Tag: Newspower

“LA SPORTIVA EPIC SKI TOUR” ATTO TERZO. ITALIA VS FRANCIA TRA CERMIS E BELLAMONTE

“LA SPORTIVA EPIC SKI TOUR” ATTO TERZO. ITALIA VS FRANCIA TRA CERMIS E BELLAMONTE

“La Sportiva Epic Ski Tour” il 22 e 23 febbraio in Val di Fiemme

Domani start sull’Alpe Cermis dopo il ‘pleasure tour’, sabato a Bellamonte

Programma allettante ricco di iniziative di contorno al Palafiemme di Cavalese

Oggi – giovedì 21 febbraio – ultimo giorno per iscriversi

Due giornate da non perdere fra gare di scialpinismo scoppiettanti e intrattenimento dentro e fuori i tracciati innevati, è “La Sportiva Epic Ski Tour”, giunto a festeggiare la terza edizione venerdì 22 e sabato 23 febbraio nella trentina Val di Fiemme. La prima sfida si terrà domani in serata, ma al Palafiemme di Cavalese i prodotti dell’Area Expo saranno a disposizione già dalle ore 10 alle ore 15, con anche la possibilità di testare i materiali degli espositori. Dalle ore 11 alle ore 14.30 si effettuerà l’escursione gratuita per principianti in compagnia di Omar Oprandi e il briefing della prima tappa dalle ore 14 alle ore 14.30. Dal Palafiemme all’Alpe Cermis per lo start della gara, tornando al Palafiemme per il gourmet pasta party dalle ore 19 alle ore 21.30, rigorosamente con prodotti trentini. L’Epic Talk completerà il programma del venerdì, festeggiando all’Epic Party in paese alle ore 22. Sabato invece il pasta party sarà dalle ore 13 alle ore 16, l’Expo nel medesimo orario ed Epic Talk conclusivo.

Allettante anche il programma gare, con ritiro pettorali all’Alpe Cermis nella giornata di domani dalle ore 16 alle ore 17, e start della prima tappa a partire dalle ore 17.30. In contemporanea, la partenza del Tour 4All “La Sportiva Epic Ski Tour” con una guida alpina qualificata ad accompagnare gli appassionati verso il traguardo. Sabato ci si sposterà poco distante, a Bellamonte nel Parco Naturale di Paneveggio, per un’altra giornata tutta da vivere tra le cime del Trentino. Il ritiro pettorali avverrà dalle ore 7 alle ore 8.30, mentre la partenza della seconda tappa sarà alle ore 9, così come per i concorrenti con guida alpina. Tantissimi i protagonisti al via, dai fuoriclasse che conquistarono la passata edizione come il campione del mondo Michele Boscacci e Victoria Kreuzer, al talento cristallino della veneta Alba De Silvestro, campionessa italiana, al trentino Davide Magnini re tra gli ‘espoir’, Matteo Eydallin, capace di battere anche Michele Boscacci in questa stagione, Axelle Gachet-Mollaret, campionessa europea in carica, l’altro francese Xavier Gachet, William Bon Mardion, ex campione del mondo, Patrick “The Hawk” Facchini, l’altoatesino Alex Oberbacher e Federico Nicolini, il trentino ‘enfant prodige’ dello scialpinismo mondiale e primattore tra gli under 23. Un parterre che promette spettacolo e che lotterà per aggiudicarsi il montepremi complessivo di 18.000 euro, e gli amatori a potersi divertire assieme ai migliori interpreti della disciplina, ricordando la possibilità di iscriversi entro la giornata odierna, alla cifra di 79 euro comprensiva di un Base Layer UYN.

Info ed iscrizione: www.epicskitour.com     2

“BUONE NUOVE” ALLA ORTLER BIKE MARATHON. CRESCONO GLI ISCRITTI E TOP ATLETI AL VIA

“BUONE NUOVE” ALLA ORTLER BIKE MARATHON. CRESCONO GLI ISCRITTI E TOP ATLETI AL VIA

Huber

Ortler Bike Marathon il 1° giugno nella venostana Glorenza

Iscritti gli specialisti Urs Huber e Maria Cristina Nisi

Il 29 marzo presentazione della gara in compagnia di Konny Looser

Aumento della quota di iscrizione dopo il 28 febbraio

100 giorni circa alla Ortler Bike Marathon, tante buone notizie in vista della quinta edizione del 1° giugno nell’altoatesina Val Venosta. Attualmente il numero di iscritti supera abbondantemente quota 600 e tra i partenti da Glorenza vi saranno anche atleti del calibro di Urs Huber – campione svizzero specialista delle marathon che giunse terzo nell’itinerario principale della passata edizione – e la fuoriclasse italiana Maria Cristina Nisi, la quale ha recentemente cambiato squadra tornando così nella sua Toscana.

