Tag: marcialonga running

MARCIALONGA: L’AMORE PER LO SPORT VINCE SU TUTTO. SAN VALENTINO IN ARRIVO PER “CRAFT” E “COOP”

MARCIALONGA: L’AMORE PER LO SPORT VINCE SU TUTTO. SAN VALENTINO IN ARRIVO PER “CRAFT” E “COOP”

14.a Marcialonga Craft il 31 maggio, 18.a Marcialonga Coop il 6 settembre in Trentino
Quote agevolate convenienti per le due prove di ciclismo e corsa
Ingresso nel Superstar Club per chi ha partecipato alla ski-marathon e s’iscriverà a Craft e Coop

Il cuore di Marcialonga batte forte e ha deciso di celebrare San Valentino con proposte da non perdere riservate a tutti gli appassionati. Questa volta l’amore incondizionato sarà tutto per lo sport, con sconti dedicati in aggiunta alle già competitive quote di partecipazione di Marcialonga Craft del 31 maggio per gli innamorati delle due ruote, e per chi prenderà un “colpo di fulmine” per la podistica Marcialonga Coop del 6 settembre.
Dal 12 al 15 febbraio ci si potrà dunque iscrivere alle due prove alle cifre rispettivamente di 33 euro per la ciclistica e di 25 euro per la corsa in Fiemme e Fassa, il tutto inserendo al momento del pagamento il codice promozionale Marcialonga-Love. Che si tratti dei percorsi mediofondo o granfondo di Marcialonga Craft o dei 26 km da Moena a Cavalese di Marcialonga Coop, le due sfide ‘sorelle’ della mitica ski-marathon sono ora a portata di mano, basterà solamente far vedere “quanto si è innamorati”.
Il minimo comune denominatore degli eventi trentini sono le Dolomiti Patrimonio dell’Umanità UNESCO ed un’organizzazione impeccabile, che accompagna l’appassionato direttamente dalla ‘tastiera’ ai cancelli di partenza. E attenzione perché la… “Superstar” è dietro l’angolo, nuovo club dedicato a chi ha già gareggiato alla Marcialonga invernale e vorrà affrontare anche le restanti sfide del comitato trentino. Iscrivendosi alle due prove – con la novità introdotta da quest’anno che premia la combinata indipendentemente dalle distanze che si deciderà poi di affrontare – si potrà così entrare a far parte del club esclusivo, ottenendo il titolo di membro ufficiale e beneficiando di ulteriori vantaggi come avanzamenti in griglia, prevendite esclusive e diplomi personalizzati.

Info: www.marcialonga.it

“DI MICHELA IN MICHELA”: MICHELA CROCE NUOVA SOREGHINA. SERATA RICCA DI OSPITI A TESERO

“DI MICHELA IN MICHELA”: MICHELA CROCE NUOVA SOREGHINA. SERATA RICCA DI OSPITI A TESERO

Ieri sera alla Sala Bavarese di Tesero elezione della nuova Soreghina
Michela Croce di Cavalese fa rimanere il titolo in Val di Fiemme succedendo alla teserana Delvai
La madrina di Marcialonga esordirà alla Marcialonga Coop del 1° settembre
Consegnate anche le borse di studio ai ragazzi meritevoli di Fiemme e Fassa

La Soreghina è stata eletta, nella serata di ieri, alla Sala Bavarese di Tesero, dove Michela Croce ha raccolto il testimone di un’altra Michela, Delvai, facendo rimanere il titolo in Val di Fiemme. Non proprio però, la nuova madrina della Marcialonga di Fiemme e Fassa è sì di Cavalese ma avendo il padre di Moena e la madre fiemmese, era a tutti gli effetti la miglior candidata a rappresentare le due belle vallate trentine negli eventi sportivi Marcialonga. Michela Croce è una ragazza di ventidue anni di Cavalese che sta frequentando il secondo anno in Assistenza Sanitaria all’Università degli Studi di Brescia: “Molto felice di essere Soreghina, non vedo l’ora di potermi interfacciare con persone di differenti culture, in un ambiente internazionale per promuovere il territorio”, affermerà con soddisfazione.
Le candidate erano la fassana Sara Pederiva e le fiemmesi Giorgia Giacomoni, Michela Croce appunto e Sara Morandini, brave e preparate come racconta il presidente di Marcialonga Angelo Corradini presente in giuria: “Queste ragazze mi meravigliano in continuazione, sono spigliate, carine, sanno parlare le lingue, hanno una cultura che noi da giovani non potevamo avere, e questo fa bene alla collettività e al futuro delle nostre Valli e del Trentino”. Dati alla mano, Marcialonga sta attraversando un momento più che felice, avendo completato il parterre di 7.500 iscritti in vista della ski-marathon del 26 gennaio 2020, registrato il record di partecipanti alla scorsa Marcialonga ciclistica Craft, ed apprestandosi ad affrontare la Marcialonga Coop del 1° settembre con già un buon numero di runners in saccoccia.
L’iniziativa si è aperta con il saluto della sindaca Elena Ceschini del Comune di Tesero, con Angelo Corradini a ringraziare il Comune stesso e l’associazione “Tesero un paese da vivere”, oltre a tutte le istituzioni per aver supportato Marcialonga anche nei momenti più ‘caldi’ della passata edizione.
La giuria vedeva presenziare anche Leszek Kosiorowski, direttore della polacca Bieg Piastów gemellata con Marcialonga, dove le Soreghine hanno messo alla prova il proprio inglese, e la fondista di Coppa del Mondo Caterina Ganz, “felice” che la prossima Soreghina abbia un legame forte con la sua Moena. Durante la serata teserana anche la consegna di quattro borse di studio da parte del presidente dello Sci Club Marcialonga, Giuseppe Brigadoi, ai ragazzi meritevoli degli istituti superiori di Fiemme e Fassa.
Un saluto d’obbligo da parte della Soreghina uscente Michela Delvai: “Esperienza bellissima, un anno ricco, intenso, pieno di emozioni, di eventi e momenti unici. Questo è un momento abbastanza triste perché lascio un anno stupendo, ma sono contenta che un’altra ragazza abbia la possibilità e occasione di vivere ciò che ho vissuto io”.
Michela Croce rimarrà in carica nelle prossime gare di corsa, nella storica di sci di fondo, prima di chiudere il cerchio alla Marcialonga di ciclismo del 31 maggio 2020, lasciando a propria volta il testimone alla Marcialonga Coop 2020.

