Autore: Ufficio Stampa Newspower

CINQUE LOCALITÀ UN UNICO OBIETTIVO. DOLOMITI SUPERBIKE ORGOGLIO PUSTERESE

CINQUE LOCALITÀ UN UNICO OBIETTIVO. DOLOMITI SUPERBIKE ORGOGLIO PUSTERESE

Il 13 luglio 25.a edizione della Südtirol Dolomiti Superbike
Circa 3.000 bikers iscritti, quota ad 80 euro fino a 4.000 atleti
Da Villabassa percorsi di 113 e 60 km e Junior Trophy per i giovani
Al sito web delle manifestazione è possibile consultare il merchandising

La Südtirol Dolomiti Superbike – di scena il 13 luglio in Alto Adige con la 25.a edizione – è considerata una delle gare di mountain bike più spettacolari e ardite d’Europa, dura, avvincente, suggestiva, ingredienti che portano bikers da tutto il mondo a parteciparvi. Villabassa è la culla del turismo della Val Pusteria, e teatro immacolato di una delle più importanti gare di MTB a livello internazionale; l’Alto Adige si trasforma così per un giorno nel paradiso delle ruote grasse, dove i migliori interpreti del pianeta s’incontrano per vivere la gara, vincerla e scambiarsi consigli. Il comitato organizzatore aspetta gli appassionati anche in questa stagione, ricordando la quota d’iscrizione di 80 euro valida fino al raggiungimento del concorrente numero 4.000, e ne mancano circa 1.000 all’appello. Villabassa, Sesto, Braies, San Candido e Dobbiaco le località attraversate dalla Südtirol Dolomiti Superbike, scattando dalla prima per immergersi tra i boschi, gli sterrati, i single track e gli scenari unici al mondo dell’Alto Adige nel mese estivo. I percorsi vengono scelti dagli atleti top class, ma anche da innumerevoli sportivi che considerano l’appuntamento altoatesino come contest immancabile della propria agenda sportiva. 113 km e 3.357 metri di dislivello il percorso principale, 60 km con un dislivello di 1.785 metri il secondo tracciato, altrettanto impegnativo, con il comitato diretto da Kurt Ploner a studiare passo dopo passo l’itinerario di gara affinché sia perfetto per esaltarne la tecnicità e per mettere in risalto la bellezza del territorio. Al resto ci penseranno i numerosi volontari che lo presidieranno nella giornata clou, il cui lavoro è indispensabile ed encomiabile. I mini atleti dello Junior Trophy verranno invece suddivisi all’interno di simpatiche categorie e completeranno l’opera, dove anche in questo caso il mantra sarà divertirsi. “Partecipare è tutto, ma anche farsi vedere è importante!”, afferma il C.O., proponendo anche una sezione all’interno del sito web della gara con svariati articoli di merchandising, quali magliette, guanti, bandane, manicotti, gilet, pantaloncini da bici, fascette e molto altro, tutto in uno stile inconfondibile e di eccellente qualità. A circa 100 giorni dal via occorre – per chi ancora non fosse sceso in campo – sfoderare la propria bicicletta e iniziare ad allenarsi… il countdown che porterà alla prova cult della stagione è già iniziato. La Südtirol Dolomiti Superbike è all’orizzonte.

Info: www.dolomitisuperbike.com/it

GARDA TRENTINO HM TRA PASSATO E FUTURO. FOLTA PARTECIPAZIONE E INDOTTO ALLE STELLE

GARDA TRENTINO HM TRA PASSATO E FUTURO. FOLTA PARTECIPAZIONE E INDOTTO ALLE STELLE

Garda Trentino Half Marathon a Riva del Garda il 10 novembre
Numeri da urlo esaltano il territorio del Garda Trentino incentivando il turismo
36.09% (2.047 runners) l’affluenza straniera, partecipazione femminile al 40.18%
Iscrizioni a disposizione per i percorsi di 21K, 10K e Kids Run

