Categoria: sport

Ciocco: terre di poeti e canzoni d’autore. In 15 a ballare sul podio con l’oro inedito

Ciocco: terre di poeti e canzoni d’autore. In 15 a ballare sul podio con l’oro inedito

Domani su il sipario del Campionato Mondiale UCI Marathon Master
Si corre nella ‘valle del bello e del buono’ dove il tempo… corre
64 km e 2600 metri di dislivello con tutto quello che la mtb richiede
A ricordare che il Ciocco è storia anche Pezzo, Pallhuber, Bonazzi e Simoni

“Il mondo mi spaura e ho scelto la valle del bello e del buono e dove il tempo non corre” scriveva il poeta Giovanni Pascoli della “sua” Garfagnana.
Nessuna paura e il tempo corre veloce per i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master, in rampa di lancio al Ciocco, in Toscana. I fortunati, o gli arditi, che hanno prenotato un posto in griglia scriveranno a loro volta una pagina di storia della MTB, come ha fatto spesso Ciocco Bike Circle.
Che la Garfagnana e la tenuta di 600 ettari del Ciocco siano di una bellezza rara è incontestabile, e le previsioni meteo, tra il resto, aiutano organizzatori e bikers: sabato 25 sarà una giornata da incorniciare.
I colori dell’autunno appena iniziato stanno virando al giallo, i ricci delle castagne lungo il tracciato sono rigonfi e il buono della Garfagnana i bikers l’hanno scoperto a tavola, con le “delicatessen” offerte dai ristoratori e con i prodotti che hanno trovato nel pacco gara.
Gara, appunto. Sarà memorabile anche quella. Il tracciato – rivisto dagli organizzatori dopo il test event di luglio – è un condensato di tutto il meglio che la mtb può offrire in un confronto iridato. 62 km in due giri e 2600 metri di dislivello. Il Ciocco col suo bike park sportivo e la Garfagnana col suo “bike park naturale” sono quel che si suol dire la patria della mtb sin dal 1991, quando la località toscana ha ospitato il primo Campionato del Mondo di mtb in Europa e il secondo della storia.
Un percorso, si diceva, davvero eterogeneo. Ci si potrebbe cantare la splendida “Io vorrei… non vorrei…ma se vuoi” di Lucio Battisti: “…le verdi terre, le discese ardite e le risalite, su nel cielo aperto, e poi giù il deserto, e poi ancora in alto, con un grande salto”. Non c’è cementificazione lungo il tracciato, solo dei piccoli e storici borghi, è davvero tutto un verde lussureggiante. Discese e salite sono in successione, discese in single track e lungo carrarecce sassose, salite lungo acciottolati antichi e nei punti avvolti dal bosco anche un po’ umidi di mattina, si sale, e come a Sommocolonia si sale sul punto più alto della gara quasi a toccare il cielo, azzurro domani, ci sono poi dei salti da cross country che regalano momenti di adrenalina, c’è anche un guado, e pure qualche breve tratto di asfalto per prender fiato, per reintegrarsi un po’. Sarà redatta anche una classifica speciale per la miglior prestazione in salita e una per la migliore in discesa, al Ciocco non ci si dimentica di nessuno.
Una gara con dislivelli elevati ed intensità considerevoli deve necessariamente prevedere l’assunzione di nutrienti durante l’attività. Volchem è uno dei partner principali del Campionato del Mondo UCI Marathon Master, ed è dai tecnici dell’azienda veneta che arrivano suggerimenti importanti per l’integrazione durante i 64 km di gara, tenendo presente, ovviamente, che ogni individuo ha esigenze e abitudini specifiche. In pratica per i bikers è opportuno integrarsi con la più classica borraccia di acqua e maltodestrine o di Energen con una barretta energetica Promeal Energy Fruit, che rappresentano la base da cui partire. Volchem suggerisce di bere almeno 250 – 350 ml di liquidi ogni ora, possibilmente a base di sali minerali e/o maltodestrine, per mantenere costante l’equilibrio idrosalino/energetico corporeo. Importante anche introdurre almeno 200 kcal in forma solida o semisolida, in un’unica soluzione o frazionata nel tempo, ogni ora e mezza o due di attività, con un buon apporto proteico. A questo scopo è consigliabile utilizzare gel energetici alternandoli a barrette bilanciate come la stessa Promeal Zone, da assumere magari in più frazioni già a partire dalla prima ora e mezzo di sforzo, ciò può aiutare a non soffrire crisi di fame troppo spesso annunciate e facilmente evitabili.
Insomma, non manca proprio nulla in questo inedito Campionato del Mondo UCI Marathon Master. Nella ‘valle del bello e del buono’ il tempo domani correrà veloce, in palio ci sono 15 medaglie d’oro mondiali mai assegnate prima, 8 per i maschi e 7 per le femmine.
A ricordare la storia del Ciocco e della MTB a mo’ di revival, una doppia campionessa olimpica, Paola Pezzo, due campioni del mondo, Hubert Pallhuber (cross country) e Giovanna Bonazzi (downhill 1991!) ed un campione italiano marathon (Gilberto Simoni), con quest’ultimo che ci fa ricordare anche le sue imprese al Giro d’Italia proprio nell’anno in cui ha fatto tappa al Ciocco.
Partenza domani alle ore 9 dallo stadio del Ciocco, nello stesso punto dove scattò l’evento iridato del 1991, cinque minuti più tardi lo start alle donne. E che Mondiale sia!
Info: www.cioccobike.it

PEZZO, PALLHUBER, SIMONI E BONAZZI. SABATO AL CIOCCO IL MONDIALE MASTER CON REVIVAL

PEZZO, PALLHUBER, SIMONI E BONAZZI. SABATO AL CIOCCO IL MONDIALE MASTER CON REVIVAL

Campioni olimpici, mondiali e italiani per ricordare i 30 anni dal 1991
Master in gara nella prima Marathon iridata della storia
Un pacco gara da leccarsi i baffi dalla “Terra di lupi e di briganti”
I grandi campioni apripista e “attori” per il Revival 2022

