Tag: boulder

ADAM ONDRA METTE IL BOULDER KO. MA SCHENK (FFOO) VA SUL PODIO (3°)

ADAM ONDRA METTE IL BOULDER KO. MA SCHENK (FFOO) VA SUL PODIO (3°)

Seconda gara di giornata al 34° Rock Master di Arco con Ondra superstar
Gara davvero difficile anche per il campionissimo ceco, che prevale
Secondo Stranik ma Schenk, chiamato all’ultimo, centra il 3° posto
Stasera (diretta RAI Sport) il Duello che decreterà il vincitore del Trofeo Rock Master

Adam Ondra, e chi se non lui? Il campionissimo ceco ha messo una seria ipoteca sul Trofeo Rock Master di stasera, imponendosi in un duro e combattuto KO Boulder. Al Climbing Stadium di Arco (TN) lo spettacolo è salito ai massimo livelli, perché nessuno degli atleti si è risparmiato. È bastato il primo blocco per accendere gli entusiasmi. Al primo giro solo Ondra è riuscito ad agguantare il top, tutti gli altri hanno dovuto arrendersi. Con un movimento inatteso ha intraversato la sua gamba col ginocchio su una presa ed è riuscito, grazie anche alla sua statura, a fare top. Ghisolfi dopo uno ‘swing’ regale sembrava poter agguantare la minuscola presa vicina al top, ma invece è volato a terra. Al secondo tentativo l’altro atleta ceco Stranik è andato a segno, poi altro giro e top per il tedesco Flohé.
Al secondo boulder sarebbero passati i migliori quattro, ma alle spalle dei tre migliori Skofic e gli azzurri Schenk, Ghisolfi, Piccolruaz e Fossali erano a pari punti. Così, inaspettatamente, tutti e otto sono passati al secondo problema, davvero difficile anche quello, confermato da nessun top in nessuno dei tre giri, nemmeno l’applaudito Ondra ci è riuscito, andandoci vicino per ben due volte. Così al terzo blocco passano il campione ceco, Flohé, Stranik e l’altoatesino Schenk, lui chiamato alla vigilia a sostituire l’austriaco Uznik, positivo al Covid.
Il quarto boulder a detta degli atleti era annunciato come il più impegnativo, considerati i top raggiunti nei primi tre era difficile parlare di favoriti. Ondra, con passaggi al limite dell’incredibile, al primo tentativo fa top, il pubblico esulta. Poi tocca al suo connazionale Stranik. Arriva ad una presa dal top e vola a terra, anche Schenk ci va vicino, molto vicino. Secondo tentativo, Stranik si ripete, arriva ad un passo dal top e scivola a terra, per Schenk è l’occasione del momento. I suoi muscoli vibrano all’inverosimile, ma a metà prova fallisce. C’è un terzo tentativo. Stranik scivola quasi subito, Schenk lo imita.
Ovviamente per Ondra un successo meritatissimo, il secondo posto va a Stranik, il gardenese delle FFOO è a podio, terzo. Così Ondra va a braccetto con Laura Rogora, sono loro i dominatori del KO Boulder del Rock Master 2021, ma stasera in diretta Rai Sport (ore 21) c’è il Duello Lead, la sintesi del Rock Master.
Info: www.rockmasterfestival.com

Download immagini TV:
www.broadcaster.it

KO Boulder Contest – Men

  1. Adam Ondra (CZE); 2. Martin Stranik (CZE); 3. Filip Schenk (ITA); 4. Yannik Flohè (GER); 5. Michael Piccolruaz (ITA); 6. Domen Skofic (SLO); 6. Stefano Ghisolfi (ITA); 6. Ludovico Fossali (ITA)
DA TOKYO AD ARCO, L’ARRAMPICATA È D’ELITE. KO BOULDER E DUELLO LEAD, PER TUTTI I GUSTI

