Tag: running

MARCIALONGA COOP TUTTA AFRICANA. SUPER NZIKWINKUNDA E MUKANDANGA

MARCIALONGA COOP TUTTA AFRICANA. SUPER NZIKWINKUNDA E MUKANDANGA

Com’era prevedibile i corridori africani hanno monopolizzato la corsa trentina
Il burundese Onesphore Nzikwinkunda smorza tutti i rivali. Miglior italiano Zorzi
Clementine Mukandanga al bis. Terza la bolzanina Sarah Giomi
Gara di successo con gli ori olimpici Baldini e Nones a premiare i protagonisti

Il Burundi proprio mancava, come nazione, nell’albo d’oro della Marcialonga Running Coop: oggi ci ha pensato Onesphore Nzikwinkunda, il favorito di giornata, capace di chiudere i 24 km in 1h12’19” col passaggio intermedio alla “mezza” di 1h03’02”, lui che vanta però un best di 1h01’. Tra le donne altro successo africano, con la ruandese Clementine Mukandanga a fotocopiare la performance del 2018.
La gara trentina, in formato “anti Covid”, è stata un successo: il gran lavoro preparatorio, l’esercito di volontari a collaborare e la gran voglia di correre di tanti runners, ben oltre il migliaio, hanno suggellato l’ottima riuscita della 18.a edizione dell’evento podistico fra le Valli di Fiemme e Fassa. Una competizione un po’ anomala, con le partenze da Moena scandite ogni 5” dopo un allineamento con tanto di mascherina, indossata fino alla prima curva e poi reindossata dopo il traguardo di Cavalese.
Le corse per i runners sono solitamente di gruppo e con confronti diretti, stavolta si doveva correre contro se stessi, senza tanti riferimenti (i migliori erano staccati uno dall’altro di almeno 1’) e dunque 24 km a tutta, almeno per i più forti. E lo si è visto subito, perché Onesphore Nzikwinkunda già dai primi metri ha impresso un ritmo forsennato, andando a riprendere chi era partito davanti a lui e poco prima del traguardo anche Said Boudalia, partito col numero 1.
Difficile commentare una gara individuale con le partenze scaglionate, se non raccontando qualche piccolo accadimento. Come ad esempio la prova di un altro favorito, Ousman Jaiteh vincitore nel 2018, che fino a Lago di Tesero, nei primi 17 km circa, registrava tempi molto interessanti, poi i crampi lo hanno letteralmente bloccato andando a complicare la sua corsa e facendolo concludere molto attardato. Anche tra le donne la ruandese Mukandanga ha messo la freccia appena partita, ed ha approfittato del fatto di trovarsi fra i maschi più forti tenendo così un ritmo decisamente sostenuto, difficile da eguagliare per le sue avversarie.
La falcata veloce di Nzikwinkunda ha fatto subito capire agli intenditori che il portacolori dell’Atletica Casone Noceto era in giornata e capace di mettere il sale sulla coda di chi lo precedeva. A Masi di Cavalese, al passaggio sotto l’arco della mezza, con un cannone invernale a sparare acqua nebulizzata al posto dello spugnaggio, l’atleta del Burundi confermava il suo stato di forma con un significativo 1h03’02” e da lì al traguardo per lui era un balzo vincente, dopo aver raggiunto e passato Boudalia partito diversi minuti prima.
Originale l’arrivo a Cavalese, non in centro come di consueto, ma alla periferia dell’abitato, appena dopo la galleria della vecchia ferrovia fiemmese, illuminata con degli originali giochi di luce al laser.
Podio maschile tutto africano, ma con tre diverse nazioni. Sul secondo scalino è balzato di forza il keniano Joash Kipruto Koech pagando però oltre 2’ di distacco dal burundese. A completare il podio l’etiope Damte Kuashu Taye, lesto a mettersi alle spalle il ruandese Siragi Rubayita; in quinta e sesta posizione i marocchini Ismail El Haissoufi e Said Boudalia, italiani di adozione, con quest’ultimo ad aver già gustato il sapore della vittoria nel 2015. Non passa inosservato il primo italiano, Nicolò Zorzi, fiemmese D.O.C., buon nono davanti a Matteo Vecchietti. Solo 19° Ousman Jaiteh, osteggiato dai muscoli martoriati fin sullo striscione d’arrivo. Forfait ieri sera per un problema fisico dell’atteso Cesare Maestri, vicecampione del mondo di corsa in montagna.
Gara delle donne senza storia. Detto di una velocissima Clementine Mukandanga, capace di andare a solleticare alcuni maschi tanto da finire nona assoluta, merita un cenno la prova della burundese Nahimana Cavaline finita a 3’36”, con Sarah Giomi, la bolzanina 2.a nel 2017, appena dietro. Medaglia di legno per l’altra burundese Elvanie Nimbona che ha preceduto Ivana Iozzia.
Giornata niente male anche per i fondisti, con Lorenzo Busin del Team Robinson Trentino buon 16° e il compagno di team Florian Cappello, 37° di giornata, a vincere la speciale classifica del Gold Superstar Club, la combinata dei tre eventi Marcialonga, davanti a Paolo Sembenini del Team Futura Trentino.
Niente premiazioni, ma solo flower ceremony per rispettare le limitazioni imposte dal contenimento della pandemia, con i due ori olimpici Stefano Baldini, inviato di Sky, e Franco Nones, ‘padrone di casa’, a complimentarsi con i protagonisti. E in chiave olimpica significativi i passaggi dei runners dentro lo stadio del salto di Predazzo e quello del fondo di Lago di Tesero, sedi delle gare olimpiche 2026.
Archiviata con successo la “Running Coop”, ora Marcialonga guarda alla granfondo invernale di fine gennaio.
Info: www.marcialonga.it