La diciottesima Garda Trentino Half Marathon di Riva del Garda andrà in scena il 10 novembre, un evento in perenne ascesa che – attraverso uno studio accurato – il comitato presieduto da Sandro Poli ha cercato di racchiudere nei numeri importanti concernenti la passata edizione.
Il contest nacque nel 2002 per sviluppare il concetto di ‘vacanza attiva’, divenendo in breve tempo punto di riferimento di settore in Italia e una delle sfide podistiche più conosciute a livello internazionale.
La Garda Trentino Half Marathon riesce ad eseguire una perfetta commistione tra gli aspetti puramente tecnici di una mezza maratona e quelli turistici di una località rinomata come il Garda Trentino.
I dati più significativi del 2018 riguardano però l’affluenza di corridori stranieri (i russi tallonano da vicino i tedeschi e gli austriaci), addirittura il 36.09% (2.047 runners), e la partecipazione femminile, al 40.18%. La qualità paga, e tornare a corrervi ancora è quasi scontato, il 43.7% dei concorrenti del 2018 aveva infatti già partecipato almeno una volta alla Garda Trentino Half Marathon. Il 51.3% ha portato con sé almeno un accompagnatore, per un totale di circa 12.000 persone tra atleti e accompagnatori. Numeri considerevoli, poiché il 54.6% dei partecipanti (e non solo) ha soggiornato almeno una notte nel Garda Trentino, facendo schizzare i valori dell’indotto alle stelle, contando che l’87.3% è tornato o tornerà in altre occasioni per soggiornarvi, rilassarsi e praticare sport. Nel 2018 dunque l’indotto complessivo creato dalla Garda Trentino Half Marathon è stato di ben 2.007.881 euro.
Ed ora quali sono gli obiettivi futuri? “Confermare quanto abbiamo raggiunto. Conserveremo alcuni degli ingredienti che in questi anni hanno permesso al nostro evento di affermarsi come uno degli appuntamenti più importanti del calendario podistico internazionale”, afferma Sandro Poli. Il fatto che la gara si disputi nel mese di novembre contribuisce enormemente ad ampliare la stagione turistica, sfruttando così le potenzialità del clima gardesano, facendo conoscere e valorizzando i tratti caratteristici del Garda Trentino.
Anche nel 2019 saranno tre i percorsi ad impegnare gli agonisti, con la tradizionale mezza maratona di 21 chilometri a disposizione alla cifra di 26 euro, 15 euro per essere fra i protagonisti della 10 km con partenza da Arco e 10 euro per la Kids Run dei piccoli.

Per info: www.trentinoeventi.it

“7 BELLO” DELLA MEZZA MARATONA. ALPE DI SIUSI WEEK FRA TRAINING CAMP E PACCHETTI

“7 BELLO” DELLA MEZZA MARATONA. ALPE DI SIUSI WEEK FRA TRAINING CAMP E PACCHETTI

7.a Mezza Maratona Alpe di Siusi il 7 luglio a Compatsch
Iscrizioni al “Green Event” a 40 euro entro il 23 giugno
Miriade di iniziative in Alto Adige nella settimana di avvicinamento
A disposizione pacchetti vacanza con 7 pernottamenti

La Mezza Maratona Alpe di Siusi avrà luogo il 7 luglio a Compatsch, in Alto Adige, ma oltre all’appuntamento principale anche la vigilia e la settimana di avvicinamento saranno tutte da vivere, all’insegna del relax e della pratica sportiva. Il “Green Event”, organizzato dagli staff competenti di Alpe di Siusi Marketing e dell’associazione sportiva dilettantistica L.G. Schlern Raiffeisen, concede a tutti gli appassionati di corsa un percorso di 21 km e 601 metri di dislivello, ricordando che per iscriversi bisognerà saldare la quota di 40 euro entro il 23 giugno. E per arrivare in perfetta forma all’appuntamento clou l’Alpe di Siusi offre anche un camp di allenamento da non perdere. Una settimana di preparazione – dal 1° al 7° luglio – assieme agli esperti Egon Zuggal, direttore dei gruppi sportivi, atleta outdoor, functional fitness trainer e guida di mountain-bike, e Rudi Brunner, allenatore specializzato in sport di resistenza e diagnostica delle performance, con un programma all’insegna della corsa e del divertimento, culminante con la ciliegina sulla torta: la Mezza Maratona Alpe di Siusi del 7 luglio. All’interno della settimana anche curiosi appuntamenti quali analisi ortopedica del piede, yoga per podisti, corse mattutine e serali, prove del percorso e molto altro ancora. Ci si può iscrivere sia all’intero pacchetto settimanale, sia ai singoli eventi se si preferisce una settimana più in libertà. Nel dettaglio delle singole giornate, lunedì a Castelrotto vi sarà l’analisi ortopedica del piede con l’esperto ad offrire anche consigli individuali per l’acquisto di calzature adeguate, e a seguire corsa al chiar di luna con cena tradizionale altoatesina in malga. Martedì functional fitness per podisti, ABC della corsa, training della coordinazione e tecnica di corsa a Fiè allo Sciliar, allenamento di base e Yoga per podisti, concentrandosi sulla respirazione, lo stretching muscolare, la costruzione muscolare e la rigenerazione. Mercoledì corsa mattutina e prima colazione alla Veduta del Re, balance drink e picnic alla loggia affacciata su un magnifico panorama all’interno del bosco di Laranza. Giovedì prova tecnica del percorso della Mezza Maratona suddivisa in due sessioni di allenamento, così come venerdì, prima della pausa del sabato con consegna pettorali, cui seguirà lo start della settima edizione nella giornata di domenica alle ore 10. Dal piacere di fare attività sportiva, alla possibilità di abbinare divertimento e delizie culinarie, l’Alpe di Siusi Running Week include 7 pernottamenti con domenica 30 giugno come giorno d’arrivo, partecipazione al programma “Alpe di Siusi Training Camp”, quota d’iscrizione per la Mezza Maratona Alpe di Siusi & pacco gara, Combi Card 7 (utilizzo della Cabinovia Alpe di Siusi e dei pullman dell’area vacanze Alpe di Siusi per 7 giorni) e Seiser Alm Headband.