DA TOKYO AD ARCO, L’ARRAMPICATA È D’ELITE. KO BOULDER E DUELLO LEAD, PER TUTTI I GUSTI

Presentata la gara di domani al Birrificio Impavida di Arco
Adam Ondra contro tutti, ci saranno anche Rogora, Tesio, Ghisolfi, Fossali e Piccolruaz
Novità dell’ultima ora, arriva anche l’altro gardenese Filip Schenk
Spettacolo dal vivo per pochi, diretta RAI Sport 21-23 e streaming video anche alle 11 e alle 15

“The day before”, quello che ha anticipato oggi il 34° Rock Master in programma domani ad Arco, in Trentino. Una presentazione alle autorità e alla stampa sulla terrazza del Birrificio Impavida di Arco.
C’erano, soprattutto, alcuni dei più attesi protagonisti: Adam Ondra, 5 vittorie al Rock Master, quattro ori mondiali e tre Coppe del Mondo, Stefano Ghisolfi, arrivato in tutta fretta dalla Francia dopo aver conquistato, terzo atleta al mondo, un 9c scalando la mitica Bibliographie, ‘liberata’ una prima volta dal tedesco Alex Megos. C’erano, reduci da Tokyo, anche Laura Rogora, tre ori junior proprio al Climbing Stadium di Arco, ‘Micha’ Michael Piccolruaz e Ludovico Fossali, campione del mondo in carica Speed.
Domani, confermata la diretta su RAI Sport dalle 21 alle 23 e lo streaming video sul sito www.rockmasterfestival.com delle tre gare, KO Boulder femminile (ore 11), KO Boulder Maschile (ore 15) e il Duello Lead (ore 21), sarà spettacolo vero, come del resto è sempre successo al Rock Master, la più longeva gara al mondo di arrampicata sportiva.
Ad encomiare il gran lavoro organizzativo è stato l’assessore allo sport e turismo della Provincia di Trento, Roberti Failoni: “Il connubio sport-turismo è il top, e in questo periodo il Trentino propone tutta una serie di grandi eventi, compreso il Rock Master”. Poi l’assessore ha voluto salutare nello specifico Laura Rogora e Stefano Ghisolfi, trentini ‘acquisiti’, che sfoggiavano e sfoggeranno in gara il marchio Trentino.
Ai ringraziamenti si sono aggiunti Dario Ioppi, assessore allo sport del Comune di Arco, e Silvio Rigatti presidente dell’APT Garda Dolomiti, il quale ha confermato anche l’impegno dell’APT nella manutenzione delle falesie dell’Alto Garda, frequentatissime dai climbers di tutto il mondo.
Stefano Tamburini, presidente della società Rock Master 20.20, ha ricordato il grande impegno di tanti volontari e la volontà del Rock Master di rinnovarsi di anno in anno annunciando, ma senza entrare nel dettaglio, che l’edizione 2022 sarà davvero innovativa.
Angelo Seneci, uno dei “visionari” fondatori del Rock Master ed ora anima tecnica del comitato, ha spiegato come l’evento sia sempre stato una fucina di idee facendo propri i suggerimenti degli atleti. Così quest’anno il Trofeo Rock Master si assegnerà sommando i punti del KO Boulder e del Duello Lead. “Non vuole essere una combinata – sottolinea Seneci – ma qualche cosa di diverso e nuovo. Siamo sempre stati gli antesignani nell’arrampicata e lo vorremmo essere sempre.”
