sponsorizzazione suggellato tra Marcialonga e Montura per il bienno 2020-2022.
La Marcialonga, di scena il prossimo 26 gennaio, ha raggiunto molti traguardi nella passata edizione: il più rappresentativo è forse il premio “Event of the Season” assegnato da Visma Ski Classics che, come ricorda il presidente Angelo Corradini, fa di Marcialonga la “granfondo scelta tra le scelte”. I numeri, poi, raccontano la storia di un evento dall’anima locale, ma dall’attitudine globale. Il cuore di Marcialonga è ben radicato nei comuni che i partecipanti attraversano durante le gare di sci di fondo, corsa e ciclismo, ma la scelta di “superare i confini” e aprirsi verso l’estero e non solo all’area scandinava – come nel caso del recente gemellaggio con la “sorella” polacca di Marcialonga, la gara Bieg Piastow – si dimostra quanto mai azzeccata. In termini di indotto, infatti, secondo una tesi presentata alla facoltà di economia dell’Università di Trento, Marcialonga frutterebbe al territorio di Fiemme e Fassa circa 9.000.000 di euro e sarebbero 50.000 i pernottamenti a scopo turistico. Non manca poi la visibilità sui media: ben 72 le ore di trasmissione in diretta TV di Marcialonga, sulle reti di una ventina di nazioni.
L’evento per le due vallate trentine è un’opportunità non solo in termini di visibilità, ma anche per mantenere saldo il valore della comunità sul territorio. Marcialonga non è solo sport, e le attività collaterali non si limitano a quelle di contorno alle giornate di gara, pur importantissime. Si pensi, ad esempio, alla Marcialonga Stars, il prossimo gennaio in programma sabato 25, che dal 2000 in collaborazione con LILT ha raccolto più di 400.000 euro. Ci sono occasioni che, nel corso dell’anno intero, valorizzano le comunità di Fiemme e Fassa, come l’elezione della Soreghina, che da diciassette anni racchiude in sé la bellezza, dolcezza e intelligenza delle ragazze di Fiemme e Fassa, o come l’annuale assegnazione delle borse di studio ai ragazzi meritevoli degli istituti delle due valli, spronati alla massima dedizione e impegno nelle loro attività di studio, volontariato e sport.
L’invito per i sindaci e i rappresentanti istituzionali è, dunque, quello di continuare a collaborare per proseguire e incrementare l’esperienza Marcialonga: i comuni mettono a disposizione il territorio, anticipando le problematiche e lavorando col comitato Marcialonga per trovare, insieme, la soluzione e per portare quello che è Marcialonga in giro per il mondo. Prima del commiato, sindaci e presidenti dei comitati locali hanno ricevuto una speciale felpa “Montura – Marcialonga” loro dedicata.
Infine Valeria Manzinello di Montura ha aggiunto: “Marcialonga rispetta il nostro spirito e rispecchia i nostri valori: lo sport non è solo attività, ma è innovazione e creazione di circoli di virtuosi”. Il claim di Montura è, non a caso, “searching a new way” e da sempre Marcialonga è attenta a rinnovarsi e ad aprire nuove strade.

LA VAL DI FIEMME MACINA RECORD. PIANO ARDITO DI COPPA CON VISTA OLIMPIADI

LA VAL DI FIEMME MACINA RECORD. PIANO ARDITO DI COPPA CON VISTA OLIMPIADI

Oggi al Ristorante Savini di Milano conferenza stampa di presentazione degli eventi fiemmesi
Tour de Ski dal 3 al 5 gennaio, poi Coppa del Mondo di Combinata Nordica e Salto Speciale
Erano presenti gli atleti Ganz e De Fabiani (fondo), Pittin e Costa (combinata), i tecnici Selle, Rigoni e Zorzi
Riproposta la finale di Salt Lake City 2002: sarà Tesero Lake City con rivincita di Cristian Zorzi!