Per info ed iscrizioni: http://running.seiseralm.it e www.running.seiseralm.it/trainingcamp

ÖTZI ALPIN MARATHON ALL’ORIZZONTE: CAPPELLINO OMAGGIO A TUTTI I PARTECIPANTI

ÖTZI ALPIN MARATHON ALL’ORIZZONTE: CAPPELLINO OMAGGIO A TUTTI I PARTECIPANTI

Il 27 aprile 16.a edizione della Ötzi Alpin Marathon
Partenza da Naturno in Alto Adige e arrivo sul ghiacciaio della Val Senales
42.2 km in singolo o in staffetta con 24.2 km (MTB), 11.3 km (corsa) e 6.7 km (skialp)
Iscrizioni a 80 euro (singolo) e 185 euro (staffetta)

Ötzi Alpin Marathon in avvicinamento, una delle sfide più competitive e complesse dell’arco alpino si palesa all’orizzonte in vista della sedicesima edizione targata 27 aprile.
42.2 km e 3266 metri di dislivello da completare anche in staffetta tra mountain bike, corsa e scialpinismo. E in quest’ultimo caso i concorrenti provenienti da ogni parte del mondo potranno fare un po’ per ciascuno, ma bisognerà essere comunque ben allenati per potersi concentrare sulle frazioni di 24.2 km e 1.538 metri di dislivello partendo in bicicletta da Naturno, proseguendo con il tratto podistico di 11.3 km e 495 metri di dislivello e chiudendo con l’ultima scalata di 6.7 km di scialpinismo fino a raggiungere quota 3.212 metri sullo spettacolare ghiacciaio della Val Senales, in Alto Adige. Atleti di prestigio hanno già confermato la propria adesione all’evento, il tempo è tuttavia amico dei triatleti che si devono ancora iscrivere, potendo ancora saldare le quote d’iscrizione di 80 euro oppure di 185 euro per la staffetta, e ricevendo dal comitato organizzatore anche un cappellino in omaggio a ricordo dell’evento.
La particolarità della manifestazione sta nello scattare da 550 metri d’altitudine dove tutto è in piena fioritura, sino a giungere ad un’altezza di oltre 3200 metri sopra il livello del mare.
120 “solitari”, 30 staffette, 7 nazioni, i temerari sono già molti e tra di essi Anna Pircher cercherà di agguantare il quinto successo personale alla manifestazione. Assieme alla forte altoatesina ci sarà anche Roland Osele, uno dei due atleti ad aver partecipato a tutte le edizioni finora disputate. Quest’ultimo si è portato a casa la Ötzi Alpin Marathon già in due occasioni (compresa la prima edizione) ma quest’anno parteciperà per la prima volta con una squadra in staffetta, il Team “Fuoco” sarà dunque temibile e così composto: Roland Osele (MTB), Reinhard Pixner (corsa) e Georg Paris (scialpinismo).
Al sito web della manifestazione anche una sezione relativa al dove poter pernottare, con alloggi disponibili in Val Senales e a Naturno.