Download immagini TV:
www.broadcaster.it

Classifica maschile
1 Nzikwinkunda Onesphore Bur, Atl. Casone Noceto 1:12:19; 2 Koech Joash Kipruto Ken, G.P. Parco Alpi Apuane 1:14:59; 3 Taye Damte Kuashu Eth, Atletica Buja 1:16:08; 4 Rubayita Siragi Rwa, Atl. Castello 1:16:50; 5 El Haissoufi Ismail Ita, Atl. Rimini Nord Santarcangelo 1:18:40; 6 Boudalia Said Ita, Atletica San Biagio 1:19:11; 7 Kipngetich Simon Rugut Uga, Toscana Atletica 1:19:28; 8 Nihorimbere Celestin Bur, Atletica Brugnera 1:21:39; 9 Zorzi Nicolo’ Ita, U.S. Cornacci Tesero Asd 1:21:59; 10 Vecchietti Matteo Ita, Atletica Valle Di Cembra 1:22:26

Classifica femminile
1 Mukandanga Clementine Rwa, Atl. Virtus Cr Lucca 1:21:54; 2 Cavaline Nahimana Bur, #Iloverun Athletic Team 1:25:29; 3 Giomi Sarah Ita, Cus Pro Patria Milano 1:27:31; 4 Nimbona Elvanie Bur, Asd Caivano Runners 1:28:42; 5 Iozzia Ivana Ita, Calcestruzzi Corradini Excelsior 1:29:06; 6 Bettin Loretta Ita, Atl. Paratico 1:32:35; 7 Zilio Anna Ita, A.S.D. Team Km Sport 1:33:56; 8 Cunico Maurizia Ita, Atl. Casone Noceto 1:34:28; 9 Zerbini Sarah Ita, Camisano Running A.S.D. 1:34:34; 10 Ricci Laura Ita, Calcestruzzi Corradini Excelsior 1:35:09

MARCIALONGA COOP SI FA IL 6 SETTEMBRE. “RUNNING” AGGIORNATA IN VERSIONE SMART

MARCIALONGA COOP SI FA IL 6 SETTEMBRE. “RUNNING” AGGIORNATA IN VERSIONE SMART

Gli organizzatori hanno studiato tutte le possibilità per rispettare le norme anti Covid
Partenze scaglionate ma individuali e distanziamento sociale garantito
Si sfrutterà maggiormente la “ciclabile” per evitare assembramenti
Domenica 6 settembre da Moena a Cavalese, sarà la festa dei runners

