Tag: val martello

BIATHLON CHE PASSIONE IN VAL MARTELLO. DUE SPRINT E SUSPENSE ALLA MASS START 60

BIATHLON CHE PASSIONE IN VAL MARTELLO. DUE SPRINT E SUSPENSE ALLA MASS START 60

IBU Cup in Val Martello dal 14 al 17 marzo

Centro del Biathlon innevato e all’avanguardia

Doppia prova sprint e Mass Start 60 domenicale

Russi favoriti alle ultime tappe della stagione

La Val Martello si trova nella parte occidentale dell’Alto Adige ed è una piccola valle laterale della Val Venosta, è celebre per la produzione di fragole, per lo scialpinismo e per un Centro del Biathlon che in questa stagione ospiterà – dal 14 al 17 marzo – le ultime tappe dell’IBU Cup.

Il programma sarà allettante, con possibilità di allenarsi a partire dalla giornata di martedì, anticipando di qualche ora il meeting dei capitani. Allenamento ufficiale anche nella giornata seguente fino alle ore 14, prima di prender parte alla sprint della giornata di giovedì, di 7.5 km per le donne e di 10 km per gli uomini.

Venerdì di recupero e di preparazione in vista di una nuova sprint che coinvolgerà i biatleti nella giornata di sabato, sulle medesime distanze della precedente, completando il festival di gara alla volta di un curioso (ed inedito) appuntamento domenicale alla Mass Start 60, dove si sfideranno sessanta atleti contrariamente ai consueti 30. Un format innovativo ed una sperimentazione che verrà testata in Val Martello, per vedere se potrà avere seguito anche in futuro. Il Centro del Biathlon si trova in una posizione che sovente “garantisce” la presenza di neve, in modo tale da far divertire gli sciatori dal mese di novembre fino all’inizio della primavera. Il Centro è dotato di un poligono con 30 postazioni di tiro elettroniche e la favorevole altitudine di 1.700 metri concede anche a tutti gli appassionati un perfetto allenamento in quota. 12 km di piste e un Centro all’avanguardia nel settore, per accogliere i protagonisti dell’IBU Cup nel migliore dei modi, immersi nel paesaggio naturale del Parco Nazionale dello Stelvio. Numerosi gli atleti candidati alla vittoria, in particolare i russi come Anton Babikov, Alexander Povarnitsyn, Sergey Korastylev e Victoria Slivko tra le donne, ma attenzione alle outsider Ingela Andersson, Elisabeth Hoegberg, Nadine Horchler e Janina Hettich.

Un poligono attrezzato, un centro totalmente innevato e uno scenario da favola, completato dalla perfetta combinazione tra innevamento artificiale e naturale. La Val Martello in pochi anni è riuscita a conquistarsi uno spazio importante nel panorama mondiale in una disciplina elettrizzante come il biathlon, e dal 14 al 17 marzo nella bella vallata delle fragole saranno attese circa 40 nazioni e 200 atleti.

