Tag: sci

50 GLORIOSE EDIZIONI DI MARCIALONGA: A TRENTO L’EMOZIONANTE TUFFO NEL PASSATO

50 GLORIOSE EDIZIONI DI MARCIALONGA: A TRENTO L’EMOZIONANTE TUFFO NEL PASSATO

Angelo Corradini, Giuseppe Ferrandi e Maurizio Fugatti

Oggi l’inaugurazione a Trento dell’esposizione per raccontare Marcialonga
Un viaggio attraverso 26 pannelli per scoprire il mondo della granfondo trentina
Sono intervenuti Angelo Corradini, Maurizio Fugatti e Giuseppe Ferrandi
Esposizione aperta allo Sport Tech District del Muse di Trento fino a domenica

Marcialonga è un ‘momento di gloria’, un lungo viaggio che vuole essere raccontato e condiviso con i sostenitori e appassionati sportivi di tutto il mondo. Con il Festival dello Sport sullo sfondo, questa mattina è stata inaugurata presso lo Sport Tech District del Muse di Trento l’esposizione che vuole celebrare le gloriose 50 edizioni della granfondo delle Valli di Fiemme e Fassa. Nei 26 pannelli esposti sono stati racchiusi i momenti e i temi più importanti che hanno reso la manifestazione trentina tra le più amate e partecipate del pianeta: i grandi numeri di Marcialonga, 258.785 partecipanti dalla prima edizione del lontano 1971, 9 milioni di Euro di indotto per il territorio, i percorsi che attraversano le due splendide vallate, i 4 lungimiranti fondatori, l’interesse dei media e degli sponsor, i campioni, i senatori, le ‘Soreghine’ e le centinaia di volontari, lo stile inconfondibile di Marcialonga e molto altro ancora.
A prendere parola per primo è stato Angelo Corradini, presidente di Marcialonga: “È un grandissimo onore portare il saluto di Marcialonga, soprattutto durante il Festival dello Sport. Potrei parlare per ore di Marcialonga, noi in Val di Fiemme e in Val di Fassa crediamo moltissimo nelle potenzialità di questo evento. Vorrei sottolineare tre aspetti per noi fondamentali, ovvero il volontariato e la grande sinergia che si crea ogni anno tra i vari comuni delle due vallate e la Provincia Autonoma di Trento, il ritorno mediatico che riusciamo ad ottenere in ogni parte del mondo ed infine l’indotto economico che Marcialonga porta al territorio. Lo spirito con cui i nostri partecipanti si avvicinano a questo sport è qualcosa di speciale. Lo sport fa bene non solo al fisico ma anche allo spirito e partecipare alla Marcialonga significa portare a casa emozioni indelebili”.
La parola è poi passata a Maurizio Fugatti, presidente della Provincia Autonoma di Trento: “Credo che dobbiamo sentirci tutti orgogliosi di essere qui dopo ben 50 anni a parlare ancora del successo di Marcialonga, un successo sotto vari punti di vista, sportivo, economico e di crescita generale del territorio. Oggi è l’incoronazione di ciò che è stato fatto in questi 50 anni. Ricordiamo la consegna dell’Aquila di San Venceslao conferita l’anno scorso a Marcialonga, che ha voluto dare il giusto merito a chi regala l’anima per questa manifestazione e a tutti coloro che hanno speso del tempo per rendere esemplare l’evento”.
Presente inoltre Giuseppe Ferrandi, direttore generale della Fondazione Museo Storico del Trentino: “É sempre difficile raccontare ciò che non si vede, il dietro le quinte dove si sente davvero la tensione dei campioni che sfrecciano sugli sci e tutto l’aspetto mediatico. Marcialonga si è creata negli anni la sua dimensione perfetta, fatta di spirito, di cultura, diventando un vero pezzo d’identità del nostro territorio. 50 anni e 50 edizioni segnano un modello di continuità nel tempo e Marcialonga dimostra di avere un capitale sociale fortissimo. L’esposizione parte dai numeri, dalle statistiche e vuole raccontare i passi più importanti del lungo cammino di Marcialonga, un marchio popolare fatto di molti volti”.
L’esposizione al Muse sarà disponibile fino a domenica, giorno di chiusura del Festival dello Sport, dopodiché i visitatori potranno continuare a viaggiare nel passato di Marcialonga presso le Gallerie di Piedicastello a Trento per tutto l’inverno.
Per ciò che riguarda il futuro è presto detto, domenica 29 gennaio le Valli di Fiemme e Fassa si vestiranno a festa per la 50.a edizione che conta ad oggi ben 7200 iscritti, vicinissima al sold-out. La nuova salita finale del ‘Mur de la Stria’ ha incuriosito parecchi, ma d’altronde lo stile di Marcialonga è riconosciuto ed apprezzato da sempre in tutto il pianeta.
Info: www.marcialonga.it

IL TEAM MONTANERA BRILLA NELLA COMBINATA. MARCIALONGA: UNA RAFFICA DI SUCCESSI

IL TEAM MONTANERA BRILLA NELLA COMBINATA. MARCIALONGA: UNA RAFFICA DI SUCCESSI

Carlotta Montanera

La Combinata Punto 3Craft premia il Team Montanera di Liukkonen, Zanni e Montanera
Seconda piazza per il Team Northug, seguito dal Team De-Bo-Sa
Ancora un grande successo per gli eventi Marcialonga sci, cycling e corsa
Ora la concentrazione si sposta sulla 50.a Marcialonga invernale del 29 gennaio