Confermati i due tracciati, capaci di conquistare i palati più esigenti dei concorrenti su ruote grasse, gustandosi dopo la partenza dalla “Bomboniera dell’Alto Adige” il marathon di 90 km e 3000 metri di dislivello o il classic di 51 km e 1600 metri di dislivello. Nel mezzo un’infinità di meraviglie e attrazioni turistiche quali il Monastero di Monte Maria, il Lago di Resia dalle cui acque spunta il campanile sommerso, e ancora Castel Coira al cui interno i bikers sfileranno, facendo ritorno a Glorenza dopo qualche ora e la sensazione di aver compiuto anche un giro culturale e turistico, senza ovviamente perdere d’occhio il cronometro. L’attesa è tanta, i corridori d’élite non si faranno attendere, ma Huber e Nisi sono indubbiamente candidati a posizionarsi sopra uno dei gradini del podio. Le quote d’iscrizione agevolate sono in scadenza a fine mese, a 70 euro comprensivi di pacco gara costituito da una sport bag firmata Ortler Bike Marathon, oppure a 55 euro senza usufruire di quest’ultima. Le tariffe citate rimarranno tali anche per le iscrizioni effettuate il 29 marzo durante la presentazione della gara, in compagnia del corridore svizzero dal folto palmarès Konny Looser, capace di ottenere ottimi risultati schierandosi proprio al fianco del connazionale Huber.

La neve ora abbonda in Val Venosta, e i bikers dovranno pazientare ancora qualche mese per testare i percorsi di gara, probabilmente disponibili a partire dal mese di aprile, ma nell’attesa sarà bene pensare ad iscriversi per tempo, l’organizzazione merita e la Ortler Bike Marathon è divenuta in pochi anni una delle competizioni più ricercate del panorama nazionale.

Info: www.ortler-bikemarathon.it “

BIATHLON CHE PASSIONE IN VAL MARTELLO. DUE SPRINT E SUSPENSE ALLA MASS START 60

BIATHLON CHE PASSIONE IN VAL MARTELLO. DUE SPRINT E SUSPENSE ALLA MASS START 60

IBU Cup in Val Martello dal 14 al 17 marzo

Centro del Biathlon innevato e all’avanguardia

Doppia prova sprint e Mass Start 60 domenicale

Russi favoriti alle ultime tappe della stagione

La Val Martello si trova nella parte occidentale dell’Alto Adige ed è una piccola valle laterale della Val Venosta, è celebre per la produzione di fragole, per lo scialpinismo e per un Centro del Biathlon che in questa stagione ospiterà – dal 14 al 17 marzo – le ultime tappe dell’IBU Cup.

Il programma sarà allettante, con possibilità di allenarsi a partire dalla giornata di martedì, anticipando di qualche ora il meeting dei capitani. Allenamento ufficiale anche nella giornata seguente fino alle ore 14, prima di prender parte alla sprint della giornata di giovedì, di 7.5 km per le donne e di 10 km per gli uomini.

Venerdì di recupero e di preparazione in vista di una nuova sprint che coinvolgerà i biatleti nella giornata di sabato, sulle medesime distanze della precedente, completando il festival di gara alla volta di un curioso (ed inedito) appuntamento domenicale alla Mass Start 60, dove si sfideranno sessanta atleti contrariamente ai consueti 30. Un format innovativo ed una sperimentazione che verrà testata in Val Martello, per vedere se potrà avere seguito anche in futuro. Il Centro del Biathlon si trova in una posizione che sovente “garantisce” la presenza di neve, in modo tale da far divertire gli sciatori dal mese di novembre fino all’inizio della primavera. Il Centro è dotato di un poligono con 30 postazioni di tiro elettroniche e la favorevole altitudine di 1.700 metri concede anche a tutti gli appassionati un perfetto allenamento in quota. 12 km di piste e un Centro all’avanguardia nel settore, per accogliere i protagonisti dell’IBU Cup nel migliore dei modi, immersi nel paesaggio naturale del Parco Nazionale dello Stelvio. Numerosi gli atleti candidati alla vittoria, in particolare i russi come Anton Babikov, Alexander Povarnitsyn, Sergey Korastylev e Victoria Slivko tra le donne, ma attenzione alle outsider Ingela Andersson, Elisabeth Hoegberg, Nadine Horchler e Janina Hettich.