Info: www.biathlon-martell.com e www.biathlonworld.com =MsoNo

INEDITA ‘MASS START 60’ ALL’IBU CUP. BIATHLON DI CASA IN VAL MARTELLO

INEDITA ‘MASS START 60’ ALL’IBU CUP. BIATHLON DI CASA IN VAL MARTELLO

IBU Cup in Val Martello dal 14 al 17 marzo

Domenica verrà sperimentata una nuova competizione

I leader di classifica sono i due russi Anton Babikov e Victoria Slivko

Previste 35-40 nazioni e circa 200 atleti in Alto Adige

Il biathlon è ‘di casa’ in Val Martello e nel mese di marzo i frutti (la zona è rinomata per le proprie fragole) saranno maturi per accogliere gli atleti dell’IBU Cup, nell’evento organizzato dal C.O. Biathlon Martell dal 14 al 17 marzo. Giovedì 14 marzo e sabato 16 marzo ci saranno due prove sprint analoghe, con 7.5 km per le donne e 10 km per gli uomini, intervallate da una giornata di allenamento. Domenica ecco invece la novità assoluta, una ‘Mass Start 60’ per donne e uomini mai vista prima. In Val Martello la prima IBU Cup andò in scena nel 2006, e tredici anni più tardi sono previste nella località altoatesina 35-40 nazioni con circa 200 atleti a darsi battaglia. Questa prova sarà la tappa finale dell’IBU Cup e sarà in concomitanza con i campionati mondiali, i non convocati saranno dunque attesi al via. I migliori di stagione si metteranno alla prova nella “Mass Start 60”, con i primi 30 a sparare al poligono al primo giro, gli altri 30 nel secondo alternandosi con due tiri in piedi e due tiri a terra. Il format è volto a rendere la contesa più avvincente, permettendo a tutti di sparare al poligono grazie ai distacchi che si formeranno tra gli atleti. Una novità che potrebbe essere utilizzata anche in futuro, senza tuttavia sostituire la tradizionale Mass Start con 30 biatleti ai nastri di partenza.

In classifica difficile fare i conti con lo strapotere russo, in graduatoria maschile infatti comanda Anton Babikov su Alexander Povarnitsyn e Sergey Korastylev, con il germanico Lucas Fratzscher quarto e primo non sovietico in classifica. Al femminile è un’altra russa a comandare, Victoria Slivko, dietro di lei però due svedesi, Ingela Andersson ed Elisabeth Hoegberg, prima delle tedesche Nadine Horchler e Janina Hettich. Sesta l’altra biatleta proveniente da “Mother Russia”, Natalia Gerbulova.

In Val Martello ci sono diversi ‘sentieri’ ideali da percorrere per effettuare una bella passeggiata, dal ‘sentiero altoatesino delle fragole’, al ‘sentiero del contadino di montagna’ per ripassare storie sulla cultura e sulla tradizione popolare, per non parlare dei percorsi in bicicletta nella bella stagione, ma dal 14 al 17 marzo il ‘sentiero’ da percorrere sarà quello che porterà al Centro del Biathlon della Val Martello, ‘sperimentando’ il futuro della disciplina.

Info: www.biathlon-martell.com e www.biathlonworld.com

WEEKEND GRANDIOSO PER GLI SKIALPERS

WEEKEND GRANDIOSO PER GLI SKIALPERS

“EROI DELLE CIME” PRONTI PER IL MARMOTTA TROPHY

Domani e domenica 19 marzo 10ᵃ edizione del Marmotta Trophy
Grande parterre di atleti fra Antonioli, Boffelli, Reichegger, Nicolini, Zulian e Balzarini
Sabato gare sprint alle ore 13 al centro del biathlon della Val Martello (BZ)
Domenica prove individual alle ore 9.30 con partenza dall’Hotel Paradiso