Archiviata la grande festa di Marcialonga Running Coop dello scorso sabato 3 settembre, ecco che ora si possono finalmente tirare le somme della speciale classifica Combinata Punto3Craft. Hanno aderito alla sfida a squadre ben 21 Team, tra cui 9 Super Capitani che con grande entusiasmo hanno partecipato ad uno dei tre eventi marchiati Marcialonga (Ski, Cycling e Corsa).
Con il tempo complessivo di 07h19’59” la vittoria della Combinata 2022 è andata al Team Montanera composto da Kalle Liukkonen, dal lombardo Oscar Zanni e dalla capitana valdostana Carlotta Montanera, conosciuta come ‘RunningCharlotte’ nonché blogger, trainer e super mamma di Matteo. La corsa tra le Valli di Fiemme e Fassa non poteva concludersi meglio di così per Carlotta, che dopo 26 Km è riuscita a salire sul terzo gradino del podio di Cavalese premiata dalla sorridente Soreghina 2023, Sabrina Pellegrin: “Non mi aspettavo assolutamente il risultato e sono contentissima! Non ho visto le altre ragazze per tutta la gara e infatti non pensavo di essere terza. Mi sono risparmiata per 16 km dopodiché sono andata, e ho fatto bene! Io non ci credo mai a questa strategia, ma funziona. La consigliano tutti, soprattutto il mio coach. È la mia prima volta a questa gara, non ero mai stata né in Val di Fiemme né in Val di Fassa. La salita finale è…salita! Ma basta saperlo, quando lo sai puoi prepararti”.
Segue al secondo posto in classifica il Team Northug (07h34’11”) capitanato dal fondista norvegese Petter Northug del Team Coop, e dai compagni Valerio Magnani e Alberta Pellegrin. Staccato di poco il Team De-Bo-Sa (07h38’20”) del trio Stefano Detassis, Mattia Bosin e Anna Santini. Il comitato Marcialonga premierà le prime 10 squadre classificate con omaggi offerti dallo sponsor Craft Sportswear.
Ai grandi appassionati di Marcialonga “Superstar Club” che prendono parte in uno o più anni ai tre eventi, con un totale di 231 km portati a termine con gli sci, in bicicletta e di corsa, rientrano tra gli atleti ‘Gold’ Lorenzo Zanon, Simone Paolazzi, Damian Amort, Lorenzo Ziller e Jiri Cadek.
E ora avanti tutta per il 29 gennaio, con la 50.a Marcialonga sugli sci stretti che si prepara a celebrare un traguardo molto importante, come afferma il presidente del comitato organizzatore Angelo Corradini: “Marcialonga è sinonimo di successo, qualsiasi sia la declinazione sportiva. È il DNA di fassani e fiemmesi, è la voglia di collaborare di tanti volontari, ma anche delle istituzioni che non ci lasciano mai soli”.
Il nuovo traguardo sarà per veri scalatori, con la salita di Cascata che si accorcia, ma si aggiunge il ‘Mur de la Stria’: sarà il punto decisivo della gara invernale con una pendenza media al 9,90% e addirittura punti al 20%. Siamo solo a settembre, Marcialonga 2023 fa già palpitare gli appassionati!

Info: www.marcialonga.it

46 RINTOCCHI DELLA DOBBIACO-CORTINA. PRESENTATO IL POSTER DELLA GRANFONDO

46 RINTOCCHI DELLA DOBBIACO-CORTINA. PRESENTATO IL POSTER DELLA GRANFONDO

In Alta Pusteria e in Ampezzo si pensa già alla 46.a Dobbiaco-Cortina del 4-5 febbraio
Il comitato ha presentato la grafica del nuovo ‘poster souvenir’ della gara
Da Landro a Cortina d’Ampezzo per 42 km in classico e in skating
Iscrizioni aperte, quota agevolata fino al 30 settembre

