Tag: prato allo stelvio

POKER DELLA STELVIO MARATHON IL 13 GIUGNO. RUN TO THE MAGIC PASS… ISCRIZIONI APERTE!

POKER DELLA STELVIO MARATHON IL 13 GIUGNO. RUN TO THE MAGIC PASS… ISCRIZIONI APERTE!

Stelvio Marathon il 13 giugno a Prato allo Stelvio in Alto Adige
La leggendaria serpentina tutta di corsa
Partecipazioni a tariffe agevolate sino a fine anno
Maratona, Classic, Marcia Stelvio e Short Distance le gare

Correre è lo spazio aperto dove vanno a giocare i pensieri. (Mark Rowlands)

Tutti pronti? Il comitato organizzatore della Stelvio Marathon apre le iscrizioni per partecipare alla corsa podistica lungo la mitica serpentina sul “Magic Pass”. La quarta edizione si disputerà il 13 giugno a Prato allo Stelvio in Alto Adige, vivendo un’autentica avventura di 42,195 km partendo dai 915 metri di Prato allo Stelvio, passando da Glorenza, la “Bomboniera dell’Alto Adige” circondata da mura di cinta, sfilando lungo i pendii del Parco Nazionale dello Stelvio al cospetto dell’imponenza dell’Ortles e tagliando il traguardo con la sensazione di essersi resi protagonisti di un’autentica impresa.
I meno allenati non dovranno temere, la Stelvio Marathon ‘va per gradi’ offrendo a tutti la possibilità di partecipare. La manifestazione offrirà infatti anche una distanza più breve di 26 km, competitiva (Classic) e non (Marcia Stelvio), senza dimenticare la Short Distance ancor più ‘agevole’ di 14 km.
Il menù di gara è allettante così come quello di contorno, e in questo spettacolare angolo montano nulla viene lasciato al caso. Le quote di partecipazione recitano 70 euro per la maratona, per Classic e Marcia Stelvio, e 35 euro per la Short Distance.
L’esperienza finale sarà la medesima per tutti, assaporando uno dopo l’altro i tornanti del Passo dello Stelvio che hanno reso leggendarie le imprese degli sportivi di ogni disciplina. A circa 230 giorni dalla partenza è già ora di cominciare a sognare, la Stelvio Marathon deve essere sulla “bucket list” di ogni corridore…

Info: www.stelviomarathon.it

IL PARMA CHIUDE IL RITIRO DI PRATO CON 4 RETI. BILANCIO POSITIVO PER GLI EMILIANI IN VAL VENOSTA

IL PARMA CHIUDE IL RITIRO DI PRATO CON 4 RETI. BILANCIO POSITIVO PER GLI EMILIANI IN VAL VENOSTA

Ritiro estivo del Parma Calcio 1913 in Val Venosta
Parma – FC Obermais/Maia Alta 4 a 0 con altra doppietta di Baraye
A Prato allo Stelvio gioca e segna il neo acquisto Inglese
Tanti tifosi giunti a Prato allo Stelvio, terra di vacanze, sport e cultura