Per info ed iscrizioni: www.oetzi-alpin-marathon.com e info@oetzi-alpin-marathon.com

TUTTI IN BICICLETTA CON “LO SCERIFFO”. CICLOSTORICA “LA MOSERISSIMA” A TRENTO

TUTTI IN BICICLETTA CON “LO SCERIFFO”. CICLOSTORICA “LA MOSERISSIMA” A TRENTO

5.a edizione de “La Moserissima” sabato 13 luglio
Tappa del Trentino-Alto Adige inserita nel Giro d’Italia d’Epoca
Intermezzo del sabato tra crono di Cavedine e “La Leggendaria Charly Gaul”
Iscrizioni a 35 euro o a 25 euro se affiliati al circuito delle ciclostoriche

Il Giro d’Italia d’Epoca riproporrà “La Moserissima” del 13 luglio come tappa del Trentino-Alto Adige, inserendola nel mitico circuito delle più suggestive ciclostoriche d’Italia.
Il percorso della ciclopedalata vintage internazionale – da affrontarsi rigorosamente con biciclette da corsa d’epoca costruite prima del 1987 – è interamente ideato e ‘costruito’ dallo “Sceriffo” Francesco Moser, ciclista italiano più vincente di tutti i tempi. Un binomio indissolubile – quello tra i Moser e la bicicletta – che proseguirà anche in occasione della quinta edizione della prova dedicata alla celebre famiglia di ciclisti. Appassionati di ogni genere potranno così radunarsi a Trento e partecipare saldando la quota di 35 euro entro il 30 aprile, mentre per gli affiliati al Giro d’Italia d’Epoca sarà a disposizione la tariffa speciale di 25 euro.
“La Moserissima” ha portato nella città tridentina una miriade di fuoriclasse nel corso degli anni, la scorsa edizione con partenza dalla scenografica Piazza Duomo permise infatti di vedere all’opera Mario Cipollini, quella precedente Giuseppe Saronni, per una volta al fianco di Francesco Moser non come avversario (anche se non ne siamo del tutto sicuri…). Il fascino del vintage viene riportato in auge dall’evento nato su iniziativa di APT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi e ASD Charly Gaul Internazionale in collaborazione con la famiglia Moser, per celebrare il ciclismo del passato e le grandi gesta dei campioni che furono.
A “La Moserissima” – dolce intermezzo fra la cronometro di Cavedine di venerdì 11 luglio e “La Leggendaria Charly Gaul” di domenica 13 luglio, entrambe prove UCI Gran Fondo World Series – le vere protagoniste saranno la città di Trento e la valle attraversata dal fiume Adige, terreni di caccia per corridori viste la miriade di piste ciclabili e le strade bianche immerse nel verde rigoglioso della natura del Trentino nel caldo mese dedicato a Giulio Cesare. Quella de “La Moserissima” e delle amiche ciclostoriche del Giro d’Italia d’Epoca è un’immagine pulita, ne sono l’emblema i lauti ristori proposti, con un buon bicchiere di vino ad aumentare l’allegria e l’atmosfera di festa della manifestazione. Nessun tipo d’agonismo, a Trento si viene per praticare sport divertendosi.

Info: www.lamoserissima.it e www.laleggendariacharlygaul.it

ISCRIZIONI IN SCADENZA ALLA MARCIALONGA CRAFT. 2 MESI AL VIA… SULLE STRADE DEL GIRO D’ITALIA

ISCRIZIONI IN SCADENZA ALLA MARCIALONGA CRAFT. 2 MESI AL VIA… SULLE STRADE DEL GIRO D’ITALIA

13.a Marcialonga Craft il 2 giugno nelle Valli di Fiemme e Fassa
Tra i 12 eventi del circuito Prestigio anche Marcialonga Craft
Tariffa agevolata di 38 euro comprensiva di giacca tecnica fino al 4 aprile
Percorso granfondo di 135 km e mediofondo di 80 km