La 46.a Granfondo Dobbiaco-Cortina si fa ancora più interessante. Il 4-5 febbraio la storica granfondo sarà ancora più immersa nella natura e la tradizionale partenza dall’aeroporto verrà spostata in una location particolarmente iconica e magica: a Landro, con le Tre Cime di Lavaredo patrimonio Unesco a fare da sfondo. Nel medesimo weekend andranno in scena le tre giornate di Coppa del Mondo alla Nordic Arena di Dobbiaco. Il Comitato Organizzatore ha proposto il cambio di partenza e così i presidenti dei due comitati organizzatori assieme al sindaco di Dobbiaco hanno trovato il giusto accordo per rendere unici e compatibili due eventi di così alto livello e di grande richiamo internazionale.
Il comitato organizzatore della Dobbiaco-Cortina, presieduto da Herbert Santer e dal vice presidente Igor Gombac, è molto entusiasta e si è messo già all’opera per rendere la 46.a edizione davvero memorabile. Il numero 46 spicca nel nuovo ‘poster souvenir’ creato proprio dallo staff con al centro l’inconfondibile campanile dalla cuspide a cipolla di Dobbiaco, e a fianco quello slanciato ed elegante di Cortina. Sotto ai due campanili sono riportate le date del 1977 – anno in cui si è svolta la prima edizione vinta dal “grillo del Comelico” Maurilio De Zolt (3 medaglie olimpiche e 6 mondiali in carriera) e da Carla Dimai – e l’anno dell’interessante nuova edizione del 2023. Sullo sfondo le caratteristiche Tre Cime di Lavaredo, vero highlight paesaggistico della gara. È possibile richiedere l’opera d’arte in fase d’iscrizione direttamente dalla piattaforma Endu oppure presso l’ufficio gare.
Il tracciato della 46.a Dobbiaco-Cortina sarà identico nelle due giornate e per 42 km si scierà da Landro al centro di Cortina d’Ampezzo, con finish nel piazzale Autostazione: sabato 4 febbraio in tecnica classica e domenica 5 in tecnica libera. Lasciata la maestosa Vista Tre Cime di Landro si viaggerà in direzione Dobbiaco scendendo fino al Lago di Dobbiaco, a 1.5 km dalla Nordic Arena, per poi tornare verso il Cimitero di Guerra, di nuovo al Lago di Landro e Carbonin. Una volta raggiunta la ‘Cima Coppi’ a Passo Cimabanche, il punto più alto con i suoi 1.529 m di quota, il tracciato inizia leggermente a scendere verso Ospitale e dopo aver affrontato le due spettacolari gallerie della vecchia ferrovia delle Dolomiti e transitato a Fiames (sede d’arrivo della scorsa edizione) i fondisti arriveranno infine in centro a Cortina d’Ampezzo, piazzale autostazione. Saranno due sfide accattivanti, adatte ad atleti e amatori che di sci di fondo non ne hanno mai abbastanza.
‘Chi prima arriva meglio alloggia’ e risparmia pure qualche soldo: fino al 30 settembre infatti le iscrizioni sono disponibili ad una quota di 80 euro per la gara in classico e 65 euro per quella in skating, mentre il prezzo della combinata ammonta a 145 euro. Ogni partecipante potrà scegliere il proprio gruppo di partenza durante l’iscrizione online; al raggiungimento del numero massimo previsto il comitato si riserva di chiudere l’accesso alle varie griglie di partenza. La stagione invernale non è molto lontana, l’Alta Pusteria e Cortina saranno le location perfette per mettersi in mostra tra le bellezze naturali che le circondano.
Info: www.dobbiacocortina.org

SOGNARE L’INVERNO E LA GRAN FONDO VAL CASIES. LA GARA “DISEGNATA” PER CAMPIONI E AMATORI

SOGNARE L’INVERNO E LA GRAN FONDO VAL CASIES. LA GARA “DISEGNATA” PER CAMPIONI E AMATORI

Iscrizioni in corsa, e che corsa! La 39.a edizione il 18 e 19 febbraio 2023
Sono quasi 70.000 i finisher delle prime 38 edizioni
30 e 42 km, proposte agonistiche e non competitive per tutti
Tanti grandi campioni hanno “firmato” l’albo d’oro della gara altoatesina

Dal 1984 ben 69.642 partecipanti si sono messi al collo la medaglia di finisher. È successo, e solo lì, alla Gran Fondo Val Casies, pronta a sfondare ampiamente il tetto dei 70.000 arrivati sabato 18 e domenica 19 febbraio 2023.
Sarà l’occasione della 39.a edizione dell’affascinante granfondo sugli sci stretti che da sempre corre nella Valle di Casies e sui territori di Monguelfo e Tesido con due proposte principali, la 30 e la 42 km, in tecnica classica il primo giorno e in tecnica libera il secondo.
L’enorme partecipazione ha visto gareggiare negli anni atleti di alto livello e normalissimi appassionati dello sci di fondo, con circa 40 nazioni rappresentate al via nelle ultime edizioni, ma la gara soprattutto è stata onorata da grandi campioni come Fauner, Di Centa, Zorzi, Canins, Botvinov, Bjoerndalen, Daehlie, Aukland, Noeckler, Clara, Filbrich, Shevchenko, Gloersen, Dementiev, Chervotkin, Confortola, solo per citarne alcuni.
La Gran Fondo Val Casies pare comunque “disegnata” apposta per gli amatori, con un percorso più easy di 30 km, ma non certo senza emozioni, ed uno decisamente agonistico di 42 km con la lunga salita fino a Santa Maddalena.
Per chi non vuole “combattere” col cronometro c’è anche la versione non competitiva “Just for Fun”, stesso tracciato della agonistica, stessi servizi, soprattutto stesso “final party”, quello che a fine gara delizia partecipanti e accompagnatori con un ristoro da… ristorante e preparato dagli chef della vallata.
Iscrizioni aperte e subito il contatore è cominciato a salire. Gli organizzatori ringraziano e ricordano le varie fasi, con la prima che vale fino al 31 dicembre con quote diverse per la gara singola o il doppio evento, sia per agonisti che Just for Fun, e lo sconto del 50% per i nati tra il 20 febbraio 2005 e il 19 febbraio 2007.
Non potrà mancare la manifestazione dedicata ai giovani fondisti, la Mini Val Casies che si disputa sabato 18 febbraio nel pomeriggio.
Alla Gran Fondo Val Casies non è necessaria la scelta del percorso in fase d’iscrizione, si potrà decidere in gara, anche in base al livello di allenamento raggiunto. Affrettarsi ad iscriversi vuol dire anche un miglior gruppo di partenza, e per chi vuole passare un piacevole weekend in questa zona incantevole è bene prenotare per tempo: nel periodo della gara gli hotel in valle raggiungono spesso il tutto esaurito anzitempo.
La Valle di Casies è tanto suggestiva d’inverno quanto in estate e in autunno, occasione per trascorrere qualche giorno rilassante nelle ottime strutture e sfruttare la tipica ospitalità valligiana altoatesina.
Da segnarsi in agenda il 18 e 19 febbraio 2023, e il 31 dicembre per sfruttare la tassa di iscrizione agevolata.
Info: www.valcasies.com