Info: www.marcialonga.it

MARCIALONGA COOP ASPETTA I RUNNERS. QUOTE SUPER CONVENIENTI ENTRO IL 27 GIUGNO

MARCIALONGA COOP ASPETTA I RUNNERS. QUOTE SUPER CONVENIENTI ENTRO IL 27 GIUGNO

Il 1° settembre 17.a Marcialonga Coop
Ultima prova della Combinata Punto3 Craft
26 km da Moena a Cavalese anche in staffetta per aiutare il prossimo
Minirunning dedicata ai piccoli il 31 agosto

Il logo Marcialonga si tinge di verde, perché è giunto il momento di pensare – terminata la parentesi ciclistica Craft – alla Marcialonga Coop del 1° settembre con le scarpette da corsa ai piedi, la quale ancora per poco riserva tariffe vantaggiose a tutti gli appassionati. La quota di 30 euro per poter festeggiare tutti assieme la diciassettesima edizione dell’evento rimarrà infatti attiva ancora fino al 27 giugno, dopodiché aumenterà leggermente, ma se si ha tempo sarà bene approfittarne…
Le Valli di Fiemme e Fassa rappresentano un inno al movimento e al benessere all’aria aperta, tra la natura incontaminata e la bravura del comitato, Marcialonga Coop proporrà 26 km da Moena a Cavalese, scattando da Piaz de Sotegrava sino al Centro del Salto di Predazzo, sede di Marcialonga, passando poi per Ziano, il ponte di legno di Panchià, il Centro del Fondo di Lago di Tesero, Masi e Cavalese, avvolti dal contorno dolomitico Patrimonio dell’Umanità UNESCO.
26 km competitivi ma che i meno allenati potranno affrontare anche in modo meno impegnativo, la ciclabile che costeggia il torrente Avisio è infatti alla portata di tutti e l’itinerario di gara concede una galoppata anche agli staffettisti, coinvolti da un’iniziativa partita qualche anno fa e ora riproposta con successo per “moltiplicare la soddisfazione”. I tre frazionisti (di almeno 16 anni) completeranno tre differenti segmenti della Marcialonga Coop: il primo da Moena a Predazzo dopo 10 km, il secondo di 8 km sino a Lago di Tesero e infine verso il traguardo di Cavalese, 8 km conclusivi con l’ultimo tratto in salita a determinare la miglior squadra di giornata. “Condivisione” è uno dei motti dei marcialonghisti, e l’iniziativa viene vista in questo senso, divertendosi con amici e familiari, correndo per sé stessi, per la propria squadra ma anche per il sociale, con parte della quota d’iscrizione devoluta ad alcune associazioni benefiche. Contest podistici entusiasmanti, senza dimenticare la Minirunning del 31 agosto (dai 6 ai 12 anni), un’area Expo tutta da vivere con interessanti prodotti, attività collaterali e un curioso gadget svelato a breve. Marcialonga Coop è pronta a partire e gli ingredienti per rendere grande questa diciassettesima edizione ci sono tutti.

Info: www.marcialonga.it

LE SORPRESE DI ‘MAMMA MARCIALONGA’. UNA FESTA DI SCONTI CHE DURA UNA SETTIMANA

LE SORPRESE DI ‘MAMMA MARCIALONGA’. UNA FESTA DI SCONTI CHE DURA UNA SETTIMANA

Tariffa speciale per la T-shirt da donna collezione 2019 Pink o MarcialonGirl fino al 12 maggio
Il 2 giugno Marcialonga Craft di ciclismo e il 1° settembre Marcialonga Coop podistica

La mamma è sempre la mamma e Marcialonga è sempre Marcialonga.
Nella settimana di avvicinamento a domenica 12 maggio, il laborioso comitato trentino ha pensato a tutte le donne marcialonghiste, o amate dai marcialonghisti, che festeggeranno la tradizionale “Festa della Mamma”. In promozione per l’intera durata della settimana gli appassionati troveranno infatti le T-shirt da donna della collezione 2019, Pink o MarcialonGirl, alla tariffa da non perdere di 15 euro, acquistabili online o direttamente presso l’ufficio Marcialonga in località Stalimen a Predazzo (aperto dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12:30 e dalle 13:30 alle 18).
Una celebrazione che ha origini antichissime quella della seconda domenica di maggio, sin dagli albori della civiltà greca e romana si festeggiavano infatti le mamme durante le numerose feste legate alle divinità femminili e alla fertilità. “Mamma Marcialonga” non sarà da meno e – in vista della Marcialonga Craft ciclistica del 2 giugno e della Marcialonga Coop podistica del 1° settembre – offre un pensiero a tutte le donatrici di vita, e ai loro figli un’idea regalo da non lasciarsi sfuggire.