Due mesi separano gli appassionati di ciclismo alla Marcialonga Craft del 2 giugno, prova più che mai autorevole grazie all’ingresso nel circuito “Prestigio”, a portare ancor più corridori ad esaltarsi fra le bellezze e suggestioni della realtà dolomitica trentina. Importante sarà tuttavia non attendere troppo per iscriversi, le quote di partecipazione sono infatti in scadenza, e i ciclisti avranno tempo fino al 4 aprile per sfruttare la tariffa agevolata di 38 euro, comprensiva di una giacca tecnica senza maniche fornita dal main e title sponsor Craft Sportswear ai partecipanti della tredicesima edizione.
Nel giorno della festa nazionale della Repubblica italiana vi sarà dunque il debutto nel “Prestigio” della Marcialonga Craft con partenza e arrivo nella trentina Predazzo, cimentandosi con un sostanzioso tracciato granfondo che prevede 135 km e 3900 metri di dislivello, puntando subito alle grandi Dolomiti, salendo la Val di Fassa con l’ascesa a Passo Costalunga prima di scivolare verso il suggestivo bacino lacustre del Lago di Carezza. Discesa a capofitto alla volta della seconda impegnativa salita, la leggendaria erta del Passo di Pampeago, teatro delle battaglie ‘bibliche’ tra “il pirata” Pantani e “lo zar” Tonkov. Sportivi in picchiata verso Predazzo dove vi sarà ‘the decision’, proseguire o fermare la propria corsa ad 80 km.
Granfondisti di passaggio a Moena e in impennata al Passo San Pellegrino, altra punta prelibata dei professionisti nonché sede del ritiro di grandi campioni. Passo Valles farà invece sconfinare in Veneto al cospetto delle scenografiche Pale di San Martino che ispirarono lo scrittore Buzzati nello scrivere “Il deserto dei Tartari”, prima dell’ultima, imperiosa, discesa fra gli alberi secolari del Parco Naturale di Paneveggio che riporteranno a Predazzo anche gli amanti delle lunghe galoppate.
Una sfida importante resa ancor più interessante dagli stessi protagonisti del Giro d’Italia che sabato 1° giugno passeranno proprio da Predazzo e dintorni in occasione del tappone dolomitico di oltre 5000 metri di dislivello con partenza da Feltre e arrivo sulla salita finale di Croce d’Aune-Monte Avena, completando la ventesima tappa del Giro 2019.

Info: www.marcialonga.it

ORTLER BIKE MARATHON: SCATTA IL COUNTDOWN. KONNY LOOSER INDICA LA VIA AI BIKERS VENOSTANI

ORTLER BIKE MARATHON: SCATTA IL COUNTDOWN. KONNY LOOSER INDICA LA VIA AI BIKERS VENOSTANI

Ortler Bike Marathon il 1° giugno a Glorenza in Alto Adige
Al Castello di Coldrano in Val Venosta presentata la quinta edizione
Buon numero di iscritti durante la serata che vedeva ospite d’onore Konny Looser
Quote di partecipazione di 80 euro oppure 65 euro senza pacco gara

Il Castello medievale di Coldrano, curata residenza nobiliare e centro culturale dell’Alto Adige occidentale, nel comune mercato di Laces in Val Venosta, ha ospitato la serata di presentazione della Ortler Bike Marathon, in programma il 1° giugno a Glorenza. La sfida di mountain bike fra le più amate del nord Italia – giunta a festeggiare la quinta edizione – si è così presentata in grande stile, in compagnia del biker svizzero Konny Looser quale ospite d’onore. Una serata ricca di spunti interessanti e con una sala gremita, che prevedeva anche la possibilità di iscriversi sfruttando le quote agevolate di 70 euro o 55 euro senza pacco gara. Ebbene la risposta è stata molto positiva e il comitato si è potuto concentrare sulle novità della quinta edizione, narrando nel dettaglio i meravigliosi percorsi di 90 km e 3000 metri di dislivello (marathon) e di 51 km e 1600 metri di dislivello (classic), fra altre interessanti attrattive come l’abbazia di Monte Maria, Castel Coira e gli spunti scenografici concessi dal passaggio nei pressi del campanile sommerso del Lago di Resia e al Lago di San Valentino. Senza dimenticare la tecnicità e la competitività insite nell’evento, fra salite imperiose e discese a perdifiato che ne fanno una prova impegnativa da affrontare quanto bella da vivere. Il tracciato ridotto permetterà invece – sempre con un discreto allenamento – di godersi la contesa con maggior tranquillità.
Konny Looser ha poi intrattenuto per circa un’ora gli appassionati di ruote grasse, narrando le avventure e disavventure capitategli in gara, come si allena un atleta professionista, come si nutre e si comporta durante le pause. Gli ospiti si sono poi immedesimati nella parte, facendo domande dettagliate e discutendo sulla mountain bike attuale e sul futuro della disciplina. La stagione è aperta e con essa gli allenamenti degli atleti, la Ortler Bike Marathon richiede infatti preparazione e, passo dopo passo, con lo sciogliersi della neve si potrà testare interamente il percorso. Iscrizioni ad 80 euro comprensive di borsone sportivo firmato Ortler Bike Marathon, oppure a 65 euro senza pacco gara, entro il 28 maggio (dopo il 24 pagamento possibile solo con carta di credito, il 31 maggio e il 1° giugno in loco con pagamento in contanti); un tuffo nel magico mondo delle ruote grasse e della Val Venosta, a circa due mesi dal ‘bang’.