Dieci giorni e 12 gare di Coppa del Mondo tra Tour de Ski (3-5 gennaio), Combinata Nordica e Salto Speciale della settimana successiva, la Val di Fiemme – oggi a Milano – ha scelto la cornice del Ristorante Savini per presentare i propri prestigiosi eventi con vista Olimpiadi Milano Cortina 2026, dove il Trentino sarà assoluto protagonista. Chi ha assistito alle Olimpiadi di Salt Lake City 2002 ricorderà la prima finale sprint olimpica della storia, disputatasi il 19 febbraio 2002. Cristian Zorzi, ad una manciata di metri dal traguardo era in testa, ma Hetland riuscì a recuperare il gap insieme al tedesco Peter Schlickenrieder, con i due a finire nell’ordine davanti all’azzurro di Moena e allo svedese Björn Lind. Hetland in segno di vittoria mise il suo piede sulla schiena di “Zorro”, stremato. E il 4 gennaio, grazie alla disponibilità di Zorzi, Hetland, Schlickenrieder e Lind, ecco la rievocazione di quello che fu un momento storico dello sci di fondo: la Tesero Lake! “Zorro” ha raccolto subito il guanto di sfida: “Hetland è sempre stato la mia bestia nera, solo lui avrebbe potuto mettermi “lo sci” sulla schiena. Riporteremo a Lago di Tesero la sfida olimpica, mi allenerò tutto l’inverno per vincere!”. A Milano erano presenti autorità ed atleti ma se è possibile realizzare competizioni di questo tipo il merito è dei volontari trentini, come affermato da Mauro Dezulian, vicepresidente comitato organizzatore e responsabile dei volontari: “Nordic Ski esiste da oltre trent’anni, per poter ospitare al meglio questi eventi c’è sempre bisogno di loro, dei volontari”. Sport e turismo vanno a braccetto in Trentino: “La giunta provinciale è sempre vicina alla Val di Fiemme”, afferma l’assessore allo sport e turismo Roberto Failoni, ma la “culla dello sci nordico” ha una donna al comando, Cristina Bellante, mamma di due atleti della nazionale di combinata: “Val di Fiemme non si ferma mai, cerca sempre qualcosa di nuovo confermando il Salto dopo il successo della passata stagione, e regalando grandi novità come la sprint in tc di sabato fortemente voluta dalla FIS, e la Final Climb in linea. Il venerdì offrirà inoltre la 100.a gara del Tour de Ski in assoluto e gli eventi di contorno”. Piero De Godenz è una delle figure di riferimento politiche per gli sport in terra trentina: “Legare gli eventi di Coppa del Mondo e Mondiali al turismo è stato tassello fondamentale”. Maurizio Rossini di Trentino marketing: “Porteremo i paesaggi da cartolina del Trentino nel mondo” e Tiziano Mellarini di FISI Trentino: “I numeri non sono incoraggianti ma attraverso i nostri grandi eventi speriamo di riportare tanti giovani alle discipline di fatica” si sono passati la palla, e a snocciolare i dati di Coppa ci ha pensato Filip Grabowski di Infront: “30 milioni di spettatori reali hanno seguito le gare del Tour de Ski in Val di Fiemme, una media di 80% di market share in Norvegia, 11 milioni di spettatori tedeschi, siamo soddisfatti anche dei numeri di Combinata e Salto, preannunciamo che oltre alla trentina di telecamere lungo la Final Climb, Infront userà per la prima volta l’elicottero”. Dopodiché parola agli atleti, pronti ad affrontare la stagione. Caterina Ganz ha ben figurato lo scorso anno, specialmente sulla Final Climb: “Sono orgogliosa di rappresentare il Trentino con il mio lavoro, la Rampa del Cermis è stata dura ma quel giorno ero talmente felice di avere lì la mia famiglia e di farla la prima volta. Abbiamo finito un raduno di due settimane e ora andremo a Davos per le ultime rifiniture”. Un messaggio video anche da Federico Pellegrino che spera di esserci: “Ho dei bei ricordi in Val di Fiemme, sarà una bella opportunità”. Chi invece era presente a Milano è Francesco De Fabiani: “Al Tour de Ski ho ottenuto due podi in due 15 km in tc, la preferisco e preferisco la Mass Start. La Val di Fiemme mi ha accontentato e per me è una buona notizia. Sull’ultima rampa perdo posizioni ma la partenza in linea mi aiuterà. Tanti punti a disposizione, sogno di arrivare tra i primi cinque di Coppa”. Il DT Marco Selle concorda: “Gli atleti sanno che hanno un numero limitato di occasioni per primeggiare, li vedo determinati e senza particolari acciacchi. Sono pronti”. Dal fondo alla combinata con Alessandro Pittin, miglior fondista di Coppa nelle ultime due stagioni: “Sto tornando a divertirmi anche al Salto e questo mi fa ben sperare. Conosco la macchina organizzativa della Val di Fiemme, e spero di farmi trovare pronto nel 2026. Sarebbe la sesta olimpiade, la seconda in Italia, qualcosa di straordinario”. “Buone nuove” anche da Samuel Costa, finalmente al top della condizione: “Non ho più dolori al ginocchio, questo vuol dire tanto, grazie ai tempi che ho passato a casa ora sono grato di riuscire a muovermi e a tornare a fare sport. Per me l’obiettivo più importante è riuscire a saltare bene per partire davanti nel fondo. Il nostro scopo è regalare emozioni”. Federico Rigoni, coach dei saltatori, visto l’appuntamento olimpico in avvicinamento, guarda al futuro: “Come Combinata abbiamo cercato di proseguire il lavoro fatto, Costa è in ottima forma e Alessandro ha fatto vedere di poter stare davanti, mentre i giovani stanno crescendo. Nel Salto maschile numeri non incoraggianti ma stiamo lavorando per crescere ogni anno di più”. Arrivederci dunque al gennaio “di fuoco” della Val di Fiemme, tempio azzurro delle discipline nordiche.
Info: www.fiemmeworldcup.com
Download TV: www.broadcaster.it

AD HALLOWEEN LA RAMPA CON I CAMPIONI… NON FA PAURA! ISCRIZIONI APERTE ALLA 10ᵃ EDIZIONE

AD HALLOWEEN LA RAMPA CON I CAMPIONI… NON FA PAURA! ISCRIZIONI APERTE ALLA 10ᵃ EDIZIONE

Il 5 gennaio Alpe Cermis ‘a disposizione’ di ex professionisti e amatori
“Rampa con i Campioni” evento collaterale del Tour de Ski fiemmese
Decima edizione a 25 euro entro venerdì 3 gennaio