Info: www.marcialonga.it

MARCIALONGA CYCLING E RUNNING PIÙ “ROSA”

MARCIALONGA CYCLING E RUNNING PIÙ “ROSA”

T-SHIRT FINISHER IN REGALO PER LE DONNE

La “Giornata internazionale della donna” ricorda tutte le conquiste ottenute dalle donne in campo sociale, politico ed economico, oltreché le discriminazioni a cui tutt’oggi sono ancora soggette. In occasione della più comunemente conosciuta come “Festa della donna” di mercoledì 8 marzo, celebrata in Italia a partire dal 1922, il comitato organizzatore della Marcialonga di Fiemme e Fassa (TN) propone a tutte le donne che si iscriveranno, a partire da domani e sino al 9 marzo, all’undicesima edizione della Cycling Craft del 4 giugno o alla quindicesima edizione della Running Coop del 3 settembre, la t-shirt “finisher” in omaggio.
“Un regalo speciale per premiare le donne che si mettono in gioco e con impegno ed entusiasmo decidono di partecipare ad uno dei prossimi eventi Marcialonga 2017”, sottolinea il C.O. guidato dal presidente Angelo Corradini e dalla General Manager Gloria Trettel.
I maschietti interessati e magari partecipanti alle sfide di ciclismo e corsa, potranno così fare un regalo originale che si abbinerà alla tradizionale mimosa, esaltando la passione per lo sport ed effettuando l’iscrizione per una donna loro importante; basterà inserire nel modulo d’iscrizione alla voce “Altre gare / Note”, il codice DONNE2017.
La Marcialonga Cycling Craft è una competizione poderosa, la quale si dipanerà lungo due spettacolari itinerari di 135 km ed 80 km con partenza da Predazzo (TN) e sarà valevole per i rinomati circuiti: Campionato Nazionale ACSI granfondo/mediofondo, InBici Top Challenge, Gran Fondo World Tour e Zero Wind Show – il circuito che premia la passione.
La Marcialonga Running Coop è invece un afflato mistico di pura bellezza, una suggestiva sfilata di 26 km da Moena in Val di Fassa, la “Fata delle Dolomiti”, a Cavalese in Val di Fiemme, una nuova simbolica “unione” delle due belle vallate trentine che lo scorso gennaio esaltarono la 44.a Marcialonga di fondo. Entrambe verranno poi corredate dalle iniziative per “apprendisti” di ciclismo e podismo, i bambini di Minicycling e Minirunning, ponendo così la ciliegina sulla torta ad eventi per tutta la famiglia, donne in primis.
Info: www.marcialonga.it e canali Facebook, Twitter, Instagram, Google+ e YouTube.

