Tag: mezza maratona

TRE MODI PER VIVERE MARCIALONGA COOP: RUNNING, MUSICA E ANIMAZIONE NON-STOP

TRE MODI PER VIVERE MARCIALONGA COOP: RUNNING, MUSICA E ANIMAZIONE NON-STOP

Il 3 settembre si corre nelle fresche Valli di Fiemme e Fassa
Una mezza maratona e una 26 km aperta anche alle staffette
Confermata la presenza della società Run2gether con i forti keniani
Molte le iniziative proposte a Moena e a Cavalese per un weekend di festa

Marcialonga Running Coop si fa in tre… il 3 settembre tra le Valli di Fiemme e Fassa, in Trentino.
Tre opportunità per vivere la corsa nel tardo pomeriggio: una mezza maratona di 21 km, un percorso classico di 26 km aperto anche alla staffetta “benefica”, per chi vuole supportare gli interessanti progetti di una delle undici organizzazioni no-profit aderenti al Charity Program.
Il Kenya ha fatto piazza pulita l’anno scorso, vincendo sia tra gli uomini con il forte Mathew Samperu, sia tra le donne con Veronicah Maina. Confermata la presenza della società Run2gether, squadra che ha trionfato nella staffetta la scorsa edizione con i propri atleti keniani. Il progetto Run2gether, sostenuto dall’organizzazione Africa&Sport, promuove l’atletica in Kenya come occasione di sviluppo comunitario, gestendo una squadra di maratoneti con criteri equi e solidali ed organizzando percorsi di turismo responsabile basati sulla corsa in Austria ed in Kenya. L’idea è nata dal campione austriaco di orienteering, Thomas Krejci, spinto dal desiderio di trasmettere la propria passione ai giovani keniani.
Oltre ai forti corridori africani, si metteranno alla prova molti “valligiani” e runners provenienti da tutt’Europa, i quali scatteranno a Moena, gioiello montano e considerata nel mondo come “la Fata delle Dolomiti”. I primi km in leggera discesa condurranno verso le località di Forno e Stalimen, prima di entrare nel centro di Predazzo al km 9,6, dove avverrà il primo cambio per le staffette. In un batter d’occhio si transiterà a Ziano di Fiemme, subito dopo a Panchià e al centro del fondo di Lago di Tesero, dove scatterà il secondo cambio per gli ultimi 8 km della staffetta.
Mancheranno invece soltanto 3 km per chi opterà per la mezza maratona con l’arrivo a Masi di Cavalese nell’area delle feste, mentre la 26 km affronterà gli ultimi impegnativi 5 km con un dislivello di 140m in salita fino al traguardo di Cavalese, in via Fratelli Bronzetti.
Le Valli di Fiemme e Fassa in quanto a festa, animazione e divertimento, ci sanno fare. Moena propone una serie di iniziative per festeggiare le 20 edizioni della gara podistica: il giorno prima della gara ci sarà della bella musica dal vivo con il duo “Tomorrow we see”, composto da Davide Rocco Fiorenza alla fisarmonica e Jacek Szmytkowski al bucket drummer, i quali suoneranno un genere unico che spazia dalla musica folk al tango, balcan, gipsy jazz e tanta improvvisazione. L’intrattenimento continuerà sabato con la proposta “Gente di trincea”: una straordinaria escursione in un museo a cielo aperto della Grande Guerra con trincee, fortini, postazioni militari e numerosi reperti, nelle prime postazioni di difesa della linea di confine in località Fanch/Fango. Infine domenica ci sarà il “Viac Cultural”, una facile passeggiata nei dintorni di Moena alla scoperta della Fata delle Dolomiti ed i suoi scorci, la storia, la ladinitá della Val di Fassa. Il giro si concluderà con un golosissimo brunch in piazza. Cavalese risponde con il tradizionale Pasta Party a fine gara all’interno del Palafiemme, mentre in Piazza Italia la festa continuerà con musica dal vivo.
Spazio anche per i piccoli maratoneti della Minirunning, una corsa promozionale non competitiva che consiste in un breve percorso di circa 100m per i bambini fino ai 6 anni e uno di circa 900m per i ragazzi fino ai 12 anni lungo le strade del centro di Moena.
Le iscrizioni sono aperte, correre nelle fresche Valli di Fiemme e Fassa è un’esperienza imperdibile e sarà l’occasione per mettersi in forma per l’inverno, perché a gennaio ci sarà da festeggiare la 50.a edizione della ski-marathon più “cool” al mondo!
Info: www.marcialonga.it