Tempo di anniversari per il comitato Fiemme Ski World Cup, non bastava un Tour de Ski ampiamente rinnovato con sprint, Final Climb mass start e 100.a tappa da celebrare a Lago di Tesero, anche l’evento promozionale “Rampa con i Campioni” festeggia la decima edizione domenica 5 gennaio alle ore 10, come sempre mettendo a confronto i temerari con l’erta più difficile di tutto il calendario di Coppa del Mondo di sci di fondo. Una sfida che assume ancora maggior valore se si pensa che atleti non troppo allenati decidono di affrontare una tale impresa; ma l’evento è troppo invitante e al via ci saranno numerosi ex fuoriclasse che vorranno tornare sul “luogo del delitto” per rimettersi alla prova.
Nella giornata di Halloween si parla di brividi e l’Alpe Cermis ne regala di unici: 9 km in tecnica libera, di cui 3.5 km tutti in salita e punte che sfiorano il 30% di pendenza, il tutto poco prima dell’arrivo dei campioni della Coppa del Mondo, circondati da un parterre di tutto rispetto composto da oltre 20.000 spettatori.
“La Rampa con i Campioni” è partita come iniziativa collaterale ma negli anni ha assunto importanza sempre maggiore, grazie anche alle performance di atleti quali gli stessi ideatori del Tour de Ski Jürg Capol e Vegard Ulvang, e a fuoriclasse del calibro di Cristian Zorzi, Fulvio Valbusa, Petra Majdic, Marco Albarello, Peter Schlickenrieder, Antonella Confortola, Justyna Kowalkzyk e Kristian Ghedina. Partecipare alla “Rampa con i Campioni” di Fiemme Ski World Cup è semplicissimo e le iscrizioni rimarranno aperte fino a venerdì 3 gennaio, ricordando che i pettorali sono limitati a 200 e dunque non bisognerà tardare troppo o aspettare l’ultimo momento. La tariffa d’iscrizione è di 25 euro.

Info: www.fiemmeworldcup.com

MARCIALONGA CRAFT SPETTACOLO DOLOMITICO. APERTURA ISCRIZIONI AD HALLOWEEN

MARCIALONGA CRAFT SPETTACOLO DOLOMITICO. APERTURA ISCRIZIONI AD HALLOWEEN

Ciclismo in Fiemme e Fassa: 14.a Marcialonga Craft il 31 maggio 2020
31 ottobre apertura iscrizioni e quota agevolata di 38 euro
Tante novità come il ritorno nel circuito Alé Challenge
Percorsi “dolomitici” confermati con partenza e arrivo a Predazzo

La ciclistica Craft di Marcialonga – dopo aver annunciato la data 2020 (31 maggio) – sceglie Halloween per aprire le iscrizioni della quattordicesima edizione. Nelle Valli di Fiemme e Fassa si parte sempre a spron battuto e la prima quota, per andare incontro alle esigenze di tutti, sarà ‘agevolata’, assicurandosi un pettorale alla cifra di 38 euro. Tante novità come il ritorno nel circuito Alé Challenge, ma anche conferme come il percorso 2019, più duro ma apprezzatissimo dai concorrenti, soprattutto per la partenza in salita che ha fatto felici i grimpeur. E non sarà la sola attenzione nei confronti degli scalatori, con l’aggiunta di un cronometraggio ad hoc loro riservato; per ora solo un’anticipazione e una novità che il comitato Marcialonga svelerà nelle tappe di avvicinamento all’evento. 80 km e dislivello di 2448 metri, 135 km e 3900 metri di dislivello da affrontare, tra le Dolomiti di Fiemme e Fassa si staglia una magnifica granfondo, superando ben quattro passi dolomitici nel tracciato granfondo e due nel percorso mediofondo. Le bellezze di Marcialonga Craft non si contano, ma non ci sarà molto tempo per soffermarsi a visitarle, Passo Costalunga è un’aggiunta della passata edizione, così come lo scenografico Lago di Carezza, chiamato “il lago arcobaleno” e incastonato tra gli abeti alle pendici del Latemar. Al Passo di Pampeago risuonano ancor oggi le imprese di Pantani e Tonkov, alla volta dei Passi San Pellegrino e Valles, ultime fatiche con vista Pale di San Martino prima di filare verso il traguardo di Predazzo. I giovani si potranno invece gustare la Minicycling, ma un po’ tutto il weekend trentino è da non perdere, anche per quanto riguarda le iniziative di contorno. La seconda prova della Combinata Punto3 Craft, classifica che somma i tempi degli atleti nelle sfide Marcialonga (sci di fondo, ciclismo e corsa) è, come sempre, uno spettacolo. E se Marcialonga Craft aprirà le iscrizioni il 31 ottobre, lo Zero Wind Show – altro prestigioso circuito di cui la prova per pedalatori di Marcialonga fa parte – aprirà le adesioni mercoledì sera 30 ottobre.