MARCIALONGA PRESENTA LA 44ᵃ EDIZIONE

MARCIALONGA PRESENTA LA 44ᵃ EDIZIONE

MILANO FA L’INCHINO ALLA REGINA DEL FONDO

Alla “Sala Nera” dell’oasi di benessere QC Terme Milano si è svolta oggi la conferenza stampa di presentazione della 44.a edizione della storica Marcialonga, in scena il 29 gennaio prossimo lungo i 70 km che uniscono metaforicamente le splendide Valli trentine di Fiemme e Fassa.
I primi ad essere presentati all’interno di questa suggestiva cornice dal contorno epico sono stati il presidente della Marcialonga Angelo Corradini, l’ex fondista ed allenatore di sci nordico Marco Albarello e Flavio Roda, presidente della FISI. Angelo Corradini, da tanti anni figura di riferimento della manifestazione e sportivo a tutti gli effetti, ha parlato del tema più caldo in questo periodo dell’anno, la neve, e di come lo staff organizzatore stia preparando la 44.a edizione, impegnandosi non solamente con la gara principale, ma anche con i numerosi eventi collaterali Story, Stars, Mini, Baby e Young, accompagnati da numerose iniziative quali Marcialonga Legends e Marcialonga Experience: “Con un po’ di presunzione posso dire che Marcialonga ha fatto la storia in quanto alla creazione di piste in assenza di neve. Con gli ultimi giorni di freddo ne abbiamo potuto realizzare una buona riserva, ed entro il 15 dicembre si potrà già sciare. Tanta gente ci rappresenta, a cominciare dai 1200 volontari che animano la manifestazione, vicino a loro si posizionano tutti gli sponsor, gli appassionati, le associazioni, i valligiani che credono in noi e questo è importante. Marcialonga viene trasmessa in diretta televisiva in undici stati d’Europa, quest’anno abbiamo inoltre voluto valorizzare i VIP, iniziando dai nostri “eroi”, i dieci senatori, coloro i quali hanno partecipato a tutte e 43 le edizioni finora disputate, persone che con grinta e passione si sono legate indissolubilmente al nostro storico brand”.
A Flavio Roda è invece stato chiesto quale ruolo riveste la Marcialonga nel panorama fondistico FISI, oltre alle problematiche che lo sci di fondo azzurro sta riscontrando, Federico Pellegrino escluso, e se sia o meno opportuno “cautelare” la data della Marcialonga (la quale è risaputo si svolge l’ultimo weekend di gennaio), evitando di sovrapporla con altre gare: “La nostra fortuna è avere Pellegrino che ha dato nuovamente lustro alla disciplina e De Fabiani che è un giovane emergente, mentre il settore femminile può e deve crescere. Come federazione abbiamo cercato di investire per tornare in testa, in questo momento siamo abbastanza soddisfatti. Spesso i campioni non sono programmabili, bisogna sempre sperare di incontrarli sul nostro cammino. L’impegno di una federazione è quello di non penalizzare o bruciare un campione. Penso che Marcialonga, in quanto grande evento, debba essere tutelata, anche dal punto di vista di promozione del territorio. So che in passato si sono accavallate gare importanti penalizzando la Marcialonga, ma l’impegno che mi prendo in prima persona sarà quello di pianificare il calendario agonistico in modo da lasciar spazio a tutti. Non è facile organizzare un evento di tale calibro, grazie in particolare a tutti i corpi di polizia, ai volontari e al comitato qui presente”.
Marco Albarello è uno dei pilastri della storia dello sci di fondo italiano e mondiale, quattro edizioni dei Giochi Olimpici (Calgary 1988, Albertville 1992, Lillehammer 1994 e Nagano 1998) e sette Campionati Mondiali come atleta, vincendo rispettivamente cinque e quattro medaglie. Direttore tecnico del fondo azzurro per diversi anni, ha partecipato alla Marcialonga nel 1999, piazzandosi 1210° con un tempo totale di 5h23’24” nell’anno in cui vinsero Johann Muehlegg e Guidina Dal Sasso. Albarello ha raccontato dell’importanza della Marcialonga nel panorama fondistico internazionale, una popular race che da molti anni è diventata anche punto di riferimento per i campioni dello sci di fondo: “Lo sci di fondo non è solamente sinonimo di “fatica” come viene dipinto, ho fatto questo sport per trent’anni ed è stato un piacere, ti mette a contatto con te stesso e con la natura, affrontare il percorso della Marcialonga è un’emozione unica. Lo scorso anno dopo la Vasaloppet è stata la gara più vista, Marcialonga buca letteralmente lo schermo, ha un qualcosa in più che solo lei sa dare. Lo sci di fondo è nato con la tecnica classica, quindi la Marcialonga tornando sui suoi passi ha fatto una scelta di cuore, peccato per noi italiani che ancora fatichiamo, ma la gara trentina rappresenta anche la massima espressione del classico”.
Uno degli incentivi per partecipare alla gara sarà il premio della Tamoil Final Climb, spiegato da Aldo Lancia, dirigente Tamoil e marcialonghista doc: “Io sono un “bisonte”, l’importante per me è arrivare. La salita di Cascata è il punto più tosto della gara, per questo Tamoil darà un premio in denaro a chi avrà segnato il miglior tempo sulla salita, sia al maschile che al femminile”.
Susanna Sieff e Roberta Bonazza hanno illustrato i nuovi progetti della Marcialonga, la prima raccontando Marcialonga Legends ed Experience: “Abbiamo pensato di lavorare su Marcialonga rendendola più moderna ed “umana”, abbiamo dieci leggende che hanno svolto tutte le edizioni ed abbiamo deciso di valorizzarle, racconteremo i senatori fino a gennaio, ogni settimana usciranno le loro foto e le loro storie. Marcialonga Experience permetterà invece di immergersi nel mondo innevato di Fiemme e Fassa, coinvolgendo alcuni volti noti del mondo dello sport, dell’economia, della politica e dello spettacolo che parteciperanno attivamente alla tre giorni di fine gennaio: da Moser, a Simone Moro, e ancora Matteo Marzotto, Maria Canins e tanti altri. Coppie VIP d’eccezione comporranno poi una specialissima classifica Marcialonga”. Roberta Bonazza ha parlato invece di un’iniziativa scattata lo scorso anno, Scivolando: “Lo scorso anno Scivolando ha narrato il Novecento, quest’anno racconteremo lo stile, a Madonna di Campiglio ci dedicheremo allo stile italiano, mentre a Vigo di Fassa inaugureremo lo stile agonistico, raccontando la gestualità degli atleti”.
Claudio Gregori, giornalista particolarmente affine con le tecniche dello sci di fondo e partecipante della Marcialonga nel 2006 quando concluse 2941°, ha intrattenuto la platea con la propria vena poetica: “La Marcialonga è un posto per sognatori, la Soreghina è la figlia del Sol ma anche la figlia della fantasia poiché le Valli di Fiemme e Fassa sono posti magici, regni fatati. Lo sci di fondo è il fascino dell’antichità ed i senatori sono dei sognatori, gente che ha subito la poesia della Marcialonga, come il senatore “stregato” Fabio Lunelli, il cui tempo totalizzato in 43 edizioni è di 268h.13’27: Le montagne dolomitiche mi sono nel cuore, ricordo come fosse ieri la prima edizione, queste cose uno le porta dentro, potrei scrivere un libro sulle emozioni regalatemi dalla Marcialonga”.
Marcialonga, come tutti sanno, non è solamente sci di fondo, ma anche ciclismo e corsa, con la Marcialonga Cycling Craft del prossimo 4 giugno e la Marcialonga Running Coop del 3 settembre, la prima affiliata dalla scorsa edizione all’ente di promozione sportiva con più eventi in Italia, ACSI Ciclismo, un capo saldo del movimento ciclistico amatoriale, raccontato dal proprio responsabile nazionale Emiliano Borgna: “Abbiamo circa 1800 società e 50.000 tesserati, ACSI è l’anima del ciclismo italiano. Nel 2016 ci siamo affiliati a Marcialonga e per noi è stato un grande onore, la Cycling Craft ha standard d’eccellenza, partecipandovi ho riscontrato la passione innata del comitato e degli atleti, organizzare le gare è molto difficile e Marcialonga vi riesce nel migliore dei modi. Il percorso mi è piaciuto moltissimo, valorizza luoghi magnifici e concede sprazzi di pura competitività ed agonismo. Marcialonga merita l’alta partecipazione, stiamo già lavorando assieme al comitato per regalare un grande evento nel 2017”.
Il direttore generale Gloria Trettel ha concluso la serie d’interventi narrando le peculiarità della Marcialonga Running Coop e le modalità organizzative della Marcialonga: “I nostri eventi sono ‘popular’, di massa, dedicati alla gente, creati per e da persone che amano lo sport e che vogliono interagire gli uni con gli altri, dobbiamo investire le nostre risorse, i nostri fondi, la nostra energia e passione per tutte le migliaia di fondisti, ciclisti e podisti che vengono a competere in Trentino. In occasione della Marcialonga Running Coop daremo la possibilità di fare una staffetta, ovvero di percorrere tre distanze lungo 26, 10 ed 8 km totali per permettere a tutti di esserne protagonisti e di partecipare. I nostri senatori della Running Coop sono addirittura 50! Vogliamo offrire competizione, sport e tanta salute. Cambiamo sempre, cercando di offrire il meglio”. Arrivederci dunque al 2017, per una grande annata di sci di fondo, ciclismo e corsa nuovamente assieme alla Marcialonga.
Info: www.marcialonga.it