SABATO LA 5.a STELVIO MARATHON: LA CORSA NEL TERRITORIO DEL GIPETO

SABATO LA 5.a STELVIO MARATHON: LA CORSA NEL TERRITORIO DEL GIPETO

Sabato scatta da Prato allo Stelvio il trail running in alta quota
Un tracciato impegnativo di 21 km e 2100m/dsl fino al Rifugio Garibaldi
Presenti le gemelle toscane Ioana e Andreea Lucaci
Tra i favoriti Pühler, Von Lippe, Nussbaum e Niederegger

Il mattino ha l’oro in bocca. Alle 8 di sabato in Alto Adige prenderà vita la 5.a edizione della Stelvio Marathon, il trail running che porta fino al Passo dello Stelvio.
21 km e 2100 metri di dislivello tra natura e roccia al cospetto dei ghiacciai dell’Ortles, una manifestazione che vuole essere aperta a tutti gli amanti dello sport, che siano professionisti, amatori, o marciatori provenienti da 13 nazioni europee. Da Prato allo Stelvio a 915m si salirà subito di quota andando ad abbracciare Stelvio paese, la Prader Alm, la stazione a monte della seggiovia di Trafoi e il sentiero del Lago d’Oro, prima di andare a tagliare il traguardo lassù ai 2843 metri del Rifugio Garibaldi dove domina in alto l’imponente gipeto, l’elegantissimo “gigante” del cielo con un’apertura alare che sfiora i tre metri.
Il primo arrivo si attende verso le 9.50, e tra le favorite in campo femminile ci sarà la toscana di origini rumene Ioana Lucaci, salita sul terzo gradino del podio lo scorso weekend al 22° Giro Lago di Resia, accompagnata dalla gemella Andreea (G.P. Parco Alpi Apuane). Tra gli uomini occhi puntati sui tedeschi Martin Pühler e Maximilian Von Lippe, rispettivamente quarto e quinto lo scorso anno. Da non sottovalutare l’altro tedesco Benedikt Nussbaum, decimo sempre nel 2021, e Lorenzo Trincheri conosciuto come “il camoscio di Sanremo”, medaglia di bronzo di categoria ai Campionati Mondiali di corsa in montagna a Telfes Im Stubai (Austria) nel 2021. Iscritto all’ultimo minuto l’atleta di casa di Stelvio Thomas Niederegger, campione provinciale di corsa in montagna nel 2012, secondo alla Ötzi Alpine Marathon nel 2019 e vincitore della 4.a Maratona Bressanone Dolomiti nel 2013. Ad anticipare la corsa principale, ci sarà la ‘Marcia Stelvio’ con lo start alle ore 7.15.
I runners potranno ritirare il pettorale nella giornata di venerdì dalle 15 alle 19 presso il centro visitatori Aquaprad a Prato allo Stelvio, oppure la mattina della gara dalle 6 alle 7. La Stelvio Marathon viaggia per circa metà del percorso oltre i 2000m, una sfida dunque resa ancora più impegnativa dall’altitudine ma che ripaga ogni sforzo una volta conquistata la vetta, con il panorama mozzafiato sull’Ortles e sulla strada tortuosa dello Stelvio. Il Rifugio Garibaldi, a pochi passi dal punto di confine tra la provincia di Sondrio, quella di Bolzano e il Cantone dei Grigioni svizzero, si trova nel cuore del Parco Nazionale dello Stelvio e l’edificio assomiglia ad un antico castello dalla cui terrazza panoramica si gode di un’incantevole vista oltre che sull’Ortles (3905m), anche sul Bernina (4049 m) e sulle lontane cime della Palla Bianca – Weißkugel (3739m) e del Piz Buin (3312m).
Dalla terra al cielo, il trail running atteso da tanti amanti della corsa sta per arrivare. Per ricaricare le energie, dopo la gara verrà servito un piatto gustoso a base di canederli da leccarsi i baffi e sarà la giusta ricompensa per concludere in compagnia una giornata di sport all’ennesima potenza.
Info: www.stelviomarathon.it

LA DOLOMITES SASLONG HM SEMPRE PIÙ IN ALTO. IL TRAIL RUNNING ATTORNO AL SASSOLUNGO

LA DOLOMITES SASLONG HM SEMPRE PIÙ IN ALTO. IL TRAIL RUNNING ATTORNO AL SASSOLUNGO

Sabato 11 giugno la corsa 100% green immersa nella natura
21 km tra gli scorci del massiccio dello Sciliar, il Gruppo del Sella e l’Alpe di Siusi
Iscrizioni ancora aperte con un interessante pacco gara
L’ASV Gherdëina Runners lancia il countdown per la 4.a edizione