Domani alle 11 (femminile) e alle 15 (maschile) il KO Boulder. 8 gli atleti al via per ciascuna delle due gare. Un format ad eliminazione boulder dopo boulder, con i migliori 3 a confrontarsi in finale. Prove che, contrariamente alla consuetudine, i concorrenti potranno vedere e provare, così da consentire ai tracciatori di proporre difficoltà estreme. Sarà così anche nel Duello, dalle ore 21. Dopo una prima prova di qualifica, un tabellone con gli 8 tempi incrocerà il migliore col meno performante e così via. Poi anche il Duello, alla fine, vedrà confrontarsi i due migliori in assoluto in una salita al cardiopalma. Un minuto e qualche frazione di secondo per raggiungere, forse, il top, o comunque per arrivare più in alto possibile sulle due vie identiche, tracciate con tanta “cattiveria” sulle pareti strapiombanti di 25 metri. Di sicuro lo spettacolo di Arco sarà all’altezza, …e non per i 25 metri, della fama del Rock Master.
Calato il sipario sulla presentazione, l’annuncio che l’austriaco Uznik proprio oggi è risultato positivo al Covid. Lo sostituirà in extremis l’altoatesino Filip Schenk, gardenese come Piccolruaz, saranno quindi sei in totale gli italiani in gara, inclusa anche la piemontese Giorgia Tesio.
Adam Ondra con la sua proverbiale semplicità ha raccontato che: “Il mio sogno fin da piccolo non era vincere Olimpiadi o Mondiali, era vincere il Rock Master! Ora voglio vivere proprio qui ad Arco. Dopo le Olimpiadi volevo fermarmi per un anno, ma non potevo mancare al Rock Master, però non ci sarò solo per fare presenza!”. Laura Rogora ha ricordato i suoi trascorsi ad Arco fin da giovanissima e poi i tre ori ai Mondiali Junior: “Faccio ovviamente fatica, ma riesco a conciliare i miei studi di matematica con l’arrampicata, mi alleno spesso al Climbing Stadium”. Faccia stanca ma soddisfatta quella di Stefano Ghisolfi: “Ho centrato il 9c l’ultimo giorno disponibile, poi dovevo rientrare ad Arco. Ci ho provato per tre mesi. Ora sono felicissimo. Adesso il mio sogno, Rock Master a parte, è quello d liberare un via altrettanto difficile, o forse più, qui ad Arco. Ci sto pensando sempre più convintamente”.
Ludovico Fossali ha ammesso che il Rock Master non è certo un’impresa facile per lui: “Credo di essere il primo velocista ad essere invitato a questa sfida. Ne sono orgoglioso, vedrò di sfruttare la mia preparazione olimpica anche di boulder e lead”.
“Anche per me il Rock Master è sempre stato un mito – sono parole di ‘Micha’ Piccolruaz – mi sono innamorato delle gesta di David Lama e a lui mi sono ispirato, domani darò tutto me stesso, vorrei fare podio!”
L’accesso per lo spettacolo dal vivo sarà riservato ai soli possessori di biglietti acquistati online, le limitazioni Covid hanno imposto norme restrittive. Per tutti lo spettacolo si potrà comunque ammirare su RAI Sport o seguendo lo streaming video su www.rockmasterfestival.com