MARCIALONGA: MENS SANA IN CORPORE SANO

MARCIALONGA: MENS SANA IN CORPORE SANO

TRE EVENTI SCONTATI DI 15 EURO

La società moderna a volte dimentica che valori o beni come ricchezza, fama ed onore che gli uomini cercano di ottenere sono spesso effimeri e che, come da intenzione del poeta Giovenale che scrisse il celebre motto “Mens sana in corpore sano”, l’uomo dovrebbe aspirare a due beni soltanto: la sanità dell’anima e la salute del corpo. Studi scientifici pubblicati nel Journal of Sport & Exercise Psychology hanno inoltre dimostrato che una buona preparazione motoria porta indubbiamente a sviluppare le capacità mnemoniche di una persona, oltre a considerare gli individui fisicamente attivi con livelli più alti d’autostima e più bassi di ansia.
Questa premessa è d’obbligo per poter spiegare Marcialonga, un universo di eventi agonistici a tutto tondo, in grado di animare la passione degli sportivi di ben tre discipline da oltre quarant’anni con la Marcialonga di sci di fondo, da più di dieci con la Marcialonga Cycling Craft e da quasi quindici con la Marcialonga Running Coop. Il comitato organizzatore attornia gli appassionati di sci di fondo, ciclismo e corsa con una miriade d’iniziative, riservate in primis ai “fedelissimi” che completeranno la Combinata Punto3 Craft (per la quale il noto brand svedese ha riconfermato la partnership), ovvero coloro i quali taglieranno il traguardo in tutte e tre le manifestazioni trentine sviluppate nello splendore delle Valli di Fiemme e Fassa.
L’inverno porta con sé la ski-marathon più celebre d’Italia ed una delle più sentite e partecipate nel mondo, con una miriade di concorrenti stranieri e nostrani a riversarsi sulle nevi trentine, per non parlare di giugno, il mese migliore per pedalare all’aria aperta, quando la calura estiva è ancora lontana ed il vento soffia leggero, concludendo con il mese di settembre, quando correre diventa una libidine: ogni avvenimento, ogni data è studiata dal comitato organizzatore per poter mettere gli atleti nelle migliori condizioni possibili per competere.
La ‘sfida’ proposta è quella di partecipare a tutte e tre le gare Marcialonga ed è innanzitutto riservata a chi può considerarsi fra i fortunati che si sono già aggiudicati un pettorale per la Marcialonga invernale, con le iscrizioni chiuse otto minuti appena dopo essersi aperte: “Una sfida con gli altri per avere la meglio nella classifica finale, ma soprattutto una sfida con sé stessi per testare la propria forza e tenacia e tagliare così i tre prestigiosi traguardi di Marcialonga”.
Ogni invito da parte del comitato organizzatore non è mai banale, per giunta gli atleti potranno assicurarsi uno sconto di 15 euro sul totale delle quote, gareggiando nei 70 km della 44.a Marcialonga Skiing del 29 gennaio, negli 80 km del percorso mediofondo o nei 135 km dell’itinerario granfondo della Marcialonga Cycling Craft del 4 giugno, e nei 26 km della prossima Marcialonga Running Coop targata 3 settembre 2017. La Combinata Punto3 Craft negli ultimi anni è stata un dominio dei fratelli Bormolini, prima con il successo di Thomas nel 2015, poi con l’affermazione personale di Nicolas. Se al maschile il successo è “in famiglia”, al femminile le detentrici del titolo variano di anno in anno, con la vittoria 2015 della ceca Šárka Zelenková e quest’anno con l’incoronazione della comasca Chiara Caminada. Tre eventi, due Valli, è la Marcialonga.
Info: www.marcialonga.it