“Lo sport deve essere patrimonio di tutti e di tutte le classi sociali”. É una delle tante frasi famose di Pierre De Coubertin. Gli eventi Marcialonga possono fregiarsi di questo aforismo e all’orizzonte c’è, tra meno di un mese, un nuovo appuntamento fortemente voluto dagli organizzatori: Marcialonga Running Coop, 6 settembre. È imperativo, si fa!
Non è solo una gara, è il coinvolgimento di una comunità, il supporto di centinaia di volontari e il coronamento sportivo di tantissimi appassionati.
Lo hanno deciso ieri sera i membri del consiglio direttivo di Marcialonga, dopo una lunga seduta in cui sono stati esaminati tutti i problemi relativi al contenimento della diffusione del Covid-19 per poter dare vita alla 18.a edizione della manifestazione trentina.
Da qui al 6 settembre la situazione potrebbe cambiare ancora, tuttavia lo staff dirigenziale, con a capo Angelo Corradini, presidente, e Davide Stoffie, direttore generale, è determinato a proporre l’appuntamento delle Valli di Fiemme e Fassa.
Non sarà come nella versione originale con l’affascinante partenza di gruppo in pieno centro a Moena ma, non ci sono dubbi, la Marcialonga Running Coop celebrerà con tutti i crismi la sua 18.a edizione. Le partenze saranno scaglionate, ma individuali e predisposte in maniera da mantenere il distanziamento sociale. In questa occasione sarà sfruttata maggiormente la pista ciclopedonale della Val di Fiemme, evitando i centri abitati per limitare la presenza del pubblico. È un vero peccato, perché i paesi e la gente sono una caratteristica degli eventi Marcialonga, ma la situazione è contingente e dunque ci si è adeguati.
I ristori saranno pensati per evitare il contatto sociale, nessun pasta party o ristoro finale, ma uno sfizioso packet lunch consegnato al termine della prova
Aumenterà di circa 400 metri la lunghezza del percorso, ora da Moena a Cavalese attraverso la pista “Marcialonga” la Running Coop si porta a 26,4 km.
Quello che va sottolineato è la grande determinazione degli organizzatori. Nessuna bandiera bianca, anzi l’evento del 6 settembre sarà anche un test per la gara invernale di gennaio. Per i runners un’esperienza diversa, ma sicuramente gratificante. Il tracciato della corsa attraversa zone molto belle ed anche alcuni tratti inediti, inaugurati da poco, del percorso utilizzato dalla gara di fondo.
È stato deciso anche di soprassedere, per quest’anno, all’organizzazione della MiniRunning del sabato ed alla staffetta, entrambe rinviate al 2021.
Ci sarà una limitazione nella partecipazione alla Marcialonga “Running” Coop, al massimo ammessi 1500 podisti, per contenere partenze e arrivi entro un periodo di tempo accettabile.

Info: www.marcialonga.it

PREVISTO INDOTTO RECORD ALLA GARDA TRENTINO HM. RUSSI SUGLI SCUDI, ITALIANI SUPERANO STRANIERI

PREVISTO INDOTTO RECORD ALLA GARDA TRENTINO HM. RUSSI SUGLI SCUDI, ITALIANI SUPERANO STRANIERI

Oggi conferenza stampa di presentazione a Trento (Trentino Marketing)
Ad oggi 4.350 iscritti alla Garda Trentino Half Marathon del 10 novembre a Riva del Garda
Italiani davanti agli stranieri – donne al 44% e parterre di russi da record
Favoriti i campioni in carica Simukeka e Heim con Jaiteh, Tiongik e Kipngetich outsider

Oggi a Trento, presso la sala Rombo di Trentino Marketing, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della diciottesima Garda Trentino Half Marathon, in programma domenica 10 novembre a Riva del Garda. Ad oggi sono 4.350 gli iscritti, con i runners italiani ad effettuare il sorpasso (2250 contro 2100 stranieri), registrando complessivamente un’ottima partecipazione delle donne (44%) e una folta rappresentanza di concorrenti russi, tedeschi e ungheresi, mentre circa 100 bambini attualmente sono iscritti alla Kids Run, con parte della quota d’iscrizione in beneficenza. Due i percorsi, 21K e 10K (partenza da Arco), entrambi con arrivo sul lungolago di Riva del Garda. Alla conferenza erano presenti il presidente del comitato organizzatore Sandro Poli, il presidente di InGarda Marco Benedetti, il presidente di UISP Trentino Tommaso Iori e la presidente del CONI Trentino Paola Mora, con Benedetti a proporre il motto “Garda tutto l’anno”: “L’emblema di ciò è la mezza maratona che allunga la stagione fino a novembre”. Paola Mora pone l’attenzione sullo sport femminile e sulle famiglie: “con la possibilità di lasciare i piccoli in uno spazio custodito che rassicura i genitori e promuove il lavoro sociale dello sport ad ogni livello. Parliamo di 6.000 atleti e dunque di almeno 15.000 presenze sul Garda Trentino”. La collaborazione con UISP è forte e duratura: “Dopo diversi anni siamo ancora qui – afferma Iori. – L’atletica è inclusiva e nella stessa giornata possono convivere grandi campioni e persone che devono ritagliarsi nel corso di una giornata lo spazio per allenarsi. Facciamo il tifo per Ousman Jaiteh, vederlo competere a questi livelli è una bellissima soddisfazione”. Tutti concordi nel citare l’importanza della manifestazione dal punto di visto economico-turistico, le previsioni parlano infatti di 2.200.000 euro di indotto sul territorio, ma Sandro Poli non vuole sentir parlare di sogni: “Piuttosto di miracoli, – dice – questo è un evento che ha al proprio interno professionalità ed impegno. La sola passione non è sufficiente. Abbiamo battuto diversi record e registriamo un +25% dalla Russia e + 40% dalla Bielorussia. Ringrazio inoltre il Comune di Arco per aprire le porte del castello (gratuitamente sabato e domenica) a tutti coloro i quali si presenteranno con pettorale. All’interno del Palafiere cercheremo poi di eliminare la plastica, ora la borsa del pacco gara sarà in carta e tutto il resto in materiale eco-sostenibile. Il mio sogno è avvicinare il mercato cinese, presentandoci con uno stand a Pechino o a Shanghai per promuovere la nostra manifestazione”. I favoriti al via non si contano, dai vincitori della passata edizione Jean Baptiste Simukeka (1h04’45”) e Thea Heim. La tedesca se la dovrà vedere con la connazionale Ricarda Gerlach e l’ultramaratoneta azzurra Monica Carlin. Al maschile ci sarà invece l’ex azzurro di ultramaratona Marco Boffo, ora allenatore di un altro papabile protagonista: il trentino-gambiano Ousman Jaiteh – quarto lo scorso anno. Daranno battaglia anche Paul Tiongik, Julius Rono Kipngetich e Nikki Johnstone. Gli azzurri ci proveranno con Mohamed Moro, Abdelatif Batel, Jacopo Brasi, Matteo Rosa, Jacopo Caracci, Mauro Gibellini e Massimiliano Pedroni. La Garda Trentino Half Marathon regala una festa anche a tutti gli accompagnatori e la gratuità delle iniziative di contorno è un impegno importante che premia l’affezione.

