Tag: duathlon

HORN ATTACKE: DALLA CITTÀ ALLA MONTAGNA. DOLOMITI CORNICE DI UN SONTUOSO DUATHLON

HORN ATTACKE: DALLA CITTÀ ALLA MONTAGNA. DOLOMITI CORNICE DI UN SONTUOSO DUATHLON

Horn Attacke il 9 marzo in Alto Adige

È arrivata anche la neve tra Bolzano e il Corno del Renon

Duathlon di 20 km e 2000 metri di dislivello tra corsa e skialp

Iscrizioni aperte, in singolo o in staffetta a due o tre atleti

Horn Attacke: come te non c’è nessuna, il 9 marzo dal centro di Bolzano alla montagna innevata: “Chi voglia abbracciare il Tirolo in un colpo d’occhio risalga queste cime” scrisse, a proposito del Corno del Renon, Ludwig Purtscheller, uno dei migliori conoscitori delle Alpi dove scalò oltre 1.700 vette.

Neve in abbondanza anche tra Bolzano e il Corno del Renon, con il responsabile del comitato organizzatore Gunther Plattner a testare il percorso: “Ha nevicato circa 30-40 centimetri, le cose procedono per il meglio e tra pochi giorni tutto il tratto scialpinistico sarà pronto e segnalato, gli ingredienti per fare una bella gara ci sono tutti”. Anche le iscrizioni vanno a gonfie vele, e il 9 marzo in Alto Adige la Horn Attacke proporrà un contest da non perdere a tutti gli appassionati di duathlon, tra corsa e scialpinismo all’interno di uno scenario idilliaco per gareggiare. La città di Bolzano sarà il punto di partenza per arrivare ai 2.260 metri del Corno del Renon, un bel dislivello di 2000 metri farà il resto accontentando anche i palati più esigenti. Gli atleti avranno a disposizione sia una gara individuale sia una gara a squadre, e in quest’ultima i concorrenti potranno schierarsi ai nastri di partenza con due o tre staffettisti. 20 km e 2000 metri di dislivello (13 km di corsa e 7 km di scialpinismo), con il primo frazionista a percorrere il tratto Bolzano-Soprabolzano, il secondo da Soprabolzano a Pemmern ed il terzo da Pemmern al Corno del Renon.

La competizione regalerà una vista a 360° su tutto l’Alto Adige, e chi non l’avesse mai provata non potrà resistere al fascino di quest’ampia visuale libera da ogni ostacolo e capace di far respirare aria pura, regalando una vista impagabile sulle Dolomiti patrimonio UNESCO, fra le cime del Sasso Putia, il gruppo delle Odle fino allo Sciliar, passando lo sguardo dal Catinaccio al gruppo del Latemar, fino alle cime del Corno Nero e del Corno Bianco. A nord s’innalzano le imperiose Alpi Sarentine, dietro cui si possono ammirare le Alpi dello Stubai, scorgendo dal Corno del Renon – nelle giornate più limpide – perfino il massiccio dell’Ortles e a est il Großglockner, il quale fu anche Cima Coppi del Giro d’Italia e dal quale venne tratta la scenografia per il film tv “Heidi” del 1993. Partire dalla città di Bolzano, tra corsa e skialp sino al Corno del Renon, regalerà emozioni uniche, e il comitato aspetta tutti gli appassionati ricordando le quote di iscrizione di 65 euro in singolo, 110 euro in staffetta di due persone e 165 euro in staffetta a tre.

Info: www.hornattacke.com ����

HORN ATTACKE TRA BELLEZZA E FATICA. CIFRE AGEVOLATE ENTRO IL 30 NOVEMBRE

HORN ATTACKE TRA BELLEZZA E FATICA. CIFRE AGEVOLATE ENTRO IL 30 NOVEMBRE

Horn Attacke il 9 marzo in Alto Adige
Da Bolzano al Corno del Renon duathlon di corsa e scialpinismo
Iscrizioni a 40 euro in singolo, staffetta a due a 60 euro, 90 euro per i tre frazionisti
Quarta edizione pronta a stupire anche con tanto divertimento