GAZZELLE KENIANE ALLA MARCIALONGA RUNNING COOP

GAZZELLE KENIANE ALLA MARCIALONGA RUNNING COOP

UNA FUGA LUNGA 26 KM DA MOENA A CAVALESE (TN)

I keniani erano i favoriti e non hanno tradito le attese in una giornata da incorniciare
Philimon Kipkorir Maritim e Viola Jelagat fanno il vuoto fin dal via di Moena
I due portacolori di Run2gether hanno fatto propri anche i nuovi record: 1h19’21”e 1h31’1”
Bormolini e Caminada si aggiudicano la Combinata Punto3 Craft. E ora si guarda alla Skiing

L’unico dubbio è se chiamare i vincitori della Marcialonga Running Coop keniani o kenioti. La realtà inconfutabile è che Philimon Kipkorir Maritim e Viola Jelagat, passaporto del Kenia, sono i dominatori della 14.a edizione della corsa di 26 km che oggi ha legato idealmente Moena, in Val di Fassa, a Cavalese, in Val di Fiemme in Trentino.
Ai due runners di Run2gether non è bastato tagliare il traguardo per primi, ma sono stati capaci addirittura di stracciare i due record. Maritim per coprire i 26 km ha impiegato 1h19’21”, la Jelagat invece 1h31’1”.
Bella giornata quella che ha fatto da cornice alla terza gara di stagione targata Marcialonga, sole e temperatura decisamente estiva, condizioni ideali per chi fra i 1400 iscritti ha inteso la Marcialonga Running Coop come un’autentica giornata all’insegna dello sport popolare, un pochino caldo per chi puntava alla classifica.
Pronostici rispettati alla grande, con i due keniani Maritim e Samoei lesti ad involarsi subito a Moena, tallonati, ma solo per poco, dall’ucraino Vasyl Matviychuk. La gara in pratica l’hanno fatta loro. Dietro hanno fatto di tutto per minimizzare il divario, soprattutto il marocchino Saji, Lanziner, Gobbo, Ricatti e Claut, ma è stato tutto inutile.
Già dopo 4 chilometri Maritim aveva staccato di netto il connazionale Samoei, e pure Matviychuk aveva realizzato che il ritmo di Maritim oggi era insostenibile. Così la testa della corsa è vissuta con i confronti a distanza. Samoei, lo dirà poi al traguardo ai microfoni dei giornalisti, era molto stanco e per lui questa era l’ultima gara della stagione, a brevissimo ritorna in Kenia ad allenarsi sui grandi altipiani.
Maritim sull’ultima erta finale che da Masi sale fino a Cavalese addirittura ha allentato il ritmo, semmai Samoei ha rischiato di essere ripreso da Matviychuk che il cronometro ha accreditato solo a 2”. I due comunque hanno accusato alla fine circa 3’ da Maritim, che certamente non era vivacissimo dopo aver tagliato il traguardo.
Alle spalle dei primi tre è stata una …volata dopo l’altra. Abdelkabir Saji nel finale ha avuto ragione di Peter Lanziner ed hanno chiuso gli arrivi dei primi cinque. Solo, si fa per dire, ottavo Giovanni Gualdi alle spalle anche di Gobbo e Ricatti. L’altro vincitore del passato Massimo Leonardi ha chiuso all’11° posto.
Viola Jelagat: chi l’ha vista? Sicuramente non le sue avversarie. La runner keniana è partita subito fortissima e nessuna è mai riuscita ad accorciare il gap. C’è stato un piccolo “giallo” in partenza. Una delle superfavorite e vincitrice nel 2013, Ivana Iozzia, pur avendo ritirato il pettorale non era in griglia. Era invece al bagno in un bar della piazza De Sotegrava. Ha sentito lo sparo dello start, e così si è precipitata fuori in fretta e furia ed ha iniziato l’inseguimento. Seconda è sempre stata Deborah Toniolo, la vincitrice del 2015, seguita come un’ombra da Eliana Patelli, anche lei prima alla Marcialonga Running Coop per ben tre edizioni. Viola Jelagat, incoraggiata dagli incitamenti che arrivavano dal pubblico, ha sempre tenuto alto il ritmo, anche sull’ultima salita, terreno a lei non congeniale, ed ha chiuso con un significativo 1h31’1” che le è valso addirittura il 12° posto assoluto. Corona d’alloro al collo messa dal presidente di Marcialonga Angelo Corradini e dalla neo Soreghina Camilla Canclini.
Deborah Toniolo, consapevole che la leader era irraggiungibile, ha badato così a difendere la posizione mentre da dietro si faceva largo la Iozzia. La vicentina della Forestale si è presentata sotto lo striscione d’arrivo staccata di 4’13” dalla vincitrice e con circa 1’ sulla Iozzia, che nel finale ha passato la Patelli. Al quinto posto l’attesa Maurizia Cunico.
Con i risultati della Marcialonga Running Coop si è conclusa anche la Combinata Punto3 Craft che somma i tempi dei tre eventi Marcialonga, Skiing, Cycling e Running. Successo del livignasco Nicolas Bormolini e al femminile della comasca Chiara Caminada.
Cala così il sipario sulla lunga stagione Marcialonga 2016, una stagione di successo che la Running Coop ha confermato ulteriormente. Ora l’obbiettivo è puntato sul 28 e 29 gennaio con la 44.a Marcialonga Skiing.
Info:
www.marcialonga.it
www.newspower.it