4 SERATE PER SCOVARE LA SOREGHINA 2023. CEDE LA CORONA L’EX “FIGLIA DEL SOL” ZORZI

4 SERATE PER SCOVARE LA SOREGHINA 2023. CEDE LA CORONA L’EX “FIGLIA DEL SOL” ZORZI

Silvia Zorzi con Mauro Pippa, ultimo arrivato alla Marcialonga2022

Marcialonga e Miss Italia alla ricerca della nuova “Figlia del Sol”
A Pieve Tesino, Canazei, Pinzolo e a Scena si assegneranno le 4 fasce Miss Soreghina
Il 13 agosto a Moena verrà incoronata la Soreghina 2023
Lascerà il posto la solare 21enne di Panchià Silvia Zorzi

Inizia a luglio la ricerca per la nuova “Figlia del Sol”, la principessa sportiva che sarà l’ambasciatrice di Marcialonga nelle sue tre discipline. Per il 50° anniversario della ski-marathon, unica nel suo genere e apprezzata dai fondisti di tutto il mondo, il solido comitato vuole lasciare tutti a bocca aperta. “Chi si ferma è perduto” recitava il comico Totò, e Marcialonga quest’anno apre le porte alle giovani ragazze di tutto il Trentino-Alto Adige che, in veste di Soreghina 2023, vogliono promuovere il territorio, lo sport a 360° e i valori positivi che ne derivano.
A gestire l’arduo compito la conduttrice trentina Sonia Leonardi, titolare dell’agenzia SoleoShow, a capo del concorso di Miss Italia regionale. La prima fascia di Miss Soreghina verrà assegnata il 24 luglio a Pieve Tesino, dopodiché si susseguiranno altre tre date, il 26 luglio a Canazei, il 30 luglio a Pinzolo e il 10 agosto a Scena (BZ), prima della finale di Moena prevista il 13 agosto. Potranno ambire al titolo di Soreghina 2023 non solo le quattro ragazze vincitrici della fascia di Miss Soreghina, ma anche le candidate che vorranno partecipare alla serata finale, al di fuori del concorso di Miss Italia.
L’ex Soreghina, Silvia Zorzi di Panchià, lascia lo scettro dopo un anno carico di emozioni a fianco di Marcialonga: “Questa esperienza è stata incredibile. Ho conosciuto tantissime persone, tutte diverse tra loro ma con una cosa in comune: l’amore per lo sport! Mi sono sentita subito parte di tutto quello che riguarda Marcialonga e porterò questo bel ricordo nel cuore per sempre! Il momento in cui mi sono emozionata di più in assoluto, in cui ho provato l’adrenalina dei partecipanti e dove ho sentito le gambe tremare, sono stati gli attimi che hanno preceduto il via della gara invernale. La tensione, la gioia, la concentrazione, la foga, il countdown, tutto l’insieme ha reso quel momento pazzesco, anche per chi non indossava gli sci come me. Devo dire che oltre all’adrenalina e alla gara in sé, Marcialonga mi ha dato molto di più, per esempio un bicchiere di vino in compagnia del Team San Zeno di Montagna per festeggiare l’ultimo arrivato, o le risate regalate da un bambino che alla partenza, mentre lo speaker chiamava tutti i concorrenti allo start, è sfrecciato via con la sua biciclettina ignaro di tutti e tutto”. La solare Silvia, sempre con il sorriso stampato sul volto, ha un consiglio per la futura “Figlia del Sol”: “Alla prossima Soreghina, oltre a suggerire di indossare dei calzettoni pesanti alla ski-marathon, dico di aprirsi, di essere sé stessa, di non avere paura di fare figuracce e soprattutto di divertirsi!”.
La Magnifica Comunità di Fiemme donerà alla vincitrice l’ambita fascia e il gioiello simbolo dell’ente, mentre ITAS Assicurazioni offrirà un premio in denaro. Ragazze di tutto il Trentino-Alto Adige, fatevi avanti!

Info: www.marcialonga.it

IN VAL DI FIEMME ARRIVANO IMPORTANTI CONFERME. IL TOUR DE SKI CULMINERÀ ANCORA SUL CERMIS

IN VAL DI FIEMME ARRIVANO IMPORTANTI CONFERME. IL TOUR DE SKI CULMINERÀ ANCORA SUL CERMIS

Newspower.it Trento www.newspower.it

La Val di Fiemme chiuderà in bellezza il 17° Tour de Ski
Il Consiglio FIS ufficializza il calendario di Coppa del Mondo 2022-23
Il 6, 7 e 8 gennaio tre giornate di gare: Sprint, 15 km e Final Climb sul Cermis
Le tappe in Val Müstair (SUI) e Oberstdorf (GER) anticiperanno quelle fiemmesi