Info: www.marcialonga.it

THE ONE AND ONLY… SKIRI TROPHY! 37ᵃ EDIZIONE IL 18 E 19 GENNAIO 2020

THE ONE AND ONLY… SKIRI TROPHY! 37ᵃ EDIZIONE IL 18 E 19 GENNAIO 2020

Skiri Trophy XCountry nella trentina Val di Fiemme
Kinder Joy of moving conferma la partnership con il G.S. Castello
Lo sponsor Rode si ‘occuperà’ invece dei concorrenti Revival
Evento trentino parte del World Snow Day 2019-2020

Bambini degli sci stretti, a raccolta! Il 37° Skiri Trophy XCountry svela la data 2020: 18 e 19 gennaio, confermando la trentina Val di Fiemme come ‘terra promessa’ dello sci di fondo giovanile.
“Sport e divertimento sono il nostro motto!” – afferma il Gruppo Sportivo Castello – che al proprio fianco avrà ancora una volta il main partner “Kinder Joy of moving”, confermando la fruttuosa collaborazione di questi anni che continuerà a riservare tanti giochi, curiosità ed intrattenimento a tutti i giovani che si avvicinano ad una disciplina così salutare da praticare immersi nella natura del Trentino.
Kinder Joy of moving è un progetto internazionale di Responsabilità Sociale del Gruppo Ferrero, coinvolge oggi 4 milioni di bambini, in 30 Paesi del mondo ed è in grado di avvicinare all’attività motoria bambini e famiglie in modo coinvolgente e gioioso, nella convinzione che un’attitudine positiva nei confronti del movimento e dello sport possa rendere i bambini di oggi adulti migliori domani.
Con l’obiettivo che il movimento sia innanzitutto gioia, al di là delle discipline, del terreno di gioco e delle performance, Kinder Joy of moving da anni è partner di G.S. Castello per avvicinare i ragazzi al magico mondo della neve in maniera naturale, coinvolgente e spensierata
Nicoletta Nones è la ‘voce’ del comitato Gruppo Sportivo Castello e promette – come sempre – nuove attrattive e novità in vista del prossimo anno: “Ogni anno lavoriamo per offrire qualcosa di nuovo ai nostri ragazzi, probabilmente anche nel corso della cerimonia d’apertura. Siamo inoltre felici di aver avuto la riconferma del nostro partner principale Kinder e di Rode che penserà ai fondisti Revival”. Quest’ultimo si occuperà infatti di omaggiare con un gadget ad hoc i partecipanti del Trofeo Skiri Revival – ovvero i concorrenti del passato che torneranno sul manto innevato del Centro del Fondo di Lago di Tesero.
Anche quest’anno lo Skiri Trophy XCountry sarà evento partner della Giornata Mondiale sulla neve, in occasione della nona edizione del World Snow Day 2019/2020.

Info: www.skiritrophy.com

MARCIALONGA SULLE ALI DELLA STORIA. GEMELLAGGIO TRA “STORY” E “L’EROICA”

MARCIALONGA SULLE ALI DELLA STORIA. GEMELLAGGIO TRA “STORY” E “L’EROICA”

Marcialonga di Fiemme e Fassa il 25 e 26 gennaio 2020
Marcialonga Story sabato 25 gennaio a Lago di Tesero, in Trentino
Comitato Marcialonga rilancia la partnership con “L’Eroica” di Gaiole in Chianti
Il 6 ottobre tante iniziative in loco e lunedì 7 apertura iscrizioni online Story

Marcialonga Story, la ‘macchina del tempo’ di Marcialonga, andrà in scena sabato 25 gennaio a Lago di Tesero, in Trentino, fungendo da manifestazione collaterale della stori… ca ski-marathon, ma il prossimo weekend il comitato trentino scenderà in Toscana rispolverando un gemellaggio altrettanto storico, quello tra Marcialonga Story, appunto, e l’Eroica di Gaiole in Chianti. L’evento toscano è pronto – il 6 ottobre – a festeggiare la ventitreesima edizione con partecipanti provenienti da tutto il mondo, un po’ ciò che accadrà il 26 gennaio alla 47.a edizione della Marcialonga di Fiemme e Fassa.
Gli appassionati di ciclismo d’epoca saliranno sul proprio cavallo d’acciaio pedalando lungo le strade bianche della provincia di Siena, i fondisti su un altro manto bianco, in questo caso innevato. Circa 7.500 partecipanti prenderanno il via da Gaiole in Chianti, curiosamente lo stesso numero che da anni si raduna sulla piana di Moena per abbracciare Cavalese dopo aver affrontato un itinerario di gara di ben 70 km sugli sci da fondo. L’Eroica è una ‘chicca’ di fine stagione che ogni ciclista vuole regalarsi, rilassandosi e gustandosi i magnifici paesaggi del Chianti. Entrambi i contest sportivi hanno un minimo comune denominatore: la condivisione dell’esperienza, la volontà di stupire e di generare ‘turismo’ facendo scoprire al mondo le bellezze dei luoghi storicamente coinvolti dagli eventi.
La piccola delegazione di Marcialonga presente in terra toscana avrà tuttavia uno scopo, aprire ufficialmente le iscrizioni per l’ottava edizione della Marcialonga Story del 25 gennaio, 11 chilometri da Lago di Tesero a Predazzo, e lo farà proprio in loco nel Chianti venerdì 4 e sabato 5 ottobre, mentre le iscrizioni online partiranno lunedì 7 ottobre fino al raggiungimento dei 300 posti disponibili, con la passata edizione a registrare il ‘tutto esaurito’ facendo incetta di fondisti vintage.
Il comitato trentino richiamerà l’attenzione infine sul Registro degli sci d’epoca, progetto che conferisce nuovamente la gloria del passato agli sci. Il Registro raccoglie dati e immagini di sci costruiti in periodi storici precedenti il 1976, ognuno certificato da esperti, i quali rilasciano ai proprietari uno specifico attestato di registrazione. La richiesta di valutazione potrà essere presentata anche al villaggio di Marcialonga Story, al Palafiemme di Cavalese da giovedì 23 gennaio a venerdì 24 gennaio, e al traguardo del revival storico, sabato 25 gennaio a Predazzo.