“Considerati i carichi elevati, in queste due settimane a Prato allo Stelvio abbiamo lavorato davvero bene”, parole con le quali il tecnico del Parma, Roberto D’Aversa, chiude ufficialmente il ritiro in Val Venosta degli emiliani, vittoriosi anche nell’ultima amichevole contro la squadra altoatesina d’eccellenza FC Obermais/Maia Alta, dove si è distinto il solito Baraye con una doppietta. A segno Ceravolo e Roberto Inglese, tornato ai ducali dopo la breve esperienza napoletana, per la gioia del mister che ribadisce quanto sia stato fondamentale l’acquisto della punta ex Chievo e alla cui soddisfazione si accoda il club manager Alessandro Lucarelli, che proprio oggi compie gli anni.
Nonostante quanto possa far presagire il risultato, il Parma – imballato dai carichi di lavoro – soprattutto nel primo tempo ha faticato ad imporsi, dilagando poi nel secondo. Il 4-3-3 di Roberto D’Aversa vedeva Sepe tra i pali (1′st Colombi); Laurini (1′st Gazzola), B. Alves (1′st Minelli), Dermaku, Gagliolo (20′pt Barillà) in difesa; Machin (1′st Munari; 25′st Kasa), Kulusevski (12′st Baraye), Hernani (1′st Scozzarella) a centrocampo; e Karamoh (1′st Dezi), Inglese (1′st Cornelius), Sprocati (1′st Ceravolo) in attacco.
I crociati hanno rischiato anche di andare in svantaggio nel primo tempo con una gomitata in piena area di Bruno Alves non sanzionata dall’arbitro e un’occasione sprecata dal centravanti avversario. Inglese ha affinato poi la mira dando inizio allo show, l’Obermais cala alla distanza e lascia campo aperto agli emiliani, che lanciano le proprie maglie ai supporter presenti e tornano a casa dopo due settimane di lavoro nel Centro Sportivo di Prato allo Stelvio. Si chiude così il ritiro in Val Venosta dei parmensi, per la seconda annata consecutiva ‘ospiti’ in terra altoatesina dell’Associazione turistica e dell’Associazione sportiva di Prato allo Stelvio: “Tutto perfetto – afferma Peter Pfeifer, responsabile dell’Associazione turistica – la presentazione del team è andata molto bene con circa 250 persone tra ospiti e tifosi, alcuni dei quali si fermeranno in soggiorno. Siamo certi che la squadra tornerà l’anno prossimo”. Chi si vorrà fermare in Alto Adige ancora per qualche giorno potrà dunque ‘completare l’opera’ presentandosi a tu per tu con la natura, gli itinerari escursionistici venostani spettacolari e diversificati per non annoiarsi mai, e le testimonianze culturali di un passato ancora ruggente.

Per info: www.prad.info

GOLEADA DEL PARMA A PRATO ALLO STELVIO. L’AVS PRAD NE PRENDE 14 MA VA A SEGNO

GOLEADA DEL PARMA A PRATO ALLO STELVIO. L’AVS PRAD NE PRENDE 14 MA VA A SEGNO

Ritiro estivo del Parma Calcio 1913 in Val Venosta
Parma – ASV Prad 14 a 1 con cinquina di Dezi
Rete di Gander su calcio di rigore per i locali
Il vicino Castel Coira raccoglie la più grande collezione europea di armature

Prima amichevole per il Parma in ritiro in Val Venosta e prima vittoria. L’ASV Prad è stato travolto 14 a 1 e i protagonisti sono stati Dezi, a segno con una ‘manita’, Sprocati con un poker e Baraye con una doppietta, mentre a completare il quadro dei marcatori ci hanno pensato Gagliolo, Munari e Brunori. Al campo sportivo di Prato allo Stelvio Roberto D’Aversa schierava Sepe (1’ st Colombi), capitan Bruno Alves (1’ st Dermaku), Gagliolo (1’ st Barillà), Dezi al quale è andato l’onore di aver segnato la prima marcatura della stagione, Iacoponi (1’ st Minelli), Machin, Munari (1’ st Brunori), Baraye, Grassi (1’ st Scozzarella), Sprocati (1’ st Kasa), Laurini (1’ st Gazzola), con i soli Dini, Corvi e Stulac a non scendere in campo. Nonostante la differenza tecnica l’ASV Prad si è battuto come meglio ha potuto, andando a segno anche con un calcio di rigore realizzato da Gander nel corso del primo tempo, dopo le due marcature di Sprocati nei primi venti minuti di gara. Forse per attutire i colpi dei giocatori di Serie A la squadra locale avrebbe dovuto… indossare le armature della collezione presente a Castel Coira, maniero medievale distante dieci minuti appena da Prato allo Stelvio, che in Val Venosta raccoglie la più grande armeria privata europea costituita da 50 armature complete, spade e armi difensive in ottimo stato, con il pezzo più importante risalente addirittura al 1450. Dopo il “buona la prima”, i parmensi affronteranno mercoledì 17 luglio alle ore 17.30 una rappresentativa locale della Val Venosta, prima di completare l’opera domenica 21 luglio alle ore 14.30 contro l’FC Obermais allo stadio di Prato allo Stelvio. Ė inoltre delle ultime ore un’importante operazione di mercato da parte dei parmensi, che accoglieranno in Alto Adige il “cavallo di ritorno” Roberto Inglese, a Parma grazie ad un’operazione complessiva (prestito + obbligo di riscatto) di circa 20 milioni di euro. Il classe 1991 “Bobby English” – come viene simpaticamente soprannominato dai tifosi del Parma presenti a Prato allo Stelvio – tornerà dunque ai ducali dopo la positiva passata stagione coronata da 9 gol e 2 assist in 25 presenze complessive.