Per info: www.trentinoeventi.it

LA CARICA DEI 4…101 DELLA GARDA TRENTINO HM. TRA GLI UOMINI DA BATTERE C’Ė… ELVIS PRESLEY!

LA CARICA DEI 4…101 DELLA GARDA TRENTINO HM. TRA GLI UOMINI DA BATTERE C’Ė… ELVIS PRESLEY!

Superati i 4100 concorrenti, il comitato ‘vede’ quota 6000 all’orizzonte
La diciottesima edizione si disputerà il 10 novembre a Riva del Garda
Il parterre di stranieri non si arresta, italiani a raccolta!
Al via anche l’eccentrico runner Nikki Johnstone

Ad oggi, i concorrenti iscritti alla Garda Trentino Half Marathon del 10 novembre a Riva del Garda sono quattromila…101 come la famosa carica che, anziché di cani dalmata, sarà di corridori. Numeri che però aumentano di centinaia in centinaia con il passare dei giorni, con il comitato a “vedere” piano piano quota 6000, a meno di un mese dallo start. La notizia è che la ‘quota’ di stranieri sfiora il 50%, un dato sensazionale per una competizione podistica nostrana, e una nota di (de)merito per i ‘nostri’ che tuttavia hanno ancora tempo per rifarsi, garantendosi una delle corse più spettacolari d’Italia. Circa 300 stranieri in più rispetto al medesimo periodo dello scorso anno e circa 600 italiani in meno, confermando la Garda Trentino Half Marathon come una corsa “di tutti”, una gara che piace soprattutto alle donne, anch’elle pronte a pareggiare i maschi. Piace anche perché è alla portata di tutti, facendo esibire i contenders in un tracciato di 21K con partenza e arrivo a Riva del Garda e in una 10K altrettanto spettacolare e non troppo impegnativa, da Arco a Riva del Garda, senza dimenticare la Kids Run in centro storico.
Tanti ‘nomi’ hanno già dato il proprio assenso, e uno dell’ultim’ora è quello di Nikki Johnstone, un corridore celebre per la propria eccentricità e velocità, capace di ottenere risultati importanti nel 2019 con tempi che si aggirano attorno alle 2 ore e 22 per quanto riguarda la maratona e 1 ora e 12 per quanto concerne la mezza, quasi sempre uscendone vittorioso. L’atleta di Düsseldorf è inoltre conosciuto per aver battuto il Guinness World record dell’“Elvis Presley più veloce” concludendo il tracciato della maratona di Berlino in 2:37:04 e adempiendo ai tassativi requisiti richiesti dal Guinness dei primati: basette, occhiali da pilota, parrucca e abito degno di “The Pelvis”. Pare inoltre che il Re del Rock, ora, sia deciso a palesarsi anche alla Garda Trentino Half Marathon, e chissà se ci riserverà qualche altra trovata… Di certo se la vedrà con concorrenti di oltre 40 nazioni, tra i quali Noel Hitimana e il trentino del Gambia Ousman Jaiteh, ci sarà inoltre la vincitrice della passata edizione, la tedesca Heim, pronta a concedere il bis.
Tra le altre piacevoli notizie per il comitato vi sono i “ritorni” di tanti atleti che in passato hanno già fatto parte della manifestazione, d’altronde 6000 runners non si conquistano a caso, e il lavoro di Sandro Poli e dei suoi collaboratori viene sempre premiato.