Info: www.ortler-bikemarathon.it

IMPERDIBILE PRIMIERO DOLOMITI MARATHON. TARIFFE AGEVOLATE ENTRO IL 31 MARZO

IMPERDIBILE PRIMIERO DOLOMITI MARATHON. TARIFFE AGEVOLATE ENTRO IL 31 MARZO

Primiero Dolomiti Marathon il 6 luglio in Trentino
Scadenza quote di 15 euro (6.5K), 40 euro (42K) e 35 euro (26K) a fine mese
Organizzazione a firma Unione Sportiva Primiero

La quarta edizione della Primiero Dolomiti Marathon prevista per il 6 luglio prossimo corre veloce… ma attenderà i corridori ancora per qualche giorno, le tariffe agevolate della manifestazione trentina sono infatti in scadenza domenica 31 marzo. La gara è stata inclusa tra le qualificanti della prestigiosa Ultra Trail du Mont Blanc, un premio al meraviglioso percorso e agli scenari d’impareggiabile bellezza della Valle di Primiero e del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, in Trentino.
Un motivo in più per iscriversi, alle cifre di 15 euro per gustarsi il tracciato breve di 6.5K, magari in compagnia di qualche familiare o appassionato, di 40 euro per il tracciato principale di 42 chilometri con partenza da Villa Welsperg in Val Canali e arrivo a Fiera di Primiero o, dulcis in fundo, di 35 euro per il 26K, la cui start line è posizionata a San Martino di Castrozza e sempre con il medesimo teatro d’arrivo delle precedenti.
Scegliendo di far parte della grande famiglia della Primiero Dolomiti Marathon il corridore si garantirà un palcoscenico altamente competitivo, ma anche aperto ai meno allenati, fra strade forestali, brevi tratti asfaltati e single track immersi nella natura.
Una gara sicura, perché il comitato organizzatore dell’Unione Sportiva Primiero non tralascia alcun dettaglio nell’allestimento del proprio contest podistico, gli amanti della montagna e del benessere sportivo non hanno dunque che una scelta: Primiero Dolomiti Marathon.

Info: www.primierodolomitimarathon.it

TRIATHLON NUMERO 31 IN ALTO ADIGE. LAGO DI CALDARO TRA DISTANZE OLIMPICHE E PEDALÒ

TRIATHLON NUMERO 31 IN ALTO ADIGE. LAGO DI CALDARO TRA DISTANZE OLIMPICHE E PEDALÒ

Triathlon del Lago di Caldaro l’11 maggio in Alto Adige
Il germanico Philipp Mock iscritto alla 31.a edizione
1.5 km di nuoto, 40 km in bici e 10 km di corsa, il triathlon è olimpico
Quota di partecipazione a 70 euro entro il 2 maggio