Un poligono attrezzato, un centro totalmente innevato e uno scenario da favola, completato dalla perfetta combinazione tra innevamento artificiale e naturale. La Val Martello in pochi anni è riuscita a conquistarsi uno spazio importante nel panorama mondiale in una disciplina elettrizzante come il biathlon, e dal 14 al 17 marzo nella bella vallata delle fragole saranno attese circa 40 nazioni e 200 atleti.

Info: www.biathlon-martell.com e www.biathlonworld.com =MsoNo

LE “VOLPI BIANCHE” DEL TEAM FUTURA. BINOMIO ITALIA-RUSSIA E GRANDE LAVORO SUI GIOVANI

LE “VOLPI BIANCHE” DEL TEAM FUTURA. BINOMIO ITALIA-RUSSIA E GRANDE LAVORO SUI GIOVANI


Chervotkin alla GF Val Casies

Buoni risultati per la squadra trentina nella prima parte di stagione

Un team fondato negli anni ’80 da un gruppo di amici e divenuto grande

Sfilata di campioni olimpici con i colori del Team Futura, ma under 30 in primo piano

Dementiev si prende la Moonlight Classic, ad Alexey Chervotkin la GF Val Casies

ASD White Fox – Team Futura, un nome una garanzia per lo sci di fondo italiano ed internazionale, con tanti nomi prestigiosi – anche stranieri – riuniti sotto l’egida della squadra trentina di sci di fondo, nato ad inizio anni ’80 dall’idea di un gruppo di amici di poter fondare una squadra che potesse giocarsela a viso aperto con chiunque. Le “Grafiche Futura” sono il main sponsor del team di Lavis, con le ultime annate vissute in prima linea tra atleti impegnati nelle competizioni e i membri del comitato nell’organizzazione della ‘Granfondo Millegrobbe’ di Lavarone e Luserna e della ‘3 Comuni Roll’ di skiroll sul Monte Bondone. Nel mezzo l’allestimento di una squadra che potesse competere ad alti livelli nel challenge Visma Ski Classics, costituito da prove d’élite come le leggendarie Marcialonga e Vasaloppet.

Un palmarès sontuoso quello del Team Futura, a vantare vittorie alla Marcialonga e alla Millegrobbe, senza dimenticare altre sfide prestigiose quali la Gran Fondo Val Casies e la Dobbiaco-Cortina, le svariate medaglie ai Mondiali master e i piazzamenti nel circuito Visma Ski Classics. Una stagione più che positiva per il Team Futura è anche quella corrente, con la vittoria del campione olimpico Evgenj Dementiev alla Moonlight Classic del mese scorso nella 30 km. In questo evento il Team vanta anche il primo piazzamento italiano grazie al quinto posto di Manuel Amhof, oltre al quindicesimo di Marco Crestani. Il fiemmese Riccardo Mich è giunto invece sesto nel tracciato di 15 km al chiar di luna. Un ottimo riscaldamento prima della Marcialonga di Fiemme e Fassa della medesima settimana, coronato dal 29° posto assoluto di Alexander Legkov.

Numerose ancora le sfide da affrontare per l’ASD White Fox – Team Futura, recentemente impegnato anche alla Gran Fondo Val Casies dove l’esperto Reinhard Kargruber si è esibito sul proprio terreno di caccia, giungendo 4° nel tracciato di 30 km in tecnica classica. 5° Riccardo Mich, reduce da un’altra buona prestazione. Superlativi nel 42 km in TC Manuel Amhof, a cui il podio è mancato per un soffio, e Stefano Mich, 6°. Nella giornata successiva in tecnica libera tripudio per Alexey Chervotkin, sfilato sul traguardo in prima posizione. “Buone nuove” per il Team Futura anche nel 30 km in tecnica libera, con Patrick Klettenhammer 4°, e a seguire i piazzamenti di Manuel Amhof – sempre positivo in questa stagione – e Julian Brunner, rispettivamente in 5.a e 6.a posizione. Importante il lavoro del Team Futura sui ragazzi under 30, aspettando il coronamento della stagione agonistica con la prova di casa per le ‘volpi bianche’, l’amata Millegrobbe 3.0 del 23 e 24 marzo sull’Alpe Cimbra.