Ludovico Ariosto, “padre” dell’Orlando Furioso, nel 500 fu governatore della Garfagnana a Castelnuovo, a due colpi di pedale dal tracciato di gara, e definì questa porzione di Toscana così diversa, aspra e selvaggia “Terra di lupi e di briganti”.
Sabato i partecipanti al primo Campionato del Mondo UCI Marathon Master i boschi della Valle del Serchio e della tenuta del Ciocco, la ‘Living Mountain’, li percorreranno in lungo e in largo.
Ma c’è di più: Paola Pezzo e la sua Gary Fisher della vittoria olimpica 1996 di Atlanta (non avrà il body originale che fece scalpore per quella zip galeotta, ma la maglia azzurra indossata a Sydney 2000 in occasione del suo secondo oro olimpico), Hubert Pallhuber con la sua Diamondback mondiale del 1997 a Chateau d’Oex, Gilberto Simoni, campione italiano 2006, e Giovanna Bonazzi, campionessa del mondo downhill nel 1991 con la bici iridata di quell’indimenticabile evento al Ciocco, sabato saranno le ‘stars’ del Campionato del Mondo UCI Marathon Master e daranno lo start sfilando davanti a tutti. Presenze importanti dunque, con campioni come la Pezzo e la Bonazzi che al Mondiale 1991 del Ciocco hanno corso, come Simoni che al Ciocco ha disputato la tappa del Giro d’Italia, come Pallhuber che il Ciocco l’ha vissuto nei suoi anni di CT della nazionale. La loro presenza non gioverà solo ad impreziosire la prima edizione di un Mondiale che non c’era, ma i quattro campioni saranno al Ciocco per una sorta di Revival. In occasione della gara iridata e nella giornata di domenica saranno “attori” per lanciare l’edizione Revival del 2022. Doveva andare in scena già quest’anno per i 30 anni dal primo Mondiale in Garfagnana, ma si è deciso, per diversi motivi, di far slittare l’evento ‘vintage’ al 2022 anche per poter aprire ad una platea maggiore di persone, che ora sarebbero limitate a causa dei problemi di spostamento (stranieri), personaggi assenti (contemporanea dei Mondiali su strada in Belgio) e ancora per i limiti agli assembramenti dovuti al Covid. Nel weekend, quindi, campioni di ieri e campioni master di oggi a braccetto nella straordinaria arena del Ciocco e della Garfagnana.
Non ci sono solo patrimoni artistici nell’area garfagnina, ma il territorio che circonda il Ciocco è famoso anche per la gastronomia legata alla montagna, al bosco e all’agricoltura. E per lasciare un ricordo della loro presenza, ai partecipanti del Campionato del Mondo UCI Marathon Master verrà riservato un pacco gara da…leccarsi i baffi. Oltre allo zainetto celebrativo e alla T-shirt, ci saranno tagliatelle artigianali ai porcini e di farro, marmellata di more, farina da polenta di formenton, salame della pregiata norcineria garfagnina, biscotti Neccini, farro della Garfagnana, olio e Pinot Nero.
Tipici della zona sono anche funghi e castagne, forse da raccogliere… durante i sopralluoghi e test lungo il percorso, 32 km (da affrontare due volte) con un continuo up & down e con centro nevralgico al Ciocco. I Master nei due giri supereranno un dislivello totale di 2600 metri, che ben valgono una medaglia.
Partenze, sabato, per i maschi alle ore 9, per le donne alle ore 9.30.
Info: www.cioccobike.it

Dai giovani ai master, MTB senza età Ciocco: sabato il campionato mondiale

Dai giovani ai master, MTB senza età Ciocco: sabato il campionato mondiale

Stanno entrando nel vivo i primi Campionati Mondiali UCI Marathon Master
Il Ciocco propone un tracciato tecnico al punto giusto e molto spettacolare
Sarà una festa dello sport Over 35 dopo le gare giovanili
C’è ancora modo di iscriversi per tutti i master FCI. È un evento Ciocco Bike Circle

Nel ciclismo, e nella mtb nello specifico, ci sono eventi, impianti, percorsi adatti spesso a ristrette fasce di età. Attività giovanile, attività per gli amatori (master) e per i professionisti. Difficile coniugare le esigenze di tante categorie, con una eccezione, evidentemente: il Ciocco Bike Circle.
Lo scorso weekend la tenuta toscana del Ciocco ha ospitato i primi Campionati Italiani di Pump Track, quelli di Team Relay e la Coppa Italia dedicati ai bikers dai 13 anni in su. Lo scorso anno nella località della Garfagnana si è svolto il primo Campionato Italiano di e-mtb, con l’intramontabile Marco Aurelio Fontana a firmare la hall of fame della FCI, ma anche il Campionato Assoluto di cross country con i professionisti dell’off road. Nel 1991, sempre al Ciocco, si sono disputati i Campionati del Mondo di mtb, per la prima volta in Europa, forse allora non tutti erano professionisti, ma i più forti sì.
Sabato 25 settembre, invece, il Ciocco chiama a raccolta i master di tutto il pianeta per il primo Campionato Mondiale UCI Marathon Master. Insomma il… “circle” si chiude, mountain bike a 360° dai 13 anni agli …anta.
Sabato la gara marathon, che va ad estendersi ed ad abbracciare i territori dell’accattivante Garfagnana e Valle del Serchio, è un “double run” di 32 km, e il dislivello totale sui 64 km è di 2600 metri, un giusto mix per decretare i primi campioni iridati della marathon Over 35. C’è di tutto lungo i 32 km che saranno affrontati due volte. Mulattiere tecniche, single track con discese tutte da guidare, guadi, acciottolati, ci sono anche tratti di asfalto utili per rifiatare e reintegrarsi, c’è infine il “flow trail” del Ciocco che accompagna la gara all’intergiro e al traguardo, posto all’interno dello stadio del Ciocco proprio come nel 1991.
L’itinerario di gara regala anche scorci caratteristici della Garfagnana, con gli attraversamenti di borghi storici d’un tempo lontano come Treppignana, Albiano, Barga e Sommocolonia. La Toscana è sempre molto bella da visitare, anche d’autunno, e in particolare i boschi cedui del Ciocco con i castagni le cui foglie stanno virando al giallo regalano passaggi da cartolina.
I 64 km da affrontare per conquistare i posti in classifica (saranno redatte le classifiche iridate per Master 35/39 – Master 40/44 – Master 45/49 – Master 50/54 – Master 55/59 – Master 60/64 – Master 65/69 – Master 70+) sono stati disegnati per fare una giusta selezione, insomma i Campioni del Mondo che usciranno dal Ciocco saranno davvero tali.
Per mettere un pizzico di pepe in più sulla competizione, verranno premiati anche lo scalatore top che percorrerà il tratto cronometrato in salita nel minor tempo (la migliore prestazione calcolata sui due passaggi nello stesso tratto di percorso) e il discesista più veloce che percorrerà il trail cronometrato del Ciocco in discesa nel minor tempo.
Difficile se non impossibile fare pronostici. É la prima volta che l’UCI propone il Campionato Mondiale Master nella disciplina marathon ed è anche impossibile capire nelle altre nazioni quali “master” siano d’assalto, o semplicemente amatori allo stato puro. Ad oggi sono 18 le nazioni rappresentate nella starting list, ma c’è tempo fino a poco prima del via per confermare la propria adesione (info: sport@cioccosportlab.it)
Info: www.cioccobike.it