“Sulla montagna sentiamo la gioia di vivere, la commozione di sentirsi buoni… tutto questo perché siamo più vicini al cielo.” (Emilio Comici). Nato a Trieste nel 1901, Comici è stato uno dei più celebri alpinisti italiani ed è riuscito ad aprire circa 200 nuove vie nelle incantevoli Dolomiti. Oggi ben due rifugi portano il suo nome. Uno di questi è il Rifugio Emilio Comici, ai piedi del Sassolungo, dove sabato 11 giugno transiteranno i runners del suggestivo trail altoatesino Dolomites Saslong Half Marathon.
Rocce, pareti e scorci da togliere il fiato accompagneranno lo spettacolare viaggio di 21 km e 900 metri di dislivello da Monte Pana (1636m) salendo in progressione verso il Rifugio Comici, al km 5,5, fino al Rifugio Pertini (2300m), punto più alto della gara. Si entrerà successivamente nell’incredibile “Città dei Sassi”, un’area molto particolare che dà il benvenuto a tutti con le sue pietre, massi, alberi e pareti messe in sicurezza dove si può persino scalare. Qui meriterebbe prendersi una pausa per ammirare il Gruppo del Sella, una bellezza incommensurabile che toglierà il fiato. Lasciato il Rifugio Sasso Piatto (2297m), i runners potranno recuperare e prepararsi alla lunga discesa finale attraverso i fitti boschi della Val Scura, prima di rientrare a Monte Pana.
La Val Gardena è la meta turistica altoatesina su misura per famiglie e bambini, per praticare attività immersi in un territorio totalmente “green”. Famiglie e accompagnatori potranno gustarsi il sentiero d’avventura “PanaRaida”, a Monte Pana, da poco nominato dal portale austriaco familienausflug.info “Destinazione escursionistica per famiglie dell’anno 2022” per la regione Trentino-Alto Adige. Si tratta di un percorso formato da 10 stazioni dotate di strutture in materiale naturale, per far divertire grandi e piccini.
A fine giornata il comitato organizzatore ASV Gherdëina Runners premierà i primi dieci della classifica maschile e femminile, i primi tre di ogni categoria e infine l’atleta che si avvicinerà di più al tempo intermedio.
Fra meno di un mese gli atleti provenienti da ben 20 nazioni di tutto il globo potranno lasciarsi cullare dalla frizzante brezza di montagna. Con due secondi posti (2018-2021) e un terzo posto nel 2019, Daniele Felicetti potrebbe finalmente centrare la vittoria in questa 4.a edizione, mentre in campo femminile Caterina Stenta e Manuela Marcolini (già protagoniste nelle edizioni passate) saranno tra le favorite di giornata.
Per garantire una manifestazione di alto livello è stato fissato un tetto massimo di 600 concorrenti, con la quota d’iscrizione si riceverà un raffinato gilet tecnico by Saucony, alcuni prodotti tipici locali, il servizio massaggi curato dalla Dolomiti Sportclinic e inoltre l’accesso all’“After Race Party” per gustare in compagnia le specialità culinarie tipiche della zona. Gli scorci panoramici di rara bellezza del gruppo del Sella, il massiccio dello Sciliar e l’altopiano dell’Alpe di Siusi faranno passare in secondo piano le fatiche di tutti i runners.

Info: www.saslong.run

4.a DOLOMITES SASLONG HALF MARATHON. IL TRAIL RUNNING DA URLO DOLO…MITICO!

4.a DOLOMITES SASLONG HALF MARATHON. IL TRAIL RUNNING DA URLO DOLO…MITICO!