Per info ed iscrizioni: www.trentinoeventi.it

I TRACCIATI DELLA GARDA TRENTINO HALF MARATHON. CORSA DA NON PERDERE: 21K, 10K, KIDS RUN

I TRACCIATI DELLA GARDA TRENTINO HALF MARATHON. CORSA DA NON PERDERE: 21K, 10K, KIDS RUN

18.a Garda Trentino Half Marathon il 10 novembre
Superata quota 2500 iscritti – abbondanza di stranieri
Due percorsi di 21K e 10K arriveranno a Riva del Garda
Iscrizioni a tariffe agevolate entro il 10 ottobre

Il comitato ‘giramondo’ della Garda Trentino Half Marathon del 10 novembre a Riva del Garda è reduce da Mosca dove era presente con uno stand dedicato, ‘planando’ a breve verso la Germania dove atterrerà nella città di Albert Einstein, tentando di scoprire se, oltre a scienziati, Ulm riesca a ‘generare’ anche corridori.
Il totale di iscritti alla gara trentina ha ora raggiunto e superato quota 2.500 – 2527 per la precisione – la maggior parte di essi provenienti dall’estero (62% a 38%), con i maschi a oltrepassare di poco le presenze femminili (54% a 46%).
I candidati alla vittoria si stanno mano a mano mostrando, e in lizza vi sarà probabilmente anche la vincitrice della passata edizione, la tedesca Thea Heim. I percorsi che i runners potranno affrontare saranno due: di 21K con partenza e arrivo a Riva del Garda, e di 10K con partenza da Arco e arrivo a Riva del Garda. Nel primo caso lo start non sarà troppo impegnativo e i podisti si troveranno ad affrontare una lieve discesa, l’ideale per iniziare, ma non ci si dovrà far ingannare, gestendo forze e risorse in vista dell’imminente proseguo. La salita verso il castello arcense sarà la meta successiva, posto in posizione dominante ed attrazione unica del Garda Trentino, nei pressi della quale partiranno i protagonisti del percorso più breve di 10 chilometri. I velocisti si godranno così questa spettacolare cavalcata, immettendosi sul tracciato che condurrà anche gli sfidanti della 21K sul traguardo.
La Garda Trentino Half Marathon porta con sé una bellezza paesaggistica da gustare lentamente… ma non troppo, c’è un risultato da ottenere e un cronometro da fermare, nel corso di una giornata che negli ultimi anni ha regalato la temperatura perfetta per competere, né troppo calda né troppo fredda. I 21K saranno a disposizione anche dei nordic walkers che scatteranno in coda al gruppo, e di tutti coloro i quali si sentiranno in grado di percorrerli. A metà tracciato la corsa si infilerà verso la ciclabile che costeggia il fiume Sarca, quarto fiume trentino per lunghezza e principale immissario del Lago di Garda, sfilando da Torbole sulle ali del vento come i praticanti di vela e windsurf, traendovi ispirazione come fu un tempo per artisti e poeti. E per ammirare i restanti “affreschi”, non resterà che proseguire la propria cavalcata verso Riva… ricordando anche l’appuntamento del 9 novembre con la Kids Run dedicata ai giovani podisti. La Garda Trentino Half Marathon è di tutti e per tutti. Iscrizioni agevolate entro il 10 ottobre.

Per info ed iscrizioni: www.trentinoeventi.it

GARDA TRENTINO HM: LA PIÙ BELLA SEI TU. EVENTO ‘GREEN’ TRA CORSE, SERVIZI AD HOC E… PARTY

GARDA TRENTINO HM: LA PIÙ BELLA SEI TU. EVENTO ‘GREEN’ TRA CORSE, SERVIZI AD HOC E… PARTY

18.a Garda Trentino Half Marathon il 10 novembre a Riva del Garda
Prosegue l’eccezionale ‘boom’ di concorrenti stranieri e ‘rosa’
Iscrizioni a quote agevolate entro il 10 ottobre – “metà” Kids Run in beneficenza
Evento rigorosamente ‘green’ con materiali biodegradabili