Ora è tutto ufficiale, oggi il Consiglio FIS ha confermato le date della Coppa del Mondo di sci di fondo del calendario 2022-23. Buone, anzi ottime notizie arrivano per il Comitato Organizzatore Fiemme World Cup: il 17° Tour de Ski farà tappa e si concluderà nuovamente in Val di Fiemme, vallata olimpica e mondiale dello sci nordico e non a caso unica località sempre presente dalla nascita del circuito.
I mastodontici autotreni del Tour de Ski approderanno in tre Paesi, si gareggerà inizialmente in Val Müstair (SUI), dove è in programma una Sprint in tecnica libera il 31 dicembre e una 10 km TC il giorno dopo. La carovana si sposterà successivamente in Germania, a Oberstdorf, per una 10 km TC e una 20 km in TL, mentre il grande finale avverrà in Val di Fiemme dal 6 all’8 gennaio, con ben 3 giorni di sfide emozionanti attese al Centro del Fondo di Lago di Tesero e sull’Alpe Cermis.
L’intenso weekend trentino partirà a tutta velocità con una Sprint in TC, terreno favorevole per il valdostano Federico Pellegrino, campione italiano sprint in carica e argento olimpico a Pechino. Il giorno successivo il Centro del Fondo di Lago di Tesero, fulcro degli eventi invernali in valle, si animerà per la 15 km in TC. La degna conclusione sarà riservata, come da tradizione, alla spettacolare Final Climb, o “Monster Climb” come la chiamano i norvegesi, con la scalata all’Alpe del Cermis ancora una volta in tecnica libera con 10 estenuanti chilometri sia per gli uomini sia per le donne. Dalla prossima stagione, infatti, maschi e femmine affronteranno le stesse distanze in tutte le gare, decisione presa a seguito della riunione del Comitato Sci di Fondo della FIS, l’ultima con Vegard Ulvang da presidente.
Lo scorso gennaio conquistava il suo secondo Tour de Ski il fuoriclasse norvegese Johannes Hoesflot Klæbo, mentre al femminile festeggiava la russa Natalia Nepryaeva, entrambi poi vincitori del prestigioso trofeo in cristallo della Coppa del Mondo. Della scorsa stagione rimane la delusione e la sfortuna di Francesco De Fabiani, che nella 15 km appena partito cadeva e rompeva uno sci, concludendo anticipatamente quella che era la “sua” gara.
Con un pizzico d’orgoglio il presidente del comitato fiemmese Bruno Felicetti afferma che si aspettava questa assegnazione: “Le gare della Val di Fiemme sono sempre le più viste e apprezzate nel mondo del fondo. La nostra organizzazione, frutto del lavoro di centinaia e centinaia di volontari, la maniacale preparazione dei tracciati e la bellezza della località non trovano pari. La finalissima sul Cermis è sempre uno spettacolo”. Pietro De Godenz, presidente del Comitato per la promozione dello Sci, aggiunge: “Quella del 2023 sarà una stagione particolare per la vallata trentina, dopo tanti anni non ci sarà l’appuntamento con la combinata nordica poiché lo stadio del salto di Predazzo sta per essere messo sottosopra dai lavori di aggiornamento in vista Olimpiadi 2026. Le tre discipline, salto compreso, ritorneranno di attualità nel 2025 con le gare preolimpiche”.
La Val di Fiemme anno dopo anno riesce a dare dimostrazione di grandi capacità organizzative, un lavoro frutto di centinaia di volontari, appassionati dello sport legati al territorio che si presta perfettamente a questo tipo di eventi.
Info: www.fiemmeworldcup.com

GRAN GALÀ PER I 40 ANNI DEL TEAM FUTURA: ORGOGLIO, TRADIZIONE, FUTURO E PASSIONE

GRAN GALÀ PER I 40 ANNI DEL TEAM FUTURA: ORGOGLIO, TRADIZIONE, FUTURO E PASSIONE

Newspower.it Trento www.newspower.it

A Villa Ciani Bassetti la “festa tra amici” appassionati di sport
Presenti le autorità locali e gli sponsor che supportano il team
Molti aneddoti e storie raccontate da chi ha scritto i 40 anni di storia
Il presidente Andrea Buttaboni: “Il futuro del team inizia oggi”