La 4.a edizione è in programma sabato 11 giugno
21 km e 900m di dislivello toccando le province di Trento e Bolzano
L’ASV Gherdëina Runners è pronta per un nuovo grande evento
Iscrizione a 70 euro fino al 9 giugno

Alla base del trail running c’è resistenza, adattamento, natura e soprattutto voglia di esplorare. Il termine ‘trail’ infatti veniva utilizzato in America nel XIX secolo per segnalare i sentieri percorribili, man mano che venivano scoperti. Più tardi la parola trail, che tradotta dall’inglese significa ‘traccia’, ‘pista’, ‘sentiero’, è stata ripresa per definire la disciplina sportiva che tutti oggi conoscono.
Sabato 11 giugno viene riproposta la Dolomites Saslong Half Marathon, il trail running altoatesino di 21 km e 900m di dislivello che si snoda a cavallo tra Val Gardena e Val di Fassa, che interessa l’area naturale protetta del Gruppo del Sassolungo e che confina con il Parco Naturale Sciliar-Catinaccio. Una gara sempre in quota, tra una altitudine di 1624m e 2363m senza asfalto (tranne pochi metri alla partenza) e con panorami da urlo, sentieri totalmente nel bel mezzo della natura, ma soprattutto si correrà al di qua e al di là del Sassolungo con una cartolina dolomitica a 360° delle due province di Trento e Bolzano, tra la Val di Fassa e la Val Gardena, una chicca che rende sicuramente unica la Half Marathon proposta dall’ASV Gherdëina Runners.
Una manifestazione autenticamente ‘green’ come piace ai runners, con la zona di partenza e arrivo collocata a Monte Pana, appena sopra Santa Cristina in Val Gardena a 1636m. Il trail salirà poi nei pressi del rifugio Emilio Comici (2153m), primo punto di ristoro della gara, e proseguirà verso i paesaggi selvaggi e incontaminati nelle vicinanze del rifugio Sandro Pertini e del rifugio Sasso Piatto, situati a 2300m. Dopo aver oltrepassato la Val Scura, si farà ritorno alla zona di partenza per il gran finale.
Nel paese di Nus, in Val d’Aosta, nascono grandi campioni come Xavier Chevrier, vincitore della Dolomites Saslong HM nel 2021, medaglia d’oro alla World Cup La Montée du Nid d’Aigle (FRA) e primo alla Mezza Maratona di Torino. Prima di iniziare la sua lunga carriera da fondista di corsa in montagna, Chevrier da piccolo gareggiava sugli sci da fondo assieme al cugino compaesano Federico Pellegrino, il quale vanta anch’egli un curriculum sportivo da 110 e lode.
Per essere fra i 600 al via della 4.a edizione, numero massimo di partecipanti, la soluzione è iscriversi tramite il sito ad una quota di 70 euro fino al 9 giugno. La gara si svolge di sabato anche per consentire ai runners e ai loro accompagnatori di fermarsi e godere di una giornata in più di svago, nell’affascinante area del Sassolungo.
Info: www.saslong.run

NOVITÀ! MARCIALONGA COOP SI ‘SDOPPIA’. RUNNING TRA LE VALLI DI FASSA E DI FIEMME

NOVITÀ! MARCIALONGA COOP SI ‘SDOPPIA’. RUNNING TRA LE VALLI DI FASSA E DI FIEMME

Marcialonga Coop: nuova data, nuovo orario e doppio percorso
La novità: una mezza maratona di 21 km al calar del sole a Masi di Cavalese
Da Moena a Cavalese il tradizionale percorso di 26 km
Le iscrizioni sono già aperte per la 20.a edizione