Info: www.teamfutura.it

EPIC SKI TOUR AD UN PASSO DAL TRAGUARDO. CHIUSURA ISCRIZIONI GIOVEDÌ 21 FEBBRAIO

EPIC SKI TOUR AD UN PASSO DAL TRAGUARDO. CHIUSURA ISCRIZIONI GIOVEDÌ 21 FEBBRAIO

“La Sportiva Epic Ski Tour” il 22 e 23 febbraio in Val di Fiemme

Tanti protagonisti iscritti alla terza edizione tra Alpe Cermis e Bellamonte

Festa anche… sul percorso con ristori in musica

Iscrizioni a 79 euro comprensive di un Base Layer UYN in scadenza

“La Sportiva Epic Ski Tour” in avvicinamento, con una miriade di protagonisti e appuntamenti degni di nota riservati a tutti gli appassionati di scialpinismo. Due tappe da non perdere tra Alpe Cermis e Bellamonte, il 22 e 23 febbraio in Val di Fiemme con quartier generale a Cavalese, parola del responsabile dell’evento Kurt Anrather: “Abbiamo campioni del mondo e di vertice in diversi paesi ma vogliamo anche creare questo comparto all’interno del progetto che sono gli scialpinisti della domenica, i quali avranno meno dislivello da affrontare rispetto ai campioni”. Un programma davvero da non perdere: “Venerdì la salita del Cermis mutuata dal Tour de Ski – prosegue Anrather – con le pelli di foca diventa ‘4ALL’“.  In Val di Fiemme anche la seconda tappa, al Parco di Paneveggio: “Lo scialpinismo è in crescita, è aumentato tra i ‘bisonti’, organizziamo parecchi eventi collaterali per promuovere la disciplina come Epic Party ed Epic Talk, premiazioni al Palafiemme e piatti tipici trentini”. 14 nazioni hanno accompagnato “La Sportiva Epic Ski Tour” negli anni, e questa settimana competeranno anche i campionissimi della scorsa edizione – Michele Boscacci e Victoria Kreuzer – oltre a membri della nazionale italiana e francese. Al via anche atleti del calibro di Alba De Silvestro, Davide Magnini, Matteo Eydallin, Axelle Gachet-Mollaret, Xavier Gachet, William Bon Mardion, Patrick Facchini, Alex Oberbacher e Federico Nicolini. A circa tre quarti del percorso 4ALL di sabato nel Parco di Paneveggio ci sarà anche un ristoro con musica dal vivo”, ad incitare i concorrenti nella piana situata poco prima dello Chalet 44, il tutto per creare un’atmosfera coinvolgente ed appassionante. Le iscrizioni stanno però per chiudere e giovedì 21 febbraio sarà l’ultimo giorno utile, alla cifra di 79 euro comprensiva di un Base Layer UYN. Tanta curiosità verterà anche sull’Epic Talk con un tavolo importante, a cominciare da Lorenzo Delladio de “La Sportiva”, Marco Felicetti di Fiemme 3000, Davide Bonalumi di Engel & Völkers, il consigliere provinciale Pietro De Godenz, Giuseppe Bovo di UYN, il responsabile degli impianti di Bellamonte Luca Guadagnini e di quelli dell’Alpe Cermis Giulio Misconel, ad intrattenere i presenti nella giornata di venerdì sera. Sabato pomeriggio al Palafiemme altro Epic Talk raccontando la tappa appena trascorsa assieme a tanti protagonisti e personalità, quali il sindaco di Cavalese Silvano Welponer, il direttore di APT Fiemme Giancarlo Cescatti, l’ex assessore Mauro Gilmozzi, i giornalisti Luca Castaldini e Ugo Merlo e la guida alpina Omar Oprandi, il quale venerdì mattina porterà gli appassionati al “pleasure tour” gratuito che ha già chiuso le iscrizioni: “Ci sono delle persone in lista d’attesa rimaste fuori. Le invitiamo a riprovarci il prossimo anno”, afferma Anrather. L’assessore al turismo del comune di Cavalese Paolo Gilmozzi, il sindaco di Carano Andrea Varesco e il sindaco di Trodena Michael Epp saranno tutti partecipanti alla terza edizione, in una sorta di abbraccio collettivo ad un evento che ha tutto il sostegno da parte della comunità locale. Probabilmente parteciperà all’Epic Talk anche la leggenda delle cime innevate Simone Moro, sarebbe davvero la ciliegina sulla torta.