ANCHE GHALLAB, RUDASSO E BERGAMO ALLA “RUNNING” 13 NAZIONI PER LA MARCIALONGA DI DOMENICA

ANCHE GHALLAB, RUDASSO E BERGAMO ALLA “RUNNING” 13 NAZIONI PER LA MARCIALONGA DI DOMENICA

La 9.a Marcialonga Running sarà al via domenica alle 9,30 da Moena (TN)

Confermati il marocchino Khalid Ghallab, la genovese Viviana Rudasso e la trentina Mirella Bergamo

Al momento oltre 1.400 concorrenti già registrati, ci si iscrive fino alla vigilia

La gara è anche prova unica del Campionato del Mondo per laureati in medicina e odontoiatria

 

Quando si parla di Marcialonga i grandi numeri non devono stupire, nemmeno d’estate. Per la versione podistica della celebre granfondo invernale, la Running di domenica 4 settembre, si sono già superati  i 1.400 iscritti e gli uffici del comitato organizzatore sono in pieno fermento per gestire le continue richieste di partecipazione.

La 9.a edizione della rassegna estiva sarà al via domenica alle 9,30 dal centro di Moena, in Val di Fassa, proponendo il classico tracciato di 25,5 km con arrivo in Viale Mendini a Cavalese, la località fiemmese dove vengono incoronati anche i protagonisti della gara di sci di fondo.

Questi sono gli ultimi giorni di attesa prima dello start, giorni di “fuoco” per le iscrizioni incrementate soprattutto dalle conferme dei “big”. Proprio in queste ultime ore si sono prenotati due corridori del Gruppo Città di Genova, ovvero il marocchino Khalid Ghallab e la ligure Viviana Rudasso. Si tratta di due atleti decisamente candidati al podio, entrambi con un palmarès invidiabile all’attivo ed entrambi già protagonisti in Trentino, grazie al 2° e 1° posto (rispettivi) guadagnati lo scorso giugno alla Traslaval, il giro podistico a tappe di scena in Val di Fassa.

Il mese scorso i due runners hanno preso parte alla Biella-Oropa (24 luglio), chiusa da ambedue al 2° posto, e alla Stralivigno del 31 luglio, vinta proprio da Ghallab e con la Rudasso “d’argento”, risultati di spicco che, in questo caso, rappresentano solo la punta dell’iceberg.

Ghallab vanta infatti anche le vittorie alla gara internazionale Vivicittà di Genova, alla 15 km di Tavola (Prato) e alla Bossoni Half Marathon dello scorso maggio, soltanto per citare i risultati più recenti. Sulla stessa lunghezza d’onda anche la Rudasso, vincitrice per quattro volte (e in più occasioni sul podio) alla Mezza Maratona di Genova e quest’anno 3.a classificata alla Vivicittà, precedenti importanti che lasciano presupporre una gran voglia di imporsi anche nell’appuntamento trentino.

Khalid Ghallab e Viviana Rudasso sono insomma compagni di squadra e di successi, ma a dar loro del filo da torcere ci penseranno domenica i tanti runners decisi a “dominare” la 9.a Marcialonga Running, un parterre cosmopolita con atleti da 13 diverse nazioni. Il marocchino Abdelkabir Saji dell’Atletica Casone Noceto è uno dei favoriti della gara maschile, e in lizza per un piazzamento di spessore c’è anche il fassano Massimo Leonardi, vincitore nel 2009 e ben 4 volte sul podio. Al femminile sarà in gara la friulana Paola Mariotti, 2.a classificata nella passata edizione, recentemente è inoltre arrivata la conferma della trentina Mirella Bergamo, vincitrice della Traslaval 2006 e 2.a classificata alla “mezza” Brunico – Campo Tures di sabato scorso.

Come detto, lo start della Marcialonga Running è fissato a Moena, i concorrenti scenderanno poi verso Predazzo, attraversandone il centro e la piazza SS Filippo e Giacomo, dove sarà collocata la zona di spugnaggio. Successivamente il tracciato porterà verso Ziano di Fiemme, Panchià, Lago di Tesero e Masi di Cavalese, per salire infine verso Cavalese nei 3 km di ascesa finale, ciliegina sulla torta delle fatiche di giornata.

Quella in arrivo sarà insomma una domenica di sport a 360°, e insieme ai runners “grandi” saranno in gara anche le giovani promesse del podismo, ovvero i ragazzi fino a 12 anni chiamati a concorrere nella sempre apprezzata Mini Running, in partenza da Cavalese alle 10.00 su un mini-percorso di 600 metri.