Per info: www.prad.info

PARMA CALCIO IN RITIRO A PRATO ALLO STELVIO. LA VAL VENOSTA OSPITA I CROCIATI EMILIANI

PARMA CALCIO IN RITIRO A PRATO ALLO STELVIO. LA VAL VENOSTA OSPITA I CROCIATI EMILIANI

Ritiro estivo del Parma Calcio 1913 in Val Venosta
Prato allo Stelvio ospiterà gli emiliani dall’8 al 21 luglio
Vincent Laurini ingaggiato dal team parmense
Alto Adige ideale anche per ospitare i tifosi

La splendida cornice altoatesina di Prato allo Stelvio ospiterà il ritiro estivo del Parma Calcio 1913, dall’8 al 21 luglio. I Crociati hanno scelto ancora una volta la Val Venosta come sede di preparazione, con in programma un’amichevole probabilmente contro una rappresentativa locale e la presentazione della squadra nel centro di Prato. L’Alto Adige porta bene, vista la tranquilla salvezza raggiunta nella stagione da poco conclusa, tanto da ripetere l’esperienza anche nell’allestimento della prossima. L’incantevole scenario venostano permette di lavorare in assoluta tranquillità e rilassatezza, il modo migliore per porre le basi di una stagione vincente, magari raggiungendo il traguardo di finire nella parte sinistra della classifica. Bruno Alves e soci potranno godersi anche il sontuoso contorno una volta terminate le sudate in campo, la Val Venosta è meta di vacanza, presenta un’atmosfera familiare all’insegna della natura e del benessere, con alloggi studiati su misura per far felice il turista. Prato allo Stelvio ma anche Agumes e Montechiaro, un angolo tutto da vivere sfruttando una variegata offerta di hotel, pensioni, campeggi e appartamenti. E un motivo in più per gustarsi una vacanza in Val Venosta sarà la presenza della squadra emiliana di Serie A agli ordini di mister Roberto D’Aversa, il quale avrà a disposizione anche il trentenne ex Fiorentina Vincent Laurini, perfetto per la difesa a 4 dell’allenatore nato a Stoccarda da genitori abruzzesi, e pronto alla firma triennale e a presenziare al primo giorno di ritiro di Prato allo Stelvio. Il francese arriverà a titolo definitivo.
Prato allo Stelvio aspetta l’arrivo dei parmensi, pochi giorni prima i crociati svolgeranno le consuete visite mediche prima della partenza per il ritiro verso le pendici del Parco Nazionale dello Stelvio ed uno dei luoghi più caratteristici di tutto l’arco alpino, ideale per passeggiate, escursioni o scialpinismo, ed ora anche per allenarsi a poco meno di 1.000 metri d’altitudine.
Prato allo Stelvio è un paese ricco di storia e cultura, senza dimenticare la cima Coppi per antonomasia rappresentata dal Passo dello Stelvio, mete imperdibili anche per i tifosi del Parma che potranno sostenere i propri beniamini e godersi qualche giorno di vacanza in Alto Adige.