La decima edizione del Marmotta Trophy sarà una delle più competitive di sempre, con una folta schiera di atleti pronti a contendersi il titolo assoluto dell’evento scialpinistico che festeggia un prestigioso anniversario. Tanti gli sfidanti potenzialmente in grado di ben figurare, sia nella prova sprint di domani alle ore 13 allo stadio del biathlon della Val Martello (BZ), sia nell’individual di domenica con start alle ore 9.30 dall’Hotel Paradiso, sempre collocato nella “valle delle fragole”.
Una giornata spettacolare, quest’ultima, con i maschi delle categorie master, senior ed espoir a gareggiare lungo un percorso di 19,5 km e un dislivello totale di 1.652 metri, con cinque invitanti salite, quattro discese e due tratti da percorrere a piedi. Le medesime categorie al femminile con l’aggiunta della categoria junior maschile vedranno cimentarsi gli skialpers con un itinerario di una lunghezza totale di 16.7 km e 1.347 metri di dislivello, fra quattro salite, tre discese e due tratti a piedi, mentre nel percorso di gara maschile e femminile della categoria cadetti e femminile junior la lunghezza totale sarà di 8.8 km e 657 metri di dislivello, con tre salite, due discese ed un tratto a piedi. La decima edizione è anche di notevole importanza, valevole per la finale della Coppa Italia e per prestigiosi circuiti quali Alpencup, Coppa Alto Adige e Coppa delle Dolomiti, con l’inedito passaggio a Punta Madriccio che “allungherà” leggermente il percorso più lungo.
Le iscrizioni sono “piovute” sul comitato organizzatore del Marmotta Trophy, ed ora si può già fare un significativo elenco dei sicuri protagonisti della decima edizione. Per quanto riguarda la gara sprint seniores che esalterà i velocisti, potranno regalare spettacolo il plurimedagliato Robert Antonioli, il cui palmarès può vantare sei medaglie ai Mondiali di scialpinismo (3 ori, 2 argenti ed 1 bronzo), cinque medaglie ai Campionati Italiani (2 ori, 1 argento e 2 bronzi), concludendo con altre tre ai Campionati Europei, una per ogni gradino del podio. Ci sarà William Boffelli, colonna portante della nazionale italiana, e ancora Gabriele Fedrizzi, la stella Federico Nicolini, atleta molvenese recentemente eletto campione del mondo “individual race” espoir, il trentino Ivan Antiga, gli altoatesini Alex Oberbacher e Manfred Reichegger, esperto skialper pluridecorato in carriera con 2 ori ai Mondiali, 4 ai Campionati Europei, 7 ai Campionati Italiani e svariati secondi e terzi posti, mentre completeranno l’opera i tanti atleti dell’ASV Martell, quali Oliver Pichler, Anton Johann Steiner, Philip Walder, Thomas Koch, Franz Gruber e Andreas Kristandl, comitato organizzatore del Marmotta Trophy la cui sezione di scialpinismo conta atleti che completano annualmente circa 250.000 metri di dislivello. Fra le donne sprint non mancheranno invece l’atleta di Edolo Bianca Balzarini, la giovanissima e fortissima Giulia Compagnoni, la talentuosa Alba De Silvestro oro mondiale, e la fuoriclasse trentina Elena Nicolini. Nella gara individual della giornata successiva replicheranno praticamente tutti gli atleti seniores sopracitati, con l’aggiunta della vincitrice della Coppa delle Dolomiti 2016 Margit Zulian, di Roberto De Simone e del biathleta Patrick Tumler. Da segnalare, fra gli juniores, la presenza del trentino Davide Magnini, un portento sia nello scialpinismo che nella corsa in montagna. Insomma un grande spettacolo all’insù è in rampa di lancio, e “gli eroi delle cime” sono pronti ad aprire il sipario.
Info: www.marmotta-trophy.it

10° MARMOTTA TROPHY VERSO L’INFINITO E OLTRE

10° MARMOTTA TROPHY VERSO L’INFINITO E OLTRE

CIMA MADRICCIO NUOVO PUNTO PIÙ ELEVATO

Sabato 18 e domenica 19 marzo 10° Marmotta Trophy in Val Martello (BZ)
Punta Madriccio nuovo tratto che porterà a toccare quota 3.263 metri
Il percorso lungo da 15 km si espande a 17 km mantenendo quasi immutato il dislivello
Sprint al centro del biathlon, partenza della gara Individual dall’Hotel Paradiso