Info ed iscrizione: www.epicskitour.com  

MILLEGROBBE 3.0: SCI DI FONDO ALLO ZENIT. ALPE CIMBRA IMBIANCATA E QUOTE SUPER

MILLEGROBBE 3.0: SCI DI FONDO ALLO ZENIT. ALPE CIMBRA IMBIANCATA E QUOTE SUPER

Millegrobbe 3.0 sull’Alpe Cimbra il 23 e 24 marzo

Tecnica libera di 10 km in notturna e classica in diurna lungo 30 km

Percorso in fase di completamento per l’ultima tappa Gran Fondo Master Tour

Iscrizioni (anche per una singola prova) in scadenza il 28 febbraio

Che bella l’Alpe Cimbra imbiancata! Il Team Futura White Fox e lo Sci Club Millegrobbe sono alle prese con l’allestimento della pista in vista della Millegrobbe 3.0, una delle ultime granfondo della stagione agonistica, prevista nelle giornate del 23 e 24 marzo in Trentino.

Come spesso accade i migliori avvenimenti si fanno attendere, e tra poco più di un mese i fondisti potranno sfrecciare sul manto innevato di una delle prove più sentite, anche e soprattutto per il format di gara, unico ed avvincente. Sull’Alpe Cimbra le neve di certo non manca, ma il comitato organizzatore sta aspettando altri fiocchi innevati per ultimare gli ultimi collegamenti di un tracciato situato all’interno di uno scenario immacolato. Importante sarà anche un calo delle temperature in modo da compattare il tutto, mettendo così a disposizione dei fondisti che competeranno nell’ultima prova del challenge Gran Fondo Master Tour una gara eccellente in versione ‘double face’, sia in notturna che in diurna.

La 35.a edizione della Millegrobbe 3.0 verrà proposta infatti sia in tecnica libera che classica, con la sfida serale di sabato 23 marzo a svilupparsi in tecnica libera Mass Start, velocissima poiché di soli 10 chilometri, una bella sgambata in notturna prima dell’appuntamento clou. Nella giornata successiva si replicherà e saranno 30 i chilometri da percorrere in tecnica classica, ricordando che è possibile partecipare anche ad una singola prova, partendo ed arrivando al Centro Fondo Millegrobbe sull’Altopiano Cimbro di Lavarone e Luserna. Lo sci di fondo vedrà il proprio zenit in quest’area del Trentino, dove la fatica viene accompagnata dalle tipicità locali e dagli eventi di contorno. La Millegrobbe 3.0 celebra la 35.a edizione di un contest fondistico che ha molto da raccontare, d’altronde 35 anni sono frutto di programmazione e se la manifestazione continua a far divertire gli atleti anche oggi il merito è da condividere con Comune di Lavarone, APT di Folgaria, Lavarone e Luserna e gestori della Malga Millegrobbe/Centro Fondo Millegrobbe; la Millegrobbe 3.0 è importante per tutta la comunità cimbra, anche per quella che non calza gli sci stretti.

Le iscrizioni sono aperte a 25 euro per la gara singola o a 40 euro per entrambe le prove, il tutto da saldarsi entro il 28 febbraio.

Info: www.millegrobbe.ski  

I DATI TECNICI DELLA ÖTZI ALPIN MARATHON. IL MARTEDÌ Ė D’ORO PER LO SCIALPINISMO

I DATI TECNICI DELLA ÖTZI ALPIN MARATHON. IL MARTEDÌ Ė D’ORO PER LO SCIALPINISMO

16.a Ötzi Alpin Marathon a Naturno in Alto Adige il 27 aprile

Ogni martedì fino alle ore 22 si potrà testare l’ultimo tratto

42.2 km e 3266 metri di dislivello (MTB, corsa e skialp) sino al ghiacciaio della Grawand

Iscrizioni a 80 euro in singolo e 185 euro in staffetta, 100 euro per il camp

Imperdibile Ötzi Alpin Marathon, il 27 aprile in Alto Adige.