IN CITY GOLF TRENTO: HOLE IN ONE. ATTENZIONE! SABATO GOLFISTI IN CITTÁ

IN CITY GOLF TRENTO: HOLE IN ONE. ATTENZIONE! SABATO GOLFISTI IN CITTÁ

Presentata oggi a Palazzo Geremia l’edizione 2021 di In City Golf
Sabato 18 settembre torneo con 72 golfisti in una gara a 18 buche
Grande valore mediatico dell’evento a Trento per la quarta volta
Si comincia dalle ore 11, coinvolto il centro della città

“Da quello che era un sogno, ora siamo ben presenti e concreti. Su Google, cercando “In City Golf” appaiono ben 73.112 risultati, con un valore mediatico di 1,5 milioni di euro, ad ogni edizione abbiamo in media più di 55 ore di televisione e 5.421 pagine di rassegna stampa in totale, tra cui l’ultima copertina di Livein Magazine. Abbiamo portato mille giocatori in dieci diverse location ospitanti, acquisendo una portata media di più di un miliardo di contatti”. Ha esordito così oggi, in occasione della conferenza stampa di presentazione di In City Golf Trento, Kurt Anrather, “sognatore”, inventore ed organizzatore di In City Golf.
Presentazione a Palazzo Geremia, nel capoluogo trentino, con interventi dell’assessore provinciale Achille Spinelli, dell’assessora comunale Elisabetta Bozzarelli, del consigliere comunale Andrea Merler e del direttore della APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi, Matteo Agnolin.
L’evento In City Golf verrà riproposto per la quarta volta a Trento sabato 18 settembre, e sarà un torneo a 18 buche, tutte davvero molto originali e ricavate negli angoli più belli e rappresentativi della città, con 72 giocatori.
“Ringrazio chi ha pensato di organizzare questo evento a Trento – ha detto l’assessore Achille Spinelli – è un evento di promozione integrata, che richiede l’impegno degli enti locali, come il Comune. È una manifestazione che può dare visibilità e slancio al turismo, all’integrazione sportiva e all’aspetto economico, gli sponsor credono in In City Golf e vogliono promuovere la propria attività proprio in questa occasione”. Gli ha fatto eco l’assessora comunale Elisabetta Bozzarelli: “Per il Comune c’è piena soddisfazione nell’aver fatto tornare In City Golf per la quarta volta a Trento, visto anche il periodo complicato. È la conferma che il Comune vuole investire in questi eventi, che da una parte fanno arrivare nuove persone a conoscere la nostra città, ma dall’altra portano la città fuori, proprio come per gli Europei di ciclismo della settimana scorsa. Capacità organizzativa, accoglienza e bellezza sono gli aspetti che si coniugano per rappresentare ciò che deve essere una città”.
È intervenuto anche Andrea Merler: “L’amministrazione comunale ha creduto nella continuità di questo evento, la cui quarta edizione non era scontata. Ciò dimostra come la politica si impegni per la promozione della città anche attraverso lo sport, per far parlare della città e mostrarla sia ai trentini sia ai turisti da tutto il mondo. È la cosa a cui tengo di più”.
Infine Matteo Agnolin – APT di Trento ha rimarcato: “In City Golf è l’ennesima occasione per Trento di indossare un abito diverso, sempre mantenendo qualità e servizi ad un livello molto alto. Kurt Anrather dimostra forte passione e professionalità e speriamo di poter collaborare anche in nuove occasioni invernali. Una manifestazione come questa significa mettersi in rete con altre città europee, che per noi rappresentano anche uno spunto di sviluppo turistico per il futuro”.
Tra i partners di In City Golf c’è anche la Cantina San Leonardo di Avio: “L’azienda non è avvezza a partnership – ha detto Mattia Cristoforetti – ma questa iniziativa ci sembrava un’ottima occasione, visto il successo delle precedenti. Inoltre, credo che golf e viticoltura abbiano alcuni punti di contatto. In primis la passione, del golfista sul campo, come per noi in campagna nel produrre risultati sempre più eccellenti. La convivialità: è un momento di incontro tra persone e generazioni, proprio come davanti a un bicchiere di vino”.
Infine Anrather ha illustrato alla platea le 18 buche nel dettaglio, si gioca nel cuore della città, in mezzo alla folla, in maniera completamente diversa rispetto ad un classico torneo di golf. La gente così può conoscere da vicino la disciplina del golf ed insieme visitare la città.
Saranno interessate Via Garibaldi, Via San Vigilio, Piazza Fiera, Piazza Duomo, Piazza Dante, Via Belenzani, Via Manci, Via Oss Mazzurana, Piazza Cesare Battisti e Piazza Pasi. Il torneo scatta sabato 18 settembre alle ore 11, sarà tempo di swing fino alle 16.30.
Info: www.incitygolf.it