Download immagini conferenza stampa:
www.broadcaster.it

A BRESSANONE “KAMI”MORONI ACCENDE LA MICCIA. ALL’EUROPEO DI ARRAMPICATA GIOVANI SUGLI SCUDI

A BRESSANONE “KAMI”MORONI ACCENDE LA MICCIA. ALL’EUROPEO DI ARRAMPICATA GIOVANI SUGLI SCUDI

Seconda giornata di gare a Bressanone con ultime qualifiche e prime semifinali
Camilla Moroni vola sui “blocchi” della Palestra Vertikale, stasera la finalissima junior
Egger in semifinale, oggi se ne vedranno delle belle col gran tifo locale
Nelle semifinali Under 16 Bertone superstar, ma vola anche Roberts. Meli in finale!

“Sole, arrampicata e fantasia”. Oggi a Bressanone apoteosi per i climbers alla palestra Vertikale con la seconda giornata del Campionato Europeo di arrampicata giovanile boulder. Prime semifinali col tricolore a sventolare alto nella gara junior femminile, grazie ad una convinta, concreta e fantasiosa “Kami” Camilla Moroni. Unica a centrare i 4 boulder, col secondo però annullato in quanto centrato proprio allo scadere del tempo consentito, una frazione di secondo, ma non cambia nulla. Moroni risulta seconda in semifinale alle spalle dell’austriaca Sandra Lettner e davanti alla francese Saurel. La ligure era stata l’unica azzurra a superare le qualifiche venerdì sera.
Al maschile la semifinale se l’è aggiudicata il britannico Milne, secondo in qualifica, ‘ribaltando’ la situazione con l’austriaco Uznik. Erano due gli italiani in semifinale, Pietro Biagini, finito poi settimo, un posto al di là della promozione alla finale – a cui accedono i migliori sei – solo per un tentativo in più nel centrare il secondo top, e fuori anche Matteo Baschieri (9˚).
Le finali andranno in scena stasera per concludersi verso le 22, con gli appassionati pronti a ‘spingere’, incrociando le dita, Camilla Moroni sul podio.
In mattinata si sono svolte anche le qualifiche, le ultime, della Under 18. Il francese Jenft ha lottato fino all’ultimo col connazionale Burtin, finito secondo, e col belga Ferrari a fare da terzo incomodo.
In semifinale, domani mattina alle ore 10, l’idolo locale Johannes Egger, migliore degli italiani col 10˚ posto davanti a Giorgio Tomatis, e anche Andrea Zappini (19˚).
Oggi nel tardo pomeriggio semifinali della Under 16. Non ha destato meraviglia l’acuto della campionessa del mondo Oriane Bertone. La francesina ha colto i 4 top tutti al primo tentativo, davvero una performance unica. Dietro una scatenata Copar (SLO) e la britannica Flockhart. Fuori dalla finale l’azzurra Papetti (10.a).
Tra i maschi il britannico Toby Roberts ha sovvertito i pronostici realizzando il miglior punteggio, così come l’ungherese Gergö Valyi, ma dal quarto posto lancia un urlo Alessandro Mele che vola in finale. E domani ci sarà da divertirsi.
Dopo un gran lavoro per la Alpenverein Südtirol – Brixen e Vertikale, domani la conclusione con le semifinali Under 18 e le relative finali Under 16 e 18. È presto per stilare un primo bilancio, sicuramente l’organizzazione ha superato ogni più favorevole previsione, merito dei tanti volontari appassionati di arrampicata e della sezione agonistica della AVS, con gli atleti non impegnati in gara a collaborare con Alexandra Ladurner, a capo del comitato e autentica trascinatrice.

Info: www.alpenverein.it – www.vertikale.it

Qualifiche Youth A maschile
1 Jenft Paul FRA; 2 Burtin Louison FRA; 3 Ginés López Alberto ESP; 3 Ferrari Luca BEL; 5 Polak Andrej SLO; 6 Bazan Martín Héctor ESP; 7 Barnabé Eliot FRA; 8 Tewkesbury Tai GBR; 9 Ovchinnikov Semen RUS; 10 Egger Johannes ITA

Semifinali Junior maschile
1 Milne Maximillian GBR; 2 Uznik Nicolai AUT; 3 Martin Nathan FRA; 4 Favot leo FRA; 5 Zajc Ziga SLO; 6 Scherz Stefan AUT

Semifinali Junior femminile
1 Lettner Sandra AUT; 2 Moroni Camilla ITA; 3 Saurel Lucile FRA; 4 Cohaut Flavy FRA; 5 Kerem Ayala ISR; 6 Dörffel Lucia GER

Semifinali Youth B maschile
1 Roberts Toby GBR; 2 Vályi Gergő HUN; 3 Gruzitis Edvards LAT; 4 Mele Alessandro ITA; 5 Bloem Thorben Perry GER; 6 Macià Llobet Lluc ESP

Semifinali Youth B femminile
1 Bertone Oriane FRA; 2 Copar Sara SLO; 3 Flockhart Louise GBR; 4 Kempf Lea AUT; 5 Avezou Zélia FRA; 6 Janošová Markéta CZE

II edizione Power Powder Contest a La Thuile

II edizione Power Powder Contest a La Thuile

 
Power Powder Contest a La Thuile
21/22 gennaio 2012, La Thuile: II edizione Power Powder Contest

Pronti per la sfida?
21/22 gennaio 2012 a La Thuile: Rock&Snow Contest

Dedicato agli sportivi più audaci e instancabili, il 21 e il 22 gennaio 2012 ritorna a La Thuile, in Valla d’aosta, il grande appuntamento con il Power Powder Contest. Due giornate di sfide e adrenalina pura, due gare spettacolari di freeride e arrampicata che si disputeranno su un famoso fuoripista di La Thuile e sul boulder dell’attrezzatissima palestra Konver.