Info: www.marcialonga.it

DOPO GRAND PRIX E ALPEN CUP… LA VAL DI FIEMME PENSA IN GRANDE. DUE MESI AL VIA DELLA COPPA DEL MONDO

DOPO GRAND PRIX E ALPEN CUP… LA VAL DI FIEMME PENSA IN GRANDE. DUE MESI AL VIA DELLA COPPA DEL MONDO

Coppa del Mondo di Combinata Nordica e Salto Speciale dal 10 al 12 gennaio
Predazzo “animata” anche dai giovani della Alpen Cup in Val di Fiemme
La stagione di Coppa del Mondo partirà il 20 novembre a Ruka (FIN)
La Val di Fiemme ospiterà due gundersen di 10 km e una Team Sprint

Aspettando la Coppa del Mondo di Combinata Nordica… allo Stadio del Salto in Val di Fiemme dal 10 al 12 gennaio 2020 in abbinamento alle prove di Salto Speciale, un assaggio di ciò che sarà l’ha dato Predazzo, in occasione della Alpen Cup disputatasi fino allo scorso weekend nella località trentina, il più importante circuito per atleti juniores nelle discipline di Salto e Combinata Nordica. In quest’ultima specialità tra le gundersen culminate sugli skiroll si sono distinti gli austriaci, in particolare grazie a Lisa Hirner e Johanna Bassani, mentre all’azzurra Annika Sieff è andato l’onore delle armi, con gli altri combinatisti austriaci a fare man bassa al maschile, applausi anche per il tedesco Nick Siegemund, ricordando le buone prove del teserano Iacopo Bortolas, di Domenico Mariotti e Stefano Radovan. I senior hanno invece concluso il FIS Summer Grand Prix di Combinata Nordica che ha impegnato Samuel Costa, il più positivo della truppa, Alessandro Pittin e soci per tutta l’estate. Le ultime prove si sono disputate a Planica, in terra slovena, le prime a Oberwiesenthal, dove l’Italia era uscita vincitrice nel format inedito in staffetta mista che vide primeggiare Samuel Costa, Veronica Gianmoena, Annika Sieff e Alessandro Pittin dopo aver affrontato un salto ciascuno, e rispettivamente 5 km (Costa e Pittin) e 2.5 km (Sieff e Gianmoena) sugli skiroll.
E ora? Si inizia a pensare alla stagione agonistica invernale che si aprirà a Ruka in Finlandia, con tre prove – una gundersen di 5 km e due di 10 km – dal 29 novembre al 1° dicembre. La settimana successiva ci si sposterà nella norvegese Lillehammer (7 e 8 dicembre) con la prima team sprint di stagione, quindi sarà il turno dell’austriaca Ramsau con due gundersen di 10 km che anticiperanno le due fiemmesi tra lo Stadio del Salto di Predazzo e il Centro del Fondo di Lago di Tesero e la team sprint che coronerà il trittico trentino. Tappe successive di Coppa del Mondo ad Oberstdorf (GER), Seefeld (AUT), Otepää (EST), Trondheim (NOR), Lahti (FIN), Oslo (NOR) e Schonach (GER).

Info: www.fiemmeworldcup.com

“IN CITY GOLF”: SABATO ‘PUBLIC HOLE’ IN PIAZZA DANTE. GOLF TRA CENTRO STORICO E TRENTO SOTTERRANEA

“IN CITY GOLF”: SABATO ‘PUBLIC HOLE’ IN PIAZZA DANTE. GOLF TRA CENTRO STORICO E TRENTO SOTTERRANEA

“In City Golf Trento – presented by Engel & Völkers Trentino” il 20 e 21 settembre
Start sabato alle ore 11 con 72 giocatori coinvolti tra le 18 buche del percorso in centro storico
Tante le richieste di partecipazione, ma il numero è chiuso e la lista d’attesa si allunga
Trento sotterranea chicca di questa seconda edizione