Le marmotte sono animali territoriali. Zuffe ed inseguimenti sono all’ordine del giorno per spiegare agli intrusi che è giunta l’ora di levare le tende. Ma quando si avvicina un predatore allora la regola è fuggire, magari sino all’omonima cima, la Cima Marmotta, dalla quale il Marmotta Trophy della Val Martello (BZ) prende il nome. Ma questo non sarà l’unico punto di riferimento della gara che sarà ai nastri di partenza sabato e domenica prossimi, 18 e 19 marzo, con la decima edizione del trofeo dedicato ai più abili skialpers, con sfide valevoli per la finale della Coppa Italia e per prestigiosi circuiti quali Alpencup, Coppa Alto Adige e Coppa delle Dolomiti. L’arrivo degli atleti a Punta Madriccio porterà il percorso più lungo dai 15 km iniziali a 17 km, facendo così toccare quota 3.263 metri al Marmotta Trophy. Il dislivello tuttavia non subirà particolari mutamenti, assestandosi attorno ai 1.600 metri, mentre sono stati confermati gli altri itinerari di 10.5 km e 1.317 metri di dislivello, e di 7.5 km e 997 metri di dislivello. Questo per quanto riguarda le sfide individual della domenica, con partenza in serie dalle ore 9.30 all’Hotel Paradiso, mentre la prova sprint di sabato 18 marzo scatterà al centro del biathlon della Val Martello alle ore 13, anche questa una novità.
La “valle delle fragole” nell’era pre-romana era inizialmente utilizzata per il pascolo del bestiame, successivamente venne invece bonificata e vi si andarono ad insediare le prime colonie permanenti. Una valle rinomata per le sue gustose fragole dotate di un sapore inconfondibile, attribuibile all’altitudine che permette le coltivazioni a 1.800 metri. Oggi la Val Martello è celebre anche per il proprio centro sportivo, con 12 chilometri di piste per praticare nel migliore dei modi biathlon e sci di fondo, e per essere “punto di partenza” per i cuori coraggiosi dello scialpinismo. Tutto è pronto dunque per ospitare i contenders, i quali si renderanno protagonisti di accesi duelli sulle cime innevate, lungo percorsi altamente scenografici e spettacolari che esalteranno chi saprà meglio intrepretare lo spirito della manifestazione.
Le iscrizioni per partecipare al Marmotta Trophy sono a disposizione, e con tariffe altrettanto competitive, alla quota di 45 euro per i concorrenti delle categorie master, senior ed espoir, mentre agli junior e cadetti verrà concessa la tariffa di 20 euro. Per chi invece gareggerà sia nella gara sprint che nella individual la quota d’iscrizione complessiva sarà di 70 euro, e di 35 euro per junior e cadetti, quote ovviamente comprensive di pacco gara e pasta party. Per iscriversi all’evento i tesserati FISI potranno consultare il portale online fisi.org, mentre i tesserati di altre società pari a FISI dovranno iscriversi entro venerdì 17 marzo alle ore 12 sul portale dell’Alpencup. I luoghi in cui si disputerà il 10° Marmotta Trophy sono a dir poco affascinanti, essi presentano infatti un’infinità di possibili escursioni scialpinistiche, affrontabili anche una volta terminata la prestigiosa competizione, accompagnati eternamente dal silenzio e dal profondo mistero di queste zone, ove ci si sente “unica cosa” con la natura.
Info: www.marmotta-trophy.it

10 GIORNI ALLA 10ᵃ EDIZIONE DEL MARMOTTA TROPHY

10 GIORNI ALLA 10ᵃ EDIZIONE DEL MARMOTTA TROPHY

SCIALPINISMO NELLA “VALLE DELLE FRAGOLE”

Il 18 e 19 marzo 10° Marmotta Trophy in Val Martello (BZ)
Comitato organizzatore al lavoro allo stadio del biathlon
Iscrizioni competitive anche per chi affronterà sia la prova sprint che la individual
La Val Martello è ricca di prelibatezze culinarie