Ideata da Moreno Dalle Mole, appassionato di attività estreme e di montagna, organizzata in collaborazione con Funivie del Piccolo San Bernardo e Reveal, e promossa da Comune di La Thuile, Regione Autonoma Valle d’Aosta e Consorzio Operatori Turistici La Thuile, PPC è una competizione entusiasmante in cui si possono mettere in gioco bravura e abilità sia sulla neve, con gare fuoripista di snow, sci, telemark, che sulla parete, con la scalata indoor.

Ogni partecipante può scegliere il suo terreno di gioco e la disciplina che più gli si addice. Il Power prevede la prova boulder indoor a raduno, il Powder discese freeride sulle nevi di La Thuile, mentre il Power Powder Contest è una combinata dedicata ai polivalenti. I vincitori di ciascuna disciplina (sci e telemark, snowboard, boulder) riceveranno una coppa e un premio: ai primi classificati 200 €, ai secondi 100 €; mentre, per quanto riguarda la combinata, ai primi classificati andranno 400 €, ai secondi 200 €. Inoltre, dopo ciascuna competizione, ci saranno estrazioni per assegnare ai partecipanti più fortunati i numerosi premi tecnici offerti dagli sponsor.

Per le due giornate è previsto un programma nutrito che contempla anche momenti d’incontro con ospiti importanti e rappresentativi di queste attività.

Sabato 21 gennaio si terrà la conferenza di Maurizio Zanolla, climber conosciuto come “Manolo”, guida alpina e maestro d’arrampicata dall’inossidabile tenacia e personalità, teso alla ricerca e alla sperimentazione personale. È stato il primo italiano a superare l’8b ed è il primo arrampicatore dolomitico a portare queste difficoltà anche in montagna superando alcuni fra i più famosi e temuti itinerari in completa arrampicata libera. Ha scalato in tutto il mondo, dalle Alpi all’Himalaya, dalla Norvegia all’America e anche in Grecia.

Domenica 22 gennaio l’atleta della Nazionale Gabriele Moroni sarà presente in veste di tracciatore nella prova boulder per creare le linee di salita sui blocchi della favolosa struttura di Import Climbing Italia. Mentre, per un momento di pausa e di divertimento il famoso arrampicatore Tazio Gavioli darà dimostrazione della sua forza e abilità con un fantastico spettacolo intitolato Tazio il Biondo PowerShow.
Programma Power Powder Contest 2012

 Sabato 21 gennaio: Freeride
– ore 08.00 – piazzale delle Funivie Piccolo San Bernardo: ritrovo, briefing obbligatorio, distribuzione pacchi gara e consegna pettorali;
– ore 09.00: salita con gli impianti e inizio gara;
– ore 17.00 – piazzetta coperta ex Hotel Nazionale in capoluogo: premiazione della gara di sci ed estrazione premi tecnici;
– ore 21.30 – salone Arly: conferenza di Manolo, in collaborazione con Grivel e Scarpa.

 Domenica 22 gennaio: Prova boulder indoor a raduno presso il centro sportivo Konver
– ore 09.00: apertura iscrizioni sul campo e distribuzione pacchi gara;
– ore 09.15: inizio qualifiche;
– ore 11.30: chiusura iscrizioni;
– ore 13.30: buffet freddo per i soli iscritti alla gara;
– ore 14.30: fine qualifiche;
– ore 14.30-15.30 Tazio Il Biondo Powershow;
– ore 15.30: finali su due blocchi (accedono le prime quattro donne e i primi sei uomini);
– ore 17.30: premiazione gara boulder e combinata, con estrazione di premi tecnici a sorteggio

Tutti i concorrenti devono presentarsi muniti di adeguata attrezzatura. Possono iscriversi uomini e donne fino a un massimo di 250 partecipanti, suddivisi in 120 per il Powder e 130 per il Power.
Per informazioni e iscrizioni:

Funivie Piccolo San Bernardo: 0165 884150
Moreno Dalle Mole: 335 493891
www.powerpowder.itwww.lathuile.net