Uno dei più forti calciatori del pianeta, Gareth Bale, progetta già il futuro post-carriera: “Sei mesi in giro per il mondo a giocare a golf con 20 amici”. D’altronde il gallese ha sempre avuto le idee ben chiare, così come le hanno gli organizzatori di “In City Golf Trento – presented by Engel & Völkers Trentino”, sabato 21 settembre pronti a far divertire i 72 partecipanti all’evento e tutti gli appassionati che vorranno (gratuitamente) testare le proprie abilità con la mazza da golf. Quattro giocatori per buca si contenderanno i 18 ‘magic tricks’ dislocati lungo il centro storico di Trento, ma la richiesta è tanta e il comitato si è visto costretto a mettere in lista d’attesa 10 giocatori, che subentreranno nel caso in cui ci fosse qualche defezione. Il lavoro del Comune di Trento, dell’APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e della società Curtes con a capo Kurt Anrather vuole portare una disciplina apparentemente ‘distante’, sia a livello economico che di location, in pieno centro storico rendendola ‘a portata di mano’, o meglio, ‘di swing’, coinvolgendo appassionati e curiosi. Venerdì in serata in Piazza Pasi ci sarà la presentazione ufficiale dell’evento, mentre sabato alle ore 10 un brunch alla VIP Lounge di Piazza Pasi accoglierà i giocatori del torneo, con start previsto alle ore 11, chiudendo la seconda edizione con le premiazioni e la cena di gala. Il punto di riferimento per gli appassionati sarà Piazza Dante, dove sarà allestita una public hole aperta al pubblico, facendo potenzialmente aumentare in modo esponenziale il numero di giocatori. I golfisti di “In City Golf Trento – presented by Engel & Völkers Trentino” macineranno invece chilometri tra Via Belenzani, Piazza Duomo, la stessa Piazza Dante, il Castello del Buonconsiglio e Trento sotterranea, vera chicca di questa edizione, nel sottosuolo di Piazza Cesare Battisti. Lo Spazio Archeologico Sotterraneo è un’area di straordinario valore storico, tra cinte murarie, segni del passaggio di carri, atrio con resti di mosaico dove nell’emblema centrale si scorge un furente dio Oceano emergere dalle acque profonde del mare. Il sito archeologico ospita numerose attività e… ora anche il golf, con l’obiettivo di promuovere la realtà sotterranea di Trento ancora straordinariamente conservata. Altri punti toccati dall’evento saranno Casa Balduini, la Galleria Civica, Palazzo Thun, Via Manci, il Museo Provinciale d’Arte, Via San Pietro, il Teatro Sociale, Largo Carducci, Via Oriola e Via Oss Mazzurana. Certamente – a weekend trascorso – il golf e la città di Trento avranno qualche estimatore in più.
Info: www.incitygolf.com

TROFEO PASSO PAMPEAGO A RAUSCH E SPOEGLER. RECORD POLVERIZZATI NEL TEMPIO DEI GRIMPEUR

TROFEO PASSO PAMPEAGO A RAUSCH E SPOEGLER. RECORD POLVERIZZATI NEL TEMPIO DEI GRIMPEUR

Oggi cronoscalata da Tesero al Passo di Pampeago – ultima prova “Berg Cup”
Christina Rausch non lascia scampo a Lorna Ciacci ed Evelyn Fissneider
Michael Spoegler doma i bravi Thomas Gschnitzer e Wolfgang Hofmann
L’ottava edizione del Trofeo Passo Pampeago si conclude tra gli applausi

Edizione sontuosa e ricca di significati, oggi, sulla leggendaria salita dell’Alpe di Pampeago per cinque volte arrivo del Giro d’Italia, dove i grimpeur erano alle prese con la mitica cronoscalata del Trofeo Passo Pampeago – ultima tappa della Südtirol.Berg.Cup 2019. I record della manifestazione trentina sono stati letteralmente polverizzati, forse per merito di una giornata a dir poco eccezionale per competere, calda ma non troppo, senza un fil di vento, partendo da Tesero e arrivando al Passo di Pampeago dopo aver percorso 10.5 chilometri e 1.019 metri di dislivello di pura cronoscalata. Ad aggiudicarsela due atleti che, in questa stagione di scalate tra Trentino e Alto Adige, non hanno lasciato nemmeno le briciole agli avversari: la tedesca Christina Rausch e l’altoatesino Michael Spoegler. La prima ha staccato il miglior tempo fino ad ora effettuato al Trofeo Passo Pampeago (44.27), e una delle favorite nonché vincitrice della passata edizione, Lorna Ciacci (51.15), ha dovuto inchinarsi. Buona prova di Evelyn Fissneider (54.32), terza quest’oggi, in una stagione per lei più che positiva. La germanica si prende così titolo dell’ottava edizione, record del percorso e Südtirol.Berg.Cup 2019: “Grandioso, tempo magnifico e salita indimenticabile, era la prima volta per me qui, ma tornerò sicuramente”, ha sostenuto nel post-gara. Al maschile situazione similare con l’altissimo altoatesino Michael Spoegler (37.36) a dover dare il meglio di sè per mettersi dietro Thomas Gschnitzer (38.25) e Wolfgang Hofmann (38.55), due tempi che in altre edizioni sarebbero stati sufficienti per la vittoria: “è andata bene – afferma Spoegler – la gamba ha girato molto bene e ho conquistato anche il circuito. Vinto 5 su 5 alla Berg Cup, ma vincere qui ha un sapore particolare, mi piacciono le salite ripide e regolari così da andar su con un bel ritmo. L’anno scorso non ero al 100% ma ora sono soddisfatto”. Cinque su cinque per entrambi, che completano un personale ‘pokerissimo’ e mettono la ciliegina sulla torta ad una stagione da incorniciare.
Lo start ufficiale è stato dato dall’US Litegosa di Panchià che in collaborazione con lo Ski Center Latemar ha fatto divertire i grimpeur sul noto versante di Tesero. I concorrenti sono scattati nell’assolata mattinata teserana verso l’erta che il 28 luglio 2013 ospitò anche il passaggio del 70° Tour de Pologne UCI World Tour, col GPM vinto dall’austriaco Thomas Rohregger che si impose sullo “squalo dello stretto” Vincenzo Nibali. A sostenere gli atleti verso la pendenza media del 10% del tracciato anche il plurivincitore del Trofeo Passo Pampeago Jarno Varesco: “Non ricordo nemmeno quante volte ho vinto (sono 3…), le difficoltà dal punto di vista tecnico, come in tutte le cronoscalate, vanno affrontate gestendosi bene, è una specialità come un’altra ma bisogna essere portati. Come la si prepara? Scalando, scalando e scalando, io ne facevo tante di salite, non mi hanno mai fatto paura anche perché venivo dalla mountain bike, e le preferivo visto che peccavo un po’ in discesa”. Da un’opinione alla partenza, al parere conclusivo del presidente della società organizzatrice, Dario Bellante dell’US Litegosa di Panchià: “Giornata fantastica, temperatura ideale, c’erano dei bei personaggi al via e questo si è riversato nei record di gara effettuati. Il manto era perfetto e la salita mitica per tutte le gare che ha ospitato. Siamo nel circuito Berg Cup da molti anni, un bel challenge tra i Passi che hanno fatto la storia”. Le pendenze del Passo di Pampeago non hanno scoraggiato i grimpeur più esperti, con il classe 1941 Silvano Sozzi del Team Zanolini Bike, settantottenne veterano delle scalate e del Trofeo, a concludere la propria prova in 1:21’32.0. Complimenti!