“Non puoi tornare indietro e cambiare l’inizio, ma puoi iniziare dove sei e cambiare il finale” (C.S. Lewis).
Dici Marcialonga e subito vengono alla mente gli sci stretti, ma Marcialonga è molto di più, è anche ciclismo e running.
Il solido comitato organizzatore di Marcialonga, che vanta ben 50 anni di storia, è una macchina da lavoro capace di generare nuove idee giorno dopo giorno, ma soprattutto il brand Marcialonga è diventato quello che è oggi grazie all’impegno di tanti volontari e di dirigenti che, con coraggio, hanno portato avanti una visione comune che dà importanza agli eventi sportivi diventati tra i più prestigiosi in Italia e non solo.
Negli uffici di Predazzo non si smette mai di lavorare a nuovi progetti, di modificare o semplicemente migliorare alcuni aspetti che rendono speciale ogni appuntamento di Marcialonga, che si tratti di sci, ciclismo o running. L’ultima novità riguarda Marcialonga Running Coop, la gara podistica tra le Valli di Fassa e Fiemme che quest’anno festeggia la 20.a edizione con tre grandi novità: nuova data, nuovo orario e nuova distanza.
Ora si può finalmente dire: sabato 3 settembre Marcialonga Coop si ‘sdoppia’ e dal centro di Moena scatteranno ben due percorsi: oltre alla classica lunghezza di 26 km fino a Cavalese, i runners potranno optare per una vera e propria mezza maratona che non si era mai vista nelle valli, una ‘direttissima’ lievemente in discesa e con arrivo a Masi di Cavalese, per ricoprire il chilometraggio esatto della ‘mezza’, 21,097 km. Si tratta di una mezza maratona davvero adatta a tutti, una corsa da non perdere.
L’orario di partenza è previsto alle 16.30 e al calar del sole, lungo il torrente Avisio, i runners attraverseranno letteralmente i due stadi che sono diventati il fulcro dello sport e saranno sede di eventi nelle prossime Olimpiadi Milano-Cortina 2026: prima lo stadio del salto di Predazzo, che a gennaio ha ospitato anche l’arrivo della Marcialonga ‘Light’ e quello della ‘Story’, poi il centro del fondo di Lago di Tesero, dove sono scesi in pista i campioni più famosi al mondo con il Tour de Ski. Gran parte del percorso solcherà la pista ciclabile che collega le due splendide vallate al cospetto delle Dolomiti, patrimonio dell’UNESCO.
Dopo aver condiviso la partenza, i due percorsi si divideranno per il tratto finale: quelli della ‘mezza’ metteranno la freccia verso il traguardo di Masi di Cavalese, mentre quelli del tracciato più lungo affronteranno l’ultimo tratto di 5 km in salita che collega il fondovalle al centro di Cavalese.
“Il paese dell’arcobaleno”, così viene chiamato Masi di Cavalese, accoglierà con entusiasmo l’arrivo dei concorrenti della mezza maratona, e a fine gara grande festa per tutti, atleti, volontari e il pubblico per celebrare il ventennale.
Per chi vuole suddividere le fatiche Marcialonga ripropone la staffetta, valida solamente per la prova di 26 km, una sfida da condividere in tre, e chi parteciperà darà un aiuto concreto ad alcune associazioni benefiche.
La vita è fatta di rivincite e Ousman Jaiteh, sbarcato anni fa a Lampedusa per fuggire dal suo Gambia, la sua rivincita l’ha ottenuta conquistando la Marcialonga Coop nel 2018, poi secondo l’anno successivo. Invece la ruandese Clementine Mukandanga ha firmato l’albo d’oro per ben due volte, nel 2018 e nel 2020.
Le iscrizioni sono aperte ad una quota base di 30 euro, valida fino a fine giugno. 20 edizioni di Marcialonga Coop, un numero che sta a significare forza, consapevolezza e lavoro di squadra, caratteristiche che si addicono perfettamente al comitato organizzatore con a capo il presidente Angelo Corradini ed il CEO Davide Stoffie, i quali hanno ancora in serbo altre novità che saranno svelate più avanti. Stay tuned!

Info: www.marcialonga.it

DOLOMITES SASLONG HM: CHE SPETTACOLO! CHEVRIER E STENTA CAMOSCI IN VAL GARDENA

DOLOMITES SASLONG HM: CHE SPETTACOLO! CHEVRIER E STENTA CAMOSCI IN VAL GARDENA

I vincitori Xavier Chevrier e Caterina Stenta

Bel sole a riscaldare i runners della 3.a edizione della Dolomites Saslong Half Marathon
Vincono il valdostano Xavier Chevrier, favorito della vigilia, e Caterina Stenta, sorpresa di giornata
Podio per Daniele Felicetti e Andreas Reiterer tra i maschi, Manuela Marcolini e Justine Jendro tra le donne
Manuela Perathoner: “Giornata di grande sport in Val Gardena, siamo tutti molto contenti del nostro lavoro”