Lo scialpinismo è la disciplina che maggiormente si avvicina al magico mondo delle cime innevate, avendo l’opportunità di vedere da vicino l’orizzonte che si staglia su di esse. Scialpinismo significa salire una montagna coperta di neve in un ambiente unico, uno sport antico, nato come necessità quando gli sci venivano usati per raggiungere nuovi luoghi e – se necessario – oltrepassare persino montagne.

Lo scialpinismo è anche un’alternativa alle piste affollate, e ogni martedì fino alle ore 22 i concorrenti della Ötzi Alpin Marathon potranno testare un tracciato identico a quello da percorrere alla sedicesima edizione del prossimo aprile. Un triathlon estremo – un po’ come la storia dell’Uomo del Similaun da cui l’evento prende il nome – da affrontare lungo 42.2 km e 3.266 metri di dislivello sino al mitico ghiacciaio della Val Senales.

Il percorso della Ötzi Alpin Marathon conduce i partecipanti da Naturno al Monte Sole e da lì a Madonna di Senales in MTB, proseguendo di corsa sino a Maso Corto in Val Senales, dove inizia il sentiero scialpinistico denominato dei “Contrabbandieri” fino alla stazione a monte delle Funivie Ghiacciai.

I concorrenti potranno compiere l’impresa affrontando tutto il percorso in modo individuale, oppure suddividersi la fatica gareggiando in staffetta, col primo atleta a concentrarsi sui 24.2 km e 1.538 metri di dislivello in mountain bike, il secondo sul tratto di corsa che supera i 495 metri di dislivello lungo 11.3 km di itinerario, e il terzo sul tracciato di scialpinismo per un totale di 6.7 km all’insù fino a raggiungere quota 3.212 metri.

Un menù allettante testabile anche qualche giorno prima, grazie al camp di allenamento proposto dagli organizzatori di ASD Senales, martedì 9 aprile nel tratto di scialpinismo da percorrere assieme a Roland Osele da Maso Corto fino alla cima del ghiacciaio Grawand, mercoledì 10 aprile in mountain bike assieme a Daniel Jung da Naturno, Monte Sole fino a Madonna di Senales, e giovedì 11 aprile correndo in montagna spalleggiati da Daniel Jung da Madonna di Senales, Vernago, fino a Maso Corto. Uno workshop aggiuntivo su sport e salute completerà il tutto, ricordando le tariffe di iscrizione al Camp di 100 euro complessivi, oppure a 30 euro per ogni singola tappa del Camp e a 25 euro per il singolo workshop, coronando poi i propri sforzi alla Ötzi Alpin Marathon, le cui quote ammontano a 80 euro (singolo) o 185 euro (staffetta).

Per info ed iscrizioni camp e gara: www.oetzi-alpin-marathon.com e info@oetzi-alpin-marathon.com }a.ht