Per info: uslitegosa@gmail.com e www.latemar.it

Classifica femminile
1 RAUSCH Christina Asd Brao Cafe’-Unthert 44’27.1; 2 CIACCI Lorna Sportler Team 51’15.0; 3 FISSNEIDER Evelyn A.B.C. Egna-Neumarkt 54’32.4; 4 URSCH Klara Bolzano 55’32.9; 5 DITTMANN Sabine Dynamic Bike Eppan 56’07.1; 6 ZAMBOTTI Barbara Somec-Mg K Vis-Lgl 57’05.3

Classifica maschile
1 SPOEGLER Michael Asc Sarntal/Raiff. Rad 37’36.3; 2 GSCHNITZER Thomas Union Sporthuette 38’25.4; 3 HOFMANN Wolfgang E-Racers Ausburg 38’55.5; 4 SOGNE Alessandro Biemme Sirio Sport 39’25.0; 5 GOTTARDI Davide Carina-Brao Caffe’ 40’24.0; 6 WIESER Franz Rodes Val Badia Raiffe 40’31.4; 7 LUTRICUSO Dario Cicli Pederzolli 41’23.2; 8 FENAROLI Diego Isolpi Racing Team 41’33.8; 9 SARTORI Nicola New Team Asd 41’59.0; 10 PICCINA Simone Sportler Team 42’03.4

IN VAL DI FIEMME SKIROLL A TUTTA SUL CERMIS. LA COPPA A TANEL, EKBERG, MORTAGNA E PROCHAZKOVA

IN VAL DI FIEMME SKIROLL A TUTTA SUL CERMIS. LA COPPA A TANEL, EKBERG, MORTAGNA E PROCHAZKOVA

Gare spettacolari a chiudere una stagione ricca di colpi di scena
Un grande Dementiev in giornata. A Tanel la Coppa, al russo la gara e l’argento finale
Donne senior con le svedesi a fare bagarre, ma la Prochazkova è la campionessa
Tra gli junior gara e Coppa a Ekberg (SWE), Sordello straordinaria e Laura Mortagna d’oro