L’obiettivo 6000 runners è ancora una volta alla portata, nel frattempo il comitato della Garda Trentino Half Marathon – il 10 novembre a Riva del Garda con la 18.a edizione – festeggia i 2400 corridori e prosegue la propria marcia promozionale che si concluderà poco dopo la metà di ottobre a Cremona.
Il menù di gara – dentro e fuori il percorso – è imperdibile e riserva agli atleti due tracciati spettacolari con arrivo a Riva del Garda di 21K e 10K (partenza da Arco). Di podistiche che attraversano in lungo e in largo lo Stivale ce ne sono un’infinità, ma cosa differenzia la Garda Trentino Half Marathon dalle altre? La gratuità degli eventi collaterali, per atleti ed accompagnatori, e i numerosi servizi come il Baby Parking pensato per intrattenere i piccoli mentre i genitori saranno in gara, il Pizza party, lo Strudel party, la T-shirt finisher, l’Expo village e molto altro ancora, oltre ovviamente alla bellezza dei paesaggi attraversati dalla corsa. Le tariffe di partecipazione agevolate entro il 10 ottobre ammontano a 31 euro per la 21K e a 20 euro per la 10K, con possibilità di aggiungervi 2 euro di quota solidale, altra ‘chicca’ di un evento che si spende in primis per territorio e solidarietà. 10 euro da saldare invece per la Kids Run dei piccoli, con metà dell’importo devoluto alla LILT – settore neonatologia.
I ‘numeri’ di runners non italiani aumentano esponenzialmente con il passare del tempo, ed attualmente si registra circa un 30% in più rispetto alla già consistente presenza della scorsa annata, un’edizione – la prossima – che si prospetta storica da questo punto di vista. 28% italiani, 72% stranieri, con il raggiungimento di un indotto che quasi sicuramente supererà quello del 2018 (2 milioni di euro).
Cresce anche la partecipazione femminile, che lo scorso anno aveva fatto registrare i numeri migliori di sempre (ora 49% donne e 51% uomini): “Siamo più che soddisfatti” – afferma il responsabile del comitato organizzatore Sandro Poli e, cercando sempre di rimarcare gli intenti ‘green’ della Garda Trentino Half Marathon… “proporremo un pacco gara in carta e stoviglie biodegradabili al Palafiere”. Ben forniti anche i pacchi gara della diciottesima edizione: “Le donne avranno in dotazione (solo per loro) una beach bag bianca e blu, gli altri uno zainetto in nylon ideale per riporre gli indumenti bagnati e pratico in qualsiasi occasione, anche per i genitori alle prese con i figli che fanno sport. Condiranno il tutto i nostri prodotti tipici del Trentino”.
La Garda Trentino Half Marathon piace tanto anche agli sponsor, con una prestigiosa aggiunta dell’ultima ora: BMW, anch’essa “a tutto green” utilizzando solo macchine elettriche.

Info: www.trentinoeventi.it

PISTA D’ATLETICA DI LIVIGNO APERTA 7 GIORNI SU 7. LE PRIME IMPRESSIONI DEL LIVIGNO TEAM

PISTA D’ATLETICA DI LIVIGNO APERTA 7 GIORNI SU 7. LE PRIME IMPRESSIONI DEL LIVIGNO TEAM

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Inaugurazione ufficiale con taglio del nastro il 14 settembre
Giulio Molinari, Saverio Zini, Paolo Rodigari, Giovanna Epis e Jole Galli l’hanno già testata
Ingresso dalla reception del Centro Aquagranda Active You
Orari: dalle ore 7 alle ore 20 dal lunedì alla domenica

L’esordio degli atleti sulla nuova pista di atletica di Livigno – situata nei pressi del Centro Aquagranda Active You – è stato un successo, ricordando gli orari di apertura dal lunedì alla domenica dalle ore 7 del mattino alle ore 20, con accesso esclusivamente dalla reception di Aquagranda. L’ingresso stagionale è gratuito per tutti i residenti della provincia di Sondrio, mentre gli altri sportivi potranno accedere alla cifra promozionale giornaliera di 3 euro oppure 9 euro per l’abbonamento stagionale.

A testare la pista sono sopraggiunti alcuni atleti del Livigno Team tra cui il triatleta Giulio Molinari che sta preparando l’Icon xtreme triathlon di Livigno, i biatleti Saverio Zini e Paolo Rodigari e la sciatrice alpina Jole Galli, con il primo a commentare con soddisfazione: “Questo servizio è la vera ciliegina sulla torta per noi atleti, all’apertura della pista ho avuto modo di fare un lavoro che solitamente avrei svolto sulla pista ciclabile, al “giro Anna Incerti” – zona Forcola, ma con la nuova pista è tutta un’altra cosa. Qui corri costantemente in piano, circondato da un panorama incredibile, con la possibilità di fare allenamenti altamente qualitativi”. Soddisfatto anche Saverio Zini: “Questa per noi giovani è una grande opportunità, gli investimenti che sta facendo Livigno per gli sportivi devono essere per tutti gli atleti locali una grande motivazione per continuare a credere nello sport”.