Arco: Rock Master dà i numeri…L’arrampicata impazza in TV

Arco: Rock Master dà i numeri…L’arrampicata impazza in TV

Incontro con autorità e partner per annunciare i numeri della 34.a edizione
Diretta RAI Sport con 700.000 contatti, servizi in vari TG nazionali e locali
Su YouTube 130.000 visualizzazioni, 103.000 quelle sul canale di Ondra del Rock Master
Istituzioni e sponsor ancora a braccetto con gli organizzatori: formula novità per il 2022

“Il mio sogno fin da piccolo non era vincere Olimpiadi o Mondiali, ma vincere il Rock Master!” Sono le parole di Adam Ondra, l’atleta più forte e venerato al mondo dell’arrampicata sportiva. E lui ha vinto per la sesta volta il Rock Master.
È avvenuto a fine agosto, al Climbing Stadium di Arco, e oggi il successo non è ancora spento. A ravvivare l’interesse ci hanno pensato gli organizzatori guidati dal presidente Stefano Tamburini in un incontro con autorità e partner, un momento per illustrare gli eccezionali dati mediatici dell’evento.
“È stata un’edizione molto particolare – ha detto Stefano Tamburini, presidente del Comitato Organizzatore -in primis vorrei ringraziare tutti coloro che si sono prodigati e spesi per la realizzazione e per dare lustro all’evento, gli sponsor, le istituzioni, i nostri volontari. È stata un’edizione abbastanza difficile dopo un anno di stop e non sapevamo neppure noi bene cosa fare e con che modalità; forse questa formula un po’ più snella e dinamica rispetto alle altre edizioni ci ha dato ragione, visto anche i risultati dell’audience televisiva, Rock Master non è solo una gara a se stante ma è l’emblema dell’arrampicata in Italia ed in Europa, è una manifestazione che dura da più di 30 anni, è un evento che tiene al passato ma che si proietta al futuro”.
C’era anche il presidente della Apt Garda Dolomiti Silvio Rigatti, anche in rappresentanza dell’assessore provinciale Failoni: “Rock Master è uno degli eventi di sistema di Garda Trentino e lo sarà per il futuro, Arco ha fatto da sempre bene a puntare sull’arrampicata, è riconosciuta in tutta Europa e per noi è un valore straordinario. Nel prossimo inverno sistemeremo le aree interessate e le falesie. Vorrei puntare anche ad avere una falesia da 9C, come vorrebbero Ghisolfi e Ondra. Noi per il Rock Master ci saremo sempre, i 700.000 mila contatti live sono un grande valore; abbiamo creduto in voi e ci saremo anche nel futuro”.
Parole significative di saluto anche da parte del Comune di Arco, con l’assessore Dario Ioppi, orgoglioso di ospitare il Climbing Stadium, e parole incoraggianti da parte di Enzo Zampiccoli, presidente della Cassa Rurale Alto Garda Rovereto che ha ospitato l’incontro nella sede di Bolognano: “Come conferenza post evento è anomala, ma visti i risultati è un incontro che doveva esserci. Fin dalle origini di questo evento la Cassa Rurale è sempre stata vicina e cerca di essere vicina, perché ha intuito che questa associazione ha una valenza importante per l’economia della nostra zona. Anche noi pensiamo ad un futuro insieme al Rock Master!”
Il momento più atteso era l’esplicitazione dei dati mediatici. Ci ha pensato Angelo Seneci, il direttore tecnico ed uno dei fondatori del Rock Master. Il 34° Rock Master ha avuto ottimi e significativi risultati mediatici, una visibilità sicuramente amplificata dalla diretta che ha assicurato RAI Sport per oltre due ore, con telecronaca di Gianfranco Benincasa e col supporto tecnico di Luca “Canon” Zardini. Ma non ci sono solo i numeri della diretta a promuovere mediaticamente l’evento, bensì anche i tanti servizi nei TG sportivi italiani ed internazionali. Oltre 700.000 contatti solo per il “live”, poi non si contano quelli dei TG, numeri che si moltiplicano in maniera significativa. Recensiti due servizi sul TG Sport di RAI2, che ovviamente hanno numeri di ascoltatori considerevoli, servizi su TG RAI Regione il 26, 27 e 28 agosto, servizi sui TG delle emittenti locali e nazionali.
Dati importanti anche dallo streaming video, immagini che continuano ad essere visionate anche dopo settimane, che hanno fatto il giro del mondo per celebrare il successo di Stefano Ghisolfi il quale la settimana successiva al Rock Master – dove ha conquistato il Duello – ha vinto la Coppa del Mondo, dopo un ‘digiuno’ per l’Italia di 16 anni.
Lo streaming, ad oggi, è ad oltre 130.000 visualizzazioni sul canale ufficiale Youtube di Rock Master, ad oltre 100.000 visualizzazioni quelle del Duello postato da Adam Ondra, ma sono solo alcune delle cifre rilevanti. Anche RAI Sport ha trasmesso in streaming l’evento, con le stesse immagini della diretta.
Successo anche dei social e del sito www.rockmasterfestival.com. Grande il riscontro del web e della carta stampata, insomma il Rock Master è una potente macchina promozionale per il Garda Trentino.
Per il 2022 gli organizzatori stanno lavorando ad una nuova formula, ma tutte le bocche sono cucite, nessuno si è lasciato ancora scappare un’indiscrezione. L’impressione è che tra un anno esatto si sarà qui a commentare dati ancora più alti. Di certo Rock Master è sempre stato una fucina di idee e di progetti, la ‘premiata officina arcense’ potrebbe ancora una volta disegnare il futuro dell’arrampicata.
Info: www.rockmasterfestival.com