Ancora pochi giorni per sfruttare l’offerta “prenota presto” del comitato organizzatore della Horn Attacke, di scena sabato 9 marzo con la quarta edizione di un evento che non vuole smettere di stupire. Fino al 30 novembre le quote d’iscrizione alla competizione altoatesina sono infatti scontate, con la prova individuale a disposizione alla cifra di 40 euro, la staffetta composta da due atleti a 60 euro e la staffetta a tre a 90 euro.
Questo particolare duathlon parte da Bolzano per arrivare al mitico Corno del Renon, dal quale la manifestazione prende il nome, affrontando la gara di corsa e poi con gli sci ai piedi nella determinante frazione scialpinistica. Un duathlon atipico insomma, portando a termine un tracciato di 20 km e 2000 metri di dislivello.
Il primo frazionista si metterà alla prova con la primo tratto Bolzano-Soprabolzano, il secondo da Soprabolzano a Pemmern ed il terzo da Pemmern al Corno del Renon. La Horn Attacke richiede una buona preparazione, anche se saranno comunque tre le postazioni ristoro (Soprabolzano, Pemmern in zona cambio e Feltuner Hütte) e la possibilità di gareggiare in staffetta permette ampiamente di rifiatare. Potranno così schierarsi al via staffette maschili, staffette femminili o miste composte da due donne e un uomo o viceversa, ma la sfida è unica anche per chi vorrà partecipare in solitaria. Un duathlon che “fa per tre” percorrendo un itinerario che presenta svariati punti significativi, dedicandosi alla corsa per 13 km e allo scialpinismo per circa 7 km, scattando da Bolzano nei pressi del Mountainspirit – Marmot Shop, salendo verso Santa Maddalena, prima di arrivare a Soprabolzano e proseguire fino a Pemmern toccando Riggermoos e Tann. Dalla stazione a valle della funivia gli atleti si dirigeranno con gli sci ai piedi verso il rifugio Feltuner per poi raggiungere i 2.260 metri del Corno del Renon.
La Horn Attacke è una prova sublime che vede impegnate assieme al comitato organizzatore circa 120 persone, non solo nel corso della gara, poiché di contorno vi sono anche ristori e tanto divertimento sullo sfondo del main event.

Info: www.hornattacke.com

HORN ATTACKE: IL DUATHLON SI FA IN TRE. IL 9 MARZO CORSA E SKIALP AL CORNO DEL RENON (BZ)

HORN ATTACKE: IL DUATHLON SI FA IN TRE. IL 9 MARZO CORSA E SKIALP AL CORNO DEL RENON (BZ)

Horn Attacke il 9 marzo 2019
Da Bolzano al Corno del Renon (BZ)
Iscrizioni a 40 euro in singolo entro il 30 novembre
Staffetta a due a 60 euro, a 90 euro per i tre frazionisti

Horn Attacke il 9 marzo 2019 a Bolzano (BZ) tra corsa e scialpinismo, un particolare duathlon che però… si fa in tre con la possibilità di affrontare la manifestazione anche in tre frazioni, di cui due podistiche prima della “sfida finale” con pelli e sci, in uno degli scenari più panoramici di tutto l’Alto Adige.
La manifestazione bolzanina propone un percorso di 20 km e 2000 metri di dislivello, affrontabile in modo individuale oppure in staffetta da due o tre atleti, il primo si metterà alla prova con la prima frazione Bolzano-Soprabolzano, il secondo da Soprabolzano a Pemmern ed il terzo da Pemmern al leggendario Corno del Renon.
Partenza con le scarpette ed arrivo con gli sci ai piedi, alla volta di una competizione unica di duathlon estremo che non lascia spazio a scuse, occorre preparazione, ma le viste e le emozioni che la Horn Attacke sa regalare sono uniche, giungendo sulla cima come degli eroi.
La Horn Attacke è riservata a maschi, femmine e staffette miste composte da due donne e un uomo o viceversa, ma anche agli avventurieri in solitaria e l’iscrizione comprende il consueto pacco gara, un biglietto andata e ritorno per la funivia del Corno del Renon, il pasta party finale e tutti i servizi del caso, con i sacchi per il trasporto indumenti portati in zona cambio a Pemmern e sul traguardo dal comitato organizzatore.
Tre invece le postazioni dei ristori, a Soprabolzano, a Pemmern in zona cambio e al Feltuner Hütte. Insomma, a diversi mesi dall’evento il comitato locale ha già chiare le idee, e la possibilità di iscriversi è già aperta a 40 euro in singolo, a 60 euro per la staffetta di due persone e a 90 euro per i tre frazionisti, quote agevolate da saldarsi entro il 30 novembre.

Info: www.hornattacke.com