MARCIALONGA 2020 IL 26 GENNAIO. BINARI “TRICOLORI” PER L’APERTURA ISCRIZIONI

MARCIALONGA 2020 IL 26 GENNAIO. BINARI “TRICOLORI” PER L’APERTURA ISCRIZIONI

47.a Marcialonga di Fiemme e Fassa da Moena a Cavalese

Italiani alla tastiera dal 4 al 22 marzo a quote agevolate

Iscrizioni aperte ai valligiani in ufficio Marcialonga a partire da oggi

Marcialonga Craft il 2 giugno e Coop il 1° settembre

La Marcialonga di Fiemme e Fassa è appena sfilata via, le emozioni corrono veloci ed è già ora di pensare al 2020, perché appena conclusa una Marcialonga ‘se ne fa un’altra’, e la prossima e 47.a edizione della prestigiosa ski-marathon trentina andrà in scena il 26 gennaio 2020: “L’atmosfera di Marcialonga è nell’aria, sulla pista è ancora possibile sciare e, sull’onda dell’entusiasmo per l’edizione appena conclusa in modo straordinario, ti invitiamo fin da ora a prenotare il tuo pettorale 2020, in programma come da tradizione l’ultima domenica di gennaio”. Un appuntamento ancora lontano, ma alla Marcialonga – si sa – non iscriversi subito potrebbe costare caro. In questo periodo dell’anno infatti il comitato riserva un’apertura speciale a tutti gli appassionati di sci di fondo, in particolar modo a quelli nostrani, i quali avranno una finestra loro dedicata e a quote più che vantaggiose. Le porte dell’ufficio Marcialonga a Predazzo verranno spalancate prima di tutto ai valligiani, in una sorta di ringraziamento per l’impegno profuso nella gara che è un simbolo per tutta la comunità di Fiemme e Fassa, con l’apertura iscrizioni a partire da oggi ai residenti che avranno la possibilità di recarsi alla sede sita in località Stalimen a Predazzo (aperta dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 18). Tutti gli altri concorrenti del Belpaese dovranno pazientare solamente qualche giorno, perché la possibilità di iscriversi riservata agli italiani sarà dal 4 al 22 marzo, mentre le registrazioni online a disposizione di tutti apriranno invece il 10 giugno. Le quote per i partecipanti italiani saranno di 75 euro entro il 22 marzo, di 80 euro entro l’11 giugno e di 90 euro a partire dal 12 giugno, con 99 euro per gli stranieri a partire dal 10 giugno. In sede Marcialonga – ma anche al sito web della manifestazione – si potranno scoprire infine le collezioni di abbigliamento e i gadget, con l’opportunità di iscriversi o richiedere informazioni anche sulla granfondo ciclistica Marcialonga Craft del 2 giugno a Predazzo con percorsi rinnovati, e sulla gara di corsa, singola o a staffetta, Marcialonga Coop del 1° settembre, da Moena a Cavalese lungo il fluire del torrente Avisio.

Info: www.marcialonga.it !1;if(c=e.tr

18.a GARDA TRENTINO HM: ARE YOU READY? APERTURA ISCRIZIONI IL 1° MARZO

18.a GARDA TRENTINO HM: ARE YOU READY? APERTURA ISCRIZIONI IL 1° MARZO

Garda Trentino Half Marathon a Riva del Garda il 10 novembre

Una manciata di giorni all’apertura iscrizioni della 18.a edizione

Percorsi confermati e tariffe già da non perdere

Aggiungendo 2 euro alla quota di partecipazione si aiuterà a fare del bene

La Garda Trentino Half Marathon di Riva del Garda non si ferma – mai – ricominciando a correre verso la diciottesima edizione di un evento entusiasmante che avrà luogo il 10 novembre 2019.

Confermati in toto i tracciati di gara e l’Expo che intratterrà i presenti nel weekend della manifestazione, con la mezza maratona di 21 chilometri a sfrecciare sul Garda Trentino e i più brevi 10 chilometri a partire da Arco prima di giungere sulla medesima finish line dell’itinerario principale.

La data che tutti gli appassionati dovranno segnare in rosso sul proprio calendario podistico è quella del 1° marzo per correre ad iscriversi; è vero, mancano ancora molti mesi alla gara, ma assicurare la propria presenza alla cifra di 26 euro per competere alla 21K, 15 euro per la 10K o 10 euro per la Kids Run, passeggiata dedicata ai figli dei concorrenti e ai piccoli della corsa e che ogni anno piace sempre più, garantirà un proseguo più sereno nella propria marcia di avvicinamento in vista dell’appuntamento clou con la Garda Trentino Half Marathon.

Nell’attesa, il comitato presieduto da Sandro Poli prepara nuove sorprese anche per quanto riguarda i gadget, intrattenendo sui social gli appassionati della corsa, i quali non dovranno ‘mollare’, tenendosi in costante allenamento: “La maggior parte delle persone corrono una gara per vedere chi è il più veloce. Io corro una gara per vedere chi ha più coraggio”, disse il middle e long-distance runner americano Steve Prefontaine detto “Pre”, e il 10 novembre andrà in scena una competizione che vede tutti protagonisti, dal primo a giungere sul traguardo all’ultimo che vi ci si trascinerà…

Uno dopo l’altro, alla Garda Trentino Half Marathon arrivano tutti, il contest trentino piace anche per la miriade di iniziative di contorno e per il format in gran parte ‘pianeggiante’ che non richiede una grande preparazione. La diciottesima edizione è sfida aperta a tutti, ricordando il progetto di solidarietà portato avanti dagli organizzatori che prevede la possibilità per il partecipante di aggiungere 2 euro alle tariffe di iscrizione, cifra poi raddoppiata dal comitato in favore delle associazioni di beneficenza. Are you ready?