La pista è stata considerata perfetta in termini di “durezza”, né troppo dura né troppo soffice con uno strato di gomma di 10 mm e l’ultimo strato di EPDM granulato di 4 mm; ciò permette ai corridori di allenarsi con tranquillità senza incappare in infortuni. Suggestivo anche il colore scelto del manto gommoso a sei corsie, blu contrariamente al consueto aranciato. Anche Giovanna Epis – in preparazione ai Mondiali di Doha settembrini – ha colto la palla al balzo svolgendo una prima session di altura a Livigno che si concluderà in questi giorni, scendendo a Venezia per una mezza maratona in notturna prima di fare ritorno a Livigno ad allenarsi fino al 24 agosto: “Ho testato la pista e ne sono rimasta entusiasta – afferma, si sente che è nuova ed è molto soffice quindi bisogna spingere di più, però è esattamente il tipo di pista che piace a me”.

L’inaugurazione ufficiale della pista si terrà il 14 settembre, sempre all’interno del Centro Aquagranda. Oltre al taglio del nastro ci sarà una succulenta grigliata per tutti coloro che indosseranno maglietta e pantaloncini effettuando un simbolico giro di pista, che comunque determinerà una classifica, celebrando così i primi risultati sulla pista d’atletica livignasca che completa il menù “altitude training”.

Info: www.livigno.eu

IL 7 LUGLIO 7a. MEZZA MARATONA ALPE DI SIUSI. ISCRIZIONI CHIUSE E OBIETTIVO RAGGIUNTO

IL 7 LUGLIO 7a. MEZZA MARATONA ALPE DI SIUSI. ISCRIZIONI CHIUSE E OBIETTIVO RAGGIUNTO

Mezza Maratona Alpe di Siusi il 7 luglio a Compatsch
Premi per i vincitori della combinata “Ski & Run”
Scenari unici al mondo nei quali divertirsi correndo
Iscritto anche Markus Ploner

La Mezza Maratona Alpe di Siusi del 7 luglio a Compatsch – in Alto Adige – chiude le iscrizioni con anticipo, sono stati raggiunti infatti i 700 partecipanti dopo che già qualche giorno fa si era sfiorato il sold-out. Un grande risultato, prima di partire per i 21 chilometri e 601 metri di dislivello del menù di gara, completando il cammino intrapreso dalla Moonlight Classic invernale e l’abbinata “Ski & Run” che genererà una classifica a sé stante. L’altopiano altoatesino metterà a disposizione anche allettanti premi riservati agli atleti delle due competizioni, dopo aver conteggiato i tempi della gara di sci di fondo e della gara podistica. Ai migliori andranno riconoscimenti così suddivisi: donne della 30 km fondistica un Day SPA per due persone e un trattamento SPA a persona presso il fantastico ADLER Lodge Alpe all’Alpe di Siusi, uomini della 30 km un weekend per due persone presso il maso Stinerhof a Fiè allo Sciliar, mentre un cestino a sorpresa con prodotti di qualità dell’Alto Adige andrà a donne e uomini della 15 km invernale, sempre abbinata all’amata ‘maratonina’, come affettuosamente viene chiamata. Un altro matrimonio vincente è quello con le Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO, una bellezza più unica che rara con il Parco Naturale Sciliar – Catinaccio a rientrare nell’elenco del Patrimonio Naturale, tra lo Sciliar, l’Enrosadira che tinge le Alpi di rosso all’ultimo sole, una ricca flora, numerose infrastrutture e la facile accessibilità. Le caratteristiche baite dell’Alpe di Siusi fanno il resto, e il 7 luglio la Mezza Maratona Alpe di Siusi darà dimostrazione di come l’attività sportiva in generale e la corsa in particolare siano un segno distintivo di questo spettacolare angolo di Alto Adige. Tra gli iscritti dell’ultim’ora vi è il bravo atleta altoatesino Markus Ploner, pronto a battagliare per il titolo, sportivamente parlando, con Gianmarco Bazzoni.

Per info: http://running.seiseralm.it

MEZZA MARATONA NEL CUORE DELLE DOLOMITI. 30 PETTORALI AL SOLD-OUT SULL’ALPE DI SIUSI

MEZZA MARATONA NEL CUORE DELLE DOLOMITI. 30 PETTORALI AL SOLD-OUT SULL’ALPE DI SIUSI

Mezza Maratona Alpe di Siusi il 7 luglio a Compatsch
Iscrizioni a 45 euro fino al numero limite di 700 partecipanti
Organizzazione affidata ad Alpe di Siusi Marketing e L.G. Schlern Raiffeisen
Dal 1° al 7 luglio preparazione con Egon Zuggal e Rudi Brunner