Per info: www.prad.info

LA STELVIO MARATHON SI FA IN QUATTRO. 20 GIORNI ALLA CORSA SUL LEGGENDARIO PASSO

LA STELVIO MARATHON SI FA IN QUATTRO. 20 GIORNI ALLA CORSA SUL LEGGENDARIO PASSO

Stelvio Marathon il 15 giugno a Prato allo Stelvio in Alto Adige
Iscrizioni a 110 euro per 42K e 26K, 45 euro per la “short distance”
Tutti gli orari e le info tecniche della manifestazione
Il “Green Event” cerca volontari per i servizi lungo il percorso

La Stelvio Marathon del 15 giugno a Prato allo Stelvio in Alto Adige presenta ‘quattro competizioni in una’, con ben quattro tipologie di sfide all’interno di una terza edizione che promette spettacolo. Ecco dunque il percorso Marathon tradizionale di 42.195 km e 2.500 metri di dislivello, la gara Classic di 26 km e 2.400 metri di dislivello, la Marcia Stelvio non competitiva sul medesimo tracciato della Classic, e la Short Distance di 14 km e 1.180 metri di dislivello per i meno allenati. Le iscrizioni sono ancora aperte, alle cifre di 110 euro per le tre gare maggiori e 45 euro per la short distance entro il 7 giugno, e un pacco gara costituito da T-shirt finisher, pasta party, prodotti degli sponsor (mela Val Venosta, yogurt Mila, biscotti Loacker), attestato di partecipazione, trasporto per il rientro e servizi lungo il percorso, entrata libera alla piscina di Prato allo Stelvio, al centro visite Aquaprad e al Messner Mountain Museum Ortles, salita e discesa con la seggiovia Trafoi.
Il programma della manifestazione prevede il ritiro pettorali a partire da venerdì 14 giugno dalle ore 14 alle ore 19 alla zona sportiva di Prato allo Stelvio, con race briefing alle ore 19. Sabato 15 giugno il ritiro pettorali avverrà invece al centro visite Aquaprad in zona partenza, dalle ore 6 alle ore 7. I primi a scattare saranno i concorrenti della Marcia Stelvio, alle ore 7.15 da Prato allo Stelvio, successivamente toccherà ai podisti Classic (ore 8), e agli sfidanti Marathon dieci minuti più tardi. Ultimi i runners della Short, alle ore 10 da Trafoi. Primi arrivi previsti alle ore 11, con flower ceremony alle ore 12, premiazioni alla zona sportiva alle ore 18.15 e ‘after race party’ nella cornice del 5° Beach Soccer Cup Vinschgau alle ore 19.
I primi classificati uomo e donna della graduatoria assoluta riceveranno 1000 euro ciascuno e a scendere 700, 500, 300, 200 e 100 euro, con ulteriori 100 euro in serbo per chi riuscirà a battere il record del percorso. La Stelvio Marathon è stata insignita anche del titolo di “Going Green Event”, con un percorso che si dipana lungo il Parco Nazionale dello Stelvio e rispetta le regole ambientali di conservazione del parco. Aiutare il comitato altoatesino è possibile – anche perché il percorso è impegnativo e richiede numerosi volontari – ecco così che contattando il C.O. all’indirizzo info@stelviomarathon.it ci si potrà rendere utili ricevendo come ricompensa un pasto, una maglietta e una borraccia in vetro, oltre a tanto divertimento che non manca mai. Al sito web dell’evento sono presenti infine i contatti delle varie associazioni turistiche locali, ad offrire una consultazione per poter alloggiare in Val Venosta, Val Müstair e al Passo dello Stelvio.

Info: www.stelviomarathon.it