Matteo Tanel e Laura Mortagna, la sfera di cristallo al cielo dopo una stagione intensa sugli skiroll. L’Italia c’è perché oggi in Val di Fiemme, sul Cermis, non solo i due campioni – il primo di Bolzano, la seconda di S.Giustina Bellunese – hanno brindato alla grande, ma anche una splendida Elisa Sordello è stata capace di vincere il Mini Tour Rollerski Trentino ed un convincente Luca Curti 3˚ sul podio. Festeggiano anche gli scandinavi con la Coppa conquistata dallo svedese Johan Ekberg (Junior) e la Slovacchia con una fortissima Alena Prochazkova.
Difficile interpretare la gara di oggi. Gli atleti scattavano da Ziano in una pursuit (15 km maschi senior e 13 km tutti gli altri) con i distacchi accumulati nelle tre giornate precedenti del Mini Tour. Così gli arrivi sul Cermis non rispecchiano l’effettiva classifica di giornata, ma quella del Mini Tour, un po’ come succede nel Tour de Ski.
Primi a partire i senior maschi, con Tanel a sfoggiare davanti a tutti il pettorale giallo di leader di Coppa. È scattato con 37” su Curti e addirittura 55” sul russo Dementiev. L’altoatesino ha guidato la gara con grande determinazione lungo il fondovalle e già a Lago di Tesero, nel passaggio dentro lo stadio del fondo, alle sue spalle c’era un quartetto con Dementiev controllato da Curti, Emanuele Becchis e Kristoffersen. Appena infilata la salita del Cermis, gli ultimi tre chilometri di gara, Tanel ha sentito il fiato sul collo di Dementiev ed ai 1500 metri il russo ha sfoderato un sorpasso da manuale. Tanel aveva comunque in saccoccia un bel vantaggio, in Coppa s’intende. Così, saputo che il suo più diretto rivale Gustafsson era attardato, ha gestito la situazione arrivando sul Cermis alle spalle del russo, però con l’ottavo tempo di giornata. Curti ha chiuso terzo. Gustafsson sulla salita ha spinto molto, staccando il secondo miglior tempo di giornata e collezionando il settimo nel Mini Tour, che non è servito a conquistare quindi l’argento finale in Coppa, andato a Dementiev.
Molto equilibrata la gara junior. Johan Ekberg ha recitato il ruolo di protagonista col suo pettorale rosso di leader. Dietro il compagno di squadra Gisselman gli ha coperto le spalle per tutta la gara, finendo secondo davanti al norvegese Korsaeth. Non è mai entrato nella lotta per il podio il friulano Andrea Gartner, ma il suo quarto posto lo conferma tra i migliori di stagione.
Tra le donne la gara senior è vissuta sul confronto diretto tra le due svedesi Moa Olsson e Linn Soemskar opposte alla leader di Coppa, la slovacca Alena Prochazkova. Il bel lavoro di squadra non ha sovvertito il pronostico per la vittoria finale di Coppa. Le due svedesi sono finite nell’ordine sul Cermis e la slovacca col quarto posto si è assicurata la sfera di cristallo. Ultima gara di giornata quella delle junior, con l’Italia a puntare tutto sulla bellunese Laura Mortagna. È stata invece la gran giornata della cuneese Elisa Sordello. Partita 3.a con 27” dalla leader del Mini Tour Kovalova, ha recuperato man mano terreno passando poi a condurre sul Cermis e andando a vincere la sua prima gara di Coppa del Mondo. Una gran soddisfazione per la diciannovenne reginetta di giornata, con le due sorelle Mortagna a faticare in salita come non mai. Seconda sul Cermis si piazzava la Kovalova, terza la tedesca Lena Keck. Le due sorelle bellunesi arrivavano leggermente attardate ma alla resa dei conti, anzi dei punti, la Coppa scivolava nelle mani di Laura Mortagna, con argento al collo della straordinaria Sordello la quale, con la vittoria odierna, strappava il secondo posto ad Alba Mortagna finita così terza in Coppa.
Come sempre la regia del comitato fiemmese era di gran pregio, con i dominatori assoluti festeggiati con le sfere di cristallo in mano. Ora qualche giorno di pausa, poi tutti al lavoro per il “mondialino” di gennaio con tre giorni di Tour de Ski, tre di Coppa del Mondo di Combinata Nordica e due giornate di Coppa del Mondo di Salto Speciale, nei due stadi di Lago di Tesero e di Predazzo designati ad ospitare le Olimpiadi 2026.
Info: www.fiemmerollerskicup.it

Download immagini TV:
www.broadcaster.it

Pursuit 15 km Men
1 DEMENTIEV Eugeniy RUS 39’12.8; 2 GUSTAFSSON Victor SWE 39’29.0; 3 CURTI Luca ITA 39’48.0

Pursuit 10 km Ladies
1 OLSSON Moa SWE 39’23.7; 2 SOEMSKAR Linn SWE 39’26.8; 3 CHERNOUSOVA Marina RUS 39’56.4

Pursuit 10 km Junior Men
1 EKBERG Johan SWE 34’36.1; 2 GISSELMAN Truls SWE 35’32.3; 3 KORSAETH Amund NOR 36’35.9

Pursuit 10 km Junior Ladies
1 SORDELLO Elisa ITA 42’34.0; 2 KOVALOVA Daryna UKR 43’48.9; 3 KECK Lena GER 44’21.5

Minitour Rollerski Trentino – Men
1 DEMENTIEV Eugeniy 1:21:19.8; 2 TANEL Matteo 1:21:31.5; 3 CURTI Luca 1:21:37.0

Minitour Rollerski Trentino – Ladies
1 SOEMSKAR Linn 1:07:53.8; 2 OLSSON Moa 1:08:35.7; 3 PROCHAZKOVA Alena 1:09:30.8

Minitour Rollerski Trentino – Junior Men
1 EKBERG Johan 1:00:38.1; 2 GISSELMAN Truls 1:01:40.3; 3 KORSAETH Amund 1:02:45.9

Minitour Rollerski Trentino – Junior Ladies
1 SORDELLO Elisa 1:14:25.0; 2 KOVALOVA Daryna 1:15:12.9; 3 RICHTER Merle 1:16:43.6

World Cup- Men
1 TANEL Matteo (p.777); 2 DEMENTIEV Eugeniy (653); 3 GUSTAFSSON Victor (648)

World Cup – Ladies
1 PROCHAZKOVA Alena (p.972); 2 SOEMSKAR Linn (952); 3 NIKOLAEVA Svetlana (615)

World Cup – Junior Men
1 EKBERG Johan (p. 998); 2 SAULITIS Niks (435); 3 KORSAETH Amund (368)

World Cup – Junior Ladies
1 MORTAGNA Laura (p.538); 2 SORDELLO Elisa (534); 3 MORTAGNA Alba (437)