Lo scialpinismo sta completando la propria “evoluzione” e, tra circa dieci giorni, il weekend del 18 e 19 marzo vedrà gli appassionati skialpers esaltarsi con la decima edizione del Marmotta Trophy in Val Martello (BZ), sabato con una prova sprint finale della Coppa Italia “senior” e “giovani” e domenica con una prova individual valevole anch’essa per la Coppa Italia.
Il comitato organizzatore del Marmotta Trophy sta predisponendo ogni dettaglio, in una bella Val Martello completamente innevata, ed il C.O. è all’opera anche sotto la neve per sistemare la pista dello stadio del biathlon che animerà le sfide sprint.
Lo scialpinismo è una disciplina che, mediante l’utilizzo di attrezzatura specifica, permette di muoversi liberamente salendo e scendendo lungo le cime innevate. Sci e ‘pelli di foca’ permettono di percorrere chilometri in totale e completa libertà. Il primo utilizzo delle pelli di foca avvenne inizialmente con pelli naturali, soppiantate successivamente da prodotti sintetici. Nel corso degli anni la tecnica ed i materiali si sono evoluti, ed ora si utilizzano sci da alpinismo muniti di attacchi più leggeri di quelli per lo sci alpino, e pelli costituite da materiale sintetico, con un lato adesivo applicabile alla soletta dello sci prima d’intraprendere una salita, e scarponi da scialpinismo, anch’essi più leggeri di quelli da sci alpino, oltreché bastoncini da utilizzare sia in salita che in discesa.
Casco, arva acceso, sonda, zaino, pala e telo termico completeranno gli strumenti necessari per competere al Marmotta Trophy, con la gara individual che vedrà sfidarsi gli atleti lungo diversi percorsi a seconda delle rispettive categorie di appartenenza: domenica master, senior ed espoir avranno a disposizione l’itinerario di 15.2 km e 1.677 metri di dislivello, mentre le medesime categorie al femminile con l’aggiunta della categoria junior maschile e femminile vedranno cimentarsi gli skialpers con un itinerario di 10.5 km e 1.317 metri di dislivello. Nel tracciato di gara maschile e femminile della categoria cadetti la lunghezza totale sarà invece di 7.5 km e 997 metri di dislivello.
Le iscrizioni per partecipare al Marmotta Trophy sono a disposizione degli appassionati entro venerdì 17 marzo, alla quota di 45 euro per i concorrenti delle categorie master, senior ed espoir, mentre agli junior e cadetti verrà concessa la tariffa di 20 euro, tutte inclusive di pacco gara e pasta party finale. Per chi invece competerà sia nella gara sprint che nella individual la quota d’iscrizione complessiva sarà di 70 euro, e di 35 euro per junior e cadetti, i quali potranno usufruire di un pasta party bis.
Il 10° Marmotta Trophy, oltre ad essere la finale della Coppa Italia, fa parte di prestigiosi circuiti scialpinistici quali Alpencup, Coppa Alto Adige e Coppa delle Dolomiti.
In Val Martello il piacere per lo sport si unisce alla tradizione culinaria, la “Comunità del cibo Val Martello” è tradizionalmente legata al proprio territorio, in un’area che sa differenziarsi ed eccellere per la qualità e la sostenibilità dei propri prodotti di limitata quantità e di origine piccolo contadina. La Val Martello, con le sue piantagioni d’alta quota, tra i 900 ed i 1800 metri, è la più alta ed importante area d’Europa per la coltivazione di deliziose fragole di montagna. L’eccezionale qualità delle stesse è data dal clima secco e mite, dai caldi giorni estivi e dalle fredde notti, nonché dall’accurata cura delle piantagioni. In questa bella vallata altoatesina vengono prodotte anche altre fresche prelibatezze naturali di altissima qualità come i deliziosi lamponi, mirtilli rossi e neri, ciliegie, albicocche, nonché diverse erbe aromatiche e varietà di verdure. Oltre all’agricoltura dei piccoli frutti si lavorano anche prodotti di allevamento: latte, formaggio, yogurt; prodotti dalla lavorazione di carne: “kaminwurzen”, speck e altre sfizioserie. Il motto della Val Martello è: dove il sapore si sposa con la tradizione!
Info: www.marmotta-trophy.it