4 GIORNI ADRENALINICI IN VAL DI FIEMME. DISTANCE E SPRINT TRA ZIANO, LAVAZÉ E CERMIS

4 GIORNI ADRENALINICI IN VAL DI FIEMME. DISTANCE E SPRINT TRA ZIANO, LAVAZÉ E CERMIS

Da giovedì a domenica Campionati del Mondo e finale di Coppa del Mondo
Skiroll protagonista con quattro diversi format
C’è anche la gara “Open”, 15 km aperti a tutti

Ziano, in Val di Fiemme, si sta vestendo a festa. Questa è la settimana “mondiale” che torna dopo il successo del 2015, un’autentica saga dello skiroll.
Per chi non è avvezzo al mondo dello sci nordico, giova ricordare che la pratica dello skiroll è nata per consentire agli appassionati del fondo e della combinata nordica di allenarsi anche nelle stagioni in cui non c’è la neve. Ovvio che tutto è nato in Scandinavia, e parliamo degli anni ’30, ma è in Italia che lo skiroll ha suscitato l’interesse per l’agonismo. Tutto merito di Fabio Crestani, costruttore dei primi prototipi italiani e che insieme alla Marcialonga ha partorito l’idea della Skirollonga, un evento di massa, si parla di 500 partecipanti nei primi anni ‘80, con gare su strade aperte al traffico e non certo in condizioni ottimali, manifestazione che per tre anni ha visto partecipare tanti campioni come il “Grillo” De Zolt, Guidina Dal Sasso e Paolo Riva, per fare alcuni nomi.
Ora il mondo dello skiroll si è evoluto, gli attrezzi sono molto performanti e tanti atleti si sono specializzati proprio in questa disciplina, beninteso che comunque tutti i fondisti la praticano d’estate, diventando anche molto competitivi contro gli specialisti.
Succederà anche questa settimana in Val di Fiemme, appunto con i FIS Rollerski World Championships, quattro giornate da giovedì a domenica con gare intense e aperte a junior e senior, ed eccezionalmente domenica anche agli amatori per una “Open” da incorniciare, nella mitica scalata al Cermis, un po’ come d’inverno nella finalissima del Tour de Ski.
Comitato fiemmese al lavoro, lo stesso della Coppa del Mondo, con un esercito di volontari a garantire il perfetto svolgimento di gare che avranno il compito di assegnare lo scettro mondiale e le rispettive medaglie, ma anche gli ultimi preziosi punti che decideranno la classifica di Coppa del Mondo.
Quattro i format di gara, con la nuova pista di Passo Lavazè che entra in punta di piedi nell’atmosfera iridata. Giovedì infatti gara di apertura nel pomeriggio alle 14.45 al Lavazè con la Interval Start in tecnica libera sulle distanze di 10 km (donne j/s), 13 km (junior maschi) e 16 km (senior maschi). Venerdì a Ziano (dalle ore 17) andrà in scena l’adrenalinica Sprint, 200 metri di puro spettacolo e dove gli azzurri sono attesi ad una grande prova, quindi sabato la Team Sprint, sempre a Ziano, disciplina nella quale l’Italia si è imposta nell’ultima Coppa del Mondo disputata nel 2019. Due giornate a Ziano tutte in tecnica libera, mentre domenica si disputerà la Mass Start in tecnica classica, 15 km con un primo tratto tutt’attorno a Ziano e l’epilogo sull’Alpe del Cermis.
In gara atleti di Belgio, Germania, Italia, Lituania, Marocco, Norvegia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Slovacchia, Slovenia, Svezia, Thailandia, Taipei e Ucraina.
L’Italia punta su Matteo Tanel, Emanuele e Francesco Becchis, Michael Galassi, Luca Curti, Riccardo Lorenzo Masiero, Alessio Berlanda, Michele Valerio, Aksel Artusi, Riccardo Munari, Giovanni Lorenzetti e Marco Gaudenzio, quindi, al femminile, Elisa Sordello, Laura Mortagna, Sabrina Borettaz e Maria Gismondi. Convocati anche Tommaso Dellagiacoma, Elia Barp, Andrea Zorzi, Stefano Carli, Francesca Cola, Anna Maria Ghiddi, Elisa Brocard e Ilenia Defrancesco.
C’è ancora spazio per la gara “Open”, le iscrizioni si chiuderanno infatti a mezzogiorno di venerdì. La competizione ricalca il format dei senior, dunque 15 km in tecnica classica con la salita del Cermis. E al via vedremo, ad armi pari, amatori e agonisti e quanti non inseriti nella rosa dei quattro atleti per nazione accettati al Campionato del Mondo. Una gara nella gara. Estate ed inverno, lo sport di livello è sempre di casa in Val di Fiemme!
Info: www.fiemmerollerskicup.it

AL CIOCCO UNA “COPPA” ADRENALINICA: PUMP TRACK, TEAM RELAY E COPPA ITALIA

AL CIOCCO UNA “COPPA” ADRENALINICA: PUMP TRACK, TEAM RELAY E COPPA ITALIA

Sabato Campionati Italiani col debutto assoluto del pump track
Team Relay per comitati, sarà anche un’anteprima della gara di domenica
Alto Adige e Lombardia ai… ferri corti, domenica la “bella” di Coppa Italia
Al Ciocco i grandi eventi di mtb, e non solo, sono di casa