Il sole bacia i… bei runners della 3.a edizione della Dolomites Saslong Half Marathon che oggi, nella splendida cornice della Val Gardena, si sono sfidati lungo il percorso attorno al Gruppo del Sassolungo, dove a vincere in solitaria sono stati il valdostano di Fénis, Xavier Chevrier, e la friulana di Trieste, Caterina Stenta.
Paesaggi spettacolari e panorami mozzafiato hanno regalato emozioni fin dalle 8.30 del mattino, quando il primo blocco dei partenti è scattato all’ombra dell’Hotel Cendevaves, dal ladino ‘cento sorgenti’ che nascono e scorrono in questa zona di Monte Pana, per i 21 km e 900 metri di dislivello della gara allestita alla perfezione dall’ASV Gherdeina Runners con il supporto di Under Armour. È stata inoltre l’occasione per festeggiare un gradito ritorno nel mondo delle competizioni, il tanto amato… pasta party a fine gara, all’aperto, a regalare un momento conviviale agli atleti.
Gara maschile emozionante, ma solo per quanto riguarda le posizioni basse del podio perché per la vittoria, riprendendo una famosa citazione tanto cara al ciclismo, è stato fin da subito ‘un uomo solo al comando’ che non ha lasciato spazio agli avversari. Pronostici rispettati per Xavier Chevrier, campione mondiale (squadre), europeo e italiano di corsa in montagna, che alla sua prima apparizione alla Dolomites Saslong HM ha saputo conquistare la vittoria in terra altoatesina con una prestazione di assoluto valore, fermando il cronometro a 1h33’14’’ e abbassando il limite della gara di oltre 5 minuti. Non c’è stata storia, nonostante al valdostano, due giorni fa, sia stata somministrata una fiala di vaccino anti-Covid che lo ha un po’ debilitato. Il podio si è poi completato con il trentino Daniele Felicetti, staccato di 1’30’’, autore di una gara molto regolare in cui fin dai primi chilometri ha raggiunto la seconda posizione e l’ha mantenuta fino al traguardo. Terzo gradino per l’altoatesino Andreas Reiterer giunto a 2’54’’ dal vincitore, capace di vincere la sfida per il podio con il veneto Luca Cagnati, ‘scoppiato’ nell’ultimo km. Tra le donne, invece, grande sorpresa nel vedere la triestina Caterina Stenta tagliare il traguardo a braccia alzate, seppur con i crampi per quella che di fatto è la sua prima vittoria in una gara di trail running. All’arrivo confessa di avere il proprio punto forte nella discesa e di fare più fatica in salita: oggi, quando ha visto di poter rimanere con le più forti anche in salita, non ce n’è stato per nessuno. In discesa, per sua stessa ammissione, si è gettata a capofitto e ha raggiunto il traguardo con 48’’ di vantaggio sulla seconda classificata, l’emiliana Manuela Marcolini, e 1’39’’ sulla polacca di nascita e tedesca d’adozione Justine Jendro, altra sorpresa sul podio femminile di Monte Pana.
A fine giornata è Manuela Perathoner, presidente del comitato organizzatore ASV Gherdeina Runners, a tracciare un bilancio della giornata di trail running in Val Gardena: “Il bilancio finale è più che positivo: nonostante le restrizioni Covid abbiamo lavorato tanto e bene, siamo davvero contenti. Quest’anno, poi, abbiamo avuto uno splendido sole ad accompagnare grandi atleti alla loro prima apparizione qui in Val Gardena, che sono rimasti molto contenti del tracciato immerso nella natura, del tifo e delle persone. Per noi è stato un grande successo”. E ora dopo aver gustato il successo è già ora di pensare alla “Saslong” del 2022!
Info: www.saslong.run

Download immagini TV:
www.broadcaster.it

Classifica maschile
1 Chevrier Xavier Atl. Valli Bergamasche Leffe 01:33:14; 2 Felicetti Daniele 01:34:44; 3 Reiterer Andreas Asv Telmekom Team Suedtirol 01:36:08; 4 Cagnati Luca Atletica Valli Bergamasche 01:37:13; 5 Gardener Stefano 01:38:54; 6 Piazza Georg Asv Gherdeina Runners 01:43:14; 7 Innerebner Andreas Asc Lf Sarntal Raiffeisen 01:44:07; 8 Rasom Mauro U.S. Dolomitica Asd 01:45:39; 9 Clara Luca Asv Gherdeina Runners 01:46:05; 10 Messner Lukas 01:47:23

Classifica femminile
1 Stenta Caterina 02:04:22; 2 Marcolini Manuela G.S. Orecchiella Garfagnana 02:05:11; 3 Jendro Justine 02:06:02; 4 Pircher Petra Asc Laas Raiffeisen 02:08:20; 5 Thaler Edeltraud Asv Telmekom Team Suedtirol 02:09:25; 6 Senfter Irene A.S.D. Suedtirol Team Club 02:10:53; 7 Schio Federica A.S.D. Atletica Lupatotina 02:12:17; 8 Meloni Beatrice Gruppo Sportivo Alpini Sovere 02:13:43; 9 Gerlach Anna Ricarda Lg Telis Finanz Regensburg 02:15:36; 10 Sartori Maddalena G.S. Fraveggio 02:18:44

LA CARICA DEI 4…101 DELLA GARDA TRENTINO HM. TRA GLI UOMINI DA BATTERE C’Ė… ELVIS PRESLEY!