Atleti del presente, campioni e personaggi del passato e il futuro che verrà: il Team Futura Alta Quota Trentino ha festeggiato sabato 14 maggio i primi 40 anni di gloriosa storia nella splendida location di Villa Ciani Bassetti a Lasino, in Trentino.
40 anni di passione per lo sport, in particolare per lo sci di fondo e lo skiroll, 40 anni di condivisione, di famiglia e di solide amicizie, la storia del team giallo-fluo sembra infinita. Alla piacevole serata di gala erano presenti 150 ospiti e nell’incantevole giardino esterno hanno preso la parola il presidente della FISI Trentino, Tiziano Mellarini, il consigliere FISI Marco Zoller, Giuseppe “Sepp” Chenetti, responsabile delle discipline nordiche e consulente tecnico oltre che ex tesserato negli anni ’90 del team, il consigliere provinciale Pietro De Godenz, Paola Mora, presidente del CONI Trento, ed Enrico Coser, main sponsor del Team Futura.
“L’idea di organizzare una festa era già in programma ad inizio 2020 ma poi … – afferma il presidente Andrea Buttaboni – ci tenevamo soprattutto per una questione di condivisione: siamo una grande famiglia unita dalla passione per lo sci di fondo e per lo sport in generale. Erano due anni che il team non passava del tempo assieme in spensieratezza, e sabato è stato un momento di libertà e il tutto è avvenuto nella maniera più naturale possibile. Ė stato bello vedere presenti 50 atleti – su circa 75 tesserati totali – scambiarsi aneddoti e ricordare i bei tempi passati assieme. Di aneddoti divertenti da raccontare ce ne sono una sfilza – continua Buttaboni – uno fresco che mi ha raccontato Olivo Desilvestro è quando eravamo alla 24h di Pinzolo negli anni ‘80 con la prima squadra italiana in gara; gli atleti giravano 1h a testa e ci si poteva riposare in camper ed alcuni atleti hanno sbagliato camper sfiniti in piena notte, in camper di sconosciuti… Oppure le grosse risate che ci siamo fatti con Cristian Zorzi e Mirko Filippi agli inizi negli anni ’80, quando avevamo tanti ragazzi giovani dai 6 ai 14 anni che facevano parte della squadra di skiroll, si viaggiava tantissimo in lungo e in largo in Italia ed anche all’estero, alcuni momenti non tramontano mai”.
Di storie da raccontare ne hanno parecchie gli atleti del passato Olivo Desilvestro, Sergio Morandini, Attilio Dellagiacoma e Friedrich Nöckler, quest’ultimo uno tra gli atleti più longevi portacolori del team per ben 38 anni. Presente pure Luigi Turri, atleta e poi consigliere del team dal 1981, ed Eugenia Bitchougova, la fondista russa naturalizzata italiana vincitrice della Marcialonga nel 1995 e più volte vincitrice della Gran Fondo Val Casies e della Dobbiaco-Cortina. Un pensiero è stato rivolto inoltre a Roberto Sartori, il fondatore del Team Futura e grande amico, scomparso l’anno scorso all’età di 71 anni. Grazie a loro, Fausto Filippi, Bernardo Trabalzini, Silvano Berlanda e alla loro passione sfrenata per lo sport e per lo sci di fondo, lo skiroll e il ciclismo, il Team Futura ha iniziato il suo lungo viaggio nel lontano 1981.
La serata è continuata all’interno della splendida villa, grandi applausi per il pasticcere Sergio Berlanda che ha preparato la deliziosa torta, e per lo chef Stefano Bertoni, pure appassionato di sport. “La festa – conclude Buttaboni – è stata un punto d’arrivo e di partenza per il nostro team, che si sta già mettendo al lavoro per la prossima stagione. Ora ci sentiamo addosso una grande responsabilità, le basi ci sono e noi ce la metteremo tutta per non deludere le aspettative. Certo, non sarà un compito facile, ma i presupposti per fare bene ci sono e questo è l’importante.
Ringrazio gli sponsor che hanno supportato questi primi 40 anni di storia del team” ed in particolare Enrico Coser che con le Grafiche Futura ha dato il nuovo nome al team nel 2014 ed è diventato la sinergia più longeva della storia del gruppo sportivo lavisano con ben 18 anni di collaborazione. La serata si è conclusa con successo, tutto è andato per il meglio ed ora il Team Futura guarda col sorriso verso il futuro. “Futura” promette bene ed è di buon auspicio: è infatti anche il nome del logo prescelto per rappresentare le Olimpiadi Milano-Cortina 2026. Il futuro inizia oggi!

Info: www.teamfutura.it

‘FIOCCHI’ VERDI BIANCHI E ROSSI A DOBBIACO: AL VIA I GRANDI DEL FONDO ITALIANO

‘FIOCCHI’ VERDI BIANCHI E ROSSI A DOBBIACO: AL VIA I GRANDI DEL FONDO ITALIANO

Giacomo Gabrielli

I Campionati Italiani aprono un appassionante lungo weekend di sport
Presenti gli azzurri di Coppa del Mondo e i giovani talenti
Pubblico ammesso alla Nordic Arena di Dobbiaco
Grande orgoglio da parte di tutto lo staff di Sport Ok Dobbiaco