AAA, giovani campioni di mtb cercansi. Sabato e domenica al Ciocco, in Toscana, ritorna la mtb giovanile con tre appuntamenti di cartello: il primo Campionato Italiano di pump track ospitato nella struttura coperta più grande d’Italia, il Campionato Italiano Team Relay e la finalissima di Coppa Italia XCO.
Sabato 18 in mattinata sarà spettacolo con la Team Relay. Lo scorso anno l’omologa gara si è disputata a Lavarone, laureando campione italiano il team Alto Adige davanti a Lombardia e Piemonte, i comitati che praticamente stanno dettando legge quest’anno insieme al Veneto.
Sabato sera toccherà alla sfida di pump track, e in questo caso per il primo campionato non ci sono favoriti di sorta, sarà un’esperienza tutta da vivere. Infine domenica si assegna la Coppa Italia XCO per comitati. Ieri a Lavarone si è corsa la penultima prova, con una gara decisa negli ultimi due giri di giornata. Ha vinto l’Alto Adige, anche se in mancanza di alcune delle proprie punte di diamante, ha perso la Lombardia per un guasto tecnico occorso all’atleta di primo piano, facendosi precedere al secondo posto anche dal Veneto, così domenica l’Alto Adige si presenta col team al completo per difendere la leadership. Questo il punteggio attuale: Alto Adige p. 1218, Lombardia p. 1175, Piemonte p. 1085, Veneto p. 1012 e Toscana p. 811. Proprio la Toscana lo scorso anno aveva dominato la Coppa Italia davanti a Lombardia e Alto Adige.
Una situazione “incandescente” che sicuramente garantirà grande spettacolo sul tracciato, per nulla facile, del Ciocco, un percorso ispirato al Campionato del Mondo del 1991 ma soprattutto al Campionato Italiano assoluto ospitato lo scorso anno insieme a quello giovanile.
Dunque una pista ben conosciuta anche dai giovani bikers, che saranno in gara sì per il risultato del proprio comitato, ma anche per ribadire individualmente il rango delle categorie Esordienti ed Allievi del primo e secondo anno. Ieri a Lavarone le singole categorie sono state vinte da Emanuele Savio (E1), Fabian Höllrigl (E2), Luca Fregata (A1), Gabiel Borre (A2) e al femminile da Elisa Giangrasso (E1), Elisa Ferri (E2), Giulia Rinaldoni (A1) e Valentina Corvi (A2).
Sarà sicuramente Elisa Ferri l’atleta toscana di riferimento. La 14enne del GS Olimpia Valdarnese lo scorso anno al Ciocco ha vestito la maglia tricolore, ma lei è campionessa italiana anche di ciclocross: “Nel 2020 al Ciocco hai avuto una grande giornata, – le abbiamo chiesto – ci ritorni quest’anno per la Coppa Italia? Come ti sei preparata? A cosa punti?” “Punto sempre a vincere, almeno ci provo, il Ciocco è molto bello, il percorso per me è adatto, spero tanto di riuscire a vincerla perché è un momento molto bello per me, poi l’aria di casa fa sempre bene, e il Ciocco per me è casa”. “L’obiettivo vero?” “È quello di vincere la categoria, ma è un obiettivo che mi pongo sempre.” “Come vedi la situazione per la tua squadra?” “L’anno scorso è andata bene, però quest’anno abbiamo un po’ di sfortuna perché succede sempre qualcosa ai miei compagni, ma io riesco sempre ad arrivare e prendere punti. La Toscana punta su di me, io ci provo”.
Il Comitato Organizzatore guidato da Valerio Barsella, sotto pressione anche perché la settimana successiva il Ciocco ospita il Campionato del Mondo UCI Marathon Master, sta apportando le ultime rifiniture ad una macchina organizzativa ormai rodata e oliata. Di sicuro il prossimo weekend al Ciocco sulla “Living Mountain” saranno due giornate di sport giovanile ad alto livello. E per chi vuole divertirsi e rilassarsi, la tenuta toscana offre davvero opportunità per tutti i gusti nelle terre della Garfagnana e Valle del Serchio.
Info: www.cioccobike.it

PROGRAMMA GARE

CAMPIONATO ITALIANO TEAM RELAY

Sabato 18 settembre
10.00 – 11.30 Partenza Campionato Italiano Team Relay
12.30 Premiazioni

CAMPIONATO ITALIANO YOUTH PUMP TRACK

Sabato 18 settembre
16.30 Qualifiche
17.30 Eliminatorie/semifinali/finali

COPPA ITALIA GIOVANILE

Domenica 19 settembre
08.30 Partenza ES1 (esordienti maschile)
09.30 Partenza ES2 (esordienti maschile)
10.30 Partenza DA1 + DA2 (allievi femminile)
10.32 Partenza DE1 + DE2 (esordienti femminile)
10.34 Partenza G6 (giovanissimi)
11.30 Partenza ALL1 (allievi maschile)
12.45 Partenza ALL2 (allievi maschile)
13.00 Premiazioni

DA UN SOGNO “PROIBITO” ALL’IN CITY GOLF. TORNA IN CITTÁ A TRENTO L’ORIGINALE TORNEO

DA UN SOGNO “PROIBITO” ALL’IN CITY GOLF. TORNA IN CITTÁ A TRENTO L’ORIGINALE TORNEO

Southwest Greens Central Europe In City Golf Trento 2021 presented by Engel & Völkers
Sabato 18 settembre per la quarta volta palline in volo a Trento
18 buche molto speciali per 72 selezionati golfisti
Da Piazza Duomo a Piazza Fiera, da Piazza Dante a Piazza Battisti
Palline morbide, ma “ferri” autentici