Per info: www.trentinoeventi.it     .getTime(),

UN CAMPIONE DEL MONDO ALL’EPIC SKI TOUR. MICHELE BOSCACCI INVITA A PARTECIPARE

UN CAMPIONE DEL MONDO ALL’EPIC SKI TOUR. MICHELE BOSCACCI INVITA A PARTECIPARE

Michele Boscacci

“La Sportiva Epic Ski Tour” il 22 e 23 febbraio in Val di Fiemme

Michele Boscacci parteciperà alla terza edizione dopo aver vinto nel 2018

Alpe Cermis e Bellamonte le due tappe – venerdì ‘pleasure tour’ gratuito

Iscrizioni a 79 euro comprensive di un Base Layer UYN di pari valore

Il testimonial ufficiale di una gara ‘epica’ non poteva che essere un campione ‘epico’ nonché campione del mondo, Michele Boscacci, atleta e personaggio tutto da scoprire dotato di un importante palmarès, il quale sarà al via de “La Sportiva Epic Ski Tour” del 22 e 23 febbraio nella trentina Val di Fiemme.

Nasce il 4 Gennaio 1990 a Sondrio, e già all’età di 5 anni inizia a sciare, inizialmente è il nonno Umberto che lo segue e lo sostiene in questa grande passione che accomuna tre generazioni della famiglia Boscacci. Il nonno lo porta a vedere le gare di papà Graziano, che in quegli anni scrisse la storia dello sci alpinismo, e nel frattempo Michele cresce e inizia a correre le sue prime gare, anche se in tenera età mostra già di avere la stoffa del campione. Il valtellinese si aggiudicò tutte e tre le tappe della scorsa edizione de “La Sportiva Epic Ski Tour”: “Una bella gara e una bella formula che è poco invasiva a livello fisico, non si affrontano tappe troppo dure o eccessivamente lunghe, una cosa un po’ più easy. Ne esci in maniera differente”, afferma la stella azzurra dello skialp. Perché partecipare? “Per godersi più giorni di sport e una bella atmosfera, tappe di relativa difficoltà sia in pista che fuori pista, consiglierei l’Epic Ski Tour a tutti gli appassionati, una sfida che non va oltre le loro capacità”, prosegue Boscacci. Come ti prepari ad affrontare una stagione lunga ed impegnativa? “Mi sono preparato tanto la scorsa estate, ho pedalato diversi chilometri facendo le mie solite gare di corsa e vertical”. Quali i prossimi obiettivi? “Tengo particolarmente a far bene il circuito di Coppa del Mondo con i Mondiali in Svizzera ad inizio marzo, ci sono tanti atleti forti e non sarà facile”. Abbiamo visto che l’avventuriero e mental coach Alex Bellini ti ha citato nel suo ultimo libro… “Con Alex ci conosciamo, abbiamo avuto occasione di parlare, mi ha fatto veramente piacere e lo stimo molto sia come persona che come atleta”. Cosa deve fare chi si avvicina per la prima volta allo scialpinismo, magari affrontando il ‘pleasure tour’ de “La Sportiva Epic Ski Tour” o le tappe in compagnia di una guida alpina qualificata? “Consiglio di provare a praticare questo sport senza porsi grandi obiettivi, c’è quasi una moda di fare gare fuori portata, anche per chi si permette di provare poche ore a settimana. Lo scialpinismo va praticato nei ritagli di tempo iniziando ad appassionarsi e vedendo poi dove si può arrivare, soprattutto per divertirsi, ogni cosa forzata non può venire bene”, conclude.

L’evento del 22 e 23 febbraio vedrà la presenza del campione del mondo Michele Boscacci, ma è innanzitutto improntato sull’amatore e l’appassionato, il quale si potrà godere due giornate da non perdere in Trentino e perché no, vedere all’opera i migliori interpreti della disciplina tra Alpe Cermis e Bellamonte all’interno del Parco di Paneveggio con la possibilità – rivolta ai meno esperti – di avere al proprio fianco una guida alpina. Il venerdì mattina anche con un’uscita gratuita ‘pleasure tour’ con i materiali forniti da “La Sportiva”, a rendere la salita più dolce. Le iscrizioni per partecipare alla terza edizione de “La Sportiva Epic Ski Tour” sono aperte, basterà saldare la cifra di 79 euro comprensiva di un Base Layer UYN di pari valore.

Info ed iscrizione: www.epicskitour.com   /