Nella bella località altoatesina di Dobbiaco inizia il lungo weekend di gare dei Campionati Italiani di sci di fondo. La neve annunciata per i prossimi giorni renderà l’atmosfera alla Nordic Arena ancora più d’incanto per tutto il pubblico presente, pronto a tifare i più forti fondisti nazionali.
Da mercoledì 30 marzo fino a domenica 3 aprile gare non stop per una intensa serie di giornate all’insegna dello sport. Fra i concorrenti molto attesi ci sono Federico Pellegrino e Nicole Monsorno, che nell’ultima prova di Coppa del Mondo a Falun in Svezia hanno sfiorato il podio nella Team Sprint Mix, mentre al Festival Olimpico della Gioventù Europeo di Vuokatti (FIN) l’Italia è stata grande protagonista nella staffetta mista conquistando un argento con Davide Ghio, Hannes Oberhofer, Iris De Martin Pinter e Nadine Laurent.
Si prospettano dunque delle sfide molto interessanti ai Campionati Italiani, ci saranno gli atleti di Coppa del Mondo Caterina Ganz, Greta Laurent, Lucia Scardoni, Francesca Franchi delle Fiamme Gialle, Martina Di Centa (CS Carabinieri), Anna Comarella (FFOO) e tra gli uomini Francesco De Fabiani e Paolo Ventura dell’Esercito, Giandomenico Salvadori e Davide Graz delle Fiamme Gialle, e per le Fiamme Oro, oltre a Pellegrino, saranno presenti Dietmar Noeckler, Simone Daprà e Michael Hellweger. Da non sottovalutare il campione italiano sprint in classico 2021 Giacomo Gabrielli (CS Esercito) e i compagni di squadra Mikael Abram, Maicol Rastelli, Daniele Serra e Giuseppe Montello. Elia Barp (FFGG), vice-campione mondiale sprint della categoria junior, è uno tra i favoriti alla lotta al titolo della specialità assieme al compagno Andrea Gartner e a Mauro Balmetti e Giacomo Varesco delle Fiamme Oro.
Oltre agli atleti appartenenti ai gruppi sportivi militari scenderanno in pista anche le varie squadre italiane come l’Under Up Ski Bergamo, l’ASD Monte Coglians, S.C. Valle Vigezzo, S.C. Valle Pesio, S.C. Alpi Marittime-Entracque, S.C. Capracotta, S.C. Valle Stura, Ski Avis Borgo, U.S. Val Padola, S.C. Prali, Sporting Club Livigno e il Team Robinson Trentino.
Lo start della prima gara sarà domani alle 10 con la prova individuale di 10 km femminile e 15 km maschile in TL, valide per il Campionato Italiano assoluto, U23 e Coppa Italia. Seguirà una giornata di allenamento, mentre venerdì alle 8.30 ci sarà la prova sprint in TC che assegnerà il titolo di campione italiano assoluto-U23, U20 e di Coppa Italia. Sabato dalle 8.30 le staffette miste 3×7.5 km per il Campionato Italiano Assoluto, la 3×5 km femminile e la 4×7.5 km maschile per i Campionati Italiani Giovani. Ultima giornata domenica alle 8.30 con le mass start femminile e maschile in TC valide per il Campionato Italiano Assoluto e U23, la 20 km mass start femminile e la 30 km maschile in TC valide per il Campionato Italiano U20, la 15 km femminile e la 20 km maschile per il Campionato Italiano U18 ed infine la 10 km femminile e la 15 km maschile per la Coppa Italia U16.
Lo Sport Ok Dobbiaco vuole chiudere questa stagione invernale nel migliori dei modi. Il presidente Gerti Taschler è orgoglioso di poter ospitare alla Nordic Arena i grandi nomi del fondo italiano e si aspetta un gran tifo da parte di tutto il pubblico. Dobbiaco sarà inoltre l’ultima tappa di Coppa Italia e domenica verranno premiati i vincitori della Coppa Italia Gamma e Rode. Per vedere le imprese dei fondisti italiani, Fondo Italia trasmetterà le competizioni in diretta streaming. L’inno di Mameli sarà la colonna sonora che accompagnerà queste quattro appassionanti giornate di gara.
Info: www.worldcup-dobbiaco.it

IL TEAM ROBINSON TRENTINO “VOLA”. SI CONFERMA MIGLIOR SQUADRA ITALIANA

IL TEAM ROBINSON TRENTINO “VOLA”. SI CONFERMA MIGLIOR SQUADRA ITALIANA

Newspower.it Trento www.newspower.it

Alla Birkebeinerrennet sesto posto assoluto tra i team
Arrivano gli americani e “Rosie” è settima tra le donne
Didi Nöckler 14° ma nel gruppo dei più forti
Ora la Reistadløpet e poi chiusura con la Ylläs-Levi