LA CARICA DEI 4…101 DELLA GARDA TRENTINO HM. TRA GLI UOMINI DA BATTERE C’Ė… ELVIS PRESLEY!

Superati i 4100 concorrenti, il comitato ‘vede’ quota 6000 all’orizzonte
La diciottesima edizione si disputerà il 10 novembre a Riva del Garda
Il parterre di stranieri non si arresta, italiani a raccolta!
Al via anche l’eccentrico runner Nikki Johnstone

Ad oggi, i concorrenti iscritti alla Garda Trentino Half Marathon del 10 novembre a Riva del Garda sono quattromila…101 come la famosa carica che, anziché di cani dalmata, sarà di corridori. Numeri che però aumentano di centinaia in centinaia con il passare dei giorni, con il comitato a “vedere” piano piano quota 6000, a meno di un mese dallo start. La notizia è che la ‘quota’ di stranieri sfiora il 50%, un dato sensazionale per una competizione podistica nostrana, e una nota di (de)merito per i ‘nostri’ che tuttavia hanno ancora tempo per rifarsi, garantendosi una delle corse più spettacolari d’Italia. Circa 300 stranieri in più rispetto al medesimo periodo dello scorso anno e circa 600 italiani in meno, confermando la Garda Trentino Half Marathon come una corsa “di tutti”, una gara che piace soprattutto alle donne, anch’elle pronte a pareggiare i maschi. Piace anche perché è alla portata di tutti, facendo esibire i contenders in un tracciato di 21K con partenza e arrivo a Riva del Garda e in una 10K altrettanto spettacolare e non troppo impegnativa, da Arco a Riva del Garda, senza dimenticare la Kids Run in centro storico.
Tanti ‘nomi’ hanno già dato il proprio assenso, e uno dell’ultim’ora è quello di Nikki Johnstone, un corridore celebre per la propria eccentricità e velocità, capace di ottenere risultati importanti nel 2019 con tempi che si aggirano attorno alle 2 ore e 22 per quanto riguarda la maratona e 1 ora e 12 per quanto concerne la mezza, quasi sempre uscendone vittorioso. L’atleta di Düsseldorf è inoltre conosciuto per aver battuto il Guinness World record dell’“Elvis Presley più veloce” concludendo il tracciato della maratona di Berlino in 2:37:04 e adempiendo ai tassativi requisiti richiesti dal Guinness dei primati: basette, occhiali da pilota, parrucca e abito degno di “The Pelvis”. Pare inoltre che il Re del Rock, ora, sia deciso a palesarsi anche alla Garda Trentino Half Marathon, e chissà se ci riserverà qualche altra trovata… Di certo se la vedrà con concorrenti di oltre 40 nazioni, tra i quali Noel Hitimana e il trentino del Gambia Ousman Jaiteh, ci sarà inoltre la vincitrice della passata edizione, la tedesca Heim, pronta a concedere il bis.
Tra le altre piacevoli notizie per il comitato vi sono i “ritorni” di tanti atleti che in passato hanno già fatto parte della manifestazione, d’altronde 6000 runners non si conquistano a caso, e il lavoro di Sandro Poli e dei suoi collaboratori viene sempre premiato.

Per info ed iscrizioni: www.trentinoeventi.it

GARDA TRENTINO “AGEVOLATA” ENTRO IL 15 AGOSTO. 1000 RUNNERS E 32 NAZIONI ALLA HALF MARATHON

GARDA TRENTINO “AGEVOLATA” ENTRO IL 15 AGOSTO. 1000 RUNNERS E 32 NAZIONI ALLA HALF MARATHON

18.a Garda Trentino Half Marathon a Riva del Garda – “Race Jersey” a disposizione
1040 atleti e 32 nazioni (80% stranieri, 50% donne) fanno già parte della contesa del 10 novembre
26 euro per correre la 21K, 15 euro per la 10K, Kids Run ai piccoli
Miriade di iniziative collaterali gratuite abbracceranno la manifestazione