“Il golf è più difficile del calcio perché la pallina sta ferma: così la guardi, cominci a pensare a tutto quello che ti hanno insegnato e finisci quasi sempre per sbagliare.” Sono parole di Gianluca Vialli.
Di golf, spesso, si parla a sproposito: sport per ricchi o sport per tutti? Sta di fatto che a tutt’oggi pure la sua origine è incerta. Chi parla dell’Olanda (dove ‘kolf’ significa bastone, che in gergo golfistico è l’attrezzo per lanciare la pallina), altri asseriscono che il golf nasce in Scozia dove si riscontrano il primo campo, la prima associazione, le prime norme e la declinazione elitaria che ne farebbe una disciplina solo per uomini. E si dice anche che G.O.L.F. sia l’acronimo inglese di Gentlement Only-Ladies Forbidden, ovvero “solo per uomini, proibito alle donne”.
C’è però un punto fisso, l’origine di In City Golf. È frutto di un ‘sogno’ del 2009 di Kurt Anrather, il C.E.O. di Curtes. Dal 2018 la città di Trento ospita appunto In City Golf, e lo farà anche quest’anno sabato 18 settembre, poco tempo dopo il grosso successo riscontrato ad Innsbruck in una similare manifestazione. L’appuntamento consiste in un originale torneo a 18 buche con 72 giocatori, con svolgimento in centro città.
Il nome dell’evento, In City Golf, e la location, la bella ed accogliente città di Trento, suggeriscono che si tratta di un torneo golfistico molto particolare. Non c’è, ovviamente, la concentrazione del golf tradizionale sul green, non c’è l’erba soffice e tagliata come il velluto, ma ci sono buche originali nei punti più reconditi della città del Tridente.
Quest’anno, per evitare limitazioni imposte dalle norme anti Covid, nessuna buca sarà allestita al chiuso, come lo era stato in passato ad esempio dentro il Teatro Sociale, non sarà quindi necessario indossare la mascherina. Trento sarà come sempre ospitale per i golfisti, che per una giornata abbracciano il centro storico con gli originali caddy e sacche ripiene di “ferri” per mettere in mostra swing d’autore.
Anche quest’anno Kurt Anrather per i 72 fortunati golfisti ha preparato “buche” impegnative e spettacolari, che sicuramente divertiranno chi sabato 18 sarà a spasso per la città tra Piazza Duomo, Piazza Fiera, Piazza Battisti e Piazza Dante, per dare dei confini a questo speciale campo da golf ‘virtuale’, che poi virtuale non è.
Tutte le buche pongono ai partecipanti sfide particolari del classico gioco del golf: dal tee al putt. In Via Garibaldi ci sarà il Bunker Shot (il tiro dalla buca di sabbia), in Piazza Fiera il Longest Drive (tiro lungo con speciali palline), il Par 3 (un primo tiro da una pedana in alto e poi il centro in buca), il Goalwall, due minuscole finestre ricavate in un portone da garage Mortec Tooor, il Bowling con piccoli birilli su un parquet di Fiemme 3000, quindi la Fontana, ovvero il Nettuno di Piazza Duomo, il San Leonardo, uno speciale bicchierone dell’omonima cantina di Avio da centrare con la pallina, e ancora “Finestra”, una realizzazione Internorm da centrare a distanza, ‘A22’ con una buca disegnata proprio dalla società autostradale, e ancora Pin (la bandiera nello slang golfistico), ma ci sarà anche una Porsche a fare da ‘buca’ in Piazza Cesare Battisti. Insomma questi sono solo alcuni esempi, mentre in Piazza Duomo sarà allestita anche una buca pubblica, dove chiunque potrà prendere confidenza con ferri e palline.
Spettatori e passanti ignari del torneo di golf cittadino non devono preoccuparsi. Se le palline da golf a volte volano a velocità impressionanti, con un record di 328 km/h raggiunti da una pallina scagliata dal professionista canadese Jack Zuback, a Trento le velocità saranno più modeste, ma soprattutto le palline utilizzate saranno in materiale morbido.
Sono tante le collaborazioni con Curtes per questo evento, sicuramente la partnership del Comune di Trento è quella più importante e significativa. Il programma, ora ufficiale, segue un po’ lo stile del mondo del golf. Venerdì 17 alle 20 presentazione delle buche presso la Club House di Piazza Pasi, alle 20.30 presentazione ufficiale Southwest Greens Central Europe In City Golf Trento 2021 presented by Engel & Völkers Trentino.
Sabato 18 settembre alle ore 10 brunch nella VIP Lounge presso la Club House in Piazza Pasi e alle 11 l’inizio del torneo. La conclusione è prevista alle 16, poi alle 20 premiazioni e cena di gala presso il Muse.
Info: www.incitygolf.com

Skiroll, un mondiale per Russia, Italia e il resto del mondo

Skiroll, un mondiale per Russia, Italia e il resto del mondo

Sta entrando nel vivo la 4 giorni iridata della Val di Fiemme

Dal 16 al 19 settembre gare mondiali, ma si assegna anche la Coppa del Mondo

Sarà un confronto tra skirollisti e fondisti di rango, Bolshunov in primis

Gare a Passo Lavazè, Ziano di Fiemme e finale sull’Alpe Cermis

17 nazioni, 150 atleti: il Campionato del Mondo di Skiroll, nonostante qualche assenza comprensibile in momenti di pandemia non ancora sopita, annuncia spettacolo ed emozioni in Val di Fiemme dal 16 al 19 settembre. Il programma di gare è noto da tempo: “Interval Start” giovedì 16 settembre a Passo Lavazè sulla nuova pista permanente, Sprint venerdì sera a Ziano di Fiemme, Team Sprint sabato sempre a Ziano, tutte gare in tecnica libera, e infine domenica 19 l’attesa Mass Start Final Climb in tecnica classica da Ziano fino all’intermedia dell’Alpe Cermis, un po’ come succede d’inverno col Tour de Ski, a cui si somma una gara “Open”.

Ieri si sono chiuse le iscrizioni ed ora ci sono pure le conferme definitive di grandi campioni dello sci pronti a conquistare la scena anche d’estate.