La stagione dello sci di fondo sta rapidamente volgendo al termine, ma non è ancora certo finita. È presto per tirare un bilancio definitivo anche per il Team Robinson Trentino, che ha appena messo in archivio la prestigiosa Birkebeinerrennet ed ora è impegnato alla Årefjällsloppet in Svezia, nei luoghi dove il campione Franco Nones, presidente onorario del Team, ha costruito buona parte dei suoi successi e dove tra il resto ha conosciuto la moglie Inger. Tappa successiva per il Team Robinson Trentino, affrontata a ranghi ridotti, sarà la Reistadløpet in Norvegia sabato 2 aprile, e in chiusura la Ylläs-Levi il 9 aprile al gran completo.
Sabato scorso il circuito di fondo Ski Classics ha portato i campioni delle lunghe distanze all’11.a tappa (Birkebeinerrennet), con le quasi scontate vittorie di Andreas Nygaard e Astrid Øyre Slind, quest’ultima capace di battere la campionissima (olimpica e mondiale) Therese Johaug: basta questo per raccontare il livello altissimo raggiunto e consolidato di Ski Classics. Gara durissima di 54 km, ovviamente in classico, che da Rena portava la carovana dei fondisti a Lillehammer. È stata la gran giornata del Team Robinson Trentino, che ha centrato il sesto posto per Team in un ambiente in cui i budget dei più forti si stimano attorno al milione di euro.
Formazione rivista, all’ultimo, per l’impossibilità degli atleti russi di gareggiare a causa del conflitto con l’Ucraina, e integrata con due atleti americani, del resto già annunciati, Rosie Brennan e Scott Patterson.
Una grande giornata, sottolinea il team manager ed ex campione Bruno Debertolis, col sesto posto del Team grazie soprattutto alla 7.a posizione in classifica dell’americana Rosie Brennan e alla 14.a del brunicense Didi Nöckler. Il poliziotto delle FFOO che nelle lunghe distanze corre appunto col Team Robinson Trentino, è arrivato in volata con tutto il gruppone dei migliori, con i primi 18 in un fazzoletto di 6”!
“Sono felicissimo, non avrei mai pensato di poter stare nel gruppo dei primi in una gara così dura e con tanta salita. Stavo molto bene – racconta Nöckler – avevo anche sci ottimi, con un’organizzazione di primordine a supportarmi. Ringrazio FFOO e Team Robinson. Adesso mi aspettano gli Assoluti a Dobbiaco la prossima settimana, poi torno in Finlandia per l’ultima di Ski Classics”. Vale la pena sottolineare che Didi si è piazzato alle spalle di Sundby per 1/10 e davanti a Musgrave pure per 1/10.
Senza gli atleti russi, il Team Robinson Trentino ha comunque dimostrato di essere il più internazionale del circuito, grazie ai due americani Brennan e Patterson tornati dalle Olimpiadi di Pechino con buoni risultati. La Brennan è stata la prima fra le atlete che non hanno sciato in double poling. Ha usato la sciolina e si è messa dietro, nella stessa tecnica, la giapponese Masako Ishida e la norvegese Heidi Weng, il che è tutto dire. Tra le donne, il team di “patron” Casadei ha schierato anche la svedese Frida Erkers (22.a) e Chiara Caminada (41.a), miglior azzurra invece Elisa Brocard (26.a). Tra i maschi il Team Robinson Trentino ha visto gareggiare anche Patrick Fossum Kristoffersen (38°) e l’americano Scott Patterson (56°), 8° alla 30 km olimpica. Era assente causa Covid, purtroppo, l’atteso Gifstad.
Il Team Robinson Trentino è sempre a ridosso dei primi dieci nel circuito Ski Classics e in ogni caso si conferma miglior team italiano delle lunghe distanze.
Tra gli impegni a breve, il Team Robinson Trentino sarà al via dei Campionati Italiani Assoluti di fondo con Asia Patini, Marta Gentile, Caterina Piller, Andrea Bompard, Patrick Klettenhammer, Thomas Rinner e Stefano Dal Magro.
Info: www.robinsonskiteam.com

BATTUTE FINALI PER IL TEAM FUTURA. IL BILANCIO DEL PRESIDENTE BUTTABONI

BATTUTE FINALI PER IL TEAM FUTURA. IL BILANCIO DEL PRESIDENTE BUTTABONI

Newspower.it Trento www.newspower.it

Andrea Buttaboni racconta com’è andata la stagione
Le ‘pagelle’ finali del presidente agli atleti
Il Team Futura Alta Quota Trentino presente ai Campionati Italiani di Dobbiaco
Il 9 aprile ultimo appuntamento in Finlandia

Il presidente del Team Futura Alta Quota Trentino, Andrea Buttaboni, tira le somme di questa stagione che sta ormai pian piano tramontando. Per il team trentino sono 40 anni di storia nel mondo delle granfondo, un lungo cammino fatto di sacrifici accompagnato sempre dall’enorme passione da parte dell’esperto staff e di tutti gli atleti.
“La stagione è stata positiva, un po’ sottotono, ma in generale sono contento poiché non avevamo grosse pretese”, spiega Buttaboni. E continua: “Se guardiamo i risultati non abbiamo avuto grandi exploit, ci sono stati parecchi piazzamenti da parte del contingente maschile e dei bei podi tra le ragazze. Se dovessi dare un voto, darei un 6,5 ai ragazzi e un 7,5 alle ragazze”.
Lo svedese Rickard Ericsson è all’84° posto (primo del team) nel ranking Visma Ski Classics, seguito subito da Riccardo Mich (85°), mentre il fratello Stefano è 89°. Costanti i risultati tra le donne, con Thea Schwingshackl, Julia Kuen e Sophia Innerkofler che hanno dato grande soddisfazione nelle granfondo altoatesine. A inizio anno il Team Futura ha accolto a braccia aperte il ritorno dei campioni russi Sergey Ustjugov e Tatiana Sorina i quali hanno partecipato con i colori del team alla granfondo La Venosta con l’obiettivo di preparare al meglio l’appuntamento a cinque cerchi di Pechino.
I prossimi impegni in ordine cronologico sono il Trofeo Campi di Battaglia al centro fondo Campolongo di Rotzo (VI) per i Master il 20 marzo, i Campionati Italiani Assoluti a Dobbiaco (BZ) dal 30 marzo al 3 aprile e a chiudere la stagione ci sarà l’ultimo Pro Tour Event Ylläs-Levi in Finlandia il 9 aprile, con la 70 km in classico.
Il presidente Buttaboni conclude così: “Dopo Pasqua ci riuniremo con tutto lo staff, faremo il punto della situazione e stileremo i prossimi obiettivi stagionali. Abbiamo affrontato questa stagione con grande spirito di gruppo. Stiamo portando avanti una rivoluzione dal punto di vista societario, da due anni è in atto un processo che si evolve in ottica di miglioramento per tutto il nostro team. Siamo consapevoli che il livello è alto soprattutto tra gli uomini poiché la concorrenza è tanta, sicuramente c’è da migliorare e noi lavoreremo per aumentare il nostro livello”. Chissà se i giallo-fluo riserveranno agli appassionati qualche sorpresa per questo finale di stagione!
Info: www.teamfutura.it