Dopo la coppia d’oro del triathlon composta da Thomas Steger e Lisa-Maria Dornauer, anche il tedesco Philipp Mock ha posto il proprio sigillo sulla prossima edizione del Triathlon del Lago di Caldaro, pronto a festeggiare la 31.a edizione l’11 maggio in Alto Adige con i consueti importanti premi ai vincitori.
L’evento è uno dei preferiti tra gli stranieri, ma nella scorsa edizione salì sul podio il trittico italiano composto da Andrea Secchiero davanti a Franco Pesavento e Jacopo Butturini. Medesimo discorso al femminile, dove si impose la brava Federica Parodi su Bianca Seregni e Giulia Bedorin.
1.5 km di nuoto indossando la muta nel più caldo lago balneabile delle Alpi, proseguendo con 40 km in bicicletta tra i vigneti e frutteti della rigogliosa primavera e concludendo con 10 km di corsa prima di rifiatare sul traguardo. Distanze definite ‘olimpiche’ e rispettate dall’Associazione Sportiva di Caldaro – sezione Triathlon e dall’Associazione Turistica locale, i quali organizzano anche una curiosa attività di contorno che avrà luogo nella giornata precedente, ovverosia una gara internazionale di pedalò, parte del programma preliminare. Quattro passeggeri saliranno sul natante a propulsione muscolare umana ideato da Georges-Henri Canton e Jean-Eugène Canton, siano essi componenti di aziende, società, scuole o amici, e si sfideranno per passare alle fasi successive e alla conseguente finale. Il comitato organizzatore registra già una buona affluenza per quanto riguarda questa originale iniziativa, anche perché il ricavato andrà a favore dell’associazione Südtiroler Sporthilfe, mentre per essere fra i protagonisti del Triathlon del Lago di Caldaro basterà iscriversi saldando la quota di 70 euro entro il 2 maggio. Uno dei primi appuntamenti annuali con la disciplina si svolgerà dunque a Caldaro sulla Strada del Vino, comune mercato dal 1657, e questa è una curiosità, uno status che ora ha mantenuto valore puramente onorifico.

Info: www.kalterersee-triathlon.com

TEAM FUTURA MIX VINCENTE. 4 CONQUISTE AL GF MASTER TOUR

TEAM FUTURA MIX VINCENTE. 4 CONQUISTE AL GF MASTER TOUR

Il Team Futura chiude al meglio la stagione agonistica
Successi di categoria per Julian Brunner, Marzio Doriguzzi, Marco Crestani e Francesco Mich
Stagione più che positiva grazie al lavoro svolto sui giovani dagli atleti più esperti

“Siamo fieri di come il Team sia unito e di come si stia evolvendo, con uno ‘zoccolo duro’ di master mixato con ragazzi giovani e speranzosi di ripercorrere le orme dei più maturi e storici atleti che in quasi 40 anni hanno scritto la storia della nostra gloriosa società! Grazie anche alla presenza continua del nostro main sponsor Enrico Coser di Grafiche Futura che non ci lascia mai, ed in queste occasioni ci fa sentire parte di un grande progetto. Grazie ragazzi a tutti e alla prossima occasione!”. Con queste parole si chiude la stagione invernale del Team Futura, il più è stato fatto ed il parterre di atleti costituito da un giusto mix di esperienza e gioventù era presente a Malga Millegrobbe, sulla trentina Alpe Cimbra, per assistere alla premiazione finale della 15.a edizione del Gran Fondo Master Tour, il circuito che racchiude le migliori granfondo del Paese. L’altoatesino Julian Brunner si è aggiudicato la categoria più ambita del circuito – quella degli Uomini 1 – ‘esemplare’ tra Val Ridanna e Base Tuono. In quarta posizione a pari merito i bravi Manuel Amhof e Stefano Mich, con Patrick Klettenhammer in quinta posizione. Complimenti a un altro uomo del Team Futura nella categoria 2, Marzio Doriguzzi ha brillato in continuità dopo una difficile Marcialonga. Successo per la squadra trentina anche tra gli Uomini 3, ove Marco Crestani ha dovuto battagliare per avere la meglio sui propri diretti avversari, spalleggiato da Andrea De Monte Pangon, Bruno Larger e Andrea Longo, ad occupare rispettivamente dalla quarta alla sesta posizione. Ottavo assoluto ‘the rock’ Reinhard Kargruber. A Umberto De Martin Pinter è invece sfuggita di poco la prima posizione tra gli Uomini 4, giunto secondo. Tripudio Uomini 5, dove l’esperienza del Team Futura l’ha fatta da padrone, Francesco Mich ha infatti ottenuto quasi il massimo disponibile in ogni gara, e Roberto Sommavilla – terzo assoluto – si è comportato ottimamente. Quinto Cesare Montanari. La stagione del Team Futura volge al termine, un’annata difficile per quanto riguarda le condizioni dei manti innevati, lungo i quali i ‘nostri’ si sono destreggiati al meglio, mostrando di restare uniti nelle difficoltà, puntando molto sui giovani i quali hanno saputo interpretare ottimamente i consigli degli ‘esperti’ che guidano il Team Futura, una squadra di atleti entusiasti che non si ferma mai e inizia già a programmare la preparazione estiva…

Info: www.teamfutura.it