IL MARMOTTA TROPHY FESTEGGIA LA 10ᵃ EDIZIONE

IL MARMOTTA TROPHY FESTEGGIA LA 10ᵃ EDIZIONE

PROVE SPRINT ED INDIVIDUAL PER LA COPPA ITALIA

10° Marmotta Trophy il 18 e 19 marzo 2017 in Val Martello (BZ)
Sabato prova sprint finale della Coppa Italia “senior” e “giovani”
Domenica competizione individual valevole per la Coppa Italia
Il CO Martello sta predisponendo il tutto affinché sia un grande weekend

Nella “valle delle fragole”, così è chiamata la suggestiva Val Martello (BZ), tutto è pronto per ospitare e celebrare la decima edizione del Marmotta Trophy, ai nastri di partenza sabato 18 e domenica 19 marzo.
Il 10° Marmotta Trophy è una gara scialpinistica nazionale FISI, e fa inoltre parte di rinomati challenge quali Alpencup, Coppa Alto Adige e Coppa delle Dolomiti, nonché è la finale della Coppa Italia.
Insomma, mancano parecchi mesi alla “festa delle fragole” del 24 e 25 giugno che tradizionalmente si tiene in Val Martello, ma tra pochi giorni si potrà già partecipare ad un’altra festa, questa volta sportiva. Percorsi tosti, sfide avvincenti e chi più ne ha più ne metta, il Marmotta Trophy è un vanto per il comitato organizzatore Martello, (associazione alpinistica AVS ed AS Martello) la cui sezione di scialpinismo conta 20 soci ed atleti che partecipano a circa una quindicina di gare a stagione, sia in ambito nazionale che estero, completando circa 250.000 metri di dislivello a stagione.
Le gare sprint si svolgeranno sabato 18 marzo all’interno dello stadio del biathlon della Val Martello, mentre domenica 19 il percorso per la gara individual maschile delle categorie master, senior ed espoir prevede una lunghezza di 15.2 km e un dislivello totale di 1.677 metri, con quattro spettacolari salite, tre discese e due tratti da percorrere a piedi. Le medesime categorie al femminile con l’aggiunta della categoria junior maschile e femminile vedranno cimentarsi gli skialpers del Marmotta Trophy con un itinerario di una lunghezza totale di 10.5 km e 1.317 metri di dislivello, fra quattro salite, tre discese e due tratti a piedi. Nel percorso di gara maschile e femminile della categoria cadetti, invece, la lunghezza totale sarà di 7.5 km e 997 metri di dislivello, con tre salite, due discese ed un tratto “by foot”.
Grande spettacolo, dunque, con le iscrizioni per le prove sprint ed individual da effettuarsi, per i tesserati FISI, esclusivamente tramite il portale online fisi.org, mentre per l’Alpencup e per i tesserati di altre società pari a FISI entro venerdì 17 marzo alle ore 12 sul portale dell’Alpencup. In caso di partecipazioni saldate dopo tale data la tariffa aumenta di 10 euro.
La quota d’iscrizione per la sfida sprint dei contenders master, senior ed espoir è di 45 euro cadauno, inclusiva di pacco gara e pasta party, mentre per junior e cadetti la quota si assesta a 20 euro per atleta, con l’aggiunta dei medesimi servizi citati in precedenza. Le quote per le rispettive categorie si ripeteranno per la prova individual, con il pacco gara consegnato ovviamente una sola volta, indipendentemente se il partecipante effettuerà una o due gare. Ma per questo motivo è a disposizione un’iscrizione combinata di 70 euro ad atleta, e di 35 euro per le categorie junior e cadetti, comprensive di due pasta party.
Amatori e sfidanti FISI potranno portare con sé una normale attrezzatura scialpinistica, sarà invece vietato utilizzare materiale fondistico o da telemark, mentre andrà rigorosamente indossato il casco, con arva acceso, sonda, zaino, pala e telo termico, mentre i concorrenti FISI potranno tranquillamente fare affidamento sul regolamento loro dedicato al sito della FISI www.fisi.org. Info: www.marmotta-trophy.it, mentre per alloggiare rivolgersi all’associazione turistica Laces Martello, contattando il numero di telefono 0473 623109 o email: info@latsch.it.