La Marcialonga Running verrà anche animata da tante sfide in una, grazie agli atleti del Campionato del Mondo per laureati in medicina e odontoiatria e dei partecipanti alla Combinata Punto3 Craft, la cui classifica verrà chiusa proprio dalla gara podistica dopo le due tappe della Marcialonga invernale e della Cycling Craft.

Nel frattempo RAI Sport1 ha confermato la messa in onda della sintesi, il 15 settembre alle ore 23.00.

Le iscrizioni sono in corsa fino alla vigilia di sabato 3 settembre, la quota è fissata a 28 Euro fino al 2 settembre mentre nell’ultima giornata è previsto un aumento di 7 Euro.

Info: www.marcialonga.it

 

 

CALDO “AFRICANO” ALLA MARCIALONGA RUNNING. IL MAROCCO SCHIERA ABDELKABIR SAJI

CALDO “AFRICANO” ALLA MARCIALONGA RUNNING. IL MAROCCO SCHIERA ABDELKABIR SAJI

Domenica 4 settembre le Valli di Fiemme e Fassa (TN) ospitano la “Running”

La Marcialonga settembrina vola oltre quota 1.200, iscrizioni aperte fino a sabato 3

Il team parmense dell’Atletica Casone Noceto schiera il veloce marocchino Abdelkabir Saji

Dalla Marcialonga alla Vasaloppet, in palio per i vincitori della “Combinata” i pettorali della gara svedese

 

La Marcialonga Running corre veloce verso il “tutto esaurito”. Questi sono gli ultimi giorni di attesa per la gara in partenza da Moena (TN) domenica 4 settembre, per la quale gli iscritti hanno già ampiamente oltrepassato la soglia delle 1.200 unità.

Si tratta di un bel numero di adepti, soprattutto se si tiene conto che le iscrizioni chiuderanno i battenti soltanto nella giornata di vigilia, dunque la voglia di “sudare” tra gli scenari delle Valli di Fiemme e Fassa, in Trentino, è sempre alle stelle, sia che si tratti di sci di fondo, di ciclismo su strada o di corsa.

Come accade per la Marcialonga invernale di gennaio e per la Cycling Craft di maggio, anche la Marcialonga Running è un evento capace di entrare nel cuore degli appassionati, suscitando allo stesso tempo grande richiamo tra gli atleti di spicco internazionali. E infatti tra le ultime iscrizioni sopraggiunte negli uffici degli organizzatori c’è quella del forte marocchino Abdelkabir Saji, portacolori del team parmense Atletica Casone Noceto e deciso a mettere la propria firma sulla “Running” 2011. Le carte in regola per conquistare il podio ci sono tutte, perlomeno a giudicare dai risultati ottimi del corridore africano tra i quali spicca il 14° posto alla celebre maratona di New York dell’anno scorso, vinta da un altro africano, l’etiope Gebre Gebrmariam. Anche il 2011 ha portato tante soddisfazioni atletiche alla “gazzella” Abdelkabir Saji, con la vittoria dello scorso giugno alla Notturna di San Giovanni a Firenze (10 km) in 29’29’’, un tempo ottimo come del resto quello del suo personale sulla mezza maratona (1h02’41’’).

Parlando di Marcialonga, non possono mancare i fondisti ed allora ecco spiccare tra i tanti iscritti i nomi di Bruno Debertolis, Nicola Morandini e Andrea Zattoni.

Il parterre che affollerà Piaz de Sotegrava a Moena per correre i 25,5 km di gara (con arrivo in Viale Mendini a Cavalese), è colorato a forte tinte internazionali, sono infatti 13 le nazioni rappresentate. Questa caratteristica riguarda anche la Combinata Punto3 Craft, classifica che “combina” le tre gare Marcialonga (Skiing, Cycling Craft e, appunto, Running). Oltre ai tanti italiani sono in lizza per la speciale graduatoria anche 7 atleti stranieri, pronti a dare il massimo nella prova finale, e ad invogliare ancora di più alla vittoria c’è soprattutto la bella possibilità messa in palio dalla Combinata Punto3 Craft. Il premio per chi salirà sul gradino più alto del podio individuale sono infatti i pettorali per la granfondo invernale più famosa al mondo, la Vasaloppet svedese del 4 marzo 2012, ai vincitori della “Combinata” verranno regalati iscrizione, viaggio e alloggio.

Per la 9.a edizione della Marcialonga Running si è mobilitata anche una schiera di appassionati da tutta Italia, con corridori dalle provenienze e dalle età più disparate. Basti pensare che il concorrente “meno giovane” della Marcialonga Running è il veneto Pietro Leonardi, classe 1932, in buona compagnia visto che domenica 4 settembre ci saranno anche altri 7 corridori con più di 70 anni.

Parecchi saranno poi i laureati in medicina e odontoiatria chiamati a sfidarsi nel Campionato del Mondo di corsa lunga distanza, anche quest’anno abbinato alla Marcialonga Running.

Tra i “ritorni” va segnalato quello dell’apprezzata gara dedicata ai più piccoli, ovvero la Mini Running, in programma nella mattinata di domenica 4 a Cavalese e dedicata ai ragazzi fino a 12 anni.

Le iscrizioni alla Marcialonga Running resteranno attive fino a sabato 3 settembre, la quota rimarrà invariata a 28 Euro fino a venerdì 2 settembre, mentre nella giornata di vigilia subirà un aumento di 7 Euro.

Info: www.marcialonga.it