Manca davvero pochissimo alla parola “fine” sulle iscrizioni della Mezza Maratona Alpe di Siusi del 7 luglio a Compatsch, con poco più di una trentina di pettorali al sold-out.
La competizione altoatesina è una meravigliosa corsa sull’altopiano dolomitico che si svilupperà lungo un percorso di 21 chilometri e 601 metri di dislivello, con partenza alle ore 10 da Compatsch, sede di partenza anche della mitica Moonlight Classic invernale al chiar di luna.
Le Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO sorveglieranno dall’alto della propria maestosità la contesa, regalando scorci intensi anche a chi non avrà tempo di fermarsi ad ammirarli. Le iscrizioni sono fissate a 45 euro comprensive di pacco gara, ticket per la cabinovia e buono pranzo incluso, con oltre 20 nazioni a scattare a 1800 metri sul livello del mare e giungendo sino a quota 2050 metri, punto più elevato della Mezza Maratona Alpe di Siusi.
Al via ci saranno il vincitore 2016 Gianmarco Bazzoni, sfidato da Roland Vigl, mentre tra le donne la strada sembra spianata per la pluricampionessa Petra Pircher, più volte vincitrice dell’evento.
Il “Green Event” rispetta i criteri di efficienza energetica, gestione dei rifiuti e valorizzazione dei prodotti locali, è certificato dalla Provincia Autonoma di Bolzano e organizzato da Alpe di Siusi Marketing e dall’associazione sportiva dilettantistica L.G. Schlern Raiffeisen, ed offre una settimana di preparazione dal 1° al 7 luglio assieme agli esperti Egon Zuggal e Rudi Brunner, attività di contorno in musica che intratterranno presenti e bambini in concomitanza con lo start della settima edizione. Da ricordare anche il concorso fotografico #alperun, “postare e vincere”, con possibilità di portarsi a casa un allettante weekend per due persone all’Hotel Ritterhof a Siusi allo Sciliar, in una delle zone più spettacolari delle Dolomiti.

Per info ed iscrizioni: http://running.seiseralm.it e http://running.seiseralm.it/trainingcamp

MEDAGLIA “ARTIGIANALE” ALLA STRALIVIGNO

MEDAGLIA “ARTIGIANALE” ALLA STRALIVIGNO

Il 20 luglio 20.a edizione della Stralivigno
Gli artigiani locali realizzeranno una medaglia per l’occasione
I runners sfileranno sulla nuova pista d’atletica livignasca
Iscrizioni a 35 euro (singolo) o 45 euro (staffetta) con felpa personalizzata

Dopo 20 anni di matrimonio si festeggiano le nozze di porcellana, e dopo 20 anni di Stralivigno anche il comitato locale ha pensato ad una trovata ‘artigianale’, regalando a tutti i partecipanti individuali un’esclusiva medaglia intagliata dagli artigiani del “Piccolo Tibet”. Un motivo ulteriore per partecipare all’edizione del 20 luglio, un gadget che si aggiunge alla felpa personalizzata che grazie al main sponsor Scarpa riceveranno i primi 1000 iscritti alla mezza maratona trail di Livigno. La data dell’evento è vicina e sarà bene affrettarsi per portarsi a casa anche i prodotti tipici messi a disposizione dai numerosi partner che sostengono la manifestazione, senza dimenticare tutti i servizi del caso quali buono per la cena a fine gara, i servizi di cronometraggio, assistenza e ristori lungo il percorso e all’arrivo, e i servizi logistici come deposito sacche, bus navetta, spogliatoi e docce in area partenza ed arrivo.
Il menù è allettante e propone 21 km di trail running da svolgersi tra ciclopedonale, strade forestali e sentieri montani, scattando ed arrivando sulla pista d’atletica nuova di zecca di Livigno, situata nei pressi del centro sportivo Aquagranda – Active You e che sarà inaugurata ufficialmente proprio alla Stralivigno.
Le sorprese del ventennale non sono finite qui perché il passaggio nel cuore di Livigno sarà scenografico, dalla “city” alla montagna non prima di aver ricevuto gli applausi dell’affezionato pubblico locale, abituato alle imprese di grandi atleti ma pronto anche a supportare l’amatore nella propria cavalcata.
La Stralivigno racchiude in un unico evento la passione per la competizione e la possibilità di svolgere un ottimo allenamento in altura, Livigno è il regno dell’altitude training e così si potranno cogliere ‘due piccioni con una fava’. Il comitato conferma inoltre Plaza Placheda come cuore logistico delle operazioni, come fu per “La Sgambeda” invernale, e ricorda la tariffa di partecipazione di 35 euro entro il 18 luglio, oppure di 45 euro per le staffette, con i frazionisti che completeranno 10.5 km ciascuno.

Info: www.stralivigno.it o alla pagina facebook.com/stralivigno