Sul Garda Trentino si corre per passione, per vivere le emozioni che solo la Garda Trentino Half Marathon sa dare, abbracciando nuove culture, orizzonti, mete e lidi, sempre con la guida ‘a braccetto’ del comitato presieduto da Sandro Poli ad orchestrare le operazioni, circondati dall’affetto dei circa 6.000 podisti che ogni anno affollano Riva del Garda e dintorni. Al 10 novembre mancano alcuni mesi ma le quote agevolate sono in scadenza, permettendo ai corridori di garantirsi la diciottesima edizione a 26 euro (21K) e 15 euro (10K). L’unico costo per il runner sarà praticamente la quota di partecipazione, cui si potrà aggiungere una cifra di soli 10 euro per portarsi a casa la “Race Jersey” in tessuto tecnico della manifestazione (esclusa dal pacco gara), personalizzata in base alla distanza che si deciderà di affrontare.
Tutto il resto farà parte del ‘programma gratuito’ che fa della Garda Trentino Half Marathon una podistica per tutta la comunità, senza scopi di lucro e con la possibilità – aggiungendo due euro alla propria iscrizione – di fare anche del bene aiutando l’evento nelle iniziative charity (versata a A.I.L. Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma, Sezione Trentino).
Un altro step è stato da poco raggiunto e superato, quello dei 1000 concorrenti, con il comitato a ringraziare ‘in tutte le lingue’ per l’affezione, visto l’abbondante flusso di stranieri (attualmente all’80%) e le 32 nazioni a colorare il parterre, senza dimenticare l’importante presenza femminile, una delle forze trainanti della Garda Trentino Half Marathon (ora al 50%).
Oltre ai percorsi di 21K con partenza e arrivo a Riva del Garda, di 10K con partenza da Arco ed arrivo a Riva del Garda e la Kids Run dedicata ai piccoli, le iniziative del ‘fuori pista’ sono da leccarsi i baffi, venerdì sera con il “Welcome Pizza Party”, sabato per tutta la giornata con i 500 kg del “Welcome Strudel Party” e domenica con il ristoro finale a disposizione degli atleti ma anche degli accompagnatori. Non mancheranno da degustare i vini del Trentino come Nosiola e Merlot, il formaggio Lagorai e i salumi del Trentino da accompagnare al pane tipico, sino alle ‘fritole de pomi’, a novembre andranno mangiate calde e rappresentano un ulteriore motivo per non perdere tempo e correre immediatamente ad iscriversi alla Garda Trentino Half Marathon.

Per info: www.trentinoeventi.it

PACCO GARA DA NON PERDERE ALLA STRALIVIGNO

PACCO GARA DA NON PERDERE ALLA STRALIVIGNO

Il 20 luglio la Stralivigno festeggia la 20.a edizione
“Marea” di campionesse azzurre in terra livignasca
Felpa personalizzata nel pacco gara della Stralivigno
Iscrizioni a 30 euro (singolo) o 40 euro (staffetta)

L’inverno tarda a lasciare Livigno, e le azzurre Sofia Goggia e Federica Brignone ne hanno approfittato per gli ultimi giorni di allenamento, con le due ad incontrare, questa volta al centro sportivo Aquagranda Active You, un’altra fuoriclasse assoluta “di casa” a Livigno, Federica Pellegrini.

Dalla neve all’acqua per passare infine ai soavi prati verdi, quelli che caratterizzeranno la Stralivigno del 20 luglio, la quale dona prestigio al proprio pacco gara e – grazie alla partnership con lo sponsor Scarpa – concederà ai primi 1000 appassionati che si iscriveranno alla mezza maratona trail una felpa personalizzata. “All’interno del pacco gara non mancheranno inoltre i prodotti tipici di altri partner che da sempre affiancano la Stralivigno, come la Latteria di Livigno”, afferma il comitato organizzatore. Compreso nella tariffa di partecipazione anche un buono per un lauto pasto, ricordando che per essere fra i protagonisti del contest è sufficiente saldare la quota di 30 euro, mentre chi sceglierà di suddividersi la fatica gareggiando in staffetta (10.5 km ciascuno), potrà pagare la tariffa agevolata di 40 euro a squadra.

Il percorso di 21 km – e questa è un’altra novità – partirà ed arriverà sulla nuova pista d’atletica che aprirà a Livigno a inizio luglio, con passaggio in centro paese proprio per festeggiare il ventesimo compleanno della podistica livignasca, prima di immergersi fra i sentieri di montagna che caratterizzano la Stralivigno.

Ad anticipare la Stralivigno vi saranno la Livigno Skymarathon e la K17 del 15 giugno, ricordando il passaggio in terra livignasca anche del Tour Transalp (27 e 28 giugno) e gli appuntamenti di agosto con il Palio delle Contrade – 1KShot del 23 e la National Park Bike Marathon del 31 agosto. Chiuderà i conti il triathlon Icon, dal 30 agosto al 1° settembre.

Info: www.stralivigno.it o alla pagina facebook.com/stralivigno