Tag: mtb

DOLOMITI SUPERBIKE IN TUTTE LE SALSE. LA VERA MTB, PROVARE PER CREDERE!

DOLOMITI SUPERBIKE IN TUTTE LE SALSE. LA VERA MTB, PROVARE PER CREDERE!

Il 9 luglio a Villabassa la 27.a edizione di una gara unica
Il primo dicembre aprono le iscrizioni, mille motivi per esserci
Gare e attività in mtb per tutti i gusti, si è pensato anche alle coppie
Un’ottima occasione per fare o farsi un bel regalo per Natale

Se tanti hanno già riposto in garage la propria mtb, è comunque già ora di pianificare la prossima stagione e fare un pensierino al 9 luglio e a Villabassa, in Alto Adige. Ci sono tante offerte e proposte di eventi per le ruote artigliate, facile con un click prenotare un pettorale e sognare già la griglia. Gare lunghe e corte, dure o facili, dal corollario più o meno importante. In Alto Adige dal 1995 la Dolomiti Superbike ha fugato ogni dubbio, per tutti.
“Provare per credere” era un vecchio slogan pubblicitario che Kurt Ploner, inventore dell’evento altoatesino, organizzatore e presidente, ma soprattutto biker, prova a fare suo.
Per chi ha voglia di trascorrere un bel weekend lungo sulle Dolomiti altoatesine: Dolomiti Superbike! Per chi ai primi di luglio avrà bisogno di fuggire dalle calure delle città e salire all’aria buona di montagna: Dolomiti Superbike! Per chi cerca una gara dura ma comunque pedalabile: Dolomiti Superbike con i suoi 123 km e 3.400 m. di dislivello! Per chi invece preferisce una gara alla portata di tutti ma che regali emozioni e scenari da favola: Dolomiti Superbike col percorso “classic” di 60 km e 1.570 m di dislivello, decisamente affrontabile anche da chi ha pochi chilometri nelle gambe! Per chi non vuole lasciare inattivo compagno, compagna o figli? Dolomiti Superbike con le sfide Lui&Lei (ma anche Lei&Lei o Lui&Lui) e Junior Trophy! Per chi vuole farsi il più bel selfie dell’anno in mtb: Dolomiti Superbike al transito sotto la Croda Rossa, alla vista Tre Cime, ai laghi di Dobbiaco e Landro e a Prato Piazza! Per chi, seppure amatore, vuole sentirsi festeggiato un giorno come campione? Dolomiti Superbike! Per chi possiede la E-mtb ma non ama le sfide forti? Dolomiti Superbike con l’escursione a Prato Piazza la domenica, con pranzo di montagna tipico altoatesino!
Argomenti per scegliere di partecipare al programma della Dolomiti Superbike 2022 ce ne sarebbero ancora una… montagna. Intanto il primo passo è prenotare un posto in griglia dal primo di dicembre, quando apriranno ufficialmente le iscrizioni.
È possibile iscriversi online tramite il sito www.dolomitisuperbike.com, anche se i tesserati FCI devono, obbligatoriamente, registrarsi attraverso il fattore K (fci.ksport.kgroup.eu/Fci/) mediante la società sportiva di appartenenza. La cifra di adesione fino al 31 dicembre è di 85 euro. Vale la pena sottolineare che i servizi della Dolomiti Superbike (…provare per credere!) sono davvero ad altissimo livello, che l’organizzazione considera l’importanza degli amatori alla pari dei top riders se non maggiore, e che solitamente il ricco pacco gara ha un valore che supera quello dell’iscrizione.
Farsi o fare un bel regalo di Natale? Dolomiti Superbike, of course!
Info: www.dolomitisuperbike.com

Ciocco: terre di poeti e canzoni d’autore. In 15 a ballare sul podio con l’oro inedito

Ciocco: terre di poeti e canzoni d’autore. In 15 a ballare sul podio con l’oro inedito

Domani su il sipario del Campionato Mondiale UCI Marathon Master
Si corre nella ‘valle del bello e del buono’ dove il tempo… corre
64 km e 2600 metri di dislivello con tutto quello che la mtb richiede
A ricordare che il Ciocco è storia anche Pezzo, Pallhuber, Bonazzi e Simoni