La FISI ha comunicato la pattuglia dei 24 azzurri convocati dal CT Michel Rainer: gli atleti della nazionale skiroll Matteo Tanel, Emanuele e Francesco Becchis, Michael Galassi, Luca Curti, Riccardo Lorenzo Masiero, Alessio Berlanda, Michele Valerio, Aksel Artusi, Riccardo Munari, Giovanni Lorenzetti e Marco Gaudenzio quindi, al femminile, Elisa Sordello, Laura Mortagna, Sabrina Borettaz e Maria Gismondi. Convocati anche Tommaso Dellagiacoma, Elia Barp, Andrea Zorzi, Stefano Carli, Francesca Cola, Anna Maria Ghiddi, Elisa Brocard e Ilenia Defrancesco.

Nutrita anche la compagine russa, ben 29 gli atleti che hanno prenotato un posto nelle gare fiemmesi e tra essi nomi di spicco anche del fondo. Svettano su tutti Bolshunov, Chervotkin, Spitsov, Dementiev e la temibile Neprayeva. Dal mondo del fondo arrivano anche la slovena Anamarija Lampic, vincitrice della sprint al Tour de Ski in Val di Fiemme nel 2020, e la svedese Linn Sömskar, a podio nella team sprint di Coppa del Mondo, solo per citare alcuni protagonisti degli sci stretti.

Le gare fiemmesi assegnano anche gli ultimi punti di Coppa del Mondo e ovviamente al via si aggiungono tutti i leaders della CdM, ovvero Raimo Vigants (LAT) e Sandra Schuetzova (CZE) per le gare senior, e gli altri due lettoni Lauris Kaparkalejs e Samanta Krampe per le prove junior.

Cresce di giorno in giorno anche l’interesse per la gara Open di domenica 19, le iscrizioni in questo caso chiuderanno venerdì 17. Chi è escluso dal Campionato del Mondo può partecipare alla Open, aperta anche agli amatori sullo stesso tracciato di 15 km che da Ziano si concluderà sul Cermis. Un’occasione unica per vivere un’emozione “mondiale” anche per i master.

Info: www.fiemmerollerskicup.it

MARCIALONGA: NE COMBINA(TA) UNA DOPO L’ALTRA. MICH, ROVISI E PEDERIVA FANNO SQUADRA

MARCIALONGA: NE COMBINA(TA) UNA DOPO L’ALTRA. MICH, ROVISI E PEDERIVA FANNO SQUADRA

Con la conclusione della Marcialonga Running Coop definita la “combinata”
Stefano Mich, sci, Andrea Rovisi, bici, e Carlotta Pederiva, running, fanno squadra
La Marcialonga è tutto un team, che funziona!
C’è anche la Hall of Fame, per i virtuosi che hanno concluso le tre gare

Marcialonga è una squadra! In tutti i sensi. Una squadra organizzativa, una squadra di fantastici volontari, una squadra anche nelle gare. Tant’è che questa passione di aggregazione vede anche una speciale classifica che premia i team che hanno portato a termine i tre eventi Marcialonga, la Skiing, la Cycling Craft e la Running Coop.
Squadre eterogenee, con almeno una donna per l’edizione 2021 della Combinata by Craft, con la sola Marta Vinante tra le concorrenti “rosa” a gareggiare con gli sci stretti. Tutte le altre ragazze hanno infatti portato punti alla squadra con la prestazione nella corsa.
Con la disputa della Marcialonga Running Coop di domenica scorsa è stata stilata quindi la speciale classifica della Combinata by Craft. Speciale anche perché quest’anno, con l’annullamento della prova di ciclismo causa Covid, è stato necessario guadagnarsi il “brevetto” riservato a coloro che, da maggio a settembre, hanno percorso il tracciato della Marcialonga Cycling Craft, per allenamento o per trascorrere una piacevole giornata godendo del panorama, secondo lo schema Strava oppure in modalità cartacea punzonando nei punti di passaggio previsti.
Il successo è arriso e ha reso felice per il premio di 1000 euro in prodotti Craft il Team “Avvoltoi delle Dolomiti”, con Stefano Mich, migliore nella gara invernale (3h23’47”), Andrea Rovisi col terzo tempo nel brevetto (4h54’22”) e Carlotta Pederiva col secondo tempo nella Running Coop (1h57’33”); il tempo totale è di 10h15’42”.
Sul secondo gradino del podio la squadra #fightforsalsa con Marta Vinante, 36.a assoluta alla Marcialonga invernale (4h21’50”) e con dietro tante fondiste agoniste. Con lei il cuneese Pietro Dutto, uno che di granfondo ne ha vinte tante e ovviamente best time in questa classifica col brevetto su due ruote (4h36’21”). A completare la squadra Sergio Moretti impegnato nella “Running”.
Quest’estate sono stati già 60 i brevettati che hanno affrontato il percorso mediofondo o granfondo, e tra questi spiccano i Superstar 2021, ovvero gli atleti che si sono cimentati in tutte le prove. Sul sito www.marcialonga.it sono pubblicati e consultabili tutti i nomi dei nuovi membri nella lista Hall of Fame “Marcialonga Superstar Club”. I primi ad entrare nella Hall of Fame sono stati Florian Cappello del Team Robinson, Paolo Sembenini del Team Futura ed il bergamasco Tommaso Albani Rocchetti.
La sfida della Combinata Marcialonga by Craft si riaprirà il 30 gennaio con la 49.a edizione della gara invernale: stay tuned!

Classifica Combinata Marcialonga by Craft 2021:

  1. Avvoltoi delle Dolomiti (Stefano Mich – Andrea Rovisi – Carlotta Pederiva) 10.15’42”, 2. #Fightforsalsa (Marta Vinante – Pietro Dutto – Sergio Moretti) 10.33’32’’, 3. Fiemme Team (Tiziano Conti – Mattia Bosin – Giulia Dallio) 10.46’39’’, 4. Team Valghe (Matteo Betta – Paolo Ventura – Elisa Pederiva) 10.55’01’’, 5. Dream Team (Bartolomeo Tiscione – Filippo Calliari – Elena Cavallini) 11.41’26’’