“Il mondo mi spaura e ho scelto la valle del bello e del buono e dove il tempo non corre” scriveva il poeta Giovanni Pascoli della “sua” Garfagnana.
Nessuna paura e il tempo corre veloce per i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master, in rampa di lancio al Ciocco, in Toscana. I fortunati, o gli arditi, che hanno prenotato un posto in griglia scriveranno a loro volta una pagina di storia della MTB, come ha fatto spesso Ciocco Bike Circle.
Che la Garfagnana e la tenuta di 600 ettari del Ciocco siano di una bellezza rara è incontestabile, e le previsioni meteo, tra il resto, aiutano organizzatori e bikers: sabato 25 sarà una giornata da incorniciare.
I colori dell’autunno appena iniziato stanno virando al giallo, i ricci delle castagne lungo il tracciato sono rigonfi e il buono della Garfagnana i bikers l’hanno scoperto a tavola, con le “delicatessen” offerte dai ristoratori e con i prodotti che hanno trovato nel pacco gara.
Gara, appunto. Sarà memorabile anche quella. Il tracciato – rivisto dagli organizzatori dopo il test event di luglio – è un condensato di tutto il meglio che la mtb può offrire in un confronto iridato. 62 km in due giri e 2600 metri di dislivello. Il Ciocco col suo bike park sportivo e la Garfagnana col suo “bike park naturale” sono quel che si suol dire la patria della mtb sin dal 1991, quando la località toscana ha ospitato il primo Campionato del Mondo di mtb in Europa e il secondo della storia.
Un percorso, si diceva, davvero eterogeneo. Ci si potrebbe cantare la splendida “Io vorrei… non vorrei…ma se vuoi” di Lucio Battisti: “…le verdi terre, le discese ardite e le risalite, su nel cielo aperto, e poi giù il deserto, e poi ancora in alto, con un grande salto”. Non c’è cementificazione lungo il tracciato, solo dei piccoli e storici borghi, è davvero tutto un verde lussureggiante. Discese e salite sono in successione, discese in single track e lungo carrarecce sassose, salite lungo acciottolati antichi e nei punti avvolti dal bosco anche un po’ umidi di mattina, si sale, e come a Sommocolonia si sale sul punto più alto della gara quasi a toccare il cielo, azzurro domani, ci sono poi dei salti da cross country che regalano momenti di adrenalina, c’è anche un guado, e pure qualche breve tratto di asfalto per prender fiato, per reintegrarsi un po’. Sarà redatta anche una classifica speciale per la miglior prestazione in salita e una per la migliore in discesa, al Ciocco non ci si dimentica di nessuno.
Una gara con dislivelli elevati ed intensità considerevoli deve necessariamente prevedere l’assunzione di nutrienti durante l’attività. Volchem è uno dei partner principali del Campionato del Mondo UCI Marathon Master, ed è dai tecnici dell’azienda veneta che arrivano suggerimenti importanti per l’integrazione durante i 64 km di gara, tenendo presente, ovviamente, che ogni individuo ha esigenze e abitudini specifiche. In pratica per i bikers è opportuno integrarsi con la più classica borraccia di acqua e maltodestrine o di Energen con una barretta energetica Promeal Energy Fruit, che rappresentano la base da cui partire. Volchem suggerisce di bere almeno 250 – 350 ml di liquidi ogni ora, possibilmente a base di sali minerali e/o maltodestrine, per mantenere costante l’equilibrio idrosalino/energetico corporeo. Importante anche introdurre almeno 200 kcal in forma solida o semisolida, in un’unica soluzione o frazionata nel tempo, ogni ora e mezza o due di attività, con un buon apporto proteico. A questo scopo è consigliabile utilizzare gel energetici alternandoli a barrette bilanciate come la stessa Promeal Zone, da assumere magari in più frazioni già a partire dalla prima ora e mezzo di sforzo, ciò può aiutare a non soffrire crisi di fame troppo spesso annunciate e facilmente evitabili.
Insomma, non manca proprio nulla in questo inedito Campionato del Mondo UCI Marathon Master. Nella ‘valle del bello e del buono’ il tempo domani correrà veloce, in palio ci sono 15 medaglie d’oro mondiali mai assegnate prima, 8 per i maschi e 7 per le femmine.
A ricordare la storia del Ciocco e della MTB a mo’ di revival, una doppia campionessa olimpica, Paola Pezzo, due campioni del mondo, Hubert Pallhuber (cross country) e Giovanna Bonazzi (downhill 1991!) ed un campione italiano marathon (Gilberto Simoni), con quest’ultimo che ci fa ricordare anche le sue imprese al Giro d’Italia proprio nell’anno in cui ha fatto tappa al Ciocco.
Partenza domani alle ore 9 dallo stadio del Ciocco, nello stesso punto dove scattò l’evento iridato del 1991, cinque minuti più tardi lo start alle donne. E che Mondiale sia!
Info: www.cioccobike.it

PEZZO, PALLHUBER, SIMONI E BONAZZI. SABATO AL CIOCCO IL MONDIALE MASTER CON REVIVAL

PEZZO, PALLHUBER, SIMONI E BONAZZI. SABATO AL CIOCCO IL MONDIALE MASTER CON REVIVAL

Campioni olimpici, mondiali e italiani per ricordare i 30 anni dal 1991
Master in gara nella prima Marathon iridata della storia
Un pacco gara da leccarsi i baffi dalla “Terra di lupi e di briganti”
I grandi campioni apripista e “attori” per il Revival 2022

Ludovico Ariosto, “padre” dell’Orlando Furioso, nel 500 fu governatore della Garfagnana a Castelnuovo, a due colpi di pedale dal tracciato di gara, e definì questa porzione di Toscana così diversa, aspra e selvaggia “Terra di lupi e di briganti”.
Sabato i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master i boschi della Valle del Serchio e della tenuta del Ciocco, la ‘Living Mountain’, li percorreranno in lungo e in largo.
Ma c’è di più: Paola Pezzo e la sua Gary Fisher della vittoria olimpica 1996 di Atlanta (non avrà il body originale che fece scalpore per quella zip galeotta, ma la maglia azzurra indossata a Sydney 2000 in occasione del suo secondo oro olimpico), Hubert Pallhuber con la sua Diamondback mondiale del 1997 a Chateau d’Oex, Gilberto Simoni, campione italiano 2006, e Giovanna Bonazzi, campionessa del mondo downhill nel 1991 con la bici iridata di quell’indimenticabile evento al Ciocco, sabato saranno le ‘stars’ del Campionato del Mondo UCI Marathon Master e daranno lo start sfilando davanti a tutti. Presenze importanti dunque, con campioni come la Pezzo e la Bonazzi che al Mondiale 1991 del Ciocco hanno corso, come Simoni che al Ciocco ha disputato la tappa del Giro d’Italia, come Pallhuber che il Ciocco l’ha vissuto nei suoi anni di CT della nazionale. La loro presenza non gioverà solo ad impreziosire la prima edizione di un Mondiale che non c’era, ma i quattro campioni saranno al Ciocco per una sorta di Revival. In occasione della gara iridata e nella giornata di domenica saranno “attori” per lanciare l’edizione Revival del 2022. Doveva andare in scena già quest’anno per i 30 anni dal primo Mondiale in Garfagnana, ma si è deciso, per diversi motivi, di far slittare l’evento ‘vintage’ al 2022 anche per poter aprire ad una platea maggiore di persone, che ora sarebbero limitate a causa dei problemi di spostamento (stranieri), personaggi assenti (contemporanea dei Mondiali su strada in Belgio) e ancora per i limiti agli assembramenti dovuti al Covid. Nel weekend, quindi, campioni di ieri e campioni master di oggi a braccetto nella straordinaria arena del Ciocco e della Garfagnana.
Non ci sono solo patrimoni artistici nell’area garfagnina, ma il territorio che circonda il Ciocco è famoso anche per la gastronomia legata alla montagna, al bosco e all’agricoltura. E per lasciare un ricordo della loro presenza, ai partecipanti del Campionato del Mondo UCI Marathon Master verrà riservato un pacco gara da…leccarsi i baffi. Oltre allo zainetto celebrativo e alla T-shirt, ci saranno tagliatelle artigianali ai porcini e di farro, marmellata di more, farina da polenta di formenton, salame della pregiata norcineria garfagnina, biscotti Neccini, farro della Garfagnana, olio e Pinot Nero.
Tipici della zona sono anche funghi e castagne, forse da raccogliere… durante i sopralluoghi e test lungo il percorso, 32 km (da affrontare due volte) con un continuo up & down e con centro nevralgico al Ciocco. I Master nei due giri supereranno un dislivello totale di 2600 metri, che ben valgono una medaglia.
Partenze, sabato, per i maschi alle ore 9, per le donne alle ore 9.30.
Info: www.cioccobike.it

AL CIOCCO UNA “COPPA” ADRENALINICA: PUMP TRACK, TEAM RELAY E COPPA ITALIA

AL CIOCCO UNA “COPPA” ADRENALINICA: PUMP TRACK, TEAM RELAY E COPPA ITALIA

Sabato Campionati Italiani col debutto assoluto del pump track
Team Relay per comitati, sarà anche un’anteprima della gara di domenica
Alto Adige e Lombardia ai… ferri corti, domenica la “bella” di Coppa Italia
Al Ciocco i grandi eventi di mtb, e non solo, sono di casa

AAA, giovani campioni di mtb cercansi. Sabato e domenica al Ciocco, in Toscana, ritorna la mtb giovanile con tre appuntamenti di cartello: il primo Campionato Italiano di pump track ospitato nella struttura coperta più grande d’Italia, il Campionato Italiano Team Relay e la finalissima di Coppa Italia XCO.
Sabato 18 in mattinata sarà spettacolo con la Team Relay. Lo scorso anno l’omologa gara si è disputata a Lavarone, laureando campione italiano il team Alto Adige davanti a Lombardia e Piemonte, i comitati che praticamente stanno dettando legge quest’anno insieme al Veneto.
Sabato sera toccherà alla sfida di pump track, e in questo caso per il primo campionato non ci sono favoriti di sorta, sarà un’esperienza tutta da vivere. Infine domenica si assegna la Coppa Italia XCO per comitati. Ieri a Lavarone si è corsa la penultima prova, con una gara decisa negli ultimi due giri di giornata. Ha vinto l’Alto Adige, anche se in mancanza di alcune delle proprie punte di diamante, ha perso la Lombardia per un guasto tecnico occorso all’atleta di primo piano, facendosi precedere al secondo posto anche dal Veneto, così domenica l’Alto Adige si presenta col team al completo per difendere la leadership. Questo il punteggio attuale: Alto Adige p. 1218, Lombardia p. 1175, Piemonte p. 1085, Veneto p. 1012 e Toscana p. 811. Proprio la Toscana lo scorso anno aveva dominato la Coppa Italia davanti a Lombardia e Alto Adige.
Una situazione “incandescente” che sicuramente garantirà grande spettacolo sul tracciato, per nulla facile, del Ciocco, un percorso ispirato al Campionato del Mondo del 1991 ma soprattutto al Campionato Italiano assoluto ospitato lo scorso anno insieme a quello giovanile.
Dunque una pista ben conosciuta anche dai giovani bikers, che saranno in gara sì per il risultato del proprio comitato, ma anche per ribadire individualmente il rango delle categorie Esordienti ed Allievi del primo e secondo anno. Ieri a Lavarone le singole categorie sono state vinte da Emanuele Savio (E1), Fabian Höllrigl (E2), Luca Fregata (A1), Gabiel Borre (A2) e al femminile da Elisa Giangrasso (E1), Elisa Ferri (E2), Giulia Rinaldoni (A1) e Valentina Corvi (A2).
Sarà sicuramente Elisa Ferri l’atleta toscana di riferimento. La 14enne del GS Olimpia Valdarnese lo scorso anno al Ciocco ha vestito la maglia tricolore, ma lei è campionessa italiana anche di ciclocross: “Nel 2020 al Ciocco hai avuto una grande giornata, – le abbiamo chiesto – ci ritorni quest’anno per la Coppa Italia? Come ti sei preparata? A cosa punti?” “Punto sempre a vincere, almeno ci provo, il Ciocco è molto bello, il percorso per me è adatto, spero tanto di riuscire a vincerla perché è un momento molto bello per me, poi l’aria di casa fa sempre bene, e il Ciocco per me è casa”. “L’obiettivo vero?” “È quello di vincere la categoria, ma è un obiettivo che mi pongo sempre.” “Come vedi la situazione per la tua squadra?” “L’anno scorso è andata bene, però quest’anno abbiamo un po’ di sfortuna perché succede sempre qualcosa ai miei compagni, ma io riesco sempre ad arrivare e prendere punti. La Toscana punta su di me, io ci provo”.
Il Comitato Organizzatore guidato da Valerio Barsella, sotto pressione anche perché la settimana successiva il Ciocco ospita il Campionato del Mondo UCI Marathon Master, sta apportando le ultime rifiniture ad una macchina organizzativa ormai rodata e oliata. Di sicuro il prossimo weekend al Ciocco sulla “Living Mountain” saranno due giornate di sport giovanile ad alto livello. E per chi vuole divertirsi e rilassarsi, la tenuta toscana offre davvero opportunità per tutti i gusti nelle terre della Garfagnana e Valle del Serchio.
Info: www.cioccobike.it

PROGRAMMA GARE

CAMPIONATO ITALIANO TEAM RELAY

Sabato 18 settembre
10.00 – 11.30 Partenza Campionato Italiano Team Relay
12.30 Premiazioni

CAMPIONATO ITALIANO YOUTH PUMP TRACK

Sabato 18 settembre
16.30 Qualifiche
17.30 Eliminatorie/semifinali/finali

COPPA ITALIA GIOVANILE

Domenica 19 settembre
08.30 Partenza ES1 (esordienti maschile)
09.30 Partenza ES2 (esordienti maschile)
10.30 Partenza DA1 + DA2 (allievi femminile)
10.32 Partenza DE1 + DE2 (esordienti femminile)
10.34 Partenza G6 (giovanissimi)
11.30 Partenza ALL1 (allievi maschile)
12.45 Partenza ALL2 (allievi maschile)
13.00 Premiazioni

A Lavarone week-end all’insegna della MTB. Tricolore XCE e Coppa Italia Giovani

A Lavarone week-end all’insegna della MTB. Tricolore XCE e Coppa Italia Giovani

SC Millegrobbe di nuovo sugli scudi col cross country
Nell’ XCE Eliminator c’è il Team Bramati con Eva Lechner & C.
Già oltre 250 giovani confermati per la Coppa Italia, iscrizioni aperte
Sabato 11 settembre gare nel pomeriggio (XCE), domenica in mattinata

A Lavarone la mtb ha celebrato negli anni tante storie del mondo marathon, con molti campioni a sfidarsi lungo gli spettacolari tracciati dell’Alpe Cimbra.
Dallo scorso anno a Lavarone la mtb è stata declinata anche alla disciplina cross country e lo ha fatto in punta di piedi, con la finale di Coppa Italia Giovanile e col Campionato Italiano Team Relay.
Una gara tira l’altra, e così per il 2021 lo SC Millegrobbe ripropone una due giorni dai toni tricolori: sabato 11 settembre chiama a raccolta i bikers per il Campionato Italiano XCE Eliminator e domenica 12 per una nuova prova di Coppa Italia Giovanile. Tutto si svolge al Centro Sportivo Moar sull’ormai collaudato percorso scovato nel 2021 dagli esperti dell’ASV Colle di Casies i quali affiancano, dal punto di vista tecnico, gli organizzatori dell’evento: un anello di 800 metri, belli tosti, per il tricolore XCE aperto a Open, Master e categorie giovanili, quindi un percorso di 3500 metri (150 m. dislivello) per la Coppa Italia riservata ad allievi ed esordienti.
L’XCE Eliminator è una sfida molto spettacolare ad eliminazione diretta, e a Lavarone si annuncia come un momento davvero eccitante. Tra gli iscritti – ma c’è ancora tempo per le adesioni – anche il team Bramati Trinx Factory che schiera Eva Lechner, Gioele Bertolini e i giovani Lucia e Marco Bramati. Ad oggi sono ben 170 le iscrizioni.
Molto più affollata, ovviamente, la gara di Coppa Italia con quota 250 bruciata da qualche giorno. Tra il resto la gara di Lavarone precede di una settimana esatta la finalissima del Ciocco, che assegnerà i titoli.
Il programma (sul sito www.100kmdeiforti.it) sabato è concentrato nel pomeriggio, domenica invece tutto si svolgerà in mattinata.
L’evento dello SC Millegrobbe è supportato dal Comune di Lavarone e dall’APT Alpe Cimbra.
Info: www.100kmdeiforti.it

AL ‘CIOCCO’ UN TRITTICO ITALIANO. FESTIVAL MTB CON XCO E PUMP TRACK

AL ‘CIOCCO’ UN TRITTICO ITALIANO. FESTIVAL MTB CON XCO E PUMP TRACK

Il 18 e 19 settembre tris di gare mtb nella tenuta toscana del ‘Ciocco’
Sabato Campionato Italiano Team Relay e Campionato Italiano Pump Track
Domenica ci sarà la quinta e ultima tappa di Coppa Italia Giovanile XCO
Antipasto perfetto dei Campionati del Mondo Master Mtb Marathon dal 22 al 26 settembre

Tutti attendono con ansia i giorni dal 22 al 26 settembre quando, nella tenuta toscana de ‘Il Ciocco’, si terranno i tanto attesi Campionati del Mondo Master Mtb Marathon, nella loro ‘prima assoluta’ in campo ‘Master’. Ma non bisogna perdere di vista ciò che avverrà al Ciocco una settimana prima, precisamente il 18 e 19 settembre quando, a fare da antipasto di lusso all’evento iridato, ci penseranno i giovani funamboli della mtb nel weekend che definirà in maniera ufficiale e definitiva i vincitori del Campionato Italiano XCO Team Relay, del primo assoluto Campionato Italiano Pump Track e della Coppa Italia Giovanile XCO per comitati regionali.
Sarà un programma di gare bello intenso, che non darà un attimo di respiro ad atleti e accompagnatori, ma che li farà certamente divertire con i tanti impegni che li vedrà affrontare sfide inedite e spettacolari. Si partirà sabato con il Campionato Italiano XCO Team Relay, che assegnerà le maglie tricolori ai componenti del Comitato Regionale che transiteranno per primi sotto l’arco di arrivo. Sarà una prova a staffetta, dunque, ad ogni giro si dovrà dare il cambio al compagno di squadra per permettergli di scatenare a terra tutti i propri cavalli. Come ogni anno si tratterà di un evento dall’alto tasso di spettacolarità, in quanto fino all’ultimo la vittoria sarà incerta, e che premierà anche la strategia migliore da parte degli allenatori nello scegliere e schierare i propri alfieri nell’ordine corretto.
Ci sarà poi spazio, sempre nel corso della giornata di sabato, per la prima edizione del Campionato Italiano Pump Track nella spettacolare area indoor del Ciocco, la più grande su suolo italiano dedicata a questa particolare disciplina che negli ultimi anni sta prendendo sempre più piede anche in Italia. Non serviranno pedali, ma buone gambe e ottima coordinazione per spingere a fondo sulle gobbe e paraboliche della pista creata ad hoc per questo innovativo sport, e non mancheranno nemmeno le sportellate, statene certi.
Infine, la giornata di domenica sarà riservata all’atto conclusivo della Coppa Italia Giovanile XCO 2021, che giungerà nella tenuta toscana di 600 ettari naturalistici per disputare la quinta ed ultima prova del circuito nazionale dedicato ai Comitati Regionali. Non sarà una novità veder sfrecciare i giovani delle categorie Esordienti 1° e 2° anno e Allievi 1° e 2° anno, perché già nel corso della scorsa stagione, proprio su questi sentieri e sul percorso ricavato nel bosco del ‘Ciocco’, si sono disputati i Campionati Italiani Giovanili XCO, seguiti a loro volta dai Campionati Italiani Assoluti XCO. Alcuni dei protagonisti, per forza di cose, cambieranno, viste le categorie che viaggiano di anno in anno, ma ciò che rimarrà intatto sarà lo spettacolo che portano sempre questi campioncini in erba.
‘Il Ciocco’ è pronto ad accogliere tutti i bikers, facendo così partire il treno delle grandi emozioni che animerà la seconda metà di settembre. Sarà un mese da incorniciare o, più semplicemente, sarà un settembre toscano dal cuore… mtb.

Info: www.cioccobike.it

SETTEMBRE DI… MTB A LAVARONE

SETTEMBRE DI… MTB A LAVARONE

Campionati Italiani XCE e Coppa Italia Giovanile XCO l’11 e il 12 settembre a Lavarone
Percorsi di 800 metri per XCE e 3,5 km con 150 metri di dislivello per Coppa Italia
Sabato il via alle gare dalle ore 15 Agonisti, Master e Giovanili M/F
Domenica dedicata ai giovani funamboli del fuoristrada con le gare a partire dalle 8.30

C’è grande attesa a Lavarone, in Trentino, per la due giorni agonistica dedicata alle ruote artigliate che si svolgerà i prossimi 11 e 12 settembre, grazie al lavoro e all’impegno dello Sci Club Millegrobbe assieme alla collaborazione con APT Alpe Cimbra e Comune di Lavarone. Ad animare la scena, a partire dal sabato, ci penseranno gli Agonisti M/F (JU-EL-UN-DJ-DE-DU), i Master M/F e le categorie Giovanili M/F (ES-AL-DA-DE) della gara ‘open’ si sfideranno per la conquista del Campionato Italiano XC Eliminator e delle rispettive maglie tricolori di campione nazionale. Sarà una festa immersa nella natura e nella splendida cornice dell’Alpe Cimbra che proporrà, nella giornata domenicale, anche la quarta tappa di Coppa Italia Giovanile XCO dedicata alle categorie Esordienti 1° e 2° anno e Allievi 1° e 2° anno.
Per quanto riguarda la rassegna tricolore, il programma si aprirà nel primo pomeriggio con le prove ufficiali del percorso di 800 metri, costruito ad hoc con ostacoli naturali e artificiali, a partire dalle ore 14 fino alle ore 14.45. Dopodiché sarà tempo di fare sul serio con le qualificazioni che scatteranno alle ore 15, in cui i bikers dovranno completare il circuito nel minor tempo possibile per accedere alla fase finale ad eliminazione. Si qualificano in sedici e dalle ore 17 si daranno battaglia, a gruppi di quattro, per accedere alla vera e propria finale che decreterà le posizioni del podio e assegnerà la tanto ambita maglia di Campione Italiano XCE.
Il programma di gare della domenica, invece, partirà fin dal mattino con le otto differenti categorie a prendere il via in orari scaglionati. Il percorso sarà aperto per le consuete prove da parte degli atleti nella giornata di sabato dalle 18.30 alle 19.30, e domenica dalle 8.00 alle 8.30, dopodiché sarà ‘racing time’. Il circuito sarà di 3,5 km con 150 metri di dislivello, da ripetere più volte in base alla categoria di appartenenza: ostacoli naturali, passaggi tecnici e cambi di ritmo saranno gli ingredienti principali per lo spettacolo della mtb sull’Alpe Cimbra, con il percorso che si svilupperà su un mix di strade forestali, sentieri e tratti di single track. Le partenze delle varie categorie, come anticipato, saranno scaglionate e differenziate per orario: alle 8.30, subito dopo la chiusura delle prove, partiranno gli esordienti 1° anno seguiti da quelli del 2° anno che partiranno alle 9.15. Dalle 10, con le categorie separate di qualche minuto le une dalle altre, sarà tempo di vedere all’opera tutte le ragazze, per conquistare punti importanti per la propria regione di appartenenza. Infine, le ultime due partenze saranno dedicate agli Allievi 1° anno che prenderanno il via alle 11, mentre gli Allievi 2° anno partiranno alle 12.15. Il quartier generale delle due giornate di gara sarà il collaudato Centro Sportivo Moar di Lavarone, dove verranno allestite le zone di partenza e arrivo delle competizioni.
Se l’inizio dell’estate aveva portato molto bene al comitato organizzatore con il tanto amato weekend della ‘100 Km dei Forti’, ecco che ora la fine della stagione più calda dell’anno porta con sé altre soddisfazioni grazie alle due manifestazioni dedicate al mondo dell’off-road, con il Campionato Italiano XC Eliminator e la quarta tappa di Coppa Italia Giovanile XCO, e gli appassionati non vedono l’ora di ammirare sui sentieri dell’Alpe Cimbra i funamboli della mtb.
Info: www.100kmdeiforti.it

A VILLABASSA (BZ) ONORE AI SENATORI. 26 VOLTE SÜDTIROL DOLOMITI SUPERBIKE

A VILLABASSA (BZ) ONORE AI SENATORI. 26 VOLTE SÜDTIROL DOLOMITI SUPERBIKE

Thomas Widmann, senatore della Südtirol Dolomiti Superbike versione marathon

La 26.a edizione della ‘Südtirol Dolomiti Superbike’ è stata vinta da Paez e Lüthi
Grande parata di ‘senatori’, coloro che hanno corso tutte le edizioni della gara di Villabassa
Widmann, Oberegger, Brugiolo, Baur, Kahn protagonisti sui percorsi di 123 km e 60 km
Sono il vero cuore pulsante della ‘Südtirol Dolomiti Superbike’, simbolo di grande passione

Lo spettacolo della 26.a edizione della ‘Südtirol Dolomiti Superbike’, che si è disputata sabato scorso a Villabassa (BZ) alla presenza di oltre 3000 concorrenti, continua a vivere nel cuore degli appassionati con il grande trionfo, nel percorso lungo di 123 km, del colombiano in maglia iridata Hector Leonardo Paez Leon davanti al ceco Martin Stosek e all’altro colombiano Diego Alfonso Arias Cuervo. Tra le donne è stata la svizzera Ariane Lüthi a salire sul gradino più alto del podio, con la veneta Annabella Stropparo seconda e la lituana Katazina Sosna al terzo posto. Sul tracciato di 60 km, invece, l’ha spuntata il veneto Nicola Taffarel precedendo in volata il trentino Zaccaria Toccoli e il toscano Giuseppe Panariello, mentre al femminile la vittoria è andata all’atleta di casa Anna Oberparleiter davanti all’altra altoatesina Thea Schwingshackl e alla polacca Anna Urban.
Ci sono poi gli irriducibili, coloro che non hanno saltato mai un’edizione della splendida ‘Südtirol Dolomiti Superbike’, quei pochi ma buonissimi e incredibili bikers che dal 1995 popolano costantemente le griglie di partenza di Villabassa. I loro nomi sono Thomas Widmann, Emil Oberegger, Massimo Brugiolo, Alfred Baur e Sebastian Kahn, che anche nella 26.a edizione della manifestazione altoatesina hanno portato a termine il loro compito conquistando l’ennesima prestigiosa medaglia di ‘finisher’. Tra loro c’è chi ha sempre scelto la via più dura e impegnativa del percorso lungo, cento e più chilometri di fatica lungo i bellissimi sentieri dell’Alta Pusteria, da pedalare sempre con il sorriso. Loro sono Emil Oberegger e Thomas Widmann che lo scorso sabato hanno concluso la loro impresa rispettivamente in 7h53’25’’ e 9h14’42’’. Una sfida con loro stessi che li ha messi seriamente alla prova lungo le salite verso Croda Rossa e Prato Piazza, ma che non ha risparmiato momenti di puro godimento e gioia, sia nei tratti dov’era possibile dare uno sguardo allo splendido panorama circostante, sia sulla linea d’arrivo dove la sofferenza ha lasciato spazio all’orgoglio e alla soddisfazione. Sul percorso di 60 km poi, come ogni anno, c’era Sebastian Kahn, altro diadema della ‘Südtirol Dolomiti Superbike’ che ha concluso per la 26.a volta i 60 km dell’anello corto. Quest’anno c’erano 1.570 metri da scalare, mica bruscolini, eppure il ‘ragazzo’ classe ’62 non si è tirato indietro ed ha chiuso la sua gara in 4h16’28’’. Infine c’è chi, per motivi diversi tra loro, ha corso tutte le edizioni della ‘Südtirol Dolomiti Superbike’ ma alternando percorso corto a quello lungo, decidendo di anno in anno quale tracciato affrontare in base alle proprie condizioni fisiche e all’allenamento in essere. In questa edizione, Massimo Brugiolo e Alfred Baur hanno deciso di completare l’anello di 60 km e l’hanno fatto pure bene. I loro tempi non sono assolutamente da buttare con Brugiolo che ha tagliato il traguardo in 3h17’39’’, mentre Baur in 3h51’33’’.
Sono loro il vero fiore all’occhiello della gara altoatesina che ogni anno raduna più di 3000 bikers. Sono loro che fanno capire quanto sia grande l’amore verso una delle gare più storiche e affollate di tutta Italia, la seconda più longeva in territorio nazionale. Sono loro che ogni anno vengono alla ‘Südtirol Dolomiti Superbike’ per provare l’emozione di esserci, di presenziare sulla linea di partenza, di combattere e stringere i denti lungo i tanti chilometri di gara, di tagliare il traguardo a braccia alzate come fanno i vincitori. Tutti sono vincitori, ma loro ancor di più perché hanno dato importanza e senso di appartenenza a questa manifestazione e siamo sicuri che anche il prossimo anno li ritroveremo in griglia, festanti e raggianti come sempre, perché questo è lo spirito della ‘Südtirol Dolomiti Superbike’, una gara che non smetterà mai di far sognare i propri bikers!
Info: www.dolomitisuperbike.com

‘IL CIOCCO’ NON SMETTE MAI DI STUPIRE. A SETTEMBRE TRE GARE GIOVANILI IN DUE GIORNI

‘IL CIOCCO’ NON SMETTE MAI DI STUPIRE. A SETTEMBRE TRE GARE GIOVANILI IN DUE GIORNI

Ettore Fabbro al Ciocco nel 2020

‘Il Ciocco’ è pronto ad accogliere i giovani atleti della mtb il 18 e 19 settembre
Eventi proposti da Ciocco Sport Lab, comitato di grande esperienza sportiva
Sabato Campionato Italiano XCO Team Relay e domenica Coppa Italia Giovanile XCO
Primo “tricolore” Pump Track nel Pump Track Dome, struttura indoor più grande d’Italia

Dopo la tanto attesa 1.a edizione del ‘Trofeo del Ciocco e Valle del Serchio’, disputata all’inizio di luglio, ‘Il Ciocco’ (LU) è pronto a tornare alla ribalta nel mondo delle ruote artigliate con un weekend interamente dedicato ai giovanissimi funamboli della mtb. Il 18 e 19 settembre la tenuta toscana di 600 ettari naturalistici ospiterà la tappa finale di Coppa Italia Giovanile XCO, che decreterà il miglior comitato regionale protagonista nel corso delle cinque prove svolte in tutta Italia. Ma non sarà l’unico evento organizzato da Ciocco Sport Lab, infatti nella due giorni off-road ci sarà spazio anche per lo svolgimento del Campionato Italiano XCO Team Relay e per la prima assoluta del Campionato Italiano Pump Track.
Un ricco mix di eventi che andrà ad anticipare di una settimana il grande appuntamento dei Campionati del Mondo Master Mtb Marathon, per andare a completare un’offerta sportiva in Garfagnana senza paragoni.
Tornando ai giovani della mtb, il programma appare chiaro e delineato fin da ora, a circa due mesi dalla manifestazione. Sabato 18 ad aprire le danze ci penserà il Campionato Italiano XCO Team Relay per comitati regionali, dove gli atleti si sfideranno sul circuito del Ciocco scambiandosi il testimone ad ogni fine giro. Il format di gara è pensato per rendere imprevedibile fino all’ultimo il risultato finale ed anche in terra toscana, così come accade ogni anno in questo genere di competizione, bisognerà attendere la linea d’arrivo per decretare il vincitore ufficiale.
A seguire i campioncini del fuoristrada ci penseranno i protagonisti del primo Campionato Italiano Pump Track, i quali si sfideranno a suon di gobbe e paraboliche all’interno dell’area indoor più grande d’Italia pensata per questo tipo di disciplina. Il Pump Track Dome, un vero fiore all’occhiello per ‘Il Ciocco’ che, come avvenuto negli anni passati per eventi similari legati al mondo a pedali, si propone come pioniere del Campionato Italiano di questa nuova specialità in grande espansione negli ultimi tempi.
Infine, nella domenica toscana del 19 settembre, l’atto conclusivo sarà riservato alla quinta e ultima tappa di Coppa Italia Giovanile XCO che consegnerà al comitato regionale vincitore il titolo di Campione d’Italia. Ad oggi sono tre le tappe disputate, precisamente ad Agrigento, Courmayeur (AO) e Lugagnano Val d’Arda (PC), mentre la quarta si correrà il 12 settembre a Lavarone (TN), con la classifica che recita attualmente le seguenti posizioni: al primo posto provvisorio c’è il comitato di Bolzano (1024 punti) seguito dalla Lombardia (1001 p.) e dal Piemonte (930 p.). La lotta appare ancora apertissima, con la degna conclusione che avverrà proprio al ‘Ciocco’ per un finale da brividi.
Sarà un weekend davvero intenso quello in terra toscana, con tre gare di impatto nazionale in uno dei luoghi più belli e suggestivi nei quali pedalare, segno che la ‘Living Mountain’ è pronta per vivere ancora… di mtb.
Info: www.cioccobike.it

LAVARONE FA IL BIS CON LA MOUNTAIN BIKE. CAMPIONATO ITALIANO XCE E COPPA ITALIA XCO

LAVARONE FA IL BIS CON LA MOUNTAIN BIKE. CAMPIONATO ITALIANO XCE E COPPA ITALIA XCO

Due giorni di grande sport a ruote artigliate sugli Altipiani Cimbri
SC Millegrobbe, APT Alpe Cimbra e Comune di Lavarone ancora protagonisti nel mondo mtb
Sabato 11 settembre Campionato Italiano XCE, domenica tappa di Coppa Italia Giovanile XCO
Classifica Coppa Italia: Bolzano 1024 punti, Lombardia 1001, Piemonte 930

Dopo la finale di Coppa Italia dello scorso anno e la 100 Km dei Forti di giugno si riparla di MTB a Lavarone, in Trentino. Ai prossimi 11 e 12 settembre mancano un paio di mesi ma l’attesa sull’Alpe Cimbra comincia già a farsi sentire, con il comitato organizzatore al lavoro per tornare protagonista fra le ruote artigliate.
Nel secondo weekend settembrino, infatti, nella Magnifica Comunità degli Altipiani Cimbri si svolgerà il Campionato Italiano XC Eliminator e tornerà anche la Coppa Italia Giovanile XCO, con i giovani funamboli del cross country che si sfideranno in quella che sarà la quarta e penultima tappa del circuito nazionale. Una due giorni di gare organizzata dallo Sci Club Millegrobbe in collaborazione con l’APT Alpe Cimbra e il Comune di Lavarone, che seguirà il successo ottenuto lo scorso anno quando, proprio in quel di Lavarone, si disputò l’allora ultima tappa di Coppa Italia Giovanile XCO assieme al Campionato Italiano Team Relay.
Lo scenario sarà il medesimo, con l’Alpe Cimbra che proseguirà il percorso intrapreso, per l’appunto, lo scorso anno con la Federazione Ciclistica Italiana, al fine di regalare emozioni a 360 gradi in uno dei luoghi più iconici e suggestivi in cui pedalare. In pista ci saranno i giovani ragazzi delle categorie Esordienti e Allievi, entrambi suddivisi in 1° e 2° anno, che correranno dapprima per la conquista del titolo tricolore nella XC Eliminator – a cui partecipano anche elite, junior, U23 ma anche i master nella gara ‘open’ – e successivamente nell’ambita Coppa Italia in rappresentanza dei propri comitati regionali.
Il programma di gare prevede per sabato 11 settembre la sfida per il titolo di campione italiano nella spettacolare prova ad eliminazione, mentre domenica ci sarà la consueta battaglia per la conquista dei punti utili ai vari comitati per la Coppa Italia Giovanile.
Ad oggi, la Coppa Italia Giovanile XCO ha vissuto di tre tappe emozionanti in quel di Agrigento, Courmayeur e Lugagnano Val d’Arda, con la classifica generale che parla di una lotta al vertice ancora aperta a tre, se non addirittura a quattro, comitati regionali. Al primo posto si trova il comitato di Bolzano con 1024 punti seguito a ruota, è proprio il caso di dirlo, dalla Lombardia staccata di appena 23 punti (1001 pt). A completare il podio provvisorio c’è il Piemonte con 930 punti, mentre più distanziati ci sono i comitati del Veneto (824 p.) e della Toscana (718 p.), con quest’ultimo che difficilmente riuscirà a ripetere il successo ottenuto lo scorso anno nella massima competizione giovanile a tappe nazionale.
L’Alpe Cimbra è pronta a vivere ancora di mtb e per farlo chiamerà a raccolta gli appassionati per regalare due giorni di grande sport e divertimento, il tutto immersi in una splendida e suggestiva location che in quanto a ruote grasse sa il fatto suo.
Info